Tag: rotary

24 gennaio 2017 0

Attivato in Comune il defibrillatore donato dal Rotary Club Cassino

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Si è svolta questa mattina presso la Sala Restagno del Comune di Cassino l’incontro per l’attivazione del defibrillatore donato all’ente di piazza De Gasperi dal Rotary Club Cassino. Hanno presenziato all’evento il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro, il Vicesindaco e Assessore alla Sanità, Carmelo Palombo, il presidente del Rotary, Michele Ciufo, i past president, Sergio Ricchiuti e Francesco Patini, il membro del consiglio direttivo, Francesco Di Murro, il personale del Comune di Cassino formato per l’uso del defibrillatore in caso di emergenza e due volontarie della Croce Rossa che hanno predisposto l’occorrente per una simulazione eseguita da uno degli agenti di Polizia Municipale abilitati. “Finalmente siamo riusciti grazie al Rotary Club di Cassino anche a formare il personale del comune per l’utilizzo di questo importante strumento. –ha detto il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro – Ringraziamo quindi il presidente Ciufo a nome di tutta l’amministrazione comunale, per questo ennesimo gesto per la comunità, un dono straordinario che rappresenta un bene prezioso per tutti i cittadini e per i dipendenti del Comune di Cassino”. “Il Defibrillatore semiautomatico esterno non è un mezzo indicato solo per i punti di primo soccorso, i reparti di rianimazione o solo per il mondo dello sport, – ha detto Carmelo Palombo potrebbe e dovrebbe stare ovunque, in ogni punto delle nostre città. Dai grandi centri commerciali, ai parchi, dalle stazioni alle piazze. Questo perché il reale valore del DAE sta proprio nella sua facile trasportabilità e rapidità. Ecco perché questa amministrazione sta intraprendendo un percorso virtuoso per riuscire a rendere Cassino una città Cardio Protetta. Insieme al Rotary Club di Cassino ed a tutti coloro che vorranno partecipare, associazioni e cittadini lavoreremo, nei limiti del possibile, per munire di defibrillatori tutte le zone della città, dagli edifici pubblici agli impianti sportivi. Questa è l’unica possibilità per aumentare la sopravvivenza nell’arresto cardiaco a breve, medio e lungo termine”. Ha concluso il Vice Sindaco, Carmelo Palombo.

15 novembre 2016 0

Rotary Club – Referendum costituzionale, informazione e confronto tra il SI e il NO

Di Antonio Nardelli

Si terrà venerdì 18 novembre un incontro aperto ai cittadini sul tema del Referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre, presso il Forum Palace Hotel di Cassino, con inizio alle ore 19,30.

Le ragioni del Si e quelle del No verranno illustrate in un confronto informativo i cui relatori saranno i professori dell’Università degli Studi di Cassino, Fulvio Pastore, professore associato di Diritto Costituzionale, Pasquale Passalacqua, professore associato di Diritto del Lavoro e Luigi Di Santo, ricercatore di Filosofia del Diritto e professore associato.

“Il 4 dicembre gli italiani saranno chiamati ad esprimersi per il Referendum Costituzionale – ha dichiarato Michele Ciufo, Presidente del Rotary Club di Cassino -. Si tratta di un momento importante per la vita democratica del nostro Paese, in cui si avverte la responsabilità di votare con consapevolezza. Per queste ragioni il Rotary Club di Cassino ha voluto organizzare un’incontro-dibattito aperto a tutti i cittadini per contribuire a rendere piena informazione sui cambiamenti e sugli effetti che la riforma può produrre.”

13 novembre 2016 0

Il maestro Maurizio Turriziani al Rotary club Frosinone.

Di admin

Frosinone – Direttore dell’Orchestra di Camera di Frosinone (in molti lo avranno applaudito, alcuni giorni fa, al Nestor, in “Concerto per Marco”, iniziativa benefica dedicata a Marco Santarelli e a tutte le vittime del terremoto), il maestro Maurizio Turriziani è una delle eccellenze del territorio: contrabbassista, dopo gli studi al “Refice”, si è perfezionato a Londra, Vienna e New York.

Ospite abituale delle più importanti sale da concerto di tutto il mondo, ha collaborato e stretto rapporto di amicizia con alcune delle più grandi personalità, come Leonard Bernstein, Daniele Paris, Ravi Shankar, Ennio Morricone (che ha dedicato a lui la composizione originale intitolata “Braevissimo”), Cecilia Gasdia, Uto Ughi. Il maestro (di cui qui, per brevità, è stato riportato solo un estratto del lunghissimo curriculum) è stato ospite, nei giorni scorsi, del Rotary club Frosinone, con un appassionante intervento sullo stato dell’arte musicale, in Italia, da cui è scaturito un vivace dibattito tra i soci dell’associazione.

“I musicisti, in Italia, vivono una situazione illogica – ha spiegato il maestro dopo essere stato introdotto alla platea presente dal presidente del club, Pietro Raimondi – siamo più penalizzati che ignorati, in realtà. Lo Stato ha preferito investire nella formazione, tralasciando la produzione: i ragazzi, dopo aver compiuto gli studi, non hanno sbocchi professionali”.

Turriziani ha ripercorso le tappe che hanno condotto all’istituzione del Conservatorio di Frosinone, ricordando anche la figura di Daniele Paris e puntando il dito contro la scarsità di enti in grado di proporre il repertorio sinfonico in Italia. “Ciò che accade in questo Paese è paradossale: eppure, il linguaggio musicale parla la nostra lingua. La notazione musicale fu codificata da Guido D’Arezzo, i metronomi sono scritti in italiano.

Stradivari definì e codificò degli strumenti – violini, viole, violoncelli – che, da allora, non sono stati oggetto di evoluzione, perché perfetti. Siamo depositari della più grande tradizione mondiale di liuteria”. Turriziani ha sottolineato come la musica insegni “la sussidiarietà. Quando si suona insieme, bisogna aiutarsi l’un l’altro, perché se chi ci sta accanto commette un errore, tutti rischiano di sbagliare”, concludendo così: “La musica è un grande investimento per l’Italia”.