Tag: riesce

18 marzo 2018 0

Costa d’Orlando riesce a piegare la Virtus Cassino, ma solo ai supplementari

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Non bastano alla Virtus Cassino un terzo e quarto quarto di gioco ai livelli abituali per avere ragione di una Costa d’Orlando davvero indemoniata che ha lottato giustamente con il coltello tra i denti per portare a casa la vittoria, che, al momento della sirena, la posiziona all’ottavo posto utile per l’accesso ai play off targati 2017-18 e che esprimeranno le quattro finaliste che dovranno poi giocarsi i tre posti disponibili alle società di serie B per il prossimo campionato nazionale di serie A2, 2018-19.

La squadra di coach Condello ha dominato il primo quarto di gioco e su quel primo parziale di 25 a 14 ha costruito il vantaggio del + 17 al 4 minuto di gioco della seconda frazione di gioco, 37 a 20, con la bomba di Jacopo Pozzi, l’ala grande siciliana, che quando vede le “V” rossoblù non si lascia scappare l’occasione di lasciare il segno in modo decisivo sul tabellino dei marcatori. 24 punti stasera per lui, con un eloquente 50% da tre punti e 43% dal campo, oltre a 7 rimbalzi per un +19 di valutazione.

Marinello e compagni dunque appaiono se non letteralmente proprio come furie per gli attoniti ospiti in completo rossoblù.

Al 5° del secondo tempo di gioco però scatta qualcosa nei meccanismi di gioco per gli uomini di Vettese. Due bombe in rapida successione di Del Testa e di Carrizo ed una recuperata di Petrucci ispirano una sorta di mini rimonta per un parziale che conduce alla sosta lunga di 15 a 7 per gli ospiti.

La sirena della seconda frazione di gioco permette al tabellone di recitare 44 a 35 per i padroni di casa. Una buona dote senza dubbio per affrontare i secondi 20 minuti di gioco.

Ospiti però che evidentemente non ci stanno a subire oltremodo ed alla ripresa delle ostilità dopo il lungo intervallo cominciano una lunga risalita che li riporterà al -3 della terza sirena dell’incontro, 61 a 58.

Il parziale del III mini-tempo è dunque di 23 a 17. E comunque evidente l’inversione di tendenza dell’inerzia della gara. Carrizo, ennesima partita di grande livello per il gaucho argentino, mena le danze per i cassinati. 20 punti per lui in 43 minuti di gioco, non grandi percentuali al tiro ma una costante enorme presenza per tutti i suoi compagni. Basti pensare che al termine del match il numero 99 dei benedettini avrà totalizzato un 26 di valutazione grazie a ben 12 rimbalzi, 2 palle recuperate, 6 assist, 100% ai tiri liberi. Di gran lunga l’MVP di serata.

Dicevamo di Carrizo e della sua determinazione che si accompagna alla tigna di capitan Del Testa il quale non ci sta evidentemente a mollare di un centimetro.

Si va così alla quarta frazione di gioco. I canestri rimpiccioliscono il proprio diametro e le percentuali di tiro si contraggono inevitabilmente su entrambi i fronti. Cassino si aggiudicherà anche questa frazione di gioco con un eloquente 12 a 9. Al termine di un convulso quarto mini-tempo il tabellone recita 70 pari e si va all’overtime.

Ma Cassino per ben due volte prima della sirena dei 40 minuti di gioco nell’ultima frazione, prima con Panzini e poi con Carrizo, tira da oltre l’arco dei 6.75 per mettere il suggello alla gara, invano.

Dunque overtime.

A 40 secondi dal termine della gara Cassino ha perso per 5 falli Enzo Cena e dunque coach Vettese ha deciso di riaffidarsi a Bagnoli, tenuto in panca a lungo.

L’inizio del tempo supplementare è intriso di nervosismo. Del Testa, Pozzi e in rapida successione Carrizo sbagliano dalla lunga distanza e solo al termine del primo minuto Paunovic mette a segno uno dei due liberi che sancisco il la alla mini fuga dei padroni di casa. Terzo e quarto tiro consecutivo per Cassino da oltre l’arco dei 6.75, stavolta è Petrucci che sbaglia per due volte consecutivamente, 0 su 6, per lui , in questa serata decisamente storta. Due liberi di Pozzi sono due mattoni ulteriori, 73-70.Altro errore di Petrucci nell’area stavolta, sul capovolgimento di fronte Pozzi non sbaglia. E’ nell’aria, la BPC Virtus Cassino sta mollando la presa, come un ciclista che non ne ha più, si sta staccando inesorabilmente sui pendii dell’ultima salita in vista del traguardo. Una mortifera tripla di Pozzi azzera ogni tipo di velleità di recupero per i viaggianti, 78 a 72 a meno di un minuto dal termine. Carrizo finalmente mette una tripla, 78 a 75. Pozzi allunga di nuovo per porre due possessi di vantaggio, 80 a 75. E’ Del Testa con una tripla delle sue a riportare sotto cassino per l’80 a 78. Balic realizza un solo libero dei due concessi per il fallo di Petrucci. 81 a 78. Dal time out di Vettese a 11’ dal termine dell’overtime esce una Virtus Cassino che fallisce con Carrizo il possibile pari. Sono due liberi di Sorrentino a tre secondi dal termine a porre fine ad ogni velleità per Cassino.

Costa d’Orlando porta a casa i due punti che stasera, dopo la salvezza raggiunta domenica scorsa, aprono scenari di playoff per la formazione allenata da Condello. Per la BPC Virtus Cassino di Luca Vettese c’è molto di cui rammaricarsi e soprattutto molti rimpianti si stagliano all’orizzonte.

“Sono molto arrabbiato” le parole del DS Leonardo Manzari al termine del match “Si può perdere, ci sta. I nostri avversari di stasera sono stati bravissimi. Si può perdere nello sport, ma noi tutti stasera abbiamo fatto harakiri. Il motivo principale è un approccio sbagliato alla gara e soprattutto supponente. È colpa mia ….. …. Mi assumo la responsabilità di ciò e soprattutto chiedo venia pubblicamente ai nostri tifosi. Al momento non ci sono promesse da fare ….Chi come me ama la Virtus Cassino faccia una riflessione speciale”.

 

 

 

Irritec Costa D’Orlando Capo D’Orlando – BPC Virtus Cassino 83-78

Parziali : 25-14, 19-21, 17-23, 9-12, 13-8

Irritec Costa D’Orlando Capo D’Orlando: Pozzi 24 (6/14, 3/6), Marinello 22 (3/9, 3/7), Paunovic 15 (6/8, 0/1), Balic 9 (1/7, 1/5), Sorrentino 9 (2/2, 1/4), Munastra 4 (0/1, 1/1), Tabbi 0 (0/1, 0/0), Forte 0 (0/0, 0/2), Giglia 0 (0/0, 0/0), Ferrarotto 0 (0/0, 0/0), Fort 0 (0/0, 0/0), Triassi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 28 – Rimbalzi: 46 9 + 37 (Paunovic 12) – Assist: 14 (Balic 7)

All. Condello

BPC Virtus Cassino: Manuel Carrizo 20 (2/7, 3/11), Maurizio Del testa 19 (2/3, 5/9), Simone Bagnoli 12 (5/11, 0/2), Lorenzo Panzini 10 (2/3, 2/5), Enzo Cena 10 (5/9, 0/4), Niccolò Petrucci 4 (1/4, 0/4), Matteo Bini 3 (0/0, 1/1), Robert Banach 0 (0/1, 0/0), Fabrizio De ninno 0 (0/0, 0/1), Giorgio Galuppi 0 (0/0, 0/0), Riccardo Pasquinelli 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 11 / 14 – Rimbalzi: 37 9 + 28 (Manuel Carrizo 12) – Assist: 18 (Manuel Carrizo 6)

All. Vettese

MVP : Manuel Carrizo

14 gennaio 2017 0

Basket: Ferentino non riesce a fermare la capolista Legnano

Di redazionecassino1

Alla FMC Ferentino non riesce l’impresa di fermare la marcia della capolista Legnano che s’impone al Ponte Grande grazie agli acuti di Raivio nel quarto periodo. Ai gigliati non basta il ritorno di Francesco Guarino e una partita ben giocata per tutta la sua durata per trovare la prima vittoria del 2017, nel momento decisivo la TWS si dimostra più pronta e incamera il gap che risulterà decisivo nel finale. Quintetti: Ferentino: Imbrò, Musso, Gilbert, Raymond, Gigli; Legnano: Palermo, Raivio, Ihedioha, Battilana, Mosley Legnano si appoggia soprattutto all’ex Mosley e la FMC risponde con i suoi lunghi in un avvio di gara in cui si segna poco. Un mini-break di 0-5 firmato dai due americani vale il 4-9 in favore dei Knights ma anche gli USA di Ferentino entrano in partita e rispondono con la stessa moneta, tenendo la partita in equilibrio (9-11 dopo 6′ di gioco). Mosley continua ad essere un fattore ma i ciociari trovano il primo vantaggio del match sul 14-13 grazie alla tripla di Musso e al long two di Raymond, spingendo coach Ferrari al timeout con poco meno di 3′ da giocare. Al rientro in campo Martini e Palermo riportano avanti la TWS che chiude la prima frazione di gioco in vantaggio 16-20.

Anche in apertura di secondo quarto le squadre faticano a segnare, a sbloccare la gara ci pensano Mosley e Benvenuti, poi Raymond colpisce dall’arco per il -1 ma i soliti Martini e Mosley riportano i lombardi sul +5 poco prima della metà del periodo. Ferentino risponde immediatamente con la conclusione pesante di Carnovali e tre liberi di Musso che fissano il 27-28, Legnano prova a ristabilire le distanze con Raivio ma Benvenuti e un altro giro in lunetta della guardia argentina riportano in vantaggio i gigliati (31-30). Nel finale è ancora il numero 5 amaranto a colpire dal perimetro, Navarini lo imita ma i ciociari chiudono comunque la prima parte di gara in vantaggio (36-35).

Ihedioha e Martini firmano il nuovo sorpasso ospite in apertura di terza frazione ma è uno splendido Gigli a riportare avanti la FMC sul 43-39 dopo 3′. La TWS però rimane incollata al match con una schiacciata di Mosley e una tripla di Martini, tornando così a -1 a 4′ dall’ultima pausa. La gara continua a viaggiare sui binari del massimo equilibrio, Raymond si fa vedere con quattro punti di seguito ma i biancorossi restano lì grazie alle schiacciate di Mosley e ai jumper di Martini. La FMC comunque mantiene la testa dell’incontro anche grazie ai primi punti di Guarino, Navarini però pareggia a quota 50 ma nell’ultimo minuto del quarto i gigliati tornano avanti e si portano sul 55-50 proprio sulla sirena grazie al piazzato di capitan Gigli.

Fiammata di Raivio per aprire l’ultima frazione: la guardia americana protagonista nel parziale di 0-7 che riporta in vantaggio Legnano dopo 2′. Ferentino riacciuffa la parità con due liberi di Imbrò ma il numero 30 di Legnano è letteralmente on fire e piazza altri cinque punti per il 59-62 a poco più di 6′ dalla conclusione. Arrivano altri due punti a cronometro per l’esterno della TWS, Imbrò colpisce in penetrazione ma il lay up di Navarini consegna il +5 ai suoi con 4′ da giocare. Capitan Gigli accorcia con due liberi ma anche Palermo fa per due volte percorso netto in lunetta, consegnando i suoi il massimo vantaggio (63-70) entrando nell’ultimo minuto. Gli amaranto non trovano più la via del canestro così Legnano passa al Ponte Grande con il punteggio di 63-72.

TABELLINI

Risultato finale: FMC Ferentino – TWS Legnano 63-72 Parziali: 16-20, 20-15, 19-15, Ferentino: Guarino 2, Capuani n.e., Musso 11, Gigli 17, Datuowei n.e., Imbrò 6, Gilbert 3, Carnovali 3, Bertocchi n.e., Benvenuti 8, Raymond 13. Legnano: Navarini 9, Maiocco 2, Palermo 8, Martini 11, Ihedioha 2, Sacchettini, Gastoldi n.e., Raivio 24, Tognati n.e., Mosley 16, Battilana. Foto: F. Savelloni

27 giugno 2010 0

Disabile in mare con l’auto, riesce a liberarsi dalla cintura e a salvarsi

Di redazione

Diversamente abile, ma capace, per fortuna, di nuotare. Così un portatore di handicap si è salvato dopo che l’auto su cui stava è caduto nel porto di Pescara. L’uomo era insieme al padre e per errore, alla partenza, ha ingreanato la prima anziché la retromarcia e l’auto, dopo un salto di alcuni metri, è finita nell’acqua con il suo carico umano. Il disabile è riuscito a sganciare la cintura di sicurezza e ad uscire dall’auto prima che andasse completamente a fondo. Stessa manovra è riuscita al padre ed entrambi sono riusciti a risalire sul molo grazie anche a testimoni che si sobno tuffati in loro soccorso.

10 marzo 2010 0

Non riesce il ‘colpaccio’ a Rocca D’Evandro, fermata dal pareggio con Atletic Mignano

Di redazionecassino1

Non riesce il ‘colpo grosso’ a Rocca D’Evandro di conquistare, in solitario, la vetta della classifica nel torneo di ‘Eccellenza’. Fermato dal pareggio, 2 a 2, con Atletic Mignano, deve accontentarsi di un solo punto e dividere il primato con Volkswagen Cassino a quota 49, senza approfittare neppure del turno di riposo di questa formazione. Non perde colpi, invece, Shascia Boys, che battendo Moscuso con un sonante 4 a 0, lo raggiunge a quota 39 e si avvicina sempre più alla terza posizione in classifica. Negli scontri di bassa classifica, invece, a spuntarla sono Cerreto che batte, 2 a 1, Yammo. It. e Folgore Pico che batte, 3 a 1, Castelnuovo. Colfelice ha la meglio, in trasferta, su Colle San Magno, per 0 a 2. Senza storia, invece, lo scontro fra le due formazioni sorane dove Cenceglie Sora’08, in trasferta, rifila un secco 1 a 10 al fanalino di coda Elite Sora. Fatica, ma vince 3 a 2, Longobarda Pontecorvo contro il Portella Calcio e consolida il suo terzo poso a sole cinque lunghezza dalle prime. Trentatre le reti segnate nell’ottava giornata del girone di ritorno. Nella speciale classifica dei bomber, resta saldamente in testa Diego Matrunola (Rocca D’Evandro) con 23 punti, seguito, a 12 centri, da Domenico Di Cesare ( Moscuso) e Fulvio Carnevale (Portella).  Il prossimo turno vedrà le squadre capolista impegnate in confronti poco impegnativi, ma in trasferta. Volkswagen Cassino dovrà affrontare Folgore Pico, mentre Rocca D’Evandro sarà impegnata sul terreno del Portella Calcio. Non potrà più commettere passi falsi Moscuso, opposto nella nona giornata ad Atletic Mignano, se vorrà restare agganciato alla parte alta della classifica. Non dovrebbe avere problemi Longobarda Pontecorvo contro Elite Sora.