Tag: salvini

20 agosto 2018 1

Video rap contro il ministro Salvini ad Alatri, denunciato giovane straniero

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ALATRI – E’ stato individuato e denunciato dai carabinieri e dalla Digos il giovane straniero richiedente asilo politico che, a margine della il Festival del Folklore, la manifestazione canora che si è svolta ad Alatri, ha composto e cantato una canzone rap dedicata al ministro dell’Interno Matteo Salvini e alla politica che sta perseguendo in fatto di immigrazione.

Un testo in italiano certamente non amichevoli ma di dura contestazione addossando al segretario della Lega le responsabilità dei morti nel Mediterraneo.

Una esibizione estranea al concorso canora che è stata ripresa e postata sui social network fino a quando non è stata rimossa perché ritenuta una “incitazione all’odio”.

Prima, però, i carabinieri comandati dal colonnello Fabio Cagnazzo e gli agenti della Digos, lo hanno individuato e denunciato per diffamazione a mezzo stampa, Ingiuria, con l’aggravante di aver fatto la diffamazione ad un rappresentante di un corpo politico.

Ermanno Amedei

6 luglio 2018 0

Sequestrati beni ai Casalesi per 60 milioni tra Caserta e Frosinone, lo dice Salvini su Facebook

Di admin

FROSINONE – Beni per 60 milioni di euro sarebbero stati sequestrati dalla polizia al claan dei casalesi tra la provincia di Caserta e quella di Frosinone

A darne notizia sul suo profilo facebook è il ministro dell’Interno Matteo Salvini che testualmente pubblica: “Nelle province di Caserta e Frosinone è in corso il sequestro di aziende, terreni e automobili di proprietà del clan dei Casalesi, per un valore totale di 60 MILIONI di euro. Complimenti alla Polizia di Stato per questa straordinaria operazione. Ieri, oggi e domani: #lamafiamifaschifo”.

11 giugno 2018 0

La cronaca della giornata – Salvini chiude i porti italiani ai migranti, la Spagna li apre… almeno per oggi

Di admin

LA CRONACA DELLA GIORNATA – Il ministro degli Interni Matteo Salvini ha chiuso i porti Italiani alla nave Aquarius che aveva caricato dalle coste libiche 629 migranti tra cui sette bambini ed alcune donne incinte. Salvini rivendicava l’obbligo di far sbarcare i migranti a Malta considerata primo porto sicuro.

Le autorità dell’isola hanno rifiutato sostenendo che il soccorso nelle acque libiche era stato effettuato dagli uomini della Guardia costiera italiana e che quindi lo sbarco sarebbe dovuto avvenire in un porto italiano.  Si tratta del primo provvedimento preso (a dire il vero ieri) dal neoministro che ha, a suo dire (ed è vero), cominciare ad affrontare il problema migranti convolgendo tutte le autorità, soprattutto quelle europee. Ma l’iniziativa ha innescato una serie di diverse reazioni con chiavi di lettura politiche e giornalistiche, soprattutto in Italia.

Fronte comune con M5S e con il ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli, al cui ministero spetta la competenza sui porti e sulla Guardia Costiera; Centrodestra ricompattato con appoggio di Fratelli d’Italia e di Forza Italia; bordate dalla sinistra e dal centro sinistra; porti aperti, almeno negli annunci dei sindaci, a Napoli e Palermo e, solo inizialmente, anche a Livorno dove il sindaco M5s aveva dato la disponibilità con un post su un social subito dopo rimosso.

Mentre per una notte e la mattinata di oggi l’Aquarius, battente bandiera di Gibilterra, girovagava tra Malta e la costa italiana, nel primo pomeriggio, con un messaggio annunciato sui social, il premier spagnolo annunciava di essere disposto ad accogliere i migranti nel porto di Valencia. Un gesto definito da molti di grande umanità e solidarietà che è stato accompagnato dagli echi di altri che invece hanno sospirato un liberatorio “finalmente”. In molti ricorderanno, ed ancora senza comprenderlo, le navi della guardia civil spagnola entrare nei porti Italiani per sbarcare migranti salvati nel Mediterraneo.

Di fronte a questa soluzione Salvini non ha perso tempo e in una conferenza stampa ha rivendicato il raggiungimento del risultato: far arrivare meno immigrati in Italia. Piaccia o non piaccia, a favore o contro, elettori o non elettori della Lega: parole della campagna elettorale che diventano concrete.

Tutto questo in attesa di scoprire cosa accadrà con il prossimo barcone di disperati.

Ermanno Amedei

18 maggio 2018 0

La puntura di Ultimo… a Di Maio e Salvini

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Tra Usa e Germania ormai è scontro totale su dazi, l’Iran e il gasdotto con la Russia. Sarà interessante vedere cosa farà l’Italia.

Abbracceremo gli interessi dell’ alleato storico o quelli della sempre più trabordante potenza europea?Sceglieremo la protezione militare o quella economica? E la decisione che verrà presa sarà anche negli interessi dell’Italia?

Altro che Fornero, flat tax o reddito di cittadinanza. La prima sfida di Di Maio e Salvini sarà proprio questa”.

Ultimo

8 maggio 2018 0

La puntura di Ultimo… a Salvini

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Salvini dice di voler cambiare il paese ma poi vuole portarsi Berlusconi al governo. Ha avuto la possibilità di governare, potendo applicare gran parte del suo programma, ma ha rifiutato. Andremo di nuovo alle elezioni e chissà per quanto tempo ancora l’Italia non avrà un esecutivo. E tutto questo perché il leader della lega non ha il coraggio di prendersi le sue responsabilità”.

Ultimo

13 aprile 2018 0

La puntura di Ultimo… a Salvini ostaggio di Berlusconi

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “L’ ottantaduenne Silvio Berlusconi è ancora in grado di determinare la nascita o meno del governo in questo Paese.

Nonostante M5S e Lega abbiano i voti per dare inizio ad un esecutivo finalmente diverso da quelli che negli ultimi 25 anni hanno fatto solo disastri, l’ex Cavaliere, tra l’altro inelegibile perché pregiudicato, continua ad essere un protagonista di cui tenere conto. Giochi di potere volteggiano sulle nostre teste.

I governi del centrodestra in Lombardia e Veneto sono più importanti del governo nazionale? Salvini si sta giocando il futuro suo e della Lega. Ed ha sbagliato cavallo. Intanto l’ Italia rimane a piedi”.

Ultimo

4 aprile 2018 0

La puntura di Ultimo… a Matteo Salvini

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Dopo averla sparata grossa, proponendo l’espulsione di due diplomatici francesi come ritorsione ai fatti di Bardonecchia, visto che poi non è più ritornato sull’argomento, si spera che Matteo Salvini abbia finalmente capito una cosa: per fare il premier bisogna avere il cervello acceso ventiquattr’ore al giorno”.

Ultimo

3 aprile 2018 0

La puntura di Ultimo… a Salvini per i fatti di Bardonecchia

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Dopo i fatti di Bardonecchia, Salvini ha detto che per ritorsione l’Italia dovrebbe espellere due diplomatici francesi. Strano però, perché fino ad oggi, era sembrato che Salvini fosse a favore dei respingimenti alla frontiera e contrario all’ingerenza delle ONG. Questa volta, prima di parlare, era meglio contare fino a dieci. Oppure informarsi meglio sui fatti…”.

Ultimo

.

26 marzo 2018 0

La puntura di Ultimo a… Salvini e Di Maio

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Sistemata la questione della presidenza delle Camere, tutti aspettano ora di vedere cosa succederà per il governo. Gli elettori però, nelle urne, hanno mandato un messaggio forte e chiaro: Terza Repubblica. Di Maio e Salvini, ora vediamo cosa sapete fare”.

Ultimo