Tag: semifinale

14 maggio 2018 0

Cassino avanti nella serie di semifinale. Vittoria degli uomini di Vettese in gara 1 contro la LUISS Roma

Di redazionecassino1

La Virtus Cassino si porta in vantaggio nella serie vs LUISS Roma, al termine di una gara tosta e combattuta risolta dai cassinati solo nell’ultimo quarto a fronte invece di un equilibrio nel punteggio suggellato dal – 4 alla sirena dei trenta minuti di gioco, 62-58, in favore dei padroni di casa.

Al PalaVirtus di Cassino c’è il pienone in questo tardo pomeriggio di metà maggio. I tifosi della Virtus Cassino riempiono il vecchio impianto della Città Martire per non far sentire soli i propri beniamini che affrontano la sorpresa di questi playoff 2018 del Campionato Nazionale di Serie B, la LUISS Roma.

LUISS Roma rivale storica della BPC Virtus Cassino sin dai tempi della serie C Nazionale e che dopo aver eliminato nei quarti la forte Recanati, ricordiamolo seconda al termine della regular season nel girone C di questo campionato Nazionale cadetto, prova a ripetere l’impresa contro la squadra benedettina arrivata al traguardo di questa semifinale dopo aver, a sua volta, eliminato la forte e coriacea Matera al termine di tre battaglie sportive che inevitabilmente hanno lasciato scorie fisiche sulla compagine rossoblù.

Insomma si va alla prima gara di questa serie con le “V” rossoblù che hanno da scardinare la resistenza degli universitari romani e nulla appare semplice.

La partenza della gara è di quelle brucianti per i padroni di casa che dopo soli due minuti di gioco costringono coach Paccariè a chiamare il primo time out, ripetiamo dopo soli due minuti di gioco. 10-1 il punteggio alla bomba di Del Testa dall’angolo e Pala Virtus in visibilio.

Ancora + 10 al quarto minuto di gioco con Enzo Cena che realizza da oltre l’arco dei 6,75 il massimo vantaggio dei padroni di casa nella prima frazione di gioco, 17-7. I romani però, e bisogna sottolinearlo, non perdono la maniglia dell’incontro e navigano sempre in regime di avvistamento dei battistrada macinando il loro gioco e soprattutto dominando sotto le plance anche in fase offensiva. Martone e Beretta dominano e costruiscono sempre seconde opportunità per gli ospiti.

Bini però porta ancora a + 10 i padroni di casa grazie ad una tripla a pochi secondi dalla prima serena, 26 a 16. La prima frazione di gioco si chiude sul 26 a 18 dopo che De Dominicis aveva realizzato con una incursione nell’area cassinate.

Ecco il segno è tracciato, la LUISS Roma è a -8 dai cassinati.

E gli ospiti iniziano una lenta risalita nel punteggio che li porterà ad assottigliare progressivamente la dote dei cassinati anche se Panzini , prova straordinaria la sua con 25 punti realizzati e percentuali monstre da due 80% e da oltre l’arco dei 3 punti con il 70% , 4/5 , e 23 di valutazione finale, realizza la bomba che porta la Virtus Cassino, targata Banca Popolare del Cassinate, al massimo vantaggio , +12 , 40-28.

Martone è implacabile in fase realizzativa e porta gli universitari sul – 4 a tre minuti dalla sirena della pausa lunga, 40-26.

Inizia ora il periodo di estremo equilibrio nel punteggio tra le due compagini, periodo che si protrarrà fino all’inizio della quarta ed ultima frazione di gioco.

La LUISS chiude la seconda frazione di gioco sul -6 aggiudicandosi nel punteggio il secondo minitempo. 50-44, recita il tabellone al termine dei 20 minuti di gioco e di certo non ci si è annoiati.

Al rientro in campo le due compagini sono molto provate dal ritmo imposto nella prima parte del match e le difese prevalgono sugli attacchi. Si segna poco dunque, i romani si aggiudicano la frazione per 14 a 12.

Cassino però è sempre in controllo del punteggio e non permette alla LUISS Roma di sopravanzarla. Massimo vantaggio nella frazione +7 per le “V” rossoblù a meno di due minuti dalla sirena della terza frazione di gioco,62-55, con un canestro dell’ottimo Enzo Cena.

Tra i cassinati la prova monstre del solito Bagnoli. Il lungo cassinate è devastante sotto le plance ma soprattutto lo è in fase offensiva e suggella una prova incredibile da MVP di serata con l’ennesima doppia – doppia di questo campionato, 28 punti e dieci rimbalzi, per 33 di valutazione.

Tuttavia è ancora De Dominicis, come alla fine del secondo quarto a suggellare il punteggio del 62 a 58 ovvero del -4 per i viaggianti. 62-58 il punteggio al termine della frazione numero tre e inizio dell’ultima frazione che promette scintille.

Il PalaVirtus ribolle di tifo per i padroni di casa e sulle ali di questo entusiasmo si approccia agli ultimi dieci minuti di gioco.

Sale in cattedra Panzini come detto e si erge ad assoluto protagonista del match realizzando ben 17 punti negli ultimi 10 minuti di gioco ed entusiasmando il pubblico con ben 3 bombe. Ma sono le due incursioni nell’area degli universitari a spaccare il match. Il play cassinate infatti decide di caricarsi la squadra sulle spalle e arriva al ferro due volte di seguito nel primo minuto di gioco portando i compagni sul + 9, 67-58.

Poi come detto le tre bombe consecutive per il visibilio rossoblù che inneggia al numero 6 cassinate, 76-61, +15, per i benedettini all’inizio del quarto minuto di gioco. Praticamente la gara è in cassaforte. La BPC Virtus Cassino veleggia sicura verso il traguardo. Spazio anche per le seconde linee e il bravo de Ninno chiude i discorsi sul 90 a 74.

Ma domani è già vigilia. Gara due di questa serie è in programma martedì alle 20.25 stesso palcoscenico il PalaVirtus cassinate che ormai sta diventando teatro di sfide epiche per i tifosi rossoblù che chiamano sotto il settore più caldo i propri beniamini per ballare insieme.

“Non possiamo rilassarci, gara 1 è in archivio” esordisce in sala stampa il DS dei rossoblù cassinati, il dott. Leonardo Manzari “tra meno di quarantottore saremo ancora qui e sono sicuro sarà tutta un’altra storia. Dovremo essere bravi a non mollare nulla. La LUISS è avversario tosto e ben allenato, noi invece siamo pieni di acciacchi e dovremo ripeto essere bravi a gestire le forze. I migliori tra i nostri? Sicuramente Lorenzo Panzini e Simone Bagnoli , il nostro asse play – pivot. Ma anche Enzo (Cena, ndr) che sta giocando da tempo con un problema alla spalla e di cui devo sottolineare l’abnegazione e soprattutto il grande contributo alla nostra causa, ma anche gli altri e non vi dico quanto lavoro questi match stanno dando al nostro staff sanitario che ringrazio pubblicamente per il grande lavoro che sta svolgendo. Come pure devo sottolineare il fatto che il mio team aumenta sempre i giri del motore nell’ultimo quarto in modo straordinario, segno che la condizione atletica è decisamente quella giusta”.

Dunque si va a gara 2. Appuntamento al Pala Virtus di cassino alle 20.45, martedì 15 maggio.

 

BPC Virtus Cassino – Luiss Roma 90-74

Parziali 26-18, 24-26, 12-14, 28-16

BPC Virtus Cassino: Simone Bagnoli 28 (14/17, 0/0), Lorenzo Panzini 25 (4/5, 5/7), Enzo Cena 12 (3/7, 1/6), Matteo Bini 7 (1/1, 1/3), Manuel Carrizo 6 (0/4, 1/2), Maurizio Del Testa 5 (1/2, 1/3), Fabrizio De Ninno 3 (1/2, 0/1), Niccolò Petrucci 2 (0/3, 0/3), Riccardo Pasquinelli 2 (1/1, 0/0), Robert Banach 0 (0/1, 0/0), Giorgio Galuppi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 19 – Rimbalzi: 30 7 + 23 (Simone Bagnoli 10) – Assist: 25 (Manuel Carrizo 9)

All. Vettese Ass. Incelli

Luiss Roma: Martone 24 (9/11, 0/0), Marcon 13 (5/9, 0/1), Beretta 13 (5/11, 0/0), De Dominicis 8 (3/4, 0/1), Cefarelli 6 (2/4, 0/0), Faragalli Serroni 5 (2/4, 0/4), Di Fonzo 4 (1/1, 0/0), Bonaccorso 1 (0/2, 0/2), Scuderi 0 (0/1, 0/2), Veccia 0 (0/1, 0/5), Miriello 0 (0/0, 0/0), Gebbia 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 29 – Rimbalzi: 38 13 + 25 (Martone 15) – Assist: 10 (Marcon, Di Fonzo 3)

All. Paccariè

MVP Simone Bagnoli

7 maggio 2018 0

Una Virtus Cassino da favola elimina Matera e vola in semifinale

Di redazionecassino1

Una Virtus Cassino con questo cuore, con questo ardore, con questa determinazione rimarrà scolpita nel cuore e nella mente dei tifosi rrossoblù che alla fine di gara 3, di questo quarto di finale di playoff 2018, tabellone D, saltavano ebbri di gioia in un canto ritmato insieme ai protagonisti di questa incredibile partita nel PalaVirtus cassinate.

Una Virtus Cassino, targata Banca popolare del Cassinate, che per la terza volta consecutiva, approda alle semifinali di playoff.

E questo certifica, laddove ce ne fosse ancora bisogno, come il sodalizio roossoblù sia stabilmente entrato nel novero delle formazioni che ogni anno lottano al vertice della serie cadetta del palcoscenico nazionale dello sport della palla a spicchi.

Dunque la banda Vettese approda alle semifinali della post season 2018 dopo aver sconfitto in gara tre l’Olimpia Matera per 93 a 74, ma quanta sofferenza, specialmente dopo le prime due frazioni di gioco allorquando i lucani chiudevano avanti nel punteggio di ben 10 lunghezze.

Ma gli dei del basket non avevano ancora smesso di regalare suspense agli spettatori di questa splendida contesa.

Infatti è stata una partita assolutamente speculare a gara 2 nell’andamento del punteggio, con chi rincorre in grado di raggiungere l’avversario e batterlo.

Matera dunque scappa via nei primi due quarti di gioco, Cassino accusa il colpo ma , dobbiamo sottolinearlo, non va KO, ha la capacità di restare aggrappata al match, chiude sotto di 10 lunghezze la seconda frazione di gioco e poi con un capolavoro tattico, tecnico ed emotivo sbalordisce il Pala Virtus posto all’ombra dell’Abbazia.

Sì perché a fronte di un 39 a 49 con cui il tabellone dell’impianto cassinate certificava la chiusura dei primi 20 minuti di gioco, le ultime due frazioni di gioco si sono chiuse con un eloquente parziale di 54 a 25 per le “V” rossoblù. E a differenza dei primi due quarti di gara 2 che la Virtus Cassino aveva chiuso in vantaggio di 18 lunghezze, 50 a 32 , stavolta lo schiaffo è stato più forte.

Matera è stata letteralmente spazzata via dalla verve atletica, dalla energia tecnica e dagli aggiustamenti tattici operati da coach Luca Vettese nell’intervallo.

+ 29, è una mostruosità , in due quarti di play off.

Cassino infatti al rientro dagli spogliatoi della pausa lunga è un’altra squadra. Non più quella con le spalle al muro, come spiegherà poi in sala stampa il DS delle “V” rossoblù , Leonardo Manzari, non più quella con la paralisi mentale che ipnotizza e stordisce e ti fa sembrare impossibile anche la più semplice delle soluzioni.

La BPC è vestita di nuovo.

La Virtus subisce sì è vero il primo canestro di Battistini, ma poi diviene un mix di furia agonistica e perizia balistica. Trascinata da un immenso Lorenzo Panzini e da uno straordinario, ca va sans dire, Manuel Carrizo, pian piano si impadronisce del match.

In soli cinque minuti effettivi di gioco passa dal meno 12 al + 5.

E’ una bomba del play cassinate Lorenzo Panzini su assist del solito Enzo Cena , lo specialista delle cose giuste, a fissare il punteggio sul 60 a 55.

Ma Matera non sa più come arginare Bagnoli e compagni. E stavolta a differenza di quanto era accaduto in gara due, giovedì scorso , nel catino del Pala Sassi , i tifosi rossoblù assistono all’impresa della rimontona.

Cassino , in un crescendo rossiniano, allunga il gap e chiude la terza frazione di gioco avanti di 9 lunghezze , 71 a 62. Insomma il parziale è di quelli tosti da digerire per i materani, 32 a 13.

All’inizio della quarta frazione di gioco gli ospiti provano immediatamente a rimettersi in linea di galleggiamento con un gioco da tre punti di Battistini, indomito tra i suoi, che subisce fallo da Matteo Bini. 72-66 .

Ma sull’altro fronte è lo stesso Matteo Bini a farsi perdonare. Piazza la bomba del nuovo +9 e fa letteralmente esplodere di gioia il pubblico virtussino. 75-66.

A questo punto ci pensa lui, Lorenzo Panzini, a trovare la tripla del + 12. 78-66.

D’ora in poi il punteggio, meglio il divario tra i due team non scenderà mai più, fino alla sirena dei 40 minuti di gioco, sotto la doppia cifra.

La BPC amministra e non dilapida il vantaggio come in gara due, anche perché la lezione è stata recepita dai ragazzi di Vettese.

Carrizo detta i ritmi di gioco e smista assist a go go con Bagnoli che cattura rimbalzi e conclude la gara con l’ennesima doppia/doppia, 22 punti e ben 13 rimbalzi di cui sei offensivi per una valutazione finale di 33.

Manuel Carrizo invece mette a segno ben 21 preziosissimi punti e serve 5 assist per i compagni. Ma realizza il 100% ai tiri liberi e soprattutto regala certezze ai compagni in fase di gestione del gioco.

In serata arriva la notizia cha Recanati ha perso in casa per mano della LUISS Roma.

I romani dunque portano a casa la qualificazione alla semifinale del tabellone D di questi playoff ed affronteranno proprio la BPC Virtus Cassino.

I cassinati godranno del fattore campo, per cui gara 1 di semifinale si disputerà a Cassino, domenica 13 maggio , p.v. , palla due alle ore 18.

BPC Virtus Cassino – Olimpia Matera 93-74

Gara 3

Parziali 20-26, 19-23, 32-13, 22-12

BPC Virtus Cassino: Simone Bagnoli 22 (9/14, 0/0), Manuel Carrizo 21 (6/8, 0/2), Lorenzo Panzini 13 (2/3, 3/8), Niccolò Petrucci 13 (1/1, 3/7), Enzo Cena 10 (2/4, 2/5), Matteo Bini 8 (1/2, 2/4), Maurizio Del Testa 6 (1/4, 1/2), Fabrizio De Ninno 0 (0/0, 0/1), Giorgio Galuppi 0 (0/0, 0/0), Riccardo Pasquinelli 0 (0/0, 0/0), Robert Banach 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 16 / 19 – Rimbalzi: 37 10 + 27 (Simone Bagnoli 13) – Assist: 14 (Manuel Carrizo 5)

All. Vettese Ass. Incelli

Olimpia Matera: Battistini 24 (10/15, 0/2), Migliori 21 (4/12, 1/3), Ochoa 11 (4/4, 0/2), Terenzi 5 (1/5, 1/1), Di Marco 5 (1/3, 1/2), Ravazzani 4 (2/3, 0/0), Pasqualini 2 (1/1, 0/0), Marra 2 (1/3, 0/1), Varaschin 0 (0/2, 0/0), Lopane 0 (0/1, 0/0)

Tiri liberi: 17 / 17 – Rimbalzi: 29 6 + 23 (Ravazzani 9) – Assist: 10 (Di Marco 5)

All. Putignano

MVP Bagnoli

26 maggio 2017 0

Semifinale playoff serie B Nazionale. La Virtus Cassino cede a Napoli, ma… solo in gara 5

Di redazionecassino1

Napoli batte Cassino.

Cinque partite, ci sono volute cinque partite, ovvero tutta la serie , fino in fondo alle sfide possibili da regolamento per decretare chi dovesse accedere alla finale del Tabellone C del Campionato Nazionale di Serie B. L’ha spuntata Napoli al termine di una gara dura , maschia e combattuta solo per tre quarti quando al termine del terzo quarto sulla sirena Panzini ha tirato per il possibile meno 8 fallendo la conclusione dai 6.75. Si era in quel momento sul 66 a 55 per i padroni di casa.

“Ha vinto Napoli con merito” ha commentato a fine gara la Presidentessa della BPC Virtus Cassino, la dott.ssa Donatella Formisano “Nonostante tutto, fino ad ora ho preferito il silenzio, troppo facile cadere nelle provocazioni e nelle sterili polemiche, in questa serie sono state strumentalizzate e travisate parole, situazioni e tanto altro che , se e quando riterrò opportuno, puntualizzerò e deciderò di chiarire”.

“Da Presidente della Virtus Cassino, desidero ora più che mai essendo noi di Cassino fuori dalle competizioni sportive, quindi lontano da insulti, inopportune critiche , aggressioni di tutti i generi e altro , manifestare il mio pensiero. Sportivamente complimenti alle due società e alle due squadre del nostro girone arrivate in finale nel tabellone C di questi playoff della Serie B Nazionale, ovvero Cuore Napoli Basket e Palestrina ! Due grandi squadre che per organizzazione, determinazione e strutture di riferimento meritano sicuramente l’accesso alla serie A2. Due società che abbiamo avuto l’onore e il piacere di incontrare in campionato; con Palestrina abbiamo vinto sempre in semifinale lo scorso anno ( 3 a 1 ),mentre con Napoli in semifinale quest’anno, sconfitti sol in gara 5. Come è curioso il destino” prosegue il massimo dirigente cassinate.

“Le nostre due grandi avversarie, in due anni consecutivi in semifinale ora si affronteranno tra loro e peccato che solo una di loro due potrà andare a Montecatini a disputare le final four per l’accesso alla serie superiore. Come sempre il verdetto al campo e i complimenti in anticipo ad entrambe le società, ai rispettivi Presidenti e alle loro squadre supportate da tifoserie numerose e appassionate nonché da grandi e confortevoli strutture ! Sarà sicuramente uno spettacolo di basket e di pubblico !!!Complimenti e auguri….” conclude la presidentessa del sodalizio cassinate al termine della gara.

 

Napoli dunqeu si è aggiudicata questa appassionante e combattutissima serie di semifinale assestando il colpo decisivo al PalaBarbuto, tra le mura amiche solo in gara 5.

Il Cuore Napoli Azzurro comanda la gara a partire dal secondo quarto e stacca il pass per la finale. La Virtus infatti cede a 4′ dall’intervallo e di fatto non riesce più a rientrare, pagando anche le serate storte al tiro di Panzini e Petrucci, oltre ai problemi di falli che limitano Bagnoli a soli 12 minuti sul parquet. Dall’altra parte, invece, viene fuori dal cilindro di coach Ponticiello, Barsanti che piazza giocate, 6 su 9 al tiro da tre punti , importanti per lanciare la fuga dei suoi dopo essere stato ingabbiato dalla difesa rossoblu nelle prime quattro gare della serie.

Si chiude così una stagione esaltante per la Virtus, che va vicina alla seconda finale consecutiva ma soprattutto è stata capace di far innamorare di questo sport la Città Martire, stregata da un gruppo che comunque si è dimostrato sempre solidissimo.

Primo quarto scoppiettante al Pala Barbuto con entrambe le squadre che trovano la via del canestro, da vicino e da lontano, con grande continuità. Napoli e Cassino si scambiano la testa dell’incontro nei primi minuti, al 5’ sono i padroni di casa che provano ad allungare con le triple di Visnjic e Nikolic che valgono il +5. I rossoblu però non si fanno spaventare e si affidano a un grande Petrucci (12 nel primo quarto) per agganciare e sorpassare prima che la nuova bomba di Nikolic fissi il 29-28 dopo 10’.

Nella seconda frazione ancora in evidenza Visnjic che tiene avanti i suoi nonostante il buon impatto di Valesin dalla panchina, utilissimo per tenere in scia la Virtus. Si segna meno rispetto all’avvio di gara e i rossoblu restano senza canestri per gli ultimi 4’ del primo tempo, Maggio invece sblocca il Cuore che va all’intervallo sul +10 (48-38).

Ad inizio ripresa gli ospiti provano a rientrare ma tre conclusioni pesanti in rapida successione firmate da Barsanti mandano in orbita i campani che toccano il +18. Valesin e Del Testa tengono a galla la BPC, poi Sergio prova a ricucire ma un’altra bomba della guardia azzurra tiene a distanza di sicurezza Cassino che comunque va all’ultima pausa sul -11. Nel quarto periodo però ai rossoblu manca la forza per rientrare e Napoli scappa via sulle ali dell’entusiasmo, infliggendo alla truppa di Vettese una punizione troppo pesante per quanto visto in questa serie.

 

Cuore Napoli – BPC Virtus Cassino 90-69

Parziali: 29-28, 19-10, 18-17, 24-14

Cuore Napoli: Visnjic 23 (6/8, 2/5), Barsanti 21 (1/1, 6/9), Nikolic 16 (3/7, 2/2), Maggio 13 (1/6, 2/7), Murolo 7 (1/1, 0/1), Mastroianni 6 (3/5, 0/5), Marzaioli 2 (1/1, 0/0), Rappoccio 2 (0/1, 0/0), Matrone 0 (0/3, 0/0), Ronconi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 22 / 28 – Rimbalzi: 36 10 + 26 (Visnjic 9) – Assist: 20 (Nikolic 6)

All. Ponticiello

BPC Virtus Cassino: Nicolò Petrucci 14 (1/3, 2/4), Maurizio Del Testa 13 (2/6, 1/4), Biagio Sergio 10 (1/4, 1/5), Duilio Ernesto Birindelli 9 (2/5, 1/3), Gianluca Valesin 7 (3/4, 0/1), Lorenzo Panzini 6 (1/3, 1/4), Valerio Marsili 6 (3/4, 0/0), Simone Bagnoli 2 (1/4, 0/0), Renato Quartuccio 2 (0/0, 0/4), Filippo Serra 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 23 / 26 – Rimbalzi: 28 8 + 20 (Biagio Sergio 7) – Assist: 12 (Maurizio Del Testa 5)

All. Luca Vettese

15 maggio 2017 0

Semifinale playoff serie B, gara 1: La Virtus Cassino si porta 1-0 nella serie vs Napoli. 72 – 69

Di redazionecassino1

La Virtus Cassino inizia nel modo migliore la serie contro Napoli, la serie di questa semifinale di playoff del Campionato Nazionale di Serie B 2016-17, andando ad espugnare in gara 1 il parquet del PalaBarbuto il tempio del basket partenopeo, il tempio del basket che conta.

Era la prima gara di questa semifinale, come detto, che lo ricordiamo si gioca al meglio delle cinque gare con la formula del doppio confronto in casa della squadra che aveva ottenuto il miglior piazzamento nel corso della regular season.

Nella fattispecie dunque due partite al PalaBarbuto, una andata in archivio, all’ombra del Vesuvio e quindi la serie si trasferirà a Cassino, a questo punto per ulteriori due gare.

E’ questa la serie di semifinale del Tabellone C che servirà a designare una delle due contendenti che in finale si giocheranno l’accesso al concentramento denominato “Final Four” del prossimo mese di giugno.

Una gara, quella del PalaBarbuto di Napoli, interpretata nel migliore dei modi dalla BPC Virtus Cassino che è scesa sul parquet di Napoli con una certezza quella di dover vivere ogni momento del match come una partita da giocare con intelligenza, sagacia tattica e grinta. Quella di dover interpretare al meglio qualsiasi frangente del match anche quando la produzione offensiva sarebbe inevitabilmente calata.

E gli uomini di Vettese sono riusciti in ogni istante della gara ad essere presenti a loro stessi; a non perdere la trebisonda nel mare in tempesta soprattutto degli ultimi due minuti di gioco allorquando anche la coppia arbitrale aveva perso il controllo della gara.

Bagnoli e compagni sono riusciti, a seconda dei momenti, ad imbrigliare per larghi tratti la squadra di coach Ponticello.

Ma il capolavoro tecnico – tattico di Luca Vettese e dei suoi ragazzi è arrivato nel secondo quarto allorquando la gara era sul 17 a 10 in favore dei padroni di casa.

Tutto sembrava essere in discesa per gli azzurri al cospetto di un pubblico numeroso e festante che aveva riempito in buona parte il palasport napoletano. Tutto sembrava …

Ma ecco che con un parziale fantastico di 14 a 0 suggellato da un tiro libero di Petrucci per il 24 a 17, Cassino, in soli due minuti e tredici secondi, ribaltava la gara, impossessandosi delle redini del confronto che non avrebbe più mollato fino al traguardo del quarantesimo minuto.

Un gran secondo quarto dunque … terminato con il parziale di 30 a 15 per i viaggianti … che spiana la strada alle “V” rossoblù della presidente Donatella Formisano e del vice presidente Renato Di Carlo presenti al PalaBarbuto non in tribuna ma in curva …… tra gli incredibili tifosi della Virtus Cassino. Questi ultimi infatti che hanno riempito lo spicchio di Palasport loro riservato non hano mia smesso di sostenere la squadra. Un colpo d’occhio fantastico, un sostegno continuo e festoso con una gioia infinita al termine della gara.

Dicevamo dunque del secondo quarto. Cassino va al riposo lungo con il vantaggio di 8 lunghezze, 40 a 32, anche grazie al clamoroso buzzer beater di Renato Quartuccio sulla sirena.

Al ritorno dagli spogliatoi i rossoblù benedettini vengono messi sotto pressione dai padroni di casa, ma i cassinati, non accennano a sbandare e rispondono punto su punto agli avversari. Vettese ed i suoi praticamente tengono in scacco gli avversari anche per larga parte della ripresa. Praticamente il quarto si conclude con un parziale di 20 a 18 per Barsanti e compagni. Il punteggio complessivo segna un 58 a 52 , + 6 per gli ospiti non molto rassicurante prevedendo una reazione dei blasonati padroni di casa alla ripresa delle ostilità.

Ma nel “quarto quarto” la difesa rossoblù è eccezionale e lascia Napoli senza canestri per lunghi 4 minuti. La tensione però è altissima e anche dall’altra parte del campo gli uomini di Vettese non riescono a produrre in termini di punti, ma quando Del Testa colpisce dal perimetro per il 63 a 52, con il cronometro che segna 4 minuti e spiccioli dall’avvio dell’ultima frazione, i partenopei sbandano. La sospensione di Ponticiello scuote gli azzurri che provano a spaventare Cassino nel finale, tornando anche a -2 grazie alla difesa allungata.

Nelle ultime battute, però, un canestro clamoroso di Panzini in penetrazione scaccia i fantasmi di una altrettanto clamorosa rimonta dei napoletani e suggella l’impresa virtussina, 72 a 69.

Cassino ha praticamente sempre condotto la gara salvo rischiare qualcosa solo nel finale allorquando un po’ di stanchezza unita ai falli , tre uomini usciti per cinque penalità di cui due Bagnoli e Sergio sotto le plance , e qualche fischio controverso hanno decisamente determinato il calo finale della truppa di Vettese ed hanno osato rovinare la festa rossoblù.

Alla fine però i ragazzi di Vettese, seppur privi di Valesin, mettono a segno un colpo decisamente eccellente, battendo a domicilio la vera corazzata del girone C della regular season, la squadra partenopea.

La BPC Virtus Cassino ha indetto un silenzio stampa per tutti i tesserati almeno fino a gara tre di questa semifinale di playoff.

Si torna in campo martedì 16 maggio alle ore 20.30 sempre al PalaBarbuto di Napoli per gara 2. Arbitri della contesa Giovannetti Giulio Di Rivoli (TO) e Di Franco Mirko Moreno Di Dalmine (BG)

 

 

Cuore Napoli Basket – BPC Virtus Cassino: 69-72

Parziali: 17-10, 15-30, 20-18, 17-14

Cuore Napoli Basket: Visnjic 15 (4/6, 0/4), Nikolic 15 (6/10, 0/1), Barsanti 12 (0/1, 3/7), Mastroianni 11 (2/4, 2/9), Maggio 10 (2/3, 1/5), Murolo 3 (0/1, 1/2), Marzaioli 3 (0/1, 0/2), Rappoccio 0 (0/1, 0/0), Matrone 0 (0/0, 0/1), Ronconi 0 (0/0, 0/1)

Tiri liberi: 20 / 27 – Rimbalzi: 37 9 + 28 (Visnjic 12) – Assist: 14 (Maggio 5)

All. Ponticello

BPC Virtus Cassino: Nicolò Petrucci 16 (2/6, 3/9), Simone Bagnoli 15 (7/10, 0/0), Biagio Sergio 13 (1/3, 3/4), Maurizio Del testa 8 (1/2, 1/4), Lorenzo Panzini 8 (1/1, 2/6), Duilio ernesto Birindelli 6 (3/6, 0/2), Renato Quartuccio 5 (1/1, 1/2), Valerio Marsili 1 (0/4, 0/0), Gugliemo Fabio 0 (0/0, 0/0), Filippo Serra 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 20 – Rimbalzi: 30 6 + 24 (Duilio ernesto Birindelli 7) – Assist: 14 (Maurizio Del testa, Renato Quartuccio 4)

All. Vettese

13 maggio 2017 0

La Virtus Cassino a Napoli per la prima sfida di semifinale. “Mission impossible”

Di redazionecassino1

Dopo l’impresa di San Severo per la BPC Virtus Cassino i playoff del Campionato nazionale di serie B assumono le caratteristiche dei Pirenei di ciclistica memoria.

“Siamo di fronte ad una montagna ardua, durissima da scalare: Cuore Azzurro Napoli. Numeri alla mano la serie non ha storia” esordisce così il Direttore Sportivo della BPC Virtus Cassino, il dott. Leonardo Manzari “Ci hanno battuto due volte in regular season. Sono l’unica squadra ad aver espugnato il nostro PalaVirtus (lo scorso dicembre , ndr). Hanno dominato la regular season.(primi al termine della stagione regolare con 50 punti, frutto di 25 vittorie e solo 5 sconfitte,ndr). Hanno conquistato la Coppa Italia a Bologna lo scorso marzo. Numeri impressionanti che fanno rabbrividire chiunque. Sono allenati benissimo ed oggettivamente devo fare i complimenti ad un grande allenatore come Francesco Ponticello che ha saputo plasmare un autentico capolavoro. Un grande professionista.Ha saputo dal suo cilindro tirar fuori , ripeto, un capolavoro assoluto, sostenuto da una società seria e competente. Noi? Mah, che potremmo mai fare al cospetto di tanta forza e coesione? Non lo so, sono curioso ma non mi faccio soverchie illusioni. 80 a loro e 20 a noi queste le percentuali, tra l’altro hanno il fattore campo che sarà una componente assolutamente fondamentale di questa semifinale, di certo da non trascurare.” Questo il pensiero del dirigente rossobù.

La Virtus Cassino dunque domenica pomeriggio raggiungerà il PalaBarbuto consapevole che il più è stato fatto e che essere entrata nelle fab four del tabellone C di questo campionato 2016-17 ha rappresentato e rappresenta un altro storico tassello nel processo di crescita della giovane compagine societaria rossoblù.

“L’entusiasmo dei nostri tifosi è coinvolgente” dice ai microfoni del cronista il coach dei cassinati Luca Vettese “coinvolgente e soprattutto travolgente. Siamo stati letteralmente sommersi dal loro affetto e dalla loro passione dopo la vittoria con San Severo. Non avremmo mai creduto di poterli trascinare a tale livello di esaltazione sportiva. Sapere che ci seguiranno anche in terra campana rappresenta un punto di svolta fondamentale in questo sport nella nostra terra. Siamo consapevoli di questo e lotteremo per loro per far sì che siano orgogliosi di noi. Noi onoreremo la maglia fino in fondo all’avventura fantastica di questo playoff 2016-17. Tornando alla sfida con napoli, tecnicamente e tatticamente c’è poco da inventare, ci siamo incontrati nel corso della stagione regolare e ci hanno battuti in entrambe le sfide per cui abbiamo la consapevolezza che sarà durissima” conclude il coach della Virtus Cassino.

I numeri infatti parlano ancora in favore di Napoli. Cassino ha affrontato i partenopei in serie B, in due anni, 4 volte, sempre nel corso della stagione regolare ed è uscita sempre sconfitta nel confronto con gli azzurri.

Il confronto tra i tecnici parla chiaro : Ponticello 2 – Vettese 0.

Dunque sarà mission impossible per le V rossoblù che scenderanno sul parquet del PalaBarbuto per gara 1 di semifinale domenica prossima, 14 maggio alle ore 18.00.

Le semifinali e le finali dei playoff del Campionato Nazionale di Serie B, lo ricordiamo, si disputano al meglio delle 5 gare con il classico format: casa-casa-fuori-fuori-casa. In casa ovviamente la contendente che vanta il miglior piazzamento in classifica nel corso della regular season, in questo caso l’Azzurro Napoli basket.

Le vincenti di ognuno dei quattro tabelloni playoff disputeranno la “Final Four” di promozione (10-11 giugno a Montecatini, ndr), che assegnerà le tre promozioni in Serie A2 per il campionato del prossimo anno sportivo, quello targato 2017/2018.

Le date per questa semifinale Napoli – Cassino sono le seguenti: Gara 1 – Domenica 14 maggio alle ore 18.00, Gara 2 – Martedì 16 maggio sempre al PalaBarbuto di Napoli alle ore 20.30 ; Gara 3 – Venerdì 19 maggio al PalaVirtus di Cassino alle ore 20.45 ; l’eventuale Gara 4 – Domenica 21 maggio – sempre al PalaVirtus di Cassino alle ore 18.00 ed infine in caso di parità la bella, ovvero Gara 5 si disputerà nel capoluogo partenopeo, all’ombra del Vesuvio, mercoledì 24 maggio alle ore 20.30.

Nel frattempo la FIP ha designato i fischietti per le prime due sfide di semifinale fra il Cuore Azzurro Napoli basket e la BPC Virtus Cassino. Gara 1 del 14/05/2017 – 18:00 al Pala Barbuto sarà diretta da una coppia pugliese. Agirà nelle vesti di 1º arbitro, Marzo Pierluigi Di Lecce (LE) coadiuvato nelle vesti di 2º arbitro dal signor Lillo Denny Di Brindisi (BR).

In occasione di gara 2 del 16/05/2017 – ore 20,30, sempre al Pala Barbuto di Napoli, una coppia lombardo-piemontese, il 1º arbitro sarà Giovannetti Giulio Di Rivoli (TO) mentre il 2º arbitro sarà il Signor Di Franco Mirko Moreno Di Dalmine (BG).

In settimana l’ufficio marketing della BPC Virtus Cassino ha emesso un comunicato stampa per fornire ai propri tifosi alcune informazioni inerenti le modalità di acquisizione dei biglietti d’ingresso al Palazzetto dello Sport di napoli in occasione di gara 1 e gara 2 di semifinale. Ne riportiamo uno stralcio a favore di quelli che non abbiamo avuto modo di leggerlo: “ … La BPC Virtus Cassino porta a conoscenza dei propri sostenitori le modalità di accesso al settore ospiti del PalaBarbuto di Napoli anche in relazione ad alcune notizie apparse a mezzo stampa e sul sito ufficiale del Cuore Napoli Basket relative alle modalità di acquisto dei biglietti d’ingresso al Palasport di Napoli per gli incontri di domenica 14 Maggio ore 18 e martedì 16 maggio ore 20.30, in occasione della semifinale play off del Campionato Nazionale di Serie B 2016-17. Si informano pertanto i tifosi rossoblù che la scrivente Virtus Cassino ha ricevuto la seguente nota ufficiale da parte della Società Partenopea a firma del dirigente Responsabile per l’evento : …. saranno riservati alla Vs Associazione Sportiva il 10% di una capienza totale di 3500 persone totali circa, con accesso su apposita tribuna laterale, definita Settore Ospiti, di cui N°5 tessere LNP N°8 accrediti di cortesia come da disposizioni LNP Vi ricordiamo che il prezzo del biglietto è di 10 euro. I biglietti saranno disponibili presso il botteghino del PalaBarbuto…. A tal fine si fa chiarezza per i tifosi rossoblù che i “mini abbonamenti” messi in vendita on line e presso il botteghino del Pala Barbuto per le due gare in oggetto dal Cuore Napoli Basket non sono validi per il Settore Ospiti.”

Dunque si parte con le semifinali.

 

 

 

8 maggio 2017 0

La stagione della N.B. Sora 2000 finisce, la Tiber vince gara 2 e vola in semifinale

Di redazionecassino1

Termina qui la più che positiva stagione della N.B.Sora 2000. In Gara2, ai volsci non è riuscita la rimonta nei confronti della Tiber Roma, in vantaggio nella serie play-off per 1-0. Al PalaPanico i capitolini si sono imposti con un netto 50-65, nonostante una prestazione brillante e decisamente sopra gli standard dei padroni di casa.

Quella di stasera è stata una partita in spumeggiante fin dai primi possessi: i ragazzi di coach Polidori hanno trovato subito il vantaggio, 6-0 nei primi 2’, incrementandolo, minuto dopo minuto, grazie a Mannarelli e Rossetti. Ospiti che sono costretti a chiedere un time out per  frenare  le sfuriate  biancocelesti. Ridolfi e Del Sasso tamponano l’emorragia  con delle buone giocate. arrivando alla fine del periodo con uno svantaggio di una sola lunghezza (13-12). Nel secondo periodo la Tiber apre le danze con una bomba  di Dal Sasso e  mette la freccia sorpassando i padroni di casa, i quali vengono storditi dalle bombe del rientrante Napolitano , Ricciardi e Serrano, che  piegano i padroni di casa un po’ spreconi. La gara sembra  scivolare  su un canale già designato con un vantaggio ospite di +17 (20-37). Dopo la pausa lunga i padroni di casa, avendo recuperato l’ energie e riordinato le idee,  entrano sul rettangolo di gioco molto determinati, Dulovic diventa, sotto le plance, la bestia  nera dei capitolini e con Mannarelli un rapinatore  di palloni che lo portano, insieme a De Laurentiis e Galuppi ad aggiudicarsi nuovamente il periodo  con u parziale di 22- 12 (42-49). L’ultimo quarto inizia  con gli ospiti subito in avanti Basili piazza una tripla che porta i biancoblu tiberini ad allungare il distacco. Distacco che porta  gli ospiti a un pesantissimo 0-9 iniziale. Coach Polidori, come di consueto usa fare in queste ultime gare, mette in campo i ragazzini della U18 per una lunga passerella (5’), che da modo a Lazzarino, Castellucci Tanzilli e Alonzi E. a  potersi confrontare con dei veterani della palla a spicchi. La  gara si chiude  qui con il punteggio di 50 a 65, con i romani proiettati direttamente alla semifinale, dove incontrerà la vincente di gara tre tra San Paolo e Formia. Coach Polidori a fine gara“ Sono orgoglioso di questi ragazzi che in questi 8 mesi  di lavoro si sono impegnati al massimo per migliorarsi e migliorare la squadra. Anche in questa ultima difficilissima partita hanno dato tutto quello che avevano ma ancora non siamo  attrezzati per fare miracoli. La Tiber è fuori dalla nostra portata in questo momento e nelle condizioni in cui l’abbiamo affrontata troppa la differenza  tecnica e numerica tra noi e loro. Auguro  ai nostri avversari di  arrivare in fondo se lo meritano. Credo sia corretto ringraziare tutti quelli  che ci hanno permesso di fare il campionato che abbiamo disputato società giocatori e staff tecnico credo che di più proprio non si poteva fare. Ora approfittando di un pò di  riposo  cercheremo di  analizzare con serenità tutte le vicende positive e negative di questa stagione. Se vogliamo crescere dobbiamo capire dove abbiamo fatto bene e dove dobbiamo migliorare, la Società mi auguro voglia ancora crescere  la città di Sora  va sicuramente spronata a seguire con più partecipazione. Parlare ora di progetti futuri è molto importante perché si ha il tempo per organizzare tutto al meglio.   Negli incontri che verranno  si deciderà come e se continuare questa avventura insieme per ora di nuovo grazie e complimenti a tutti.

Nonostante la sconfitta rimangono i grandi successi portati a casa, anche in questa annata, dalla squadra allenata da coach Polidori. Prima di tutto l’obiettivo salvezza, raggiunto già da tempo e la conferma dell’ottavo. Ad aumentare il valore dei risultati ottenuti ci sono diversi fattori: l’esperienza di un allenatore che  ha  forgiato  giorno per giorno una  squadra  di  giovani venuti da  ogni parte d’ Italia e dall’estero, l’età media della squadra che si è attestata a 19 anni, l’esperienza  di un senior della portata di Rossetti e  della forza  d’animo e  coesione  di tutti i ragazzi.

La società ringrazia gli sponsor per aver dato la possibilità alla squadra di partecipare ancora una volta al campionato di serie C Gold. Quindi arrivederci alla prossima stagione.

Parziali: 13-12 / 7-25 / 22-12 / 8-16

N.B. Sora 2000: Lazzarino 2, Mannarelli 14, Cerrone 0, Galuppi 5, Castellucci 0, De Laurentiis 4, Tanzilli 2, Dulovic 17, Rossetti 6; Coach: Polidori. Ass. Spaziani

Tiber Basket: Dal Sasso 9, Bertoldo 9, Pasquinelli n.e., Ridolfi 16, Algeri 4, Basili 5, Ricciardi 6, Santucci 6, Valentini 2, Serrano 3, Napolitano 5, Padovani 0; Coach: Cilli

 

 

15 maggio 2010 0

Roccasecca in semifinale a “Mezzogiorno in Famiglia” sabato 15 e domenica 16 maggio

Di redazionecassino1

Roccasecca torna a Mezzogiorno in Famiglia, la trasmissione di Rai 2 condotta da Amadeus, il comune ciociaro sarà impegnato nella semifinale del gioco fra i comuni d’Italia, per aggiudicarsi il titolo e lo scuolabus in palio. Con Roccasecca torna anche a cantare Valentìna Caira, una voce importante nel panorama musicale cassinate. Si esibirà sabato 15 maggio alle ore 11, circa, con un brano molto bello ed impegnativo, ma che le doti canore dell’artista di Cassino sapranno certamente rendere più suggestivo che mai. Il meccanismo per sostenere la città di Roccasecca è sempre lo stesso. Si esprimerà attraverso il televoto con i numeri: 894222-001 da telefono fisso e 4784785-001 per inviare gli sms. E allora ‘in bocca al lupo’ a Roccasecca ed un sostegno alla grande voce di Valentina Caira che ne difenderà i colori con la sua canzone.