Tag: psicosi

27 giugno 2017 0

Psicosi da terremoto e allarmismo su facebook, Cassino trema per i boati

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – I boati a Cassino continuano a susseguirsi e a spaventare la cittadinanza così come le voci incontrollate di scosse di terremoto diffuse su facebook.

Alle 22.13 di ieri sera, decine di telefonate sono arrivate ai vigili del fuoco di Frosinone da persone preoccupate per le ripercussioni sul cassinate di una forte scossa di magnitudo 5,4 registrata a L’Aquila. Tutto falso. Una piccola scossa di magnitudo 2, a querell’ora, è stata registrata invece con epicentro Terelle.

L’allerta a Cassino resta alta per via dei boati che continuano a ripetersi più volte al giorno. Il fenomeno è riconducibile agli spostamenti d’aria sotterranei negli ambienti lasciati vuoti dall’acqua a causa della siccità.

Un “sonoro” fortissimo che arriva a far vibrare finestre e pareti creando un effetto terremoto. Per il fenomeno delle bufale su web, invece, più che una spiegazione serve un consiglio: valutare l’attendibilità di chi pubblica un post. Ermanno Amedei

2 gennaio 2017 0

Frosinone – CGIL Fp: “Psicosi meningite, urgente potenziare i servizi per la vaccinazione”

Di Antonio Nardelli

Dalla Cgil Fp Frosinone riceviamo e pubblichiamo:

I casi di meningite che si sono registrati negli ultimi giorni in diversi Comuni della provincia di Frosinone stanno inevitabilmente alimentando una vera e propria psicosi tra tutta la cittadinanza a cui le Istituzioni per competenza preposte hanno il dovere di rispondere adeguatamente ed efficacemente, ASL di Frosinone e Regione Lazio in primis. Al fine di evitare il serio rischio che vengano presi letteralmente d’assalto i Pronto Soccorso dei nostri ospedali – già cronicamente in sofferenza a causa del loro sovraffollamento abituale – da parte di persone magari bisognose soltanto di rassicurazioni per sintomi non preoccupanti, ma anche guardie mediche, ambulatori e medici di famiglia, la FP CGIL di Frosinone Latina, oltre a fare appello al generale buon senso di ciascuno, sollecita la ASL di Frosinone ad attivarsi per adottare con urgenza un adeguato potenziamento dell’intera rete dei servizi di vaccinazione.

La FP CGIL denuncia infatti l’assoluta inadeguatezza del sistema attuale, dovuta prioritariamente a carenza di personale sanitario e di mezzi a loro disposizione negli ambulatori dedicati alle vaccinazioni, peraltro organizzati in modo molto frammentato nell’esteso territorio provinciale frusinate. Riteniamo necessario che la ASL di Frosinone affronti in modo risolutivo la criticità evidenziata, che non consente già abitualmente di fornire adeguate e celeri risposte alla domanda di salute dei cittadini che intendono vaccinarsi o far vaccinare i propri bambini, basti pensare ad esempio che richiedendo oggi un appuntamento, per vaccinare un minore per il meningococco B presso alcuni ambulatori provinciali, non si può essere prenotati prima di 2-3 mesi, registrando peraltro grosse differenze tra le liste di attesa all’interno di servizi appartenenti allo stesso ambito distrettuale. Per avanzare proposte finalizzate a migliorare l’efficienza dei servizi di vaccinazione provinciali – fanno sapere la Segretaria CGIL con delega alla Sanità Beatrice Moretti ed il Segretario Generale FP CGIL Frosinone Latina Giancarlo Cenciarelli – abbiamo richiesto uno specifico incontro alla ASL di Frosinone, con l’obiettivo di ridurre i disagi della cittadinanza e di chiedere le giuste tutele per gli operatori sanitari maggiormente a rischio. FP CGIL Frosinone Latina CGIL Frosinone Latina Il Segretario Generale Il Segretario Responsabile Sanità Giancarlo Cenciarelli Beatrice Moretti