Tag: pugni

31 luglio 2018 0

Pugni di gelosia ad Aquino, denunciato focoso 19enne

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

AQUINO – Questa mattina ad Aquino, i carabinieri della Stazione a conclusione di attività investigativa hanno denunciato in stato di libertà per lesioni personali, un 19enne del luogo.

Le indagini svolte dai carabinieri hanno consentito di accertare che il giovane, nella sera di ieri, in centro ad Aquino, al culmine di una lite verbale scaturita per motivi di gelosia legata ad una ragazza, ha colpito con un pugno al volto un giovane del luogo, procurandogli delle lesioni giudicate guaribili dal Pronto Soccorso dell’Ospedale di Cassino in 30 giorni.

24 maggio 2018 0

Prende a pugni un carabiniere, straniero condannato ma non espulso: “E’ richiedente asilo”

Di admin

FROSINONE – Ha picchiato un carabiniere e si è scagliato con un palo della segnaletica contro il collega.

L’aggressione subita ieri dalla pattuglia della stazione di Frosinone Scalo è stata punita questa mattina nel corso del processo per direttissima al 20enne nigeriano con una condanna a 2 anni e 6 mesi di reclusione oltre al provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

Il giovane, che è domiciliato a Veroli presso una parrocchia, è stato rimesso in libertà e l’espulsione non è stata possibile perfezionarla perché il 20enne è un richiedente asilo politico. La pattuglia è arrivata ieri presso l’ufficio postale per una lite in corso tra lo straniero e il direttore di filiale.

Poco ha impiegato il richiedente asilo per scaricare la sua violenza sull’occhio del militare che è rimasto a terra fino all’arrivo dell’ambulanza e dei colleghi che lo hanno soccorso arrestando il giovane.

Ermanno Amedei

18 aprile 2018 0

Anagni: Aggredisce i carabinieri con calci, pugni e insulti. 40enne in manette

Di redazione

Nella serata di ieri, ad Anagni, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia, traevano in arresto per “violenza, resistenza e lesioni aggravate a Pubblico Ufficiale”, un 40enne di Gorga (RM), già censito per numerosi reati contro il patrimonio. Lo stesso, sottoposto a controllo dei militari all’interno di un bar, allo scopo di sottrarsi agli accertamenti aggrediva gli operanti con calci, pugni e spintoni, rivolgendo loro frasi oltraggiose. Datosi alla fuga, il 40enne veniva raggiunto poco dopo nelle strade adiacenti e trovato in possesso di una dose di grammi 0,5 di cocaina e pertanto, segnalato anche all’Ufficio Territoriale del Governo di Frosinone per uso personale non terapeutico di sostanze stupefacenti. L’arresto al termine delle formalità di rito è stato condotto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari come disposto dall’A.G., mentre la sostanza stupefacente veniva sottoposta a sequestro. Foto d’archivio

5 marzo 2018 0

Tentano la rapina a Posta Fibreno ma il barista li prende a pugni

Di admin

SORA – Tentano di rapinare un barista ma finisce a scazzottata e vengono messi in fuga. I protagonisti della vicenda sono due sorani L.M. 39enne e A.F. 41enne, che sono in stato di fermo di polizia perché gravemente indiziati del reato di tentata rapina.

A fermarli sono stati i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sora, insieme ai colleghi della Stazione di  Vicalvi.

Ieri sera, i due uomini, con il volto travisato da una sciarpa ed armati di coltello, hanno fatto irruzione in un bar/tabacchi di Posta Fibreno. Una volta all’interno, si sono diretti verso il titolare che era dietro al bancone, intimandogli di consegnargli dei soldi. Quest’ultimo reagiva istintivamente innescando, così, uno scontro fisico a seguito del quale i rapinatori che hanno avuto la peggio, hanno desistito e sono scappati a bordo di  un’autovettura. Grazie alle immediate e puntuali indicazioni della vittima e della moglie, unici presenti ai fatti, i carabinieri hanno individuato i due in centro a Sora  e fermati dopo un breve inseguimento.

25 settembre 2017 0

Pestaggio tra mura domestiche, calci pugni e testate alla ex moglie

Di admin

TORRICE – Questa mattina i Carabinieri della Stazione di Torrice hanno tratto in arresto per il reato di lesioni personali, un 50enne residente in quel centro, pregiudicato per reati specifici e contro la persona. I militari, infatti, sono intervenuti a seguito della richiesta di aiuto da parte di una donna che era stata violentemente percossa dal marito separato. L’uomo, nonostante con la vittima fossero separati oramai da tempo, non aveva mai accettato di doversi allontanare lasciando il tetto coniugale. Per tali motivazioni il marito violento, proprio in quelle mura domestiche in cui egli non avrebbe dovuto essere, si rendeva spesso protagonista di scenate di isteria e violenza. Fino, quindi, al precipitare della situazione dell’ultimo episodio al quale anche degli amici della coppia sono stati costretti ad assistere. Preso da un ennesimo momento di ira nei confronti della ex, la percuoteva ripetutamente con calci e pugni al ventre sferrandole infine una testata in pieno volto che la tramortiva. Solo l’intervento da parte degli amici in suo soccorso permetteva che la situazione non precipitasse verso conseguenze irreparabili. I militari, giunti tempestivamente sul posto immobilizzando l’uomo affinché non potesse più nuocere alla consorte.

20 agosto 2017 0

Volano pugni durante l’evento “Cantina Atina 2017”: ferito medico 45enne

Di redazionecassino1

ATINA – Lo scorso venerdì 18 agosto, la città di Atina ha ospitato la manifestazione enogastronomica “Cantina Atina 2017”, nel corso della quale le aziende enologiche più rappresentative del territorio hanno messo in vetrina i loro migliori prodotti e accompagnato le centinaia di turisti in un percorso degustativo alla scoperta dei sapori della Valle di Comino.

Tuttavia nel corso della serata a volare non sono state soltanto le bollicine: un 23enne tunisino residente nella limitrofa provincia di Caserta, incensurato, ha colpito al volto con alcuni pugni un 45enne medico residente nella capitale, pare per futili motivi. Testimoni affermano come il tunisino fosse visibilmente alticcio e si stesse muovendo fra la folla a suon di spintoni. Il giovane si è dileguato subito dopo l’aggressione, lasciando cadere nella fuga il portafogli e il cellulare. Proprio questi due elementi hanno permesso ai militari della locale Stazione di risalire all’identità dell’aggressore e fermarlo. L’extracomunitario è stato quindi deferito in stato di libertà per il reato di “lesioni personali gravi” mentre la vittima, prontamente soccorsa dal personale del “118”, è stata trasportata presso l’Ospedale di Sora. I violenti colpi sono valsi al malcapitato la stima di 25 giorni circa prima della completa guarigione.

Giulia Guerra

16 agosto 2017 0

Calci e pugni alla moglie, arrestato 45enne di Sora

Di admin

SORA – La scorsa notte, i Carabinieri della Stazione di Casalvieri traevano in  arresto un 45enne della zona, incensurato, per maltrattamenti in famiglia.

In particolare l’uomo, per futili motivi, aggrediva la propria moglie colpendola più volte al volto con schiaffi e pugni, senza causarle fortunatamente gravi lesioni fisiche, ma costringendola comunque alle cure mediche presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Sora, ove le veniva riscontrato un forte stato ansioso reattivo.

Prontamente intervenuti su richiesta della donna, i militari operanti evitavano che la situazione potesse degenerare e raccolti tutti  gli elementi utili alla ricostruzione dei fatti, traevano in arresto il 45enne. L’arrestato al termine delle formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Cassino.

29 aprile 2017 0

Incidente stradale con pugni in centro a Cassino, dopo lo schianto scoppia la lite

Di admin

Cassino – Centauro ferito, questa mattina in via Degli Eroi a Cassino non solo a causa dell’incidente stradale ma, a quanto pare, anche da un pugno scagliatogli da un automobilista.

La ricostruzione sarebbe ancora tutta al vaglio della polizia  il cui intervento è servito non solo per definire la dinamica dell’incidente, ma anche che la successiva lite degenerasse.

Lo scooter su cui viaggiava il giovane si è schiantato contro la Toyota guidata da un 45enne e tra i due e scoppiata la lite per stabilire chi avesse ragione. Poi il centauro avrebbe riferito che il conducente della vettura lo avrebbe colpito con un pugno ed anche per questo, oltre alle ferite dovute al sinistro, è stato portato in ospedale per medicare le ferite.

Ermanno Amedei

2 agosto 2010 0

Prende a pugni un connazionale e lo lascia in fin di vita, arrestato un rumeno

Di redazione

Con un pugno, durante un litigio, un rumeno ha fatto siu che un suo connazionale finisse in fin di vita. L’episodio di violenza è avvenuto la scorsa notte ad Alatri, dove i carabinieri del nucleo operativo, hanno arrestato per “lesioni personali gravissime” C.A.N., 21 anni. Il giovane, durante un litigio nato per futili motivi ha colpito al volto con un violento pugno un giovane connazionale che, a seguito del quale, si è accasciato privo di sensi. Prontamente soccorso, lo staniero ferito, è stato trasportato presso il locale Ospedale “San Benedetto” dove è stato dichiarato in prognosi riservata e successivamente trasportato presso il Policlinico Umberto I di Roma. L’arrestato, ad espletate formalità di rito, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza di quel Comando in attesa del rito per direttissima.

20 luglio 2010 0

Aggredisce i carabinieri con calci e pugni, afgano in manette

Di redazione

Ieri sera a Veroli i carabinieri hanno arrestato H.T.H. , 18 anni, afgano, residente in Roma ma, di fatto, domiciliato in in ciociaria, per “violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale”. Il giovane, ha aggredito senza motivo, con calci e pugni due militari della locale stazione impegnati in un servizio di posto di controllo i quali, poco prima , avevano invitato il giovane ad allontanarsi da quel luogo per motivi di sicurezza. I militari ,accompagnati e visitati dai sanitari del pronto soccorso dell’ospedale “San Benedetto” di Alatri hanno riportato una prognosi di 5 giorni s.c. per “contusioni al gomito e polso nonché nella regione dorso lombare “. L’arrestato dopo le formalità di rito, veniva trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando.