Tag: scalia

8 luglio 2010 0

Società aeroportuale, Scalia fa gli auguri al neo presidente Iannarilli

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Formulo ad Antonello Iannarilli i miei migliori auguri per la sua nomina a presidente della società Aeroporto di Frosinone S.p.A..”. A parlare è Francesco Scalia, consigliere regionale del Pd che aggiunge. “Dopo che l’ipotesi dello scalo aeroportuale a Viterbo si è fermata al CIPE, l’aeroporto di Frosinone rimane l’unica possibilità in tempi ravvicinati di adeguamento del sistema aeroportuale laziale alla crescente domanda di traffico aereo.C’è il progetto, c’è la localizzazione da parte della Regione, c’è la conferenza di servizi avviata. Ci sono, in buona sostanza, tutte le condizioni per arrivare in tempi brevi alla gara per l’individuazione dell’operatore privato che dovrà realizzare e gestire l’opera.Come rappresentanti del territorio, di maggioranza e di opposizione, uniamo le forze e lavoriamo compatti per realizzare un’opera da cui dipendono molte delle prospettive di sviluppo della nostra provincia”.

5 luglio 2010 0

Scalia (Pd): “L’ospedale rischia di perdere il Dea di secondo livello”

Di redazione

Il consigliere regionale Francesco Scalia ha presentato un’interrogazione a risposta immediata per sapere dalla Presidente Polverini, nella sua qualità di Commissario ad acta della sanità, se nella nuova programmazione sanitaria viene confermata la qualifica di DEA di II livello per l’ospedale di Frosinone. “Il riconoscimento quale DEA di II livello dell’Ospedale di Frosinone è a rischio”, ha affermato Scalia. “Infatti, il centrosinistra aveva nel 2008 operato un riequilibrio dei posti letto a favore degli ambiti provinciali, rispetto a Roma, riconoscendo all’ASL Frosinone 167 p.l. in più, 66 dei quali destinati al P.O. Umberto I proprio per l’attivazione del DEA di II livello. Ancora il Piano sanitario regionale 2009-2011 evidenziava che “è stato ritenuto opportuno programmare un adeguato potenziamento dell’Ospedale Umberto I, propedeutico al suo riconoscimento di DEA di secondo livello dell’Area Sud”. Ebbene, il decreto n. 48 del 31.5.2010 della Polverini, non solo cancella i posti letto in più riconosciuti alla ASL Frosinone ed all’Ospedale Umberto I (facendoci precipitare sotto il 2 per mille nel rapporto posti letto per acuti abitanti), ma disattiva altri 21 posti letto dell’Ospedale stesso. Se i posti letto in più erano propedeutici al riconoscimento di DEA di II livello – ha continuato Scalia -, l’averli cancellati, ed averne disattivati altri, rappresenta un sicuro passo indietro rispetto a quell’obiettivo. Non solo, ma il Piano della Polverini accorpa la ASL Frosinone con le ASL RM A e RM G in un’unica macroarea, comprensiva del Policlinico Umberto I. Quindi la nostra macroarea (entro la quale va garantita l’autosufficienza sanitaria) avrebbe già un DEA di II livello (il Policlinico Umberto I, appunto); peccato che si trovi a Roma! Ed il fatto che abbia lo stesso nome del nostro ospedale non è certo una consolazione”. Scalia ha chiesto alla Polverini anche quando verrà trasferito l’Ospedale di Frosinone presso la nuova struttura, completata ed interamente attrezzata dal febbraio scorso.

1 luglio 2010 0

Scalia partecipa alla mobilitazione contro l’aumento dei pedaggi autostradali

Di redazione

Anche il consigliere regionale del Pd, Francesco Scalia, sarà presente domani, venerdì 2 luglio 2010, alle ore 10.30, presso il casello autostradale di Fiano Romano. Nei pressi del casello il Pd Lazio ha organizzato una manifestazione contro l’aumento dei pedaggi autostradali a Roma e nel Lazio decisi dal Governo e subiti dalle attuali amministrazione del Comune di Roma e della Regione Lazio che penalizzano pendolari e imprese. Alla manifestazione parteciperanno i sindaci dell’area Tiberina e dei Comuni reatini. Alle ore 11.00, sempre nell’area del casello, è prevista una conferenza stampa alla quale parteciperà il capogruppo Esterino Montino. “Sarò presente a questa iniziativa – ha detto tra l’altro Scalia – poiché ritengo ingiusto il “salasso” imposto ai cittadini dal governo nazionale, sulle percorrenze di abitanti, pendolari, trasporto merci, nel sistema della viabilita’ Anas di Roma e provincia. Si tratta di misure che, ancora una volta, il centro-destra mette in atto per penalizzare i cittadini della Ciociaria e del Lazio”. Da oltre 15 anni l’Anas provava ad introdurre il pedaggio, sia pure mascherato, sul Gra, e non si è mai attuato nessun aumento. Tutti i tentativi sono stati sempre respinti dal Centro-sinistra per evitare ulteriori spese ai tantissimi pendolari e ai rappresentanti delle imprese oltre che sui cittadini.

25 giugno 2010 0

Noleggio di auto della Regione, Scalia: “Illegale prendere solo le italiane”

Di redazione

“Leggo che la Giunta regionale del Lazio ha deliberato di procedere al noleggio di sole autovetture italiane. Intento lodevole. Peccato che questa delibera sia in insanabile contrasto con la normativa comunitaria, che vieta di discriminare nelle gare di appalto le imprese in base alla loro nazionalità”. A parlare è Francesco Scalia, consigliere regionale del Pd che ha aggiunto: “Infatti, l’art. 12 del Trattato CE dispone che “Nel campo di applicazione del presente trattato (…) è vietata ogni discriminazione effettuata in base alla nazionalità”; inoltre, a norma dell’art. 3 della Direttiva 2004/18 CE “L’aggiudicazione degli appalti negli Stati membri (…) è subordinata al rispetto dei principi del trattato ed in particolare ai principi (…) di non discriminazione (…)”. Pertanto, gli eventuali futuri bandi di gara che dovessero contenere la prescrizione della suindicata delibera della Giunta regionale sarebbero illegittimi”. Credo – ha concluso Scalia – sia giunta l’ora, a tre mesi dalle elezioni, che la Presidente Polverini cessi con le proprie iniziative estemporanee e propagandistiche e cominci seriamente ad amministrare la nostra Regione, ad oggi completamente ferma”.

30 aprile 2010 1

Scalia: “La Polverini ha offeso l’intera provincia”

Di redazione

“E’ davvero grave il comportamento del presidente Polverini che, dopo un’attesa di diverse ore, non ha voluto ricevere il presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli, insieme alla delegazione di amministratori presenti dinanzi i cancelli della Regione”. Inizia così la nota del consigliere regionale Francesco Scalia che aggiunge:”Da ex presidente della Provincia di Frosinone non posso non denunciare l’offesa recata dal Presidente della Regione all’istituzione che ho avuto l’onore di rappresentare per dieci anni. Più in generale, sotto il profilo politico, debbo rilevare lo schiaffo assestato alla nostra provincia, che per la prima volta si trova senza un proprio rappresentante in Giunta regionale. La Polverini ha già tradito almeno due impegni presi con gli elettori: quello di assicurare una presenza in Giunta a ciascuna provincia e quello di nominare un numero di donne superiore a quello imposto dalla Statuto. Inoltre, a quanto leggo, ha rotto anche l’impegno elettorale con l’UDC. Credo si possano trarre alcune considerazione non confutabili da tutta questa vicenda, al di là delle chiacchiere propalate in campagna elettorale: 1) il carattere pesantemente “romano-centrico” del centro-destra laziale; 2) l’assoluta irrilevanza politica del centro-destra provinciale; 3) l’inaffidabilità politica del Presidente Polverini”.