Tag: sedili

14 febbraio 2018 0

Conficcava aghi di siringhe nei sedili dei pullman Cotral, operatore sanitario di Roma

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ROMA – I Carabinieri della Stazione di Subiaco hanno denunciato a piede libero un italiano di 58 anni, operatore sanitario presso un ospedale della Capitale, con l’accusa di lesioni personali aggravate.

La vicenda e le indagini hanno avuto origine lo scorso mese di dicembre, a seguito di alcuni rinvenimenti di aghi di siringa conficcati sui sedili degli autobus Co.Tra.L. impiegati sulla tratta Roma Ponte Mammolo – Subiaco.

Nel corso dei vari sopralluoghi effettuati, i Carabinieri hanno accertato che gli aghi venivano oculatamente nascosti nelle sedute dei mezzi pubblici, con l’evidente obiettivo di pungere gli ignari viaggiatori.

Le indagini, grazie ai servizi di osservazione e ai sistemi di videosorveglianza installati sugli autobus, hanno consentito ai Carabinieri di identificare nell’operatore sanitario 58enne l’autore del gesto sconsiderato.

Durante le perquisizioni, delegate della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli, scattate nella sua abitazione e nello spogliatoio del luogo di lavoro, l’uomo è stato trovato in possesso di altri numerosi aghi da siringa e aghi cannula a farfalla, sui quali saranno effettuati i dovuti accertamenti finalizzati a verificare l’eventuale presenza di agenti infettivi.

4 maggio 2010 0

Copenaghen: sugli autobus ora ‘i sedili dell’amore’ per trovare l’anima gemella e non solo

Di redazionecassino1

Che l’Olanda fosse avanti nelle scelte e nelle novità in fatto di sesso e di rapporti sociali è un dato di fatto, ormai noto a tutti. Adesso proprio da lì arriva una nuova iniziativa per ‘favorire le relazioni sociali… e in amore ‘. A Copenaghen, una compagnia di trasporti danese, la Arriva, ha ideato degli autobus dove poter “chattare realmente”. Sfruttando il tempo perduto, durante gli spostamenti di lavoro, sui sedili dell’amore si può trovare anche l’anima gemella. Cosa che ormai, tra lavoro e faccende di casa, per l’uomo moderno è difficile. Così in tempo di internet, le chat hanno fatto il loro tempo, “le persone cercano il contatto fisico” dice il portavoce della compagnia, Martin Wex. Per questo, sui suoi 103 autobus la Arriva ha pensato di ”riservare” dei sedili ai viaggiatori desiderosi di fare conversazione e, in alcuni casi, di trovare l’anima gemella. I sedili sono facili da individuare: oltre ad essere l’uno accanto all’altro e ricoperti di stoffa rossa, portano la scritta “Kaerlighedssaede”, ossia “sedie dell’amore”. Stando ai racconti degli autisti l’esperimento, che dovrebbe durare due settimane, ha dato esiti positivi. ”Mi hanno raccontato di ragazze che prendevano posto sui sedili con un gran sorriso”, ha detto Wex. Ma al di là dell’ipotetico colpo di fulmine, l’iniziativa ha anche un scopo ambientalista: l’obiettivo primario, ha spiegato il portavoce, è di ”attirare sugli autobus il maggior numero di passeggeri possibili e fare in modo che chi viaggia da solo lasci la macchina in garage e colga al volo la possibilità di trovare la felicità.