Tag: proiezione

6 marzo 2017 0

8 Marzo film-denuncia: “La Vita Possibile” proiezione nell’Aula Magna dell’Ateneo

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – In occasione dell’8 marzo, Festa Internazionale della Donna, nell’Aula Magna dell’Università Di Cassino e Del Lazio Meridionale alle ore 10 verrà proiettato il film denuncia sulla violenza alle donne “La Vita Possibile”, a cui seguirà un convegno sul tema. Saranno presenti il Campione del Mondo WAKO PRO Gabriele Casella, il Responsabile Difesa Personale della FIKBMS Adolfo Bei, il regista Ivano De Matteo, il Presidente della FIKBMS Donato Milano, il Consigliere Nazionale Massimo Liberati e il Presidente del Comitato Regionale Lazio Mario Carella. L’iniziativa ha il patrocinio del Comitato Unico di Garanzia Delle Pari Opportunità e della Polizia di Stato.

La giornata proseguirà nella palestra dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, dove dalle 14 si terranno gratuitamente dei corsi di autodifesa femminile. Le lezioni hanno l’obiettivo di: aiutare le donne a evitare molestie e/o aggressioni, insegnar loro a distinguere tra pericolo reale e pericolo potenziale, spiegare l’atteggiamento da tenere nel caso di una possibile aggressione e le metodologie necessarie per farvi fronte in maniera efficace. Le donne in questo modo acquisiscono una maggiore consapevolezza delle proprie capacità personali e hanno più autostima. Il tutto usando oggetti di uso comune quali chiavi, portafoglio, ombrello, bottiglietta d’acqua, la borsa e la penna. Spiegherà alle allieve come muoversi, tra gli altri, Gabriella Casella, felice di prender parte all’iniziativa: ”Mi sono sentito in dovere di mettermi a disposizione per la promozione di questa importante iniziativa perché il tema della violenza sulle donne è questione centrale in una società in cui tutti i valori sono stati ridotti a merce ed in cui la violenza di genere è metafora del tasso di violenza della nostra società. Per questa complessità le tecniche di difesa che vengono insegnate non sono solo fisiche, ma anche psicologiche.”

Questo evento, dedicato dalla Federazione Italiana Kickboxing, Muay Thai, Savate e Shoot Boxe alle donne, rientra nella settimana (dal 2 al 12 marzo) nella quale le rappresentanti del “gentil sesso” potranno usufruire di lezioni gratuite di autodifesa personale nelle strutture sportive italiane affiliate (l’elenco completo è disponibile sul sito ufficiale ww.fikbms.net). Adolfo Bei, Responsabile Difesa Personale della FIKBMS, spiega il perché di questa iniziativa che si ripete due volte l’anno, il 25 novembre e appunto l’8 marzo: “Riteniamo giusto e doveroso come settore che si dedica alla difesa personale organizzare corsi gratuiti specifici per le donne. Abbiamo lezioni sempre piene, con partecipanti di diversa età, dalla ragazzina di 15 anni a signore fino ai 65 anni. OggiAggiungi un appuntamento per oggi si sente sempre più parlare di casi di violenza sulle donne e forse anche per questo c’è una certa sensibilità sul tema”. Il testimonial dell’iniziativa è il regista Ivano De Matteo: “Sono felice di essere stato contattato per partecipare a una causa così nobile. Mi è piaciuta molto l’idea di scegliere come location un’aula universitaria perché i giovani rappresentano il futuro e, per evitare che alcune spiacevoli situazioni si ripetano, è importante educare e sensibilizzare le persone. Ho iniziato un paio di anni fa un progetto simile nelle scuole medie ed elementari, quindi ho accettato senza esitazione di partecipare a questa iniziativa”. Il suo film, “La Vita Possibile”, ha conquistato i promotori dell’iniziativa perché – rivela Bei – “è una pellicola diversa rispetto alle altre: non mette in evidenza in maniera cruda la violenza commessa sulle donne, ma come sia possibile per loro mettersi alle spalle il male subito e andare avanti. La difesa delle donne passa innanzitutto dalla loro capacità di reagire a soprusi e violenze”.

23 gennaio 2017 0

Giornata della Memoria: una mostra fotografica e proiezione di film per ricordare la Shoah

Di redazionecassino1

Cassino – L’assessorato alla Cultura del Comune di Cassino, nell’ambito della Giornata della Memoria, ha programmato in data 27 gennaio 2017 la proiezione di due film e una mostra fotografica, presso la Biblioteca “P. Malatesta, per ricordare l’olocausto. Il primo spettacolo avrà inizio alle ore 10 con la proiezione de “La vita è bella” di Roberto Benigni, vincitore di tre premi oscar (migliore film straniero, migliore attore protagonista, migliore colonna sonora). Poi nel pomeriggio alle ore 18 ed alle ore 21,30 sarà la volta del film “I Bambini del dottor Korczac” di Andrzej Wajda. L’Istituto Alberghiero “San Benedetto” di Cassino parteciperà all’evento con un buffet ebraico per i bambini delle scuole elementari che saranno coinvolte nella mattinata. “Tragedie come la Shoah non devono essere mai dimenticate. – Ha detto l’assessore alla cultura, Nora Noury – Questi temi di grande importanza devono essere affrontati, soprattutto con i giovani, soltanto così potremmo guardare al futuro con maggiore ottimismo. Abbiamo deciso di impegnare tutta la giornata con proiezioni di film e con una mostra fotografica permanente per dare la possibilità a tutti di vivere un’esperienza di memoria storica. Momenti come questo possono fornire, innanzitutto, una chiave di lettura per ciò che accade oggi nel mondo, per come programmare il futuro e per non dimenticare mai gli errori e orrori del passato”. “La memoria, – ha detto il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro – è un patrimonio condiviso, sul quale costruire il presente ed il futuro. Una memoria che in questi tempi è un po’ offuscata, in virtù di un’effimera apparenza, e ciò fa vacillare il senso del passato e il senso della storia. Che sono, in realtà, la rappresentazione concreta del senso della vita. Il 27 Gennaio aspettiamo tutti coloro che vorranno condividere una riflessione su ciò che è stato e che mai dovrà ripetersi”.

6 gennaio 2017 0

Cassino – Successo per la proiezione in anteprima di “Deep” in bioblioteca

Di Antonio Nardelli

Cassino – Il 4 Gennaio alle 21:00 nella Biblioteca Comunale di Cassino la prima del cortometraggio “Deep” ideato e diretto da Elisa Curatola ha riscosso un grande successo. Il cortometraggio di Elisa Curatola, ambientato in una Cassino alienata racconta le insidie del web e gli effetti psicologici che una serie TV può avere sugli spettatori.

Il cortometraggio, 16 minuti di tensione, ha fortemente colpito l’assessore alla cultura del comune di Cassino Nora Noury, che ha espresso tutta la sua stima per il lavoro di Elisa e del suo team, assicurando il suo impegno per la promozione del cortometraggio.

Elisa 22 anni, ideatrice e regista del corto, si è detta sorpresa dell’inaspettato successo ottenuto per quella che inizialmente era una web serie poi diventata un cortometraggio pregno di significati ed emozioni. Ispirata da capolavori del grande cinema quali Inception e Memento e la trilogia del Cavaliere Oscuro, avrebbe voluto delle inquadrature molto più particolari ma si dice soddisfatta del suo lavoro.

Afferma che non si fermerà: Deep parteciperà a diversi concorsi e dopo la laurea triennale all’accademia di Belle Arti continuerà i suoi studi in ambito cinematografico.

Stefano Imperato 27 anni, sorpreso dall’inaspettato successo riscosso dal corto, é il direttore della fotografia e operatore di ripresa per Deep, riprese che hanno coinvolto diverse zone del cassinate dal laghetto di San Giorgio ad Atina, ambientazioni lavorate in post produzione e rese irriconoscibili.

Le inedite colonne sonore sono state affidate a Gianpaolo Sisto, noto musicista del cassinate.

I giovanissimi protagonisti: Alex Borzumato e Alessandra Mendozza, alias Federico e Azzurra, raccontando le loro esperienza si dicono felici e soddisfatti del risultato ottenuto. Alex Borzumato, non è estraneo alle telecamere e già attore in diversi corti del cassinate uno fra tutti “Lemming” di Marco Cadinu ed Elisa Curatola. Si è detto profondamente emozionato, la trama del breve filmato lo ha colpito molto, muovendolo a commozione.

Per chi avesse preso la prima, il corto sarà disponibile su Vimeo e YouTube per un brevissimo periodo per poi partecipare a diversi concorsi.