Tag: rischiando

18 ottobre 2016 0

Trova una granata e se la porta a casa rischiando di saltare per aria

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Veroli – Trova in Molise una granata da artiglieria, perfettamente funzionante e se la porta a casa a Veroli. Protagonista è A.G. 36 anni residente nella cittadina Ciociara denunciato dai carabinieri della Compagnia di Alatri  a seguito di una perquisizione domiciliare grazie alla quale è stato ritrovato il pericoloso residuato bellico.

L’uomo ha raccontato di aver trovato la bomba in una zona montuosa del Molise e inconsapevole del pericolo, l’aveva trasportata a casa senza alcun genere di attenzione.

Nell’abitazione, quindi è intervenuta anche una un’unità di artificieri – antisabotaggio dei Carabinieri di Roma per disinnescare l’ordigno, mentre l’abitazione dell’uomo veniva evacuata con apposita ordinanza del Sindaco di Veroli e opportunamente transennata e vigilata.

 

7 agosto 2010 0

Seminuda e con l’orsacchiotto 35enne a spasso sul tetto di casa rischiando di cadere

Di redazione

Il caldo, o forse un pizzico di follia o entrambe le cose, ha fatto si che oggi pomeriggio in via Sferracavalli a Cassino, una donna di 35 anni madre di una bimba di 5 anni, desse i numeri. Non è ben chiaro cosa volesse fare dal tetto della sua casa che sta proprio di fronte al carcere San Domenico di Cassino. Certo è che slip e reggiseno, con un orsacchiotto in mano e con in volto disegni tribali, ha attirato le attenzioni di molti e le preoccupazioni di chi ha pensato ad un suicidio. Sul posto, quindi, sono arrivati, vigili del fuoco, ambulanza e agenti di polizia. La donna che dal tetto si muoveva con frenesia rischiava, se non per scelta, di cadere accidentalmente. [nggallery id=162] E’ nata una lunga trattativa per tentare di convincerla a scendere. Lei farfugliava motivi poco chiari, ma testimoni avrebbero riferito che questa mattina, sempre “vestita” in quella maniera, avrebbe bussato al portone del carcere chiedendo la liberazione del marito. Alla fine, sarebbe stata convinta a scendere solo per fumare una sigaretta. Una volta rientrata dalla finestra, un vigile del fuoco ha chiuso il suo accesso al tetto e, quindi, è stata affidata alle cure degli operatori del 118 che l’hanno trasportata in ospedale a Pontecorvo per un ricovero nel reparto di igiene mentale. Ermanno Amedei ermadei@libero.it