Tag: radioattivi

5 luglio 2010 0

Rifiuti radioattivi alla Saf di Colfelice, Tedeschi (IdV): “Proposta inaccettabile”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“E’ inaccettabile e fuori da ogni rispetto della normativa vigente la proposta avanzata da Cesare Fardelli, presidente della SAF, il quale richiede che il sito di Colfelice sia autorizzato a gestire i rifiuti radioattivi con livello di pericolosità 1 e 2 (i livelli complessivi sono 3). Forse Fardelli non sa che la procedura prevista a livello nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi è molto complessa e articolata e certo non prevede attualmente che il sito di Colfelice in cui opera la SAF possa essere autorizzato a questa nuova gestione.” Lo dichiara in una nota Annamaria Tedeschi, consigliere regionale dell’Italia dei Valori. “Il fatto che possano crearsi problemi organizzativi ed economici certo non può consentire che un sito come quello di Colfelice, che già svolge in modo pessimo i processi per cui è autorizzato e gli abitanti dei paesi limitrofi vivono questa cattiva gestione ogni giorno respirando umori nauseabondi, diventi dall’oggi al domani sito di stoccaggio di materiali radioattivi di dubbia provenienza. Se i materiali radioattivi potessero essere stoccati ovunque avremmo risolto il problema delle scorie delle centrali nucleari, ma così non è e certo la SAF di Colfelice non può essere l’unica eccezione nel mondo. Il problema è sicuramente complesso, ma la ASL e l’ARPA devono in primis indagare circa lo smaltimento dei rifiuti radioattivi di ospedali, cliniche e laboratori e verificare che questi operatori seguano realmente le procedure vigenti. Il problema si risolve alla radice, non violando le normative vigenti e creando ulteriore inquinamento altamente pericoloso per la popolazione.”

27 aprile 2010 0

Rifiuti radioattivi, convocata d’urgenza una riunione in Provincia

Di redazione

I camion autocompattatori che questa mattina, sono risultati trasportare materiale radiattivo all’interno dello stabilimento Saf di Colfelice, sono usciti dallo stesso stabilimento di riciclaggio e, scortati dai vigili del fuoco, hanno raggiunto i piazzali delle ditte che si occupano della raccolta dei rifiuti solidi urbani nelle città di Frosinone e Alatri. Lì, stipati e carichi di immondizie, tra cui anche quella radioattiva, rimarranno fino a quando, una apposita commissione provinciale non stabilirà le modalità di intervento. Intanto è stata convocata d’urgenza per domani mattina all’amministrazione provinciale di Frosinone una riunione provinciale tra la stessa provincia, la Asl, l’Arpa, la Regione Lazio, i vigili del fuoco, la Saf (l’azienda che gestisce l’impianto di riciclaggio di Colfelice) e la Eall (azienda che gestisce il termo combustore di San Vittore terminale finale della catena provinciale dei rifiuti). Le parti dovranno concordare un protocollo di intervento stabilendo anche le professionalità che dovranno intervenire quando capitano casi di questo genere. “Si devono studiare le mosse da mettere in campo quando, come è accaduto oggi, tra le immondizie vengono rilevati materiali radioattivi”. A parlare è Maurizio Liberati comandante provinciale dei vigili del fuoco di Frosinone. “I vigili del fuoco sono preparati ad intervenire nelle situazioni di emergenza ma per circostanze come queste bisogna individuare le giuste professionalità. Inoltre bisogna anche studiare le strategie necessarie affinché rifiuti radioattivi o comunque pericolosi non finiscano in cassonetti delle immondizie”. Er. Amedei ermadei@libero.it

27 aprile 2010 0

Allarme nello stabilimento Saf, due camion sono risultati radioattivi

Di redazione

Da ieri sera è allarme radiazioni all’interno dello stabilimento di riciclaggio rifiuti di Colfelice. Sotto inchiesta dei tecnici dei vigili del fuoco e dell’Arpa sono due auto compattatori provenienti da Alatri. Il sistema di rilevazione governo allo stabilimento ha segnalato sui due mezzi che trasportano rifiuti prelevati dai cassonetti, la presenza di materiale radioattivo. I compattatori sono stati messi subito in sicurezza in attesa che si costituisca un pool di esperti che possa risalire alla natura del materiale radioattivo e tentare di stabilire come possa essersi mischiato ai rifiuti comuni. er amedei