Tag: regione

9 ottobre 2018 0

La puntura di Ultimo… alle concessioni della Regione Lazio

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LA PUNTURA DI ULTIMO – “La Regione Lazio ha approvato un emendamento per il quale, per costruire nelle aree protette, basterà il silenzio assenso.

Quindi, se non sarà emesso uno specifico parere, chiunque potrà costruire nelle aree sottoposte a vincolo.

Ci si chiede il perché di questa modifica, che bisogno c’era? I motivi verranno evidentemente a galla quando i primi soggetti beneficiari inizieranno ad alzare i pilastri e scopriremo a chi bisognava fare il favore…. Pare che il Vaticano sia già in pole position”.

Ultimo

13 giugno 2018 0

Nuovo stadio della Roma, 9 arresti tra cui vice presidente regione e presidente Acea

Di admin

ROMA – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma stanno dando esecuzione ad una misura cautelare emessa dal G.I.P. di Roma nei confronti di 9 persone (per 6 indagati è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per 3 gli arresti domiciliari).

L’indagine è coordinata dalla Procura della Repubblica capitolina, e ha messo a fuoco un’associazione per delinquere finalizzata alla commissione di condotte corruttive e di una serie indeterminata di delitti contro la Pubblica Amministrazione, nell’ambito delle procedure connesse alla realizzazione del nuovo stadio della A.S. Roma calcio.

E’ un vero terremoto quello che ha scosso questa mattina la Capitale e il consiglio regionale del Lazio.

In manette sono finiti il vicepresidente del Consiglio Regionale del Lazio Adriano Palozzi (Fi), l’imprenditore Luca Parnasi e il presidente di Acea Luca Lanzalone.

Coinvolti anche l’ex assessore regionale Michele Civita del Pd,  indagato anche il capogruppo M5S al Campidoglio Paolo Ferrara tra i 27 indagati complessivi.

12 maggio 2018 0

Regione Lazio, più semplici le pratiche d’invalidità per i pazienti oncologici

Di redazionecassino1

ROMA – Fino ad oggi i pazienti oncologici dovevano saltare da un ufficio all’altro per seguire le pratiche. Ora, grazie alla collaborazione tra Ifo, Inps e Regione Lazio, non sarà più così: sarà il medico ad avviare le pratiche di invalidità. La sperimentazione partirà all’Ifo e sarà poi estesa  a tutte le strutture oncologiche regionali.

Un altro passo avanti per rendere più semplice la vita dei malati di tumore. Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il Presidente dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS), Tito Boeri, e il Presidente degli Istituti Fisioterapici Ospitalieri (IFO), Francesco Ripa di Meana, hanno presentato oggi un Protocollo sperimentale d’intesa per la tutela della disabilità da patologie oncologiche.

L’accordo permetterà l’attivazione tempestiva della pratica di invalidità all’INPS fatta dallo specialista oncologo al momento della diagnosi. Il  Protocollo, di durata 18 mesi, permetterà ai medici di utilizzare il “certificato oncologico introduttivo”, grazie al quale sarà possibile acquisire fin da subito – durante il ricovero o cura presso le Strutture sanitarie – tutti gli elementi necessari alla valutazione medico legale, evitando al malato eventuali ulteriori esami e accertamenti.

Cosa cambia: 

Sarà il medico ad avviare le pratiche di invalidità. Grazie a questo nuovo processo, inoltre, il certificato di invalidità non avrà più un costo perché prima bisognava passare dal medico di base pagando una tariffa dai 60 ai 100 euro. Tempi più veloci: l’Inps garantisce tempi certi e più veloci con la scomparsa dei verbali cartacei e la digitalizzazione delle procedure. E poi scompare qualsiasi forma di discrezionalità perché si standardizzano le procedure e non ci saranno valutazioni diverse da quelle medico-scientifiche. Un modello che sarà esportato anche nel resto della regione: la scelta di partire con due partner come Inps e Ifo risponde ad una logica di efficienza e di valorizzazione. Il Lazio è la prima Regione in Italia ad avviare una procedura del genere.

In prima linea per migliorare la vita dei pazienti oncologici:

La Regione Lazio tra le prime ad adottare il modello organizzativo di breast unit per assicurare la multidisciplinarietà dell’assistenza per una patologia molto delicata come il tumore al seno. Inoltre sono stati avviati percorsi diagnostico-terapeutici e assistenziali che portano alla completa presa in carico del paziente per diverse patologie e si è investito in prevenzione con l’estensione e il potenziamento dei programmi di screening oncologici. Approvato il regolamento del registro tumori, un passo in avanti significativo per allineare il Lazio nelle buone pratiche in un’ottica di conoscenza e prevenzione dei tumori. Tecnologie all’avanguardia. Con Proton4Life, uno dei più grandi progetti italiani per le cure oncologiche, che vedrà protagonista proprio l’Ifo, assieme al Gemelli.

“Un passaggio fondamentale per la semplificazione della relazione con il cittadino e soprattutto per il percorso del paziente fragile come quello oncologico: questi sono gli atti che rendono lo Stato amico del cittadino, perché gli semplificano la vita. Ed è anche una grande innovazione sanitaria, per questo cercheremo di ampliarla in tutto il sistema”- è il commento del presidente, Nicola Zingaretti.

“Questa convenzione riguarda una platea potenziale molto importante, perché il 28% delle invalidità civili che concediamo sono per malattie oncologiche. Si velocizzano le pratiche e si riducono gli oneri per le famiglie: attualmente i controlli da fare sono cinque, con questo accordo ci sarà un unico controllo e si interviene prima, nella fase iniziale della patologia, con la possibilità anche di anticipare la concessione della 104, cioè la possibilità delle famiglie di poter assistere in modo adeguato il malato – parole del presidente dell’Inps, Tito Boeri che ha aggiunto: si riducono i tempi e i costi. La Regione Lazio è la prima a sottoscrivere questa convenzione- sottolinea Boeri- ma ci sono altre regioni che hanno deciso di accentrare i controlli presso l’INPS: sono la Basilicata e la Calabria e presto crediamo la Campania. Questa esperienza richiama la sperimentazione già in atto per gli ospedali pediatrici che sta andando molto bene”.

“La regolare compilazione del certificato da parte degli oncologi  permetterà indubbi vantaggi in termini di appropriatezza, equità, omogeneità delle valutazioni e adeguatezza delle previsioni di revisione sull’intero territorio nazionale, nonchè di celerità dell’accertamento fornendo alla commissione tutti gli elementi necessari per la propria valutazione, escludendo, quindi, ulteriori accertamenti specialistici o richieste di documentazione integrativa” –  così il Presidente degli Istituti Fisioterapici Ospitalieri (IFO), Francesco Ripa di Meana.

5 aprile 2018 0

Finanziamento di oltre 4 mln di euro dalla Regione Lazio per la realizzare un Polo scolastico Innovativo

Di redazionecassino1

CASSINO –  “Cassino avrà il polo scolastico innovativo di cui avevamo parlato qualche tempo fa. – ha detto il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – Il finanziamento di 4.150.000,00 è stato confermato e la nostra città è risultata, dopo le verifiche, prima nella graduatoria regionale. Un risultato molto importante che testimonia, ancora una volta, che la buona progettazione che stiamo mettendo in campo paga, e anche bene

Siamo fieri di questo risultato che consegnerà a Cassino scuole belle e sicure in cui far crescere i nostri figli. C’è ancora maggior soddisfazione da parte nostra, perchè nella graduatoria relativa alla selezione delle manifestazioni di interesse il nostro Comune, in un primo momento si era piazzato al secondo posto per quanto concerne il territorio regionale sia per il punteggio ottenuto e sia per le risorse messe a disposizione e necessarie alla realizzazione dell’opera. Ora, dopo i dovuti controlli da parte della Regione siamo addirittura primi in tutto il Lazio.

Ci è dispiaciuto vedere qualcuno, per fortuna in pochi, addirittura esultare per la possibile perdita di questo finanziamento, dopo la sospensione in autotutela della delibera da parte della Regione Lazio. Forse non hanno minimamente pensato che avere un nuovo plesso scolastico sicuro e all’avanguardia nella nostra città è senza dubbio un risultato straordinario.

La mia amministrazione lavora quotidianamente per raccogliere tutte le opportunità di sviluppo per la nostra città e lo dimostrano gli oltre 6 milioni di euro che siamo riusciti a intercettare in nemmeno due anni di mandato. E’ inutile che i nostri detrattori continui a puntare il dito segnalando agli organi di informazione questo o quel bando a cui il comune non ha partecipato o il finanziamento non ricevuto. Il comune può anche valutare, infatti, l’ipotesi di non presentare manifestazioni di interesse qualora ci siano criteri e modalità non sostenibili da un ente in pre-dissesto finanziario. Come un alta quota di compartecipazione ad un ipotetico finanziamento.

La realtà che qualcuno vuole nascondere è un’altra invece. Il centrodestra sta facendo arrivare a Cassino quello che nella precedente legislatura è mancato: le risorse necessarie per migliorare la qualità della vita nella nostra città”.

 

6 marzo 2018 0

Elezioni regionali 2018: Zingaretti riconfermato alla guida della Regione Lazio

Di redazionecassino1

ROMA – Dopo un pomeriggio che ha visto risultati sempre altalenanti, se pur con un lieve vantaggio del Presidente uscente in leggero vantaggio, Nicola Zingaretti è stato riconfermato Presidente della Regione Lazio con circa il 33,09% e oltre 1 milione di voti ha battuto il candidato del centro destra, Stefano Parisi che si è fermato al 3,31% con oltre 950mila voti e il candidato del M5S, Roberta Lombardi che ha ottenuto il 27,09% dei voti, pari a 829mila preferenze.Sergio Pirozzi si è fermato al 4,93% con 150mila preferenze.

“Un risultato storico” lo ha definito Nicola Zingaretti, quello ottenuto dal centrosinistra unito. Un risultato importante per tutto il centro sinistra dopo la catastrofica performance nelle elezioni politiche.

Un risultato importante per Zingaretti, non solo per l’incertezza dei numeri che lo ha impegnato in un testa a testa con il candidato del centro destra Stefano Parisi, fino all’ultimo e che in alcuni momenti sembrava dover assumere connotati diversi da quelli poi ottenuti.

Un risultato che vede anche il neo Presidente riconfermato alla guida della Regione Lazio, che non ha precedenti nella storia delle elezioni regionali del Lazio.

4 marzo 2018 0

Regione Lazio: 4 milioni di euro per finanziare tirocinii per disabili

Di redazionecassino1

 ROMA – È stato rifinanziato con 4 milioni di euro il bando dell’assessorato al Lavoro che consente alle persone con disabilità di partecipare a tirocini extracurriculari. I fondi permettono di erogare a ogni partecipante un’indennità di 800 euro al mese fino a 1 anno e di coprire le spese per il tutoraggio specialistico. L’importo si aggiunge ai 6 milioni del Programma Operativo Regionale e del Fondo Sociale Europeo già stanziati a ottobre scorso e che hanno permesso già a quasi 500 persone di intraprendere percorsi di inserimento lavorativo. 500 persone hanno già aderito al bando. Una possibilità in più per chi ha una disabilità e deve fronteggiare molteplici difficoltà nel mercato del lavoro e queste misure facilitano la formazione sul campo e l’inserimento in contesti lavorativi; i percorsi hanno un altissimo valore sociale e contribuiscono a abbattere stereotipi. La Regione Lazio ha aumentato a 800 euro le  indennità di partecipazione al tiricinio. Per i datori di lavoro che possono assumere i tirocinanti e assolvere le quote obbligatorie previste per legge2:  se un’azienda assume un tirocinante con disabilità oltre il 79%, ha diritto a un incentivo (erogato dall’Inps) del 70% della retribuzione mensile per tre anni. Se la disabilità è psichica o intellettiva, l’incentivo è per 5 anni.

13 gennaio 2018 0

La Provincia abbandona il trasporto disabili, la Regione Lazio lo finanzia con 28mila euro

Di redazionecassino1

Cassino – Il comune di Cassino- Assessorato ai servizi Sociali e della Famiglia ha ottenuto ulteriori due finanziamenti da parte la Regione Lazio per quanto concerne il trasporto dei disabili.

“Un anno fa ricevemmo improvvisamente la comunicazione da parte dell’ente Provincia di Frosinone dei tagli ai trasporti scolatici per i diversamente abili. – ha detto l’assessore alle Politiche sociali e della famiglia, Benedetto Leone – Non potevamo come Amministrazione lasciare da soli questi ragazzi speciali. Da lì l’idea, avendo due pulmini in affidamento con la PMG grazie agli sponsor, di rendeteli ancor più utili alla nostra Comunità. Abbiamo, quindi, presentato un progetto al Consorzio dei servizi sociali per il trasporto dei ragazzi.

Ieri ci è arrivata la notizia, anzi la doppia notizia, di un primo rimborso del progetto da parte della Regione Lazio che ha valutato positivamente l’idea proposta dall’amministrazione D’Alessandro, assegnando quasi 28 mila euro per l’anno appena concluso. Ma c’è di più. La seconda bella notizia è, infatti, legata al fatto che ci è stato comunicato il finanziamento del progetto anche per l’anno in corso con l’assegnazione della prima rata già in questo periodo.

Da Assessore ai Servizi sociali avevo preso un impegno con le famiglie di questi ragazzi straordinari. Nessuno li lascerà soli, oggi fa piacere che la nostra scelta progettuale sia stata valutata positivamente e rimborsata al Comune. Continuiamo su questa strada, come dico sempre, pancia a terra a lavorare per la Città, con l’obiettivo di valorizzare, passo dopo passo, il senso di comunità”. Ha concluso l’assessore alle Politihe Sociali e della Famiglia, Benedetto Leone.

27 novembre 2017 0

Contratti Fca, preoccupazione di Ciacciarelli che chiede intervento di Governo e Regione

Di redazione

Una situazione quella della crisi occupazionale che preoccupa non poco il mondo della politica. Pasquale Ciacciarelli (Fi) chiede un intervento immediato al governo, alla Regione Lazio e al ministero del lavoro “La situazione occupazionale di FCA e dell’ intero indotto- afferma Ciacciarelli- è sempre più precaria. I frutti di una politica occupazionale basata sul lavoro interinale sono evidenti. Ebbene, i 300 interinali che hanno visto rinnovarsi lo scorso mese il contratto di lavoro sembrerebbero destinati a raggiungere i 532. Un vortice che sta assorbendo non soltanto lo stabilimento FCA ma l’intero indotto. Mi riferisco ad alcune aziende, la cui attività è strettamente legata alle produzioni FCA, costrette a mandare a casa decine di interinali. Un clima di instabilità, di diffusa disillusione dei nostri ragazzi che vede cadere ed infrangersi le aspettative di vita di centinaia di famiglie. Ritengo- prosegue- che dinanzi ad un simile scenario la Regione Lazio ed il Governo centrale, mi riferisco al Ministero del Lavoro ed al Ministero dello Sviluppo Economico, debbano intervenire prontamente. Bisogna scongiurare che il territorio sprofondi in una fase di stallo, di paralisi occupazionale con gravi conseguenze di ordine sociale. Ritengo che il problema occupazionale non possa essere risolto con misure tampone quali i contratti interinali che non offrono alcuna garanzia di continuità al lavoratore. E’ necessario uno sguardo a lungo termine, ad ampio raggio, che permetta di risolvere il problema alle fondamenta. È impensabile aggiungere stanze ad un edificio che presenta crepe fin dalle fondamenta. Le odierne criticità sono da imputare in modo particolare al blocco del turn over che impedisce il ricambio generazionale, e che vede allontanare l’età del pensionamento da lavoratori desiderosi di godere dei frutti della pensione ed è qui che bisogna intervenire. Se si vuol puntare sulla competitività del territorio, si deve necessariamente investire sulle politiche giovanili”.

16 novembre 2017 0

Sanità: Regione Lazio per la provincia di Frosinone 19 concorsi per precari già in atto. 146 unità da assumere fra medici, professioni sanitarie e tecnici

Di redazionecassino1

Roma – “Il consigliere regionale Mario Abruzzese o non sa o mente sapendo di mentire. Per questa ragione ribadiamo che le procedure per la stabilizzazione dei precari sono già in corso, i concorsi infatti sono stati già pubblicati sul Bollettino Ufficiale Regionale (BURL) del 28 settembre e del 17 ottobre  scorsi per tutti coloro che rientrano nelle caratteristiche del DPCM nazionale. Nello specifico il bando riguarda 146 unità tra medici, professioni sanitarie e tecnici. Pertanto da parte della Regione Lazio non vi è stata, e non ci sarà, alcuna dimenticanza, piuttosto in provincia di Frosinone la stabilizzazione è già partita come dimostrano gli atti ufficiali attestanti che a Frosinone sono stati banditi in tutto 19 concorsi, che si sono svolti tra 16 ottobre e  il 17 novembre, l’ultimo riguarda la radioterapia e si svolgerà infatti domani”.

Lo comunica in una nota la Regione Lazio.

13 novembre 2017 0

Maltempo, Regione Lazio in allerta per vento di burrasca

Di admin

LAZIO – “Il Centro Funzionale Regionale rende noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha esteso l’avviso di condizioni meteorologiche avverse con indicazione che dalla tarda serata di oggi e per le successive 24-36 ore si prevedono sul Lazio: venti di burrasca, con raffiche di burrasca forte. Possibili mareggiate lungo le coste esposte. Il Centro Funzionale Regionale ha pertanto emesso un bollettino con attenzione per vento su tutte le zone di allerta del Lazio: Bacini Costieri Nord, Bacino Medio Tevere, Appennino di Rieti, Roma, Aniene, Bacini Costieri Sud e Bacino del Liri. La Sala Operativa Permanente ha diffuso l’allertamento del Sistema di Protezione Civile Regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza. Si ricorda che per ogni emergenza è possibile fare riferimento alla Sala Operativa Permanente al numero 803.555“. Lo comunica in una nota la Regione Lazio.