Tag: presentato

29 giugno 2018 0

Al via gli eventi estivi di “Ferentino18”, presentato il programma

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FERENTINO – Il modello Ferentino è anche questo. A circa venti giorni dalla vittoria elettorale di Antonio Pompeo, a dieci dalla nomina della giunta e ad un giorno esatto dal primo consiglio comunale, è stato già presentato oggi il cartellone delle manifestazioni estive.

Ancora una volta la città del riconfermato primo cittadino di Ferentino dimostra la qualità, l’efficacia e la validità della macchina amministrativa.

Sarà, come al solito, un’estate di grandi eventi. Un cartellone di appuntamenti di qualità, che spaziano su tutti i generi e per tutti i gusti. Un invito a trascorrere le serate estive nelle piazze e tra i bellissimi monumenti della città, per assistere a spettacoli, concerti, ridere, divertirsi e gustare buon cibo.

Un aspetto da sottolineare, infine: la consueta collaborazione tra l’Amministrazione comunale, la Pro loco e le tante associazioni del territorio, protagoniste degli eventi in programma.

“Ferentino Estate 2018. Vivi la Città”, è lo slogan scelto per il manifesto. Si compone di otto appuntamenti. Si parte il 13, 14 e 15 luglio con Ferentino Acustica. Segue, il 19, 20, 21 e 22 luglio, con Fiati in Concerto. C’è poi il tradizionale Agosto Ferentinate, dal 1 al 31, durante il quale spiccano: il confermatissimo Grande Cinema in piazza Mazzini, dal 3 al 12, visto il successo della scorsa edizione; il Teatro per ragazzi, dal 21 al 25, che da quest’anno si amplia e diventa Festival, e lo Street Food, dal 26 al 26 agosto. Infine, a settembre, il 21 e il 22 Ferentino Rock Art e conclusione con Ferentino è, dal 20 al 23 settembre.

A presentare il cartellone degli appuntamenti nella sala consiglio, il sindaco Antonio Pompeo, gli assessori Angelica Schietroma e Andrea Valenti Martinez e diversi rappresentanti delle associazioni.

“Voglio ringraziare tutti coloro che hanno permesso di realizzare questo cartellone di eventi – ha dichiarato il sindaco Antonio Pompeo – sono diversi, abbracciano tutti i generi, sono di grande qualità e nascono dal coinvolgimento delle associazioni e dei nostri migliori talenti. Non posso che concludere con lo slogan del cartellone e con l’invito: vivi la città”.

Anche gli altri due esponenti dell’amministrazione, Schietroma e Martinez hanno espresso il loro apprezzamento per il cartellone:  “Tanti appuntamenti, tante serate all’insegna della qualità. E’ stato fatto un lavoro egregio”.

30 maggio 2018 0

Presentato il progetto “Cantieri sociali” per la riqualificazione degli spazi urbani

Di redazionecassino1

CASSINO –  E’ stato presentato questa mattina, presso la sala Giunta del comune di Cassino, il progetto numero 12 dell’Assessorato alle Politiche sociali e della Famiglia denominato “Cantieri Sociali”. Ad incontrare la stampa il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, l’assessore Benedetto Leone e il consigliere comunale con Delega al Decoro Urbano, Angelo Panaccione.

“Si tratta di una serie di interventi per la riqualificazione degli spazi urbani della nostra città – ha detto il primo cittadino – Partiremo dalla messa in sicurezza del largo tra via Zamosch e via Herold, in sostanza la zona antistante la scuola materna, e dal rifacimento della rotatoria di Piazza Aldo Moro, che si trova nei pressi del negozio Toylandia per intenderci.

L’intervento nei pressi del plesso scolastico per metterà allo stesso edifico di avere un nuovo giardino ed un’area giochi recintata dove i bambini potranno giocare in tutta sicurezza. Saranno garantiti inoltre dei posti auto lungo tutto il perimetro dell’area verde attrezzata, che garantirà anche una sosta meno caotica ed invasiva da parte delle automobili.

Per noi questo intervento risulta essere necessario per garantire la sicurezza sia dei bambini che per tutti coloro che frequento il plesso scolastico di via Zamosch quotidianamente. Un’iniziativa che è stata prevista nel bilancio di previsione 2018 e che quindi può essere realizzata, data l’importanza per la collettività, anche in caso di dichiarazione del dissesto finanziario da parte dell’ente”.

“Cantieri Sociali è progetto che prende vita grazie al fondo di 110 mila euro che il governo ci ha destinato per l’accoglienza migranti tramite il progetto Sprar. – ha detto Leone – Per l’opera che sarà realizzata saranno impegnati circa 35 mila euro ed i lavori partiranno a strettissimo giro. Pensiamo di consegnare la nuova area verde alla scuola materna entro il mese di settembre. Poi ci saranno gli interventi di riqualificazione della rotatoria in Piazza Aldo Moro ed altri due che riguarderanno un’altra zona della città. Nella fattispecie la zona del quinto ponte. Con il consigliere con delega allo sport, infatti, Carmine Di Mambro stiamo ultimando il progetto che riguarda questa area e che sarà presentato nelle prossime settimane. Continuiamo a lavorare pancia a terra, nonostante la situazione economica che tutti conoscono”.

“Con queste iniziative continuiamo il percorso intrapreso per la riqualificazione delle aree abbandonate della nostra città, che abbiamo iniziato dal nostro insediamento. – ha detto, invece, Panaccione – In questo caso addirittura, andremo a creare un’altra zona di verde attrezzata nei pressi della scuola materna di via Zamosch. Proprio dove oggi esiste soltanto un parcheggio per le automobili e un’uscita dalla scuola non troppo sicura per tutti. Contiamo entro breve tempo, quindi, di consegnare alla città un’altra porzione di verde e di divertimento per tutti i bambini che frequentano il plesso scolastico in questione”.

 

12 aprile 2018 0

Il libro “Benvenuti in Paradiso” di Lavecchia e Balsamo presentato al TanExpò di Bologna

Di admin

ATTUALITA’ – Anche la letteratura al TanExpò di Bologna. A presentare il loro romanzo nella fiera internazionale dell’arte Funeraria e Cimiteriale sono stati Palma Lavecchia e Giampaolo Balsamo, capitano dei carabinieri lei, giornalista lui. Il loro romanzo, “Benvenuti in Paradiso”, racconta di una divertente storia incardinata nella spietata concorrenza che si fanno due impresari di agenzie funebri in un piccolo comune della Puglia.

Tra dispetti e ripicche, i due e le loro famiglie descrivono in maniera grottesca e divertente uno spaccato che, secondo alcuni, non si discosta di molto da alcune realtà. Un modo diverso di vedere la morte e anche il mercato che, alla morte, gira intorno. Al TanExpò, quindi, tra bare, urne, carri funebri e tanocosmesi, anche il libro di Lavecchia e Balsamo.

Ermanno Amedei

8 marzo 2018 0

Verrà presentato domani in Provincia il libro di Riccardi “Col laccio sulle Forche”

Di admin

FROSINONE – Si terrà venerdì 9 marzo, presso il salone di rappresentanza della Provincia di Frosinone la presentazione del libro “Col laccio sulle forche” di Fernando Riccardi, edito dall’Associazione Pama.

Un volume che mette in luce la vicenda storica dell’attività carbonara nella zona della Valle del Liri e soprattutto di Roccasecca. In particolare vengono ricordate le storie di Raffaele Giovinazzi e Benedetto Patamia, carbonari che si sono immolati per inseguire l’ideale di libertà e democrazia.

A fare gli onori di casa insieme al presidente del Consiglio Provinciale e delegato alla Cultura Luigi Vacana ci sarà il consigliere Antonio Di Nota. Con loro la presidente dell’Associazione “Pama” Cristiana Martini e Patrizia Delli Colli che dialogherà con l’autore.

“Un appuntamento assolutamente importante per conoscere ed approfondire la storia del nostro territorio – sottolineano Vacana e Di Nota – una storia che non va dimenticata e anzi andrebbe portata nelle scuole per permettere ai nostri ragazzi di conoscere più da vicino le proprie origini”

Appuntamento per questa importante iniziativa venerdi 9 marzo alle ore 17 presso il salone dell’Ente di Piazza Gramsci.

2 marzo 2018 0

“Anime stanche” nuovo romanzo di Michele Clemente, presentato domani alla biblioteca ‘P. Malatesta’

Di redazionecassino1

CASSINO – In un’Italia del 2020 soggiogata dalla dittatura fascista del Movimento Nazionalista Italiano guidato dal sanguinario despota Rodolfo Bergamini, la Carogna, e dal suo braccio destro Maurizio Santini, è ambientato il nuovo lavoro “Anime stanche” di Michele Clemente, che verrà presentato domani, 3 marzo, alle ore 16, alla biblioteca comunale “P. Malatesta” di Cassino.

Un racconto in cui l’Autore sviluppa l’analisi della tirannia, del totalitarismo e il dispotismo del potere, cercando il significato di alcuni dubbi di fondo che animano il racconto. Un lavoro che trae ispirazione – come sintetizza l’Autore in una breve intervista – dalle vicende dello scrittore, politico greco Alexandros Panagulis, alla sua lotta per la libertà, durante il regime dittatoriale di Georgios Papadopulos nel ‘68. Passando dall’arresto, alle vessazioni, al carcere, alle torture che Panagulis subì durante la dittatura di quegli anni. Il messaggio che ne viene fuori, dal lavoro di Michele Clemente, mette in evidenza un aspetto fondamentale del pensiero, non sempre è opportuno seguire le regole imposte, se ingiuste per il popolo. Un tema, quello affrontato nel volume, quanto mai attuale nella società moderna, dove la democrazia è messa in discussione e troppo spesso i diritti di libertà sono prevaricati dal potere. Uno scenario che Michele Clemente affronta in un ipotetico regime dittatoriale italiano del 2020. L’emergere ed il protrarsi della violenza sanguinaria del despota Bergamini per riaffermare e difendere il suo potere. A qualunque costo, incurante della vita umana, mettendo a ferro e fuoco Roma nel vano tentativo di catturare gli oppositori del Movimento dei Bastardi, colpevoli di averlo sbeffeggiato e deriso pubblicamente nell’Anniversario della conquista del potere.

È proprio durante le celebrazioni del colpo di stato che accade l’imprevisto. Dagli altoparlanti la voce di un “intruso”, oppositore del regime ed appartenente al Movimento dei Bastardi, promette di assassinare il tiranno e liberare il Paese dalla sua dittatura sanguinaria. Un affronto al despota, al Guerriero Saggio, scatenerà la sua reazione, la guerra civile per lavare con il sangue quell’affronto, lavarlo con il sangue dei Bastardi a qualunque costo, senza scrupoli, sacrificando vite innocenti nel tentativo di catturare quei “Bastardi” ed suoi capi, in primis Mattia Ravanelli.

L’Autore descrive le sensazioni, l’arroganza e l’ira del dittatore sanguinario Bergamini, che si scatenerà nella realizzazione del suo folle obiettivo, attuando repressione e morte in una Roma e in un Paese ridotti in ginocchio dal regime a forza di soprusi.

La vicenda narrata pone, tuttavia, anche una serie di interrogativi a cui l’Autore cerca risposte. Chi si cela dietro il Movimento rivoluzionario dei Bastardi? È possibile che il Movimento riesca a rovesciare la dittatura sanguinaria di Rodolfo Bergamini? I “Bastardi” saranno in grado, di guidare la Nazione, di gestire la situazione di precarietà che si sarà creata? Ma soprattutto: è legittimo uccidere i cattivi? La risposta al quesito, Michele Clemente, la affida a Lorenzo Ferretti, uno dei protagonisti del racconto, ideologo del Movimento dei Bastardi. “Non bisogna neppure porsi il problema di tralasciare l’etica e la morale, perché è giusto ammazzare un dittatore… non è necessario giustificarsi perché la giustizia e la giustezza delle proprie azioni sono palesi. Punire chi è malvagio è senz’altro doveroso; il popolo ha diritto di liberarsi – sostiene Ferretti –  dal giogo del suo dominio con ogni mezzo”. Ma allo stesso tempo è lecito “… che i Bastardi si fossero automuniti di decidere anche di altre vite – si chiede Ferretti – che in fin dei conti erano quelle di semplici uomini, come loro?”. La risposta alla seconda parte di quel dubbio, il lettore la troverà scorrendo fra le righe del racconto. Buona lettura!

Michele Clemente, ventiduenne brillante studente di giurisprudenza dell’Università di Roma Tre, diplomato al liceo-ginnasio “G. Carducci” di Cassino, è già da tempo autore affermato. Nel 2011 il suo primo romanzo Horror Vacui, scritto e pubblicato da sedicenne liceale, è solo una parte della sua attività di scrittore. È anche autore di opere che hanno ottenuto successi e riconoscimenti importanti in provincia ed in rassegne nazionali di narrativa e poesia. Con “Anime stanche” aggiunge un ulteriore tassello alla sua carriera, cimentandosi sul significato e l’importanza della democrazia, della lotta all’autoritarismo, alla violenza politica e non solo, al rispetto delle libertà, dei diritti dei popoli contro ogni forma di dittatura, privazione, discriminazione, prevaricazione, soprusi e razzismo ponendo il seme della riflessione su dubbi essenziali nella lotta politica.

F. Pensabene

31 ottobre 2017 Non attivi

Presentato il progetto “Presente Futuro”

Di redazionecassino1

Si è svolta presso la Sala Restagno del Comune di Cassino la conferenza stampa di presentazione del progetto “Presente Futuro” realizzato dalla cooperativa ARCA in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche sociali e per la Famiglia del Comune di Cassino.

ARCA gestisce il Centro Diurno Socio Educativo Arcobaleno del Comune di Cassino da quattro anni ed è presente nel progetto innovativo “Noi, Comunità Sociale” che vede la co-gestione con Associazioni quali Liberautismo e Parkinson Ciociaria della sede ex scuola di Ponte La Pietra. Con “Presente Futuro” la cooperativa potenzia le attività in corso presso Centro Diurno Arcobaleno in un’ottica più operativa e attenta alle dinamiche occupazionali.

Sono intervenuti il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro, l’assessore alle Politiche Sociali, Benedetto Leone, il presidente della Cooperativa Arca, Mario Nardoianni, Monsignor Fortunato Tamburrini, Vicario generale della Diocesi Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo. In sala il presidente del Consiglio comunale, Dino Secondino, il vice presidente del Consorzio dei Servizi Sociali, Francesca Calvani e alcuni ragazzi del centro Arcobaleno.

“Grazie al progetto “Presente Futuro”, presso il centro Ponte La Pietra inizieranno, a breve, le attività di laboratorio occupazionale dove i ragazzi del Centro Diurno di Caira e non solo potranno esprimere la loro creatività realizzando manufatti sartoriali e bomboniere – ha detto l’assessore Leone – .Gli oggetti realizzati saranno distribuiti dietro libera offerta volontaria. La raccolta fondi servirà per riacquistare i materiali per i laboratori e per donare, attraverso la Diocesi, gli oggetti alle famiglie in difficoltà economiche e non possono acquistare le bomboniere per le cerimonie”.

“Riuscire a migliorare la qualità della vita delle persone diversamente è senz’altro una priorità dell’amministrazione comunale – ha detto, invece, il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – Esiste l’esigenza di creare condizioni concrete di inclusione dei ragazzi disabili residenti nel Comune di Cassino, e grazie soprattutto all’ausilio del Centro Diurno l’Arcobaleno di Caira stiamo sviluppando un sistema di azioni integrate fortemente legate alla struttura ecologica e culturale dei nostri territori, che sicuramente, con il tempo, ci permetterà di raccogliere ottimi risultati per contrastare il senso di isolamento in cui si perdono moltto spesso sia i disabili che le rispettive famiglie”.

“Il progetto Presente Futuro si inserisce nel percorso di integrazione dei ragazzi che noi c’eravamo prefissati, come obiettivo prestigioso, all’inizio della gestione del centro. – ha commentato Mario Nardoianni – Abbiamo fatto molto ed abbiamo ancora molta strada da fare. Otto ragazzi del centro frequentano stabilmente le attività del Centro Universitario Teatrale di Cassino e abbiamo un utente iscritto all’Università di Cassino ed ha sostenuto già qualche esame. I prodotti realizzati nelle attività laboratoriali promuoveranno il marchio etico “MADE IN SPECIALHAND” al fine di divulgare e diffondere la cultura dell’inclusione lavorativa delle persone con differente abilità. Ringrazio l’amministrazione per la disponibilità dimostrata e per aver da sempre sostenuto l’importante attività del Centro Arcobaleno”.

La Dott. Sara D’Aliesio ha riassunto gli obiettivi di “Presente Futuro” che mira a costruire percorsi che promuovono il confronto costruttivo tra le famiglie dei ragazzi disabili, percorsi che le aiutino a superare il senso di inadeguatezza e di isolamento, favoriscano lo scambio di idee, emozioni e l’individuazione di percorsi comuni, a nserire nelle attività pomeridiane ragazzi disabili lievi che frequentano le scuole del territorio. E, soprattutto a infondere maggiore sicurezza sulle possibilità di inserimento professionale dei figli disabili lievi;  Sostenere la rete delle Associazioni e l’Università UniCLAM che già collaborano con la cooperativa ARCA nell’ambito dei servizi erogati in favore dei disabili in maniera da garantire continuità e sostenibilità agli interventi.

Per consentire a tutti di contribuire all’iniziativa solidale, ARCA ha attivato una campagna di crowfounding sulla piattaforma “Il mio dono”. E’ possibile fare una donazione online al link https://goo.gl/r8nNvc

 

20 ottobre 2017 Non attivi

Presentato, in sala Restagno, il progetto della “Rotatoria in via Di Biasio”

Di redazionecassino1

Cassino – Si è svolta stamattina, presso la Sala Restagno del Comune di Cassino, la presentazione del primo intervento di rigenerazione urbana previsto nel piano Cassino Reload. Il sindaco Carlo Maria D’Alessandro, il responsabile dell’Area Tecnica, Giancarlo Antonelli, e l’artista Shigeru Saito hanno illustrato ai presenti le caratteristiche della rotatoria che sarà realizzata tra via Di Biasio e Viale Bonomi nei pressi della clinica San Raffaele e dell’opera d’arte dello scultore nipponico, appunto, che sarà collocata al centro di essa. In sala oltre ai rappresentanti della CO.GE.CO 2003, l’impresa che si è aggiudicata la gara d’appalto e che sta iniziando i lavori sul posto, anche molti cittadini.

“Questo di oggi non è un punto di arrivo, bensì un nuovo inizio. – ha dichiarato il sindaco D’Alessandro – E’ il primo tassello di Cassino Reload, il piano di rigenerazione urbana che realizzeremo in questi anni. Attraverso la riprogettazione degli spazi urbani vogliamo dare un volto nuovo alla città, migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini, favorirne le relazioni sociali, promuovere le risorse del nostro territorio e riscoprire la nostra identità. Con l’intervento che sarà fatto nei pressi del San Raffaele oltre a riqualificare l’area si migliorerà la viabilità ma soprattutto si garantirà maggiore sicurezza sia per gli automobilisti che per i pedoni.

Saranno realizzati più di 350 metri di marciapiedi lineari più altri 350 metri banchina sulla strada che porta verso il campus La Folcara e quindi la frazione di Sant’Angelo in Theodice. Un primo intervento che senz’altro potrà garantire un livello di sicurezza più alto anche su questa importante arteria della nostra città.

La settimana prossima sarà convocata un’altra conferenza stampa per illustrare il secondo progetto del piano che partirà in tempi brevi, questa volta nel centro della città di Cassino”.

Shigeru Saito ha spiegato, invece, il “concept” della sua opera. “L’acqua è fonte di vita, la principale fonte della vita. Della nostra vita. Di ogni forma di vita. – ha detto lo scultore – La storia di ogni essere umano è stata sempre assieme con l’acqua. E` impossibile formarsi la società umana senza presenza di acqua. Come noi sappiamo, l’acqua è una materia che si presenta in tanti modi, ha tante figure. Sembra una cosa normale che noi abbiamo acqua in abbondanza, vivere in un rapporto di normalità con l’acqua. Sulla Terra, ci sono le zone in cui non hanno il dono di acqua sufficientemente, oppure addirittura hanno inaridito le sorgenti. Al di la della Terra, ancora non abbiamo scoperto nessun’altro pianeta con l’esistenza di acqua in stato liquido. Per questo monumento “ Spread ”(Espansione), l’acqua è presentata nella sua flessibilità e solennità.

Il monumento è stato pensato come un richiamo del nostro compito educativo: coltivare la buona cultura e le virtu` che dobbiamo trasmettere alle prossime generazioni: come si espandono i cerchi delle onde sulla cresta dell’acqua, in tutte le direzioni, e in modo infiniti”.

  

21 settembre 2017 0

Presentato oggi, al teatro Manzoni, il Piano Emergenza del comune di Cassino

Di redazionecassino1

Cassino  – Si è svolto questa mattina al Teatro Manzoni il convegno promosso dal Comune di Cassino sul Piano di emergenza comunale dal titolo “Conoscenza + Informazione= Prevenzione”. Sono intervenuti il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, il direttore del Centro Nazionale Terremoti e Vulcanologia, Salvatore Stramondo, i rappresentanti dell’Ordine dei Geologi del Lazio dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Frosinone, il Dott. Alberto Frepoli, ricercatore INGV, il Prof. Michele Saroli docente UNICAS, e il geologo, Marco Incocciati, dell’agenzia regionale di Protezione civile che ha parlato dell’importanza dei Piani di emergenza comunali. Ad illustrare il Piano di Emergenza del Comune di Cassino ci ha pensato Geologo Vincenzo Colagiacomo. Il geometra Francesco Donati, responsabile Protezione Civile del Comune, invece, ha parlato dell’Organizzazione del sistema comunale di Protezione civile di Cassino e il Dott. Antonio Palombi ha relazionato sul “Rischio sismico, gestione dell’emergenza e modi comportamentali”. Presenti in sala alcune classi degli istituti scolastici della città, i rappresentanti delle forze dell’ordine, delle associazioni locali e una folta schiera di cittadini.

“Quello che facciamo oggi è un primo incontro per illustrare il piano di emergenza del comune di Cassino, ma ci stiamo organizzando per tenere altri momenti di incontro in tutte le scuole della città di Cassino. – ha detto nel suo intervento il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – Non siamo in pericolo, non c’è nessun allarme ma dobbiamo prendere coscienza delle criticità che potremmo riscontrare in futuro. Nei mesi scorsi ho potuto essere presente all’istallazione di due stazioni sismiche dell’INGV, una provvisoria ed una permanente, ad opera del Dott. Alberto Frepoli, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che sta studiando, da anni, i boati e piccoli tremori che sono stati avvertiti dalla popolazione. Credo che sarebbe interessante anche per le scuole, far capire agli alunni quali sono i sistemi tecnici che ci permettono di esaminare l’attività sismica del territorio. Ringrazio sentitamente i ricercatori dell’INGV che stanno monitorando la nostra zona, e per quanto concerne il Piano di emergenza Comunale il consigliere delegato Alessio Ranaldi, il Geologo Colagiacomo e il geometra Donati per l’intenso lavoro profuso nella stesura del provvedimento approvato dalla Regione Lazio”.

 

 

 

 

23 maggio 2017 0

Presentato il progetto di sviluppo digitale “LINKMATE E PAGOPA”

Di redazionecassino1

 

Cassino – Molti cittadini, imprese, CAF e professionisti hanno partecipato all’incontro promosso dal comune di Cassino per spiegare il progetto di sviluppo digitale riguardante i pagamenti elettronici denominato “Linkmate e PAGOPA”. Presenti ai lavori il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro, l’assessore alla Programmazione Economica e Bilancio, Ulderico Schimperna, il responsabile del III Settore – Programmazione economica del Comune di Cassino, Dott.ssa Monica Tallini, il Responsabile dell’Ufficio Tributi, Gianfranco Casale e il Dott. Idolo Castaldo, rappresentante dell’Advanced System srl, la società che gestirà la banca dati relativa a Pagopa.

“Con questo progetto di semplificazione dei rapporti tra il servizio tributi e il cittadino – ha detto l’assessore Schimperna – consentirà al contribuente di snellire le modalità di pagamento in quanto potrà farlo comodamente da casa e all’ente di aggiornare in tempo reale le banche dati. Infatti il fruitore oltre ad erogare le risorse dovute avrà sotto gli occhi la sua situazione tributaria sotto gli occhi 24 su 24 trecentosessantacinque giorni l’anno. Con questo sistema una volta che l’utente sarà registrato anche il Comune avrà sotto mano i suoi dati e il suo storico. E’ evidente che ciò permetterà di abolire gran parte dei disguidi legati agli avvisi di accertamento indirizzati ai cittadini accaduti in passato. Ora dobbiamo fare in modo che più persone possibili usufruiscano di questo strumento. I Caf e gli studi tramite la piattaforma potranno accreditarsi e poter effettuare queste operazioni per conto dei propri clienti”.

“Qualunque tipo di strumento consenta ai cittadini di avvicinarsi alla macchina amministrativa e semplificare le procedure legate alla corretta contribuzione, rappresenta un passo in avanti per lo sviluppo e la crescita del Comune di Cassino. – ha detto invece il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro – Ora sarà importante riuscire a far capire l’importanza di Linkmate e Pagopa e far in modo che questa piattaforma possa essere utilizzata da tutti in modo da efficientare i procedimenti amministrativi legati alla riscossione dei tributi”.

“Con questa piattaforma il Comune potrà erogare tutte le funzioni dello sportello fisico dell’ufficio tributi, oltre a nuove funzioni informative e operative. – ha dichiarato il dott. Idolo Castaldo di Advanced Stystem srl – Il contribuente tramite lo sportello telematico linkmate potrà esaminare il proprio storico tributario, usufruire del servizio PagoPA, compilare la dichiarazione IUC, controllare i dati catastali relativi ai propri immobili, Calcolare Imu, Tari e Tasi, Verificare e stampare il modello F24 e comunicare con il comune tramite la bacheca messaggi. Già al primo accesso il cittadino avrà disponibile la visualizzazione della propria situazione contributiva storica, evidenziando per ciascuna annualità il dettaglio dei tributi, dagli accertamenti emessi a suo carico ai pagamenti effettuati, fino alla situazione anagrafica e titolarità in catasto. Questa piattaforma è uno strumento elastico e completo che può adattarsi alle singole esigenze e che si integra nel sito web dell’ente amplificandone le funzionalità. In questo modo il Comune sarà sicuramente più efficiente e libero dalle code che oggi caratterizzano gli sportelli”.

“Oggi abbiamo presentato le modalità di funzionamento del PagoPA – ha commentato il Presidente della commissione Bilancio, Gianrico Langiano – un primo tassello della rivoluzione informatica che stiamo attuando in Comune. È un servizio che porterà un duplice beneficio, oltre a consentire di evitare le file presso gli uffici comunali o postali per il pagamento, permetterà anche di migliorare il tasso di riscossione dei tributi da parte del comune”.

17 maggio 2017 0

Presentato a Londra il Progetto “Memory Hole” in ricordo delle vicende che hanno devastato Cassino

Di redazionecassino1

In rappresentanza del Comune di Cassino, il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro, il consigliere comunale, Gianrico Langiano e in rappresentanza della Regione Lazio, il consigliere regionale, Mario Abbruzzese hanno partecipato, presso il Building Centre di Londra alla presentazione del progetto “Memory Hole” ideato dallo studio dell’architetto Paul Murphy per ricordare le vicende che hanno devastato la città di Cassino. L’evento è stato organizzato all’interno di una mostra dedicata ai tantissimi professionisti britannici che lavorano nel mondo. Una raccolta di opere prestigiose e imponenti che essi hanno concepito e che ora sono esposte in una struttura dell’ordine degli architetti della Gran Bretagna. Tra questi suggestivi progetti c’è anche quello che coinvolge la città di Cassino. In realtà l’iniziativa dello studio Murphy è però articolata in una serie di progetti che, analizzando l’evoluzione storica del territorio fino a giungere ai giorni nostri, suggeriscono la ricucitura tra il presente ed il futuro delle tracce storiche della città.

La proposta progettuale, spiegata già a gennaio al primo cittadino D’Alessandro dall’Architetto Mario Sacco dello Studio Murphy, “prevede che il “vuoto nella memoria collettiva”, causato dalla devastazione totale della città, possa essere colmato reinterpretando la sua stessa storia attraverso una serie di interventi non invasivi e attentamente pianificati. Questi ultimi riconoscono e valorizzano i resti dell’antica città, ancora leggibili sotto forma di rovine nell’impianto stradale della città contemporanea e nelle più ampie connessioni storico-culturali. Gli interventi proposti potrebbero essere considerati individualmente, ma nel loro complesso formano un insieme molto più forte di iniziative che cercano di elevare la notorietà della città e del suo possibile futuro”.

“E’ un progetto ambizioso – ha detto il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – ma dobbiamo crederci perché su questa iniziativa potremmo costruire un nuovo futuro per la nostra amata città. Ne ho parlato molto in campagna elettorale del Memory Hole e del riportare alla luce la vecchia Cassino: attraverso la connessione tra memoria, storia e cultura oltre ad attrarre nuovi turisti nella città questa iniziativa potrebbe incoraggiare nuovi studi e nuove collaborazioni con professionisti, Università e Istituzioni Europee e mettere dunque al centro Cassino sotto questo aspetto a livello internazionale. Si potrebbero delineare quindi reali e tangibili vantaggi economici incrementando le attività turistiche e, quindi, il settore terziario.

Faccio appello a tutta la città, all’amministrazione comunale ed anche alle forze di opposizione di credere tutti insieme in questo progetto perché sulla cultura e sull’identità Cassino si gioca il futuro ed il futuro è anche il Memory Hole”.

“Il progetto Memory Hole non è una opportunità di sviluppo soltanto per Cassino ma lo è per l’intero territorio regionale. – ha detto Mario Abbruzzese – La mia presenza qui vuole essere di stimolo per recepire questa importante iniziativa per il rilancio culturale e turistico e per rappresentare quell’elemento di raccordo importante tra territorio e istituzioni regionali e nazionali. E’ un progetto ambizioso che potrebbe ridare sviluppo al Lazio Meridionale e far ripartire i processi di crescita legati al settore terziario. Il nostro impegno è quello di aprire un dibattito a tutti i livelli per poter riuscire a reperire le risorse necessarie volte ad avviare l’iter per la realizzazione di questa iniziativa dello Studio Murphy. Un’iniziativa su cui si potrebbe fondare il rilancio economico di questa porzione di territorio”. Ha concluso Abbruzzese.