Tag: schiena

8 giugno 2018 0

Un 40enne aggredisce due vicine di casa, ma finisce azzannato al braccio e alla schiena dal suo cane

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

AMASENO – Brutta avventura per due donne di contrada Valle Mottola, ad Amaseno, aggredite da un 40enne vicino di casa.

L’uomo, Leone Luca Nemo di 40 anni, disoccupato con precedenti penali, aggrediva con una mazza le due donne, sembra dalle prime testimonianze, per vecchi dissapori. Non soddisfatto l’aggressore, nonostante le due donne fossero ferite e a terra in attesa d essere trasportate in ospedale, con un machete si accaniva contro la macchina delle malcapitate, danneggiandola.

Sembra, inoltre, che l’aggressore, fosse possessore di un cane razza rottweiler. L’animale agitato dal trambusto del pestaggio avrebbe aggredito il proprio padrone azzannandolo all’avambraccio e alla schiena procurandogli gravi lesioni.

Sul posto per gli accertamenti e le indagini i carabinieri di Amaseno e due ambulanze del 118 che hanno prestato le prime cure alle donne e al loro aggressore.

foto di archivio

 

24 dicembre 2017 0

Campocatino, coppia di coniugi feriti alla schiena cadendo dal Bob

Di admin

GUARCINO – Moglie e marito sono rimasti feriti oggi mentre si divertivano con un bob scendendo una discesa innevata a Campocatino. Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) del Lazio è prontamente intervenuto per recuperare la coppia infortunata.

I due, quarantacinquenni di nazionalità moldava e residenti a Roma, scendendo con un bob non si sono accorti di un dosso di circa 1 metro d’altezza e, cadendo dopo il salto, hanno riportato due traumi alla schiena.

L’uomo, che conduceva il bob, ha anche riportato un trauma ad una caviglia. Sul luogo dell’incidente è subito giunto un tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino che si trovava a Campocatino per attività alpinistiche personali.

Sul posto, successivamente, sono giunti due elicotteri sanitari della Regione Lazio con a bordo il personale del 118 e un tecnico del CNSAS. Il primo ad essere recuperato, a bordo di Pegaso 44, è stato l’uomo; la donna è stata recuperata a bordo di Pegaso 33 tramite vericello dal tecnico del Soccorso Alpino, quindi senza che l’elicottero atterrasse. Entrambi sono stati trasferiti in ospedale a Roma.