Tag: restagno

20 ottobre 2017 Non attivi

Presentato, in sala Restagno, il progetto della “Rotatoria in via Di Biasio”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Si è svolta stamattina, presso la Sala Restagno del Comune di Cassino, la presentazione del primo intervento di rigenerazione urbana previsto nel piano Cassino Reload. Il sindaco Carlo Maria D’Alessandro, il responsabile dell’Area Tecnica, Giancarlo Antonelli, e l’artista Shigeru Saito hanno illustrato ai presenti le caratteristiche della rotatoria che sarà realizzata tra via Di Biasio e Viale Bonomi nei pressi della clinica San Raffaele e dell’opera d’arte dello scultore nipponico, appunto, che sarà collocata al centro di essa. In sala oltre ai rappresentanti della CO.GE.CO 2003, l’impresa che si è aggiudicata la gara d’appalto e che sta iniziando i lavori sul posto, anche molti cittadini.

“Questo di oggi non è un punto di arrivo, bensì un nuovo inizio. – ha dichiarato il sindaco D’Alessandro – E’ il primo tassello di Cassino Reload, il piano di rigenerazione urbana che realizzeremo in questi anni. Attraverso la riprogettazione degli spazi urbani vogliamo dare un volto nuovo alla città, migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini, favorirne le relazioni sociali, promuovere le risorse del nostro territorio e riscoprire la nostra identità. Con l’intervento che sarà fatto nei pressi del San Raffaele oltre a riqualificare l’area si migliorerà la viabilità ma soprattutto si garantirà maggiore sicurezza sia per gli automobilisti che per i pedoni.

Saranno realizzati più di 350 metri di marciapiedi lineari più altri 350 metri banchina sulla strada che porta verso il campus La Folcara e quindi la frazione di Sant’Angelo in Theodice. Un primo intervento che senz’altro potrà garantire un livello di sicurezza più alto anche su questa importante arteria della nostra città.

La settimana prossima sarà convocata un’altra conferenza stampa per illustrare il secondo progetto del piano che partirà in tempi brevi, questa volta nel centro della città di Cassino”.

Shigeru Saito ha spiegato, invece, il “concept” della sua opera. “L’acqua è fonte di vita, la principale fonte della vita. Della nostra vita. Di ogni forma di vita. – ha detto lo scultore – La storia di ogni essere umano è stata sempre assieme con l’acqua. E` impossibile formarsi la società umana senza presenza di acqua. Come noi sappiamo, l’acqua è una materia che si presenta in tanti modi, ha tante figure. Sembra una cosa normale che noi abbiamo acqua in abbondanza, vivere in un rapporto di normalità con l’acqua. Sulla Terra, ci sono le zone in cui non hanno il dono di acqua sufficientemente, oppure addirittura hanno inaridito le sorgenti. Al di la della Terra, ancora non abbiamo scoperto nessun’altro pianeta con l’esistenza di acqua in stato liquido. Per questo monumento “ Spread ”(Espansione), l’acqua è presentata nella sua flessibilità e solennità.

Il monumento è stato pensato come un richiamo del nostro compito educativo: coltivare la buona cultura e le virtu` che dobbiamo trasmettere alle prossime generazioni: come si espandono i cerchi delle onde sulla cresta dell’acqua, in tutte le direzioni, e in modo infiniti”.

  

22 aprile 2017 0

Presentata in sala Restagno la “27^ Maratona di Primavera 2017”

Di redazionecassino1

Cassino – Maglietta, cappellini e scarpette. Il kit è pronto. E, chi non ne fosse dotato, può farlo martedì mattina dalle 9 in poi all’interno della villa comunale.  Quindi, alle 10:30, partirà la 27esima edizione della maratona di primavera. La storica kermesse, che ormai da oltre un quarto di secolo caratterizza il 25 aprile di Cassino, anche per il 2017 attende almeno 5mila presenze. “Perché i sei chilometri di corsa  – ha spiegato ieri il presidente del Cus Carmine Calce nel corso della conferenza stampa nella sala degli Abati – non sono riservati solo agli sportivi, ma soprattutto alle famiglie e ai piccoli, per permettere loro di fare una piacevole passeggiata lungo le strade del centro. Il serpentone farà ritorno nella villa comunale alle ore 12:30 circa, e quindi prenderà il via la grande festa con balli, canti e animazione per i più piccoli. Sarà possibile trascorrere tutta la giornata all’interno del polmone verde della città martire con tante iniziative a corredo. La kermesse, organizzata dal Cus Cassino, ha il patrocinio oltre che dell’Università, del Comune e dell’Abbazia, anche della Regione Lazio e di atnti altri enti del territorio.  Come sempre, a sostegno dell’iniziativa, c’è il partner che da sempre sostiene tutte le attività culturali e sportive in città, ovvero il locale istituto di credito, la Banca popolare del Cassinate. “Partecipiamo tutti ad una grande giornata di festa” ha esortato il sindaco D’Alessandro che è al suo debutto alla maratona. Il professor Calce ha invece evidenziato come anche quest’anno lo slogan della kermesse è un augurio di cui oggi si sente particolarmente bisogno: “Facciamo fiorire la pace nella città per il mondo”.  Sempre ieri nel corso della conferenza stampa alla presenza di tante istituzioni – oltre al sindaco e al rettore, il consigliere delegato allo sport Di Mambro, l’assessore Leone e l’onorevole Marino Fardelli – sono state illustrate le tante novità della 27esima edizione. “Quest’anno – ha annunciato Calce – la tradizionale maratona di Primavera del 25 aprile organizzata come sempre dal Centro Universitario Sportivo sarà un omaggio ai “cugini” della città benedettina, che nei mesi scorsi è stata duramente colpita dal sisma. Un’altra novità di quest’anno, inserita all’interno della giornata, è il trofeo “diversamente uniti, diversamente in marcia: crescere e camminare per fraternizzare”. Anche questa novità è stata rivelata ieri nel corso della presentazione della 27esima edizione: “Si tratta – ha concluso Calce – di un modo per far sì che la maratona non sia solo sport, ma anche attenzione al sociale. Noi come Cus – ricorda – siamo molto sensibili a tale tematica. C’è una profonda sinergia con la comunità Exodus e negli scorsi anni abbiamo portato la maratona anche in carcere”.