Tag: sconfitto

27 novembre 2017 0

Cassino cala il poker, sconfitto Scauri al PalaVirtus

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La Virtus Cassino continua la sua corsa, sconfigge la combattiva formazione del litorale sud pontino, il Basket Scauri e inanella la quarta vittoria consecutiva in questo Campionato nazionale di Serie B, girone D, edizione 2017-18 in occasione della decima giornata della regular season, girone di andata.

Alla vigilia però molti addetti ai lavori avevano fotografato il match come un derby di alta quota. In effetti alla palla a due arrivava due formazioni che possono contare su un bottino non indifferente di 10 punti in classifica. Due formazioni dunque appaiate a quota 10 punti.

La pratica per i cassinati però non è stata affatto semplice da archiviare. Gli uomini viaggianti in maglia bianco blù sostenuti da un appassionato pubblico al seguito hanno reso più che difficile la vita a Carrizo e compagni.

Questi ultimi però prima del match avevano potuto festeggiare una prima buona notizia. Infatti in panchina per i benedettini si accomodava dopo oltre due mesi di assenza e per la prima volta in questo campionato il pivot titolare di Vettese, Simone Bagnoli. Il forte giocatore rossoblù riassaporava in tal modo, come scritto, dopo quell’incubo iniziato il 15 settembre, l’odore del parquet ed il sapore di un evento agonistico, lui che è veterano di mille battaglie. C’è da dire che il coach della BPC, Luca Vettese, non lo chiamerà mai in causa nel corso della tenzone ma il rivederlo in campo al momento della presentazione è stato accolto dal pubblico della Città martire con un grande e lungo applauso quasi liberatorio.

Detto di questa buona notizia non si può sottolineare invece come la BPC Virtus Cassino sia caduta nel corso del match in amnesie e passaggi a vuoto che hanno costellato il cammino sin qui in campionato della truppa Vettese.

E iniziamo subito col raccontare gli ultimi minuti di gioco di una gara virtualmente chiusa dal “rabbioso” tap-in di un redivivo Nicolò Petrucci su una conclusione dalla lunga distanza di Enzo Cena.

Il tabellone a 4 minuti e rotti dal termine segna a questo punto il 76 a 60 per i padroni di casa.

Match virtualmente in ghiaccio? Assolutamente no, perchè con la BPC di quest’anno non si può mai dormire sonni tranquilli.

“Ho visto materializzarsi nuovamente il fantasma del finale della gara con Barcellona” commenterà poi in sala stampa il Direttore Sportivo della Virtus Cassino, il dott. Leonardo Manzari .

Ed è proprio così perché in soli tre minuti e mezzo Richotti, Serino, Longobardi ma tutti gli atleti scauresi mettono a segno un pazzesco parziale di 15 a 2.

Tutto è riaperto a 1 minuto e 35 secondi dal termine allorquando il punteggio sul tabellone recita 78 a 75. In buona sostanza la distanza tra le due contendenti si assottiglia ad un solo possesso.

Si rende necessaria, serve per i padroni di casa una buona dose di forza mentale e soprattutto di sangue freddo per arginare l’emorragia emotiva di un inerzia completamente spostata in favore di Scauri. Esaltata e sospinta, quest’ultima, dal pubblico viaggiante. Annichilito sull’altro fronte il tifo rossoblù che assiste impietrito al materializzarsi di un altro possibile incubo.

Serviva un esorcista. Serviva un uomo dal sangue gelido.

Ed ecco che si materializza sul parquet del Pala Virtus di Via De Feo il profilo giusto, quello del numero 99 con la V sul petto, Manuel Carrizo, il quale con un paio di capolavori tecnici manda in visibilio il versante rossoblù ed impedisce ai ragazzi di Sabatino il materializzarsi di un sogno coltivato con abnegazione e impegno straordinari.

Ad un minuto e mezzo dal termine una delle azioni più belle a memoria di tifoso Virtus.

Il pressing degli uomini del sud pontino impedisce a Lorenzo Panzini di prendere palla per impostare l’azione. 78-75 recita il tabellone.

Impedisce di portare avanti il pallone ma se ne occupa Biagio Sergio , il fantastico lungo cassinate ( altra doppia doppia per lui stassera con 18 punti realizzati e ben 10 rimbalzi , ndr) non ha paura e supera la metà campo innescando lo stesso Panzini sull’arco dei 6.75.

Il play cassinate gioca un pick and roll laterale con Manuel Carrizo che disorienta il controllore del fuoriclasse argentino, Longobardi.

Carrizo non ha paura, e come potrebbe averne…

Sospensione dai 7 metri abbondanti e solo cotone per l’ala piccola cassinate. E’ un boato che rende questa partita bellissima per l’intensità ed il pathos che solo la palla a spicchi riesce a regalare.

Un lungo boato accompagna lo splendido gesto tecnico del rossobù che fissa il punteggio sull’ 81 a 75 a poco più di un minuto dal termine .

Scauri sbaglia sull’altro fronte e Manuel Carrizo sente l’odore della vittoria.

E’ in assoluta trance agonistica, raccoglie nuovamente il pallone e dal lato sinistro del canestro avversario , ben marcato da Serino , mette a segno un tiro pazzesco che fissa il punteggio sull’ 83 a 75 .

Il resto sono solo titoli di coda.

La gioia pervade il Pala Virtus nel versante dei tifosi padroni di casa.

Manuel Carrizo è senza dubbio l’MVP di giornata con i suoi 19 punti e gli otto, dicasi otto assist distribuiti ai compagni di squadra.

I cassinati inanellano la quarta vittoria consecutiva e raggiungono quota 12 in classifica. Sabato prossimo, 2 dicembre si torna al Pala Virtus, con ospite Capo d’Orlando e sarà un’altra battaglia sportiva statene certi.

BPC Virtus Cassino – Basket Scauri 85-77

Parziali 19-20, 23-15, 21-17, 22-25

BPC Virtus Cassino: Manuel Carrizo 19 (5/7, 3/3), Biagio Sergio 18 (5/7, 1/3), Nicolò Petrucci 16 (2/6, 4/6), Enzo Cena 15 (4/7, 1/7), Lorenzo Panzini 9 (2/5, 1/5), Maurizio Del Testa 8 (4/4, 0/5), Giuseppe Di Poce 0 (0/0, 0/0), Fabio Guglielmo 0 (0/0, 0/0), Fabrizio De Ninno 0 (0/1, 0/0), Robert Banach 0 (0/0, 0/0), Simone Bagnoli 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 11 / 12 – Rimbalzi: 36 12 + 24 (Biagio Sergio 10) – Assist: 26 (Manuel Carrizo 8)

All. Vettese Ass. Incelli

Basket Scauri: Serino 19 (8/13, 0/1), Provenzani 14 (4/9, 2/5), Longobardi 13 (1/5, 3/6), Richotti 10 (4/8, 0/1), Marzullo 9 (2/3, 1/4), Manzo 8 (2/2, 1/3), Casoni 4 (2/2, 0/1), Zolezzi 0 (0/0, 0/0), Okon 0 (0/0, 0/0), Chakir 0 (0/0, 0/0),  Varga 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 14 – Rimbalzi: 29 8 + 21 (Serino 9) – Assist: 17 (Richotti 9)

All. Sabatino Ass. Pontecorvo

MVP : Manuel Carrizo

27 marzo 2017 0

Basket A/2: Ferentino sconfitto (62-73) in casa dalla capolista Biella

Di redazionecassino1

Dopo due vittorie consecutive, la FMC Ferentino esce sconfitta dal Ponte Grande. La corsa dei gigliati si ferma di fronte alla capolista Biella che mette la freccia nel secondo periodo e riesce a gestire nella ripresa, tenendo a bada l’attacco amaranto. I ciociari devono inchinarsi dinanzi alla prova eccezionale di Mike Hall, autentico mvp di una gara in cui gli amaranto hanno comunque provato fino all’ultimo a rimettersi in carreggiata.

Avvio di gara dominato dalla difese tanto che dopo 2′ soltanto Massone e Gigli sono riusciti ad andare a segno. La partita prosegue sullo stesso trend, Biella riesce a trovare buone soluzioni in penetrazione con Ferguson e De Vico ma Ferentino risponde con il gioco in post basso di Radic e del suo capitano, tenendo il match in equilibrio. Nel finale Hall sblocca gli ospiti nel tiro dall’arco ma Imbrò segna il lay up che fissa il punteggio sul 10-11 alla prima pausa.

La FMC trova difficoltà in attacco anche ad inizio del secondo periodo, neanche l’Angelico gioca con grande fluidità ma le basta una tripla di Pollone e un paio di giocate firmate Ferguson – Udom per confezionare un break di 0-9 che vale il 10-19. Imbrò sblocca i ciociari dalla lunetta e poco dopo anche Gigli e Benvenuti trovano canestri facili nel pitturato, gli ospiti però rimangono avanti grazie al lavoro di Hall e Tessitori. Raymond e Hall si scambiano triple ma quest’ultimo colpisce altre due volte da lontano, propiziando il nuovo allungo piemontese. Successivamente la tripla di Musso e la penetrazione di Ferguson mandano in archivio il primo tempo sul 24-38.

Hall e Tessitori ricominciano bene nel terzo quarto, Carnovali prova a rispondere colpendo da dietro l’arco ma Biella tocca comunque il +16. Ferentino piazza un mini break di 5-0 con la coppia Raymond – Imbrò e torna a -11 ma a questo punto due falli fischiati a Musso su tiro da tre di Ferguson accendono il clima della gara. Ne conseguono una serie di tecnici che portano anche all’espulsione del giocatore argentino, Biella ne approfitta per rimanere avanti nonostante una fiammata finale di Carnovali (38-57 al 30′).

Nell’ultima frazione un 4-0 realizzato da Imbrò e Carnovali in meno di 30″ prova a ridare speranza agli amaranto ma le triple di Hall e Pollone ricacciano indietro i gigliati. Si alzano comunque le percentuali dalla lunga distanza: colpiscono Udom e il solito Hall per Biella mentre dall’altra parte vanno a segno ancora Imbrò e Carnovali, imitati da Raymond. Ferentino trova anche un paio di azioni in transizione e torna a -9 con 2′ da giocare ma l’Angelico riesce a gestire il suo vantaggio, vincendo per 62-73.

TABELLINI

Risultato finale: FMC Ferentino 62 – Angelico Biella 73 Parziali: 10-11, 14-27, 14-19, Ferentino: Guarino 2, Radic 2, Musso 5, Gigli 6, Ianuale, Mastrangeli n.e., Datuowei, Imbrò 17, Carnovali 12, Bertocchi, Benvenuti 6, Raymond 12. Coach: Paolini Biella: Ferguson 14, Hall 27, Massone 2, Pollone L. 6, De Vico 5, Udom 11, Pollone M. n.e., Wheatle, Rattalino, Pasqualini n.e., Tessitori 8. Coach: Carrea

foto Savelloni

13 febbraio 2017 0

Basket A2: Ferentino lotta per 40 minuti, ma esce sconfitto (78-69) a Casale Monferrato

Di redazionecassino1

La FMC Ferentino lotta per 40′ ma esce sconfitta dal Pala Ferraris di Casale Monferrato, dove la ORSI Tortona s’impone soltanto nel finale grazie alla maggior freddezza nell’ultimo quarto. I ciociari rimangono sempre in partita e conducono a lungo contro la seconda in classifica, coach Paolini dà spazio anche al giovane Bertocchi così come ai “baby” Capuani e Datuowei, tutti bravi a rispondere presenti con la giusta dose d’intensità. Non bastano però i 19 punti di Musso, i 18 di Raymond e i 16 con cinque triple a bersaglio di Carnovali anche perché i convalescenti Imbrò e Gigli non possono fornire il loro abituale contributo: gli amaranto escono a testa altissima ma non portano a casa punti. Avvio di gara nel segno dell’equilibrio con entrambe le squadre che trovano buone soluzioni sotto canestro, Gilbert in contropiede regala il primo vantaggio agli amaranto anche se poco dopo Tortona prova ad operare un break grazie alla precisione di Greene e Garri dalla distanza. I piemontesi toccano il +4 ma arriva prontamente la risposta di Musso che segna 8 punti consecutivi e riporta avanti i ciociari, nel finale Alviti e Raymond si scambiano triple con Ferentino che rimane avanti (17-19) alla prima pausa. Il n. 42 della FMC colpisce dalla lunga distanza anche in avvio di secondo periodo ma Cosey ristabilisce la parità con 5 punti di seguito. Coach Paolini varia molto le soluzioni tattiche, ordinando la difesa a zona e trovando tanta energia da Datuowei e Bertocchi in uscita dalla panchina, anche se le due squadre rimangono senza canestri per alcuni minuti. Nelle ultime battute Carnovali, sfruttando un’ottima circolazione di palla, sblocca la gara con tre bombe in rapida successione ma la FMC però non riesce a concretizzare la fuga perché la ORSI si affida a Greene, il quale manda tutti negli spogliatoi sul 36-38 grazie a un canestro dall’arco. Terzo periodo che si apre con ritmi più elevati, Tortona ne approfitta con Cosey che piazza altri 5 punti di seguito anche se Musso risponde con due bombe in pochissimo tempo e tiene lì i gigliati. I piemontesi trovano buone risposte anche da Cucci e Garri, serviti alla perfezione dagli scarichi degli americani, portandosi avanti di tre lunghezze e spingendo coach Paolini al timeout. Al rientro in campo la difesa amaranto torna a mordere, Carnovali spara ancora dall’arco trovando il pareggio a quota 50. Nel finale le percentuali si abbassano, Tortona sorpassa di nuovo e va all’ultimo riposo con due punti di margine (56-54) grazie al jumper di Greene. Nell’ultimo quarto è ancora Carnovali a colpire dalla lunga distanza per riportare avanti i ciociari ma i due USA della ORSI e il giovane Conti (con una bomba) danno il massimo vantaggio ai padroni di casa, costringendo coach Paolini al timeout sul 63-57 a 7’ dalla fine. Sarà questo il break decisivo dato che entrambe le squadre fanno terribilmente fatica a segnare, rimanendo senza canestri dal campo per più di 6’; Tortona però si fa trovare fredda a cronometro fermo e difende il suo vantaggio, anche perché i gigliati non sono altrettanto glaciali ai liberi. Ferentino ci prova fino alla fine con Raymond da sotto e Imbrò dalla lunghissima distanza, i piemontesi però non sbagliano un colpo neanche sul fatto sistematico della FMC, che deve arrendersi sul 78-69 finale. TABELLINI Risultato finale: Orsi Tortona 78 – FMC Ferentino 69 Tortona: Alviti 8, Greene 19, Cucci 8, Cosey 20, Sanna 3, Apuzzo n.e., Pilati n.e., Conti 5, Mascherpa 3, Taverna n.e., Garri 5, Ricci 7. Coach: Cavina Ferentino: Bertocchi, Datuowei 2, Gilbert 5, Musso 19, Raymond 18, Imbrò 3, Carnovali 16, Benvenuti 4, Capuani, Gigli 2. Parziali: 17-19, 19-19, 20-16, 22-15

5 novembre 2016 0

Pallamano: Cus-Cassino sconfitto in terra abruzzese da NHC Proger Teramo

Di redazionecassino1

Sconfitta preventivabile per il CUS Cassino che in terra abruzzese contro la NHC Proger Teramo, con il punteggio di 31 – 23 ( primo tempo 19 -13) è costretta ad abdicare le proprie speranze di vittoria. Rimasta in partita per 20 minuti, sul punteggio di 12 – 11 e in superiorità numerica subiva un passivo di due reti che creava in Pantanella (5 reti ), Monti Antonio (1 reti ), Uglietta Angelo (1 reti ), Uttaro Lorenzo (2 reti ) un calo di concentrazione che Cinelli (10 reti ), Barbuti (7 reti ),MUrri (6 reti ), non si sono fatti sfuggire ed in 7 minuti si sono portati sul 19 – 13. Nel secondo tempo La Monica ( 8 reti), Mitrano (4 reti ), Capomaccio (2 reti ) e D’ Ovidio hanno cercato in tutti i modi di recuperare un incontro oramai compromesso, riuscendo solo a subire un passivo sotto le due cifre. Dichiara La Monica Luigi “ eravamo consapevoli della superiorità della squadra di Franco Chionchio perché ci eravamo già incontrato nel torneo di Poggibonsi, dove subimmo un passivo di 15 reti, e conoscevamo la forza dei terzini abruzzesi, ma ogni partita ha una storia a se, e tutto è possibile e noi siamo abituati a lottare fino alla fine, anche quando ci troviamo in situazioni difficili e complicate. Sono certo che di questa sconfitta non né faremo un dramma, anzi per noi sarà da stimolo per fare meglio, in quanto, in questo secondo incontro e in trasferta abbiamo perso solo di 8 reti e in casa potremmo ribaltare questo risultato.”. Prossima settimana giornata di sosta che noi la dedicheremo a raffinare i nostri schemi e i nostri moduli di gioco contro l’ Handball Benevento Sabato alle ore 17.00 a Gaeta.

BPC CUS Cassino Gaeta84: CARBONE Antonio, D’OVIDIO Antonio, PANTANELLA Davide (5), MACONE Alessandro, VALENTE Raimondo, PERROTTA Raffaele , UGLIETTA Angelo (1), CURCIO Lorenzo, UTTARO Lorenzo (2), CAPOMACCIO Roberto, LA MONICA Luigi ( 8), MITRANO Manuel (4) MONTI Antonio (1), MONTI Roberto, Allenatore VIOLA Antonio, Medico MAGLIOZZI Francesco, Dirigente DI LIEGRO Luigi

NHC Progrer Teramo: Canzanese G, Collevecchio A., Barbuti D (7), Cinelli J. (10), Ferrante M. (3), Morale A. (3), Murri A (6), Campioni R., Ricci P., Barbuti R, Ricci R, Sturba S (1), D’ Argento S., (1), Marcqone M. Allenatore CHIONCHIO Franco, Dirigente CHIONCHIO Alessia

Arbitri: FATO Giovanni e GUARINI Luigii

19 marzo 2010 1

Calcio a 5: Sfuma per il Montecifalco il primato in classifica, sconfitto dal Duedì

Di redazionecassino1

Mentre il Volkswagen Cassino resta fermo per il suo turno di riposo, le inseguitrici scendono in campo per la terza giornata di campionato. La sorpresa più grande la riserva il Montecifalco che, impegnato con il Duedì Multiservizi per una gara facile sulla carta, perde nelle battute finali per 11 a 12. Un boccone amaro da mandare giù, la conquista dei tre punti avrebbe, infatti, permesso  al team di Patrizi di raggiungere la prima posizione in classifica. Non vince nemmeno il Bar Centrale Olivella. Sconfitto in settimana nella gara di recupero contro il Ristorante Al Boschetto, è stato surclassato dallo Yammo.It, che riesce ad agganciarlo in classifica. Vittorie strabordanti, invece, per il Virtus Spigno e il Rocca d’Evandro. La prima non concede nemmeno il gol della bandiera al Bar La Taverna e con i tre punti conquistati rialza la testa dopo un periodo di defaillance che pare finalmente archiviato. Il Rocca d’Evandro, ospite della Longobarda Pontecorvo, realizza ben diciassette reti e si porta al quarto posto della classifica generale. Non disputata la gara tra Pro Loco Terelle e Agrisport per accordo tra le società, non è stato omologato il risultato della partita tra il Bar La Cortiglia e l’MDG Serramenti per una questione che sarà in settimana decisa dal giudice sportivo. Al comando della classifica marcatori resta indiscutibilmente Francesco Piras del Volkswagen Cassino, ma sale al secondo posto Lorenzo Imondi dello Yammo.It, a conferma dell’ottimo momento della squadra casertana. Ad aprire la quarta giornata, al via il 15 marzo, sarà la gara tra il Virtus Spigno e la Longobarda Pontecorvo. Ghiotta occasione per la squadra del presidente Vento che, in caso di vittoria e sfruttando l’ennesimo turno di riposo del Volkswagen Cassino, potrebbe raggiungere la vetta della classifica. A seguire, sullo stesso campo di Ravano, incontro con poca rilevanza per la classifica tra il Duedì Multiservizi e il Bar La Taverna. Il Bar Centrale Olivella cercherà il riscatto nella gara con il Bar La Cortiglia, mentre il Rocca d’Evandro va ad affrontare, un po’ spensierato, il Pro Loco Terelle. Chiude la tornata di partite in programma, il Montecifalco. Sul terreno del Ristorante Al Boschetto, la seconda in classifica dovrà giocare il suo miglior calcio e fare molta attenzione alla formazione cassinate che non teme certo gli avversari. Gara interessante ai fini della classifica anche quella tra Agrisport e MDG Serramenti speranzoso di avvicinarsi ai piani alti della classifica. Stop ancora per il Volkswagen Cassino e primo turno di riposo per lo Yammo.It, costretto a fermare la giostra con cui si stava divertendo.

Patrizia Gallaccio

18 gennaio 2010 0

Calcio, il Cassino sconfitto dal Vico Equense

Di redazionecassino
cassino-vico equense 1-2-

CASSINO (4-4-2): Amadio;  Bica Badan (15’st Giannone), Goisis, Bianciardi, Sfanò; Conti, Kone, Suarino, Romanelli (15’st Frisenda); Bardeggia, Jefferson (42’st Croce). A disp.: Mataluna, Bonacquisti, Pettrone, Romeo. All.: Pellegrino (squalificato, in panchina Federici). VICO EQUENSE (3-5-2): Munao; Chiariello, Scognamiglio, Gargiulo; Morfù (19’st Marciano), Burgos, Trapani, Donnarumma, De Rosa; Incoronato, Napoli (30’st Esposito). A disp.: Izzo, D’Esposito, Rapesta, Scozzese. All.: Ferraro. ARBITRO: Saia di Palermo. MARCATORI: pt 42’ Napoli (VE); st 11’ Incoronato (VE), 28’ Jefferson (C).

NOTE: Spettatori circa 700, con rappresentanza ospite. Ammoniti Conti (C) ed Incoronato (VE). Angoli: 10-4 per il Cassino. Recuperi: pt 2’; st 4’

CASSINO – Sconfitta interna per gli azzurri che soccombono sotto i colpi di un sorprendente Vico Equense. Tante defezioni per il Cassino che deve rinunciare agli squalificati Martinelli, Mezgour e Merli Sala. Pellegrino risponde mandando in campo tutti e tre i volti nuovi della sessione di mercato invernale: debuttano in azzurro Goisis, Suarino e Jefferson. Positiva la loro prova. Ci si aspetta il Cassino ma si vede subito che a fare la partita sono gli ospiti. Gli azzurri attaccano ma in maniera disordinata: i veloci ribaltamenti di fronte fanno capire che il Vico Equense ha puntato su una gara d’attesa, preparando a puntino il contropiede. Un diagonale di Napoli prende le misure ad Amadio; Morfù scalda il piede dalla distanza senza però trovare la porta. Jefferson porta lo scompiglio nell’area campana girando a rete di testa un corner di Romanelli. Il break dei padroni di casa prosegue con il tentativo dalla distanza di Suarino: da dimenticare. Tre minuti prima dell’intervallo Donnarumma e compagni passano in vantaggio: uno svagato Romanelli perde palla a centrocampo, De Rosa si lancia sulla fascia destra e confeziona un assist al bacio per Napoli che con la zucca deve solo spingerla dentro. Il Cassino accusa il colpo e si getta all’attacco: Bardeggia porta il caos nell’area piccola prima che Scognamiglio riesca a sventare la minaccia. Ne nasce un corner che vede protagonisti Conti e Jefferson, con però l’efficace difesa della retroguardia ospite (seppure con qualche affanno). La ripresa vede gli azzurri partire lancia in resta contro i sornioni campani: Jefferson ci riprova senza fortuna; mentre sugli sviluppi di un nuovo contropiede Incoronato è anticipato da Amadio. Prove generali dell’azione successiva: De Rosa fugge via lungo l’out di destra e mette al centro per Incoronato, che stavolta riesce a metterci lo zampino realizzando il provvisorio 0-2. Azzurri annichiliti e Vico padrone del campo: Incornato sfiora il tris centrando la traversa su corner del solito De Rosa. Gli azzurri a testa bassa provano a macinare gioco: un cross dalla sinistra di Suarino trova la torsione del brasiliano Jefferson, che spiazza un incolpevole Munao. Il resto è tanta pressione senza però che la retroguardia ospite si lasci trovare impreparata. I risultati delle avversarie minano le ambizioni degli uomini di Pellegrino: la sfida di Noicattaro sarà decisiva.

10 gennaio 2010 0

Calcio, il Cassino sconfitto a Catanzaro

Di redazionecassino

II DIVISIONE- GIRONE C- CATANZARO-CASSINO 2-1

CATANZARO (3-4-3): Vono; Gimmelli, Di Maio, Ciano; Di Cuonzo, Bruno, Corapi, Benincasa; Longoni (78′ Basile), Mosciaro, Caputo (72′ Montella).A disposizione: De Vona, Ferrara, Basile, Forgione, Capicotto, De Franco. Allenatore: Gaetano Auteri. CASSINO (4-3-3): Amadio; Bica Badan, Merli Sala, Bianciardi, Sfanò; Conti, Konè, Giannone (80′ Frisenda); Bardeggia (64′ Romeo), Croce, Romanelli. A disposizione: Mataluna, Oliva, Bonacquisti, Gemmiti, Pettrone. Allenatore: Bruno Federici (Pellegrino squalificato)

Marcatori: 46′ Bardeggia (Cas), 59′ Longoni (Cat), 66′ Corapi (Cat)

Arbitro: Ceccarelli di Terni Assistenti: Calò (Molfetta) – Delle Foglie (Bari) Ammoniti: Mosciaro (Cat), Conti (Cas), Merli (Cas) Corner: 7-5 in favore del Catanzaro Recupero: 0′ pt; 3′ st Note: Giornata fredda e variabile; terreno in discrete condizioni; spettatori 1000 circa con una piccola rappresentanza di tifosi ospiti.

SCHEMA TATTICO – Mister Auteri opta per l’ormai collaudato 3-4-3 con il tridente offensivo Caputo-Longoni-Mosciaro e Montella che parte dalla panchina; a centrocampo, sulla fascia sinistra gioca Benincasa, mentre Corapi in mediana sostituisce l’infortunato Lodi. In porta conferma per Vono con il nuovo acquisto De Vona che siede in panchina al posto di Mancinelli. Dalla parte opposta mister Pellegrino (squalificato), che deve fare a meno del marocchino Mezgour e di capitan Martinelli fermati per due turni dal Giudice Sportivo, si affida ad un 4-3-3 molto coperto con l’ex giallorosso Giannone e Konè confermati a centrocampo e con il tridente Croce, Romanelli e l’argentino Bardeggia in avanti; in porta gioca Amadio che sostituisce Indiveri, oramai prossimo alla cessione mentre l’altro ex Frisenda parte dalla panchina. Catanzaro in campo con la consueta casacca giallorossa, Cassino in maglia blu.

PORTA STREGATA – Pronti via e Catanzaro pericoloso per ben due volte nel giro di due minuti: prima è Caputo a farsi ribattere sulla linea da Bianciardi la sua conclusione diretta nel sette, poi è Longoni con un potente diagonale a fare la barba al palo. Partita che prosegue con il Catanzaro in avanti e il Cassino a difendersi. Al 22′ è Mosciaro con una gran botta a mettere paura ad Amadio, ma la sfera si spegne sul fondo. Dieci minuti più tardi Amadio compie un miracolo su un tiro a botta sicura di Di Maio, salvando la propria porta; Amadio che si esalta ancora al minuto 38 quando para una conclusione di Corapi da posizione invitante e al 43′ su Mosciaro che già pregustava la rete. È questa l’ultima occasione di un primo tempo dominato dal Catanzaro che però ha trovato un grande Amadio sulla propria strada. RIMONTA GIALLOROSSA – Seconda frazione di gioco che inizia con gli stessi ventidue in campo e con il Cassino che passa alla sua prima occasione della gara. Calcio d’angolo battuto da Giannone, mischia in area e Bardeggia porta in vantaggio la propria squadra battendo Vono con un potente diagonale. Poco dopo l’estremo difensore giallorosso evita il raddoppio laziale salvando su Croce per ben due volte. Ma nel suo momento peggiore il Catanzaro trova la meritata rete del pareggio al 59’ con Lucas Longoni che dai 28 metri batte Amadio con una conclusione imprendibile. Subita la rete del pareggio, mister Federici si copre inserendo un centrocampista Romeo per l’attaccante Bardeggia, autore della rete del vantaggio laziale. Ma poco dopo, nonostante la sostituzione, il Catanzaro ribalta la gara con una nuova prodezza balistica, questa volta di Corapi, che con un tiro a giro batte Amadio per la seconda volta. Al 72′ mister Auteri fa uscire uno stremato Caputo per Montella. All’80’ il Cassino inserisce Frisenda per Giannone tentando il tutto per tutto, mentre precedentemente Basile aveva sostituito Longoni. Dopo 3 minuti di recupero, sotto il diluvio, termina una gara in cui il Catanzaro ha ampiamente meritato la vittoria. Migliori in campo: Longoni (Catanzaro) – Amadio (Cassino)

15 novembre 2009 0

Calcio, il Cassino sconfitto a Siracusa per 4-0

Di redazionecassino

SIRACUSA – CASSINO (pt 2-0) 4-0 Marcatori: 21’pt 47’pt Pagani; 28’st Dal Rio rig.; 44’st Dalì (Siracusa) SIRACUSA: Siringo, Nigro, Capocchiano, Berti, Iodice (k), De Pascale ( 35’st Perricone), Lewandowski, Giurdanella, Pagani, Dal Rio (31’st Dalì), Bigatti (22’st Cardinale); A disposizione: Scordino, Di Silvestro, Gaudio, Strigari; Allenatore: Giuliano Sonzogni CASSINO: Amadio, Biga Badan, Martinelli, Agius (30’ Bianciardi), Kone, Meli, Mezgour, Camorani, Frisenda (6’st Bardeggia), Giannone, Romanelli (6’st Romeo); A disposizione: Paoletti, Poli, Sfanò, Croce; Allenatore: Maurizio Pellegrino Terna Arbitrale: Leandro Ernesto Borracci (San Benedetto Del Tronto); Mario Mandis (Palermo); Alessandro Vigo (Acireale). Note: Gara disputata sul neutro dello “Scrofani Salustro” di Palazzolo Acreide per squalifica del “Nicola De Simone” di Siracusa; Ammoniti: Kone, Biga Badan (Cassino); Nigro, Pagani (Siracusa). Corner: 3-3; Recupero: pt 2’ – st 5’

Il Siracusa cala il poker sul Cassino e fa sua la vittoria della 13esima giornata di campionato. Questa settimana sul tabellino dei marcatori ci sono Pagani (alle sue prime realizzazioni in maglia azzurra), Dal Rio ( al suo quinto goal, il secondo su calcio di rigore) e Dalì alla sua prima rete tra i professionisti. Il Siracusa ha giocato una bellissima partita, una delle migliori fin adesso, dopo quella di Vibo Valentia. Stefano Pagani, oltre alle due reti ha incantato i pochi presenti allo stadio per le bellissime giocate. L’ex calciatore del Sassuolo, insieme a Bigatti e Lewandowski, ha animato tutte le manovre offensive del Siracusa. Bene anche Dal Rio che ha lottato su ogni pallone mettento in occasioni in difficoltà la difesa avversaria. Suo il calcio di rigore del 3-0. Dopo l’errore di Scafati, l’attaccante bolognese si è presentato sicuro di sé davanti al portiere Amadio battendolo con estrema freddezza. Un goal che da sicuramente morale e fiducia. Dopo il rigore trasformato Dal Rio lascia posto a Dalì. Ed è proprio lui a siglare il goal del definitivo 4-0. Grandi ritmi sin dalle prime battute di gioco tra Siracusa e Cassino. Al 3’ il Siracusa sfiora il goal. Punizione di Lewandowski torre di De Pascale in area e palla di poco fuori. Imminente la risposta del Cassino con Romanelli ma è bravo Lewandowski a deviare la sfera mandandola in corner. Siracusa nuovamente vicino al goal al 7’ con un tiro di Giurdanella che sorvola di pochissimo la traversa. Al 12’, dopo un continuo pressing azzurro, è il Cassino a rendersi pericoloso con Giannone che dai 30 mt prova la conclusione. Il suo tiro finisce di poco fuori la porta difesa da Siringo. Di Nigro al 16’ il preludio al goal del Siracusa. Pagani controlla dal limite, serve Nigro che mette in difficoltà Amadio. Al 21’ il Siracusa passa in vantaggio. Capocchiano serve in profondità Bigatti che s’invola verso la porta, Amadio respinge ma Pagani è lì pronto a spingere la palla in rete. I ragazzi di mister Pellegrino subiscono il colpo dello svantaggio ma reagiscono subito al 22’ con Mezgour. Bravo Siringo a respingere la sfera. Dal Rio, al 38’, ci prova da lontano, ma il suo tiro è debole.. Frisenda, servito da Giannone, al 41’ va vicino al pareggio ma il suo tiro al volo finisce fuori. Al 47’, al termine del secondo minuto di recupero, è nuovamente “Pagani show”: Lewandowski scambia sulla sinistra con Bigatti e lascia partire un cross teso sul quale si invola Pagani che di testa “brucia” tutti, portiere compreso. È 2-0. Nella ripresa, il Cassino, sotto di due goal, è più aggressivo, ma al 5’ è Giurdanella, che nonostante l’influenza ha disputato un’ottima partita, a rendersi pericoloso. Amadio è costretto a deviare in corner. Pressing dei laziali vogliosi di recuperare la gara. Al 18’ Romeo, subentrato a Romanelli, calcia dal limite dell’area, interviene la difesa azzurra. Al 28’ Dal Rio viene atterrato in area da un difensore. L’arbitro Borracci concede la massima punizione al Siracusa. È lo stesso attaccante ad incaricarsi della battuta. Questa volta dagli 11mt Dal Rio non sbaglia, spiazzato Amadio. Siracusa ancora pericoloso, al 35’ Nigro, su suggerimento di Pagani da posizione defilata colpisce l’esterno della rete. Al 44’ Pagani si libera di due avversari sulla sinistra e mette a centro dove c’è Dalì che non fa altro che mettere la palla in rete. L’attaccante palermitano realizza così la sua prima rete tra i professionisti. Dopo cinque minuti di recupero l’arbitro decide che può bastare e manda le due squadre negli spogliatoi. 4-0 è il risultato finale.

8 novembre 2009 0

Calcio, il Cassino sconfitto a Brindisi 3-1

Di redazionecassino

Il Cassino ha perso l’imbattibilità esterna sul campo del Brindisi. Gli azzurri sono stati sconfitti per   3-1. La rete del Cassino nella ripresa ad opera di Frisenda. Questi i risultati. 12^ giornata  CAMPIONATO II DIVISIONE – GIRONE C

F. Brindisi    Cassino    3 – 1 Aversa    Catanzaro    1 – 1 Gela    Cisco Roma    1 – 2 Igea Virtus    Juve Stabia    0 – 2 Isola Liri    Noicattaro    1 – 1 Melfi    Vibonese    0 – 1 Monopoli    Manfredonia    0 – 1 Scafatese    Siracusa    1 – 0 Vico Equense    Barletta    1 – 2

CLASSIFICA 27    Gela 26    Catanzaro (-3)

25    Cisco Roma 24    Juve Stabia 21    Cassino 20    Siracusa 19    Brindisi 17    Melfi 17    Scafatese 16    Barletta (-1) 14    Manfredonia 13    Aversa 12    Monopoli 8    Noicattaro 7    Vibonese (-1) 6    Igea Virtus (-1) 6    Isola Liri 6    Vico Equense

2