Tag: rampa

22 novembre 2018 0

Atletico Cervaro in rampa di lancio: sorpresa o solida realtà?

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

È stata una prima parte di stagione molto intensa per l’Atletico Cervaro, ricca di soddisfazioni e vittorie, non senza qualche rammarico. Il cammino è molto lungo, si sa, ma chi ben comincia è a metà dell’opera. E questo Atletico ha davvero stupito tutti. La prima sfortunata partita in casa terminata con una sconfitta ha dato modo agli scettici di esprimere giudizi azzardati e prematuri. Ma i biancoazzurri hanno alzato la testa e stanno mostrando tutto il loro valore. Dopo 11 giornate i ragazzi di Mr. Gianni Fargnoli hanno raccolto la bellezza di 16 punti, occupando la settima posizione, a ridosso della zona alta della classifica (4 punti dalla terza). Ben 12 di questi punti sono arrivati lontani da casa, segnale di un gruppo unito, forte, che non ha paura di esprimere il proprio gioco anche lontano dai propri tifosi. Mentre è nettamente rivedibile lo score casalingo: al “Canale” i biancoazzurri hanno collezionato soltanto 4 punti. Hanno tenuto testa a squadre più blasonate, ottenendo punti su campi storicamente ostici e avversi. Come non ricordare il pareggio sul campo della Mistral Gaeta, arrivato a tempo quasi scaduto, o le belle vittorie sui campi di Monte San Biagio e di Monte San Giovanni Campano, o il più recente derby vinto a tempo scaduto ai danni del Real Cassino. Ogni partita è una battaglia, si lotta e si combatte a prescindere dal risultato. Si può vincere contro chiunque e perdere contro chiunque, ma in queste prime 11 giornate l’Atletico è sempre rimasto in partita, fino all’ultimo secondo. Il segreto è il gruppo: Mr. Fargnoli dispone di una rosa ampia, folta e ben costruita da una società solida e ben organizzata. C’è la linea degli over, i giocatori con più esperienza, i più navigati che stanno svolgendo un lavoro di unione e coesione del gruppo, dentro e fuori dal campo. E poi ci sono gli under che sono la vera splendida rivelazione di questo campionato: dal 2000 Cristian Grossi, che nonostante la giovane età sta mostrando qualità e personalità da vendere, al suo coetaneo Istrefi, in netta crescita nella ultime gare, passando per il grintoso Rufo, al preciso e ordinato D’Agnese, fino ad arrivare a Minchella, Massaccesi e De Luca, ottime alternative in corso partita. Insomma, la linfa verde dell’Atletico Cervaro sta lasciando tutti a bocca aperta. Note positive sono arrivate anche dalla Juniores di Mr. Vincitorio, che piano piano sta trovando la giusta strada per vivere da protagonista il campionato. Inoltre la sessione di mercato invernale è alle porte e il DG Aceti non nasconde di aver avuto contatti con alcuni giocatori che potranno rinforzare ulteriormente la rosa biancoazzurra. Dunque, il cammino è appena iniziato e il percorso sarà lungo e tortuoso, ma l’Atletico è in corsa per essere la vera e propria sorpresa di questo campionato di Promozione.

20 maggio 2010 0

Disabile spinto giù da una rampa per gioco, arrestato un 21enne

Di redazionecassino1

Avrebbe provocato la morte di un disabile per gioco. Questa l’accusa, nei confronti di un giovane di 21enne, Alfio Quan Annibale Lombardo, che è stato arrestato questa mattina dai Carabinieri a Sorso, nel sassarese. Il ragazzo, in preda ai fumi dell’alcool avrebbe spinto un 60enne costretto su una sedia a rotelle da una rampa di carico e scarico merci di un centro commerciale per il solo gusto di vederlo cadere nel vuoto. La vittima dell’episodio, avvenuto il 9 aprile dello scorso anno, Giovanni Andrea Satta, è deceduta in ospedale il 21 giugno del 2009. I primi accertamenti avevano portato alla denuncia per omicidio colposo dell’amministratore del centro commerciale per mancata osservanza delle norme di sicurezza e il mancato abbattimento delle barriere architettoniche. Grazie alle indagini dei Carabinieri che hanno interrogato decine di persone, è stato possibile ricostruire i fatti che hanno portato alla morte di Satta e all’arresto di Lombardo