Tag: serie

29 ottobre 2018 0

Calcio a 5 Maschile Serie D. La Vis Sora sfiora l’impresa

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La metafora del bicchiere mezzo pieno descrive bene la gara di venerdì sera della Vis Sora c/5. A pochi passi da un’ impresa, per quanto ci si sforzi di cogliere gli aspetti positivi, inevitabilmente ci si sofferma sul risultato finale. Allo stesso modo, mentre alla vigilia un pareggio in casa dello Sporting Calcio Vodice sarebbe stato accolto come un ottimo punto, al triplice fischio era il rammarico a prevalere negli spogliatoi degli ospiti. Stato d’animo legittimo per coloro che, avendo a cuore i colori bianconeri, hanno assistito ad una gara condotta sempre da capitan D’Ambrosio e soci, più volte in vantaggio e più volte riacciuffati dai locali fino al 23 minuto della ripresa, quando la Vis si portava addirittura sul 3-5. A quel punto la vittoria sembrava ipotecata, ma due disattenzioni difensive allo scadere, vanificavano una prestazione davvero da grande squadra. Questa la cronaca della gara. Sporting Vodice che partiva subito a testa bassa, cercando di imprimere un ritmo sostenuto alla gara e di imporre il fattore campo. Era tuttavia la Vis a beneficiare della occasioni migliori, con Fabio Pagliaroli che colpiva il palo a portiere battuto. Esemplare l’atteggiamento dei ragazzi di mister Massaro in questa fase. Senza cedere alla foga di ribattere colpo su colpo alle sortite dei locali, i bianconeri preferivano abbassare i ritmi e costruire azioni manovrate per offendere gli avversari. La rete del vantaggio Vis maturava tuttavia su contropiede, con Daniele Recchia che, dopo aver sradicato il pallone dai piedi di un avversario sulla linea di centrocampo, si involava da solo verso la porta, servendo all’accorrente Pagliaroli l’assist per il più classico dei tap-in. Era il momento migliore degli ospiti, con la Vis che sfiorava più volte la rete grazie alle conclusioni di Ascione e Gemmiti. Al 20′ lo Sporting Vodice perveniva al pareggio. Staffilata dalla lunga distanza del numero sei locale e palla in gol. La risposta bianconera tuttavia non si faceva attendere. Ad innescarla non poteva essere che lui, Fabio, Pagliagol Pagliaroli che di sinistro scaricava in porta al culmine di un contropiede ben orchestrato dai Sorani. Si andava al riposo sul 1-2. L ‘inizio della ripresa coincideva con il vantaggio pontino, questa volta grazie ad una conclusione dal limite dell’area. Finita? Neanche per sogno. Saliva in cattedra capitan Francesco D’Ambrosio, davvero in grande spolvero in questo inizio di campionato. Il numero 8 bianconero, prima siglava il 2-3 con un tocco di alta scuola ad eludere l’uscita del portiere e poi risolveva di piatto un accenno di mischia in prossimità dell’area di rigore, realizzando il goal del 3-4. Da un’azione del tutto simile maturava il 3-5 Vis. Questa volta era Pagliaroli di destro a dirimere il groviglio creatosi nell’ area dei padroni di casa.

L’ orologio scandiva il minuto 23 e la Vis, forte del doppio vantaggio, sembrava veleggiare agevolmente verso un sicuro successo. I bianconeri tuttavia smettevano di giocare e schiacciati dalla veemente pressione dello Sporting Vodice capitolavano per due volte in rapida successione fino al 5-5 finale.

Resta la soddisfazione per la grande prestazione sfoderata in trasferta e la consapevolezza di poter rendere la vita difficile a tutte le contendenti, ma venerdì prossimo, tra le mura amiche contro il Kosmos Strangolagalli, bisogna provare a vincere.

 

Pagelle

Pozzuoli.7,5; incolpevole sui goal, salva più volte il risultato con interventi eccezionali. Serata di gala.

Ascione.6,5; insuperabile come sempre, cerca la via del goal con due tiri dalla distanza, in questa occasione senza fortuna. Insostituibile.

Recchia.7; è il cervello della squadra,opera sempre la scelta migliore modulando sapientemente i ritmi. Legge sempre in anticipo le situazioni di gioco, risultando fondamentale.  IL Regista.

Pagliaroli.8; Altre tre reti a referto a coronamento di una prestazione attenta e consistente. Pichichi.

D’Ambrosio. 7,5. In forma come non lo Losi vedeva da tempo, segna la differenza in ogni giocata…..con stile. Alta classe.

Vinci.7; partita senza “bonus”, ma con tanta grinta e precisione. Innumerevoli le chiusure, infiniti i palloni recuperati. Migliore in campo.

Tomassi.6; debilitato dall’influenza svolge comunque benissimo il suo compito, contribuendo alla buona prestazione della squadra. Generoso.

Perna.6,5; il suo apporto in fase difensiva è sempre fondamentale. Uomo in più della squadra, orchestra con esperienza il reparto arretrato. Imprenscindibile.

Gemmiti.6; agisce in una zona di campo che non valorizza il suo enorme bagaglio tecnico.

prestazione cmq positiva in vista dei prossimi incontri. Gran potenziale.

Alonzi M.6; impiego ridotto, ma grandi aspettative sul giovane bianconero. Con la palla tra i piedi delizia spesso la platea. Ha bisogno di un’evoluzione tattica. Lampi di classe.

Chiappelli.7;Pochi minuti per aiutare i compagni in sofferenza. Non si sottrae, lottando strenuamente. Lascia capire perché è così amato dal gruppo. Uomo squadra.

Marziale:Sv

Massaro e Zaccardell.6,5; devono lavorare sulla testa dei ragazzi onde evitare pericolose amnesie come quelle che hanno propiziato il pareggio avversario. Il lavoro svolto tuttavia è ottimo.

25 settembre 2018 0

La puntura di Ultimo… a chi divide l’Europa tra serie A e serie B

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Parigi annuncia un maxi taglio delle tasse da 26 miliardi di euro da finanziare con il debito, portando così il rapporto sul pil al 2,8%.

Praticamente la ricetta del M5S in Italia, con la differenza però che, qui, il rapporto si fermerebbe al 2,5%. Europa e economisti dilettanti sono subito scesi sul piede di guerra, predicendo chissà quali catastrofi per l’ Italia.

Adesso che lo annuncia Macron nessuno mette bocca. Europa di serie A ed Europa di serie B”.

Ultimo

9 luglio 2018 0

Festeggiamenti per la Serie “A” amari per 11 tifosi del Frosinone

Di admin

FROSINONE – Serrate  indagini degli inquirenti della Digos – Squadra Tifoserie –, diretti dal dr. Cristiano Bertolotti, sono scattate subito dopo la finale dei Play Off Serie B, disputatasi al Benito Stirpe,  tra Frosinone e Palermo, e che ha sancito la promozione nella massima serie della compagine locale.

Nel corso del festeggiamenti per la serie A, una cospicua rappresentanza di tifosi  si riservava sul terreno di gioco e una parte degli stessi si portava sotto la curva degli ospiti con atteggiamenti minacciosi.

In quel frangente 11 soggetti, di cui 4 gravati da precedenti anche specifici, si evidenziavano per condotte pericolose sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica e pertanto nei loro confronti sono stati emessi altrettanti provvedimenti di Daspo.

Ad “inchiodare” i supporters intemperanti anche le immagini del sistema di videosorveglianza.

Inoltre 3 soggetti sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria.

In particolare un 43enne dovrà rispondere di violenza privata in danno di un sostenitore del Palermo, mentre un 29enne è stato denunciato per istigazione a delinquere.

Ad un  tifoso di 27 anni è stata invece contestata la  violazione del Daspo emesso dal Questore di Frosinone nel 2016 e con scadenza nel 2021.

Ulteriori accertamenti sono in corso , anche con la collaborazione della Questura di Palermo, per l’individuazione di alcuni tifosi ospiti che si sono resi responsabili di intemperanze.

(foto repertorio)

17 giugno 2018 0

Frosinone promosso in serie A, ciociari tornano in vetta all’Olimpo

Di admin

FROSINONE – la incontenibile Gioia ha come punto d’origine lo stadio Benito Stirpe e, come uno tsunami, si propaga per tutta la provincia. Il Frosinone torna in serie A. La vittoria con il Palermo (2-0 con goal di Maiello e Ciano) aprono le porte dell’Olimpo del calcio alla squadra ciociara.

Il timore che l’occasione persa contro il Foggia avesse minato la forza di volontà dei canarini si infrange quando su una determinazione ina campo che non da scampo ai siciliani chee pure erano usciti vittoriosi al primo turno.

La festa non aspetta il triplice fischio dell’arbitro e l’invasione di campo dei 10mila dello Stirpe innesca la reazione a catena. L’onda si propaga per la città e ogni oggetto che faccia rumore comincia a funzionare. Auto in corteo con gente aggrappata ai finestrini, bandiere da ogni balcone e finestra, e comunque tutti in strada ad urlare “A”. Con l’inizio del nuovo campionato, i canarini si confronteranno con le squadre di maggior blasone del calcio italiano; non una novità questa dato che Juve Milan Inter Napoli e Roma già conoscono la “strada” per Frosinone, ma la novità è che al loro pari, adesso, i canarini hanno una “casa” di grande livello, il che unita all’esperienza calcistica acquisita in questi anni, allo spessore di una società che sa osare e sa far quadrare i conti, fanno del Frosinone un pezzo importate di quell’Olimpo calcistico.

Ermanno Amedei         

20 maggio 2018 0

Basket Serie B Playoff: Virtus corsara a Roma contro la Luiss, vede la finale

Di redazionecassino1

Un sostegno incessante dei supporters cassinati, un tifo incredibile, ha accompagnato la Virtus Cassino in questa prima sfida al Pala LUISS di Roma per gara 3 della semifinale playoff del Campionato Nazionale di Serie B, Tabellone D.

La Virtus Cassino ha avuto la meglio sull’ostica, compatta e giovane formazione allenata da coach Paccariè al termine di una gara praticamente giocata punto a punto.

Equilibrio rotto a favore dei viaggianti solo nell’ultimo quarto di gioco dopo che per larghi tratti i padroni di casa avevano condotto le danze forti anche di un vantaggio di +7 maturato sul finire della seconda frazione e a metà del terzo quarto di gioco. Una gara dunque appassionante e ricca di pathos quella che si è giocata presso l’impianto universitario a Roma.

Pubblico delle grandi occasioni per il Pala LUISS , praticamente esaurito in ogni ordine di posti per una prima sfida dal sapore antico tra due formazioni che venivano dall’esito di gara 2 favorevole ai romani, grazie, lo ricordiamo, ad una tripla segnata quasi allo scadere da capitan Faragalli.

<img class=”wp-image-27991 alignleft” src=”https://i0.wp.com/www.cassinoinforma.it/immagini/photo_2018-03-18_14-31-11-2.jpg?resize=318%2C201&ssl=1″ alt=”” width=”318″ height=”201″ srcset=”https://i0.wp.com/www.cassinoinforma.it/immagini/photo_2018-03-18_14-31-11-2.jpg?resize=553%2C350&ssl=1 553w, https://i0.wp.com/www.cassinoinforma.it/immagini/photo_2018-03-18_14-31-11-2.jpg?resize=343%2C217&ssl=1 343w, https://i0.wp.com/www.cassinoinforma.it/immagini/photo_2018-03-18_14-31-11-2.jpg?w=703&ssl=1 703w” sizes=”(max-width: 318px) 100vw, 318px” data-recalc-dims=”1″ />Palla a due e subito si comprende che la gara sarà equilibrata. La LUISS Roma gioca il suo basket garibaldino fatto di sapienti e ben organizzate transizioni offensive attivate dai rimbalzi del trio Beretta, Cefarelli e Martone che innescano con sapiente e consumata maestria le frecce all’arco di coach Paccariè. Le scelte difensive per il coach dei romani sono una asfissiante presenza di un giocatore alle calcagna di Manuel Carrizo. L’argentino stasera però ha le polveri bagnate almeno all’inizio da oltre l’arco dei 6.75 e le sue conclusioni sono preda dei rimbalzisti avversari. Il leit motiv della gara è questo.

E Cassino? Cassino fa la sua partita. Tosta e attenta, tutta sostanza con pochi fronzoli per lo spettacolo ben coordinata bene in regia da Lorenzo Panzini, d’altra parte questa è la bellezza dei playoff e i benedettini sembrano interpretare al meglio questa condizione dello spirito di un cestista arrivato al termine di una stagione a dir poco massacrante. Il primo quarto si gioca sul filo dell’equilibrio ma sono i cassinati a chiuderlo in vantaggio di tre lunghezze, 20 a 17 grazie alla bomba di Carrizo che si accende proprio in prossimità della sirena.

Cassino ha il sacro fuoco e si vede ma la LUISS ne ha di più. Il secondo quarto è segnato da un parziale micidiale di 9-0 per i romani dopo che Bini aveva portato le “V” rossoblù a + 6, 27-21, con una incursione in area romana. Chiude il parziale di cui sopra, al termine di una transizione, Di Fonzo, firmando il canestro del sorpasso universitario e fissando il tabellone sul 30-27.

Prima Bagnoli con un viaggio in lunetta e poi sempre Panzini con una entrata delle sue, mantengono in linea di galleggiamento gli ospiti che chiudono il secondo minitempo sotto di sole due lunghezze, 43-41. La pausa lunga non modifica le proposte tattiche dei due coach. E’ battaglia agonistica, è clima playoff e la LUISS Roma sembra decisa a far sua la posta in palio, allorquando una bomba di Veccia fissa il punteggio sul 52 a 45, +7.

Per i ragazzi di coach Vettese è uno schiaffo in faccia, un pugno che potrebbe, per i deboli di spirito, segnare le sorti del match. Non così per Del Testa e soci. Petrucci non si fa pregare e con una delle sue conclusioni da oltre l’arco dei 6.75 manda in visibilio il settore dei tifosi rossoblù. La progressione ospite è implacabile. Cena segna la tripla del +3 a 1 minuto e 20” dal termine della terza frazione di gioco. Ancora l’ala grande argentina e poi Petrucci dalla linea dei tiri liberi fissano il punteggio sul 64 a 59 al termine della terza frazione di gioco.

Gli ultimi 10 minuti di gioco sono un punto a punto incredibile ma sempre sotto la gestione degli ospiti che concludono in completo controllo il match fino sulla sirena con sette lunghezze di vantaggio, 74-81. La serie dunque va sul 2-1 per la Virtus Cassino. Domenica 20 però è ancora partita, si va a gara 4 sempre al Pala LUISS di via M. Longhi a Roma.

«Oggi in campo non eravamo in 5 ma in 6- le prime parole del capitano della BPC Virtus Cassino, Maurizio Del Testa, al termine della partita- grazie al grande pubblico che è venuto da Cassino a sostenerci, tutta la squadra ha sentito il calore e la forza che hanno saputo infondere con i loro cori incessanti. E’ stata una gara tosta, siamo stati bravi a rimanere incollati e a non farli andar via , sapevamo che era una battaglia, siamo stati bravi . Oggi è venuto fuori il gruppo, nessuno ha fatto un passo indietro e tutti ci siamo aiutati sempre in ogni circostanza del match. Anche e soprattutto se consideriamo che tre di noi eravamo fortemente penalizzati dai falli (Bagnoli, Del Testa e Panzini, ndr). Dobbiamo essere sempre positivi, questo è l’ingrediente fondamentale per vincere le partite. Adesso testa a gara 4, ce la metteremo tutta».

Ore 18.00 di oggi 20 maggio palla a due, andrà in scena gara 4 di questa avvincente semifinale playoff.

Luiss Roma – BPC Virtus Cassino 74-81  Parziali 17-20, 26-21, 16-23, 15-17

 

Luiss Roma: Marcon 14 (5/11, 1/1), Cefarelli 12 (6/8, 0/0), Beretta 11 (4/8, 0/1), Scuderi 10 (2/3, 1/2), De Dominicis 8 (4/6, 0/0), Di Fonzo 6 (1/2, 1/3), Veccia 5 (0/2, 1/5), Faragalli Serroni 4 (0/2, 1/5), Martone 4 (1/1, 0/0), Bonaccorso 0 (0/4, 0/1), Gebbia 0 (0/0, 0/0), Miriello 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 13 / 21 – Rimbalzi: 37 15 + 22 (Beretta 10) – Assist: 9 (Di Fonzo 3). All. Paccariè.

BPC Virtus Cassino: Simone Bagnoli 16 (5/5, 0/0), Enzo Cena 15 (4/7, 2/5), Manuel Carrizo 14 (3/5, 2/7), Lorenzo Panzini 11 (4/5, 1/4), Niccolò Petrucci 9 (1/4, 1/2), Maurizio Del Testa 8 (3/7, 0/2), Matteo Bini 8 (2/4, 1/3), Fabrizio De Ninno 0 (0/0, 0/0), Riccardo Pasquinelli 0 (0/0, 0/0), Robert Banach 0 (0/1, 0/0), Giorgio Galuppi 0 (0/0, 0/0). Tiri liberi: 16 / 20 – Rimbalzi: 30 8 + 22 (Simone Bagnoli 7) – Assist: 12 (Manuel Carrizo 4) All. Vettese Ass. Incelli.

14 maggio 2018 0

Cassino avanti nella serie di semifinale. Vittoria degli uomini di Vettese in gara 1 contro la LUISS Roma

Di redazionecassino1

La Virtus Cassino si porta in vantaggio nella serie vs LUISS Roma, al termine di una gara tosta e combattuta risolta dai cassinati solo nell’ultimo quarto a fronte invece di un equilibrio nel punteggio suggellato dal – 4 alla sirena dei trenta minuti di gioco, 62-58, in favore dei padroni di casa.

Al PalaVirtus di Cassino c’è il pienone in questo tardo pomeriggio di metà maggio. I tifosi della Virtus Cassino riempiono il vecchio impianto della Città Martire per non far sentire soli i propri beniamini che affrontano la sorpresa di questi playoff 2018 del Campionato Nazionale di Serie B, la LUISS Roma.

LUISS Roma rivale storica della BPC Virtus Cassino sin dai tempi della serie C Nazionale e che dopo aver eliminato nei quarti la forte Recanati, ricordiamolo seconda al termine della regular season nel girone C di questo campionato Nazionale cadetto, prova a ripetere l’impresa contro la squadra benedettina arrivata al traguardo di questa semifinale dopo aver, a sua volta, eliminato la forte e coriacea Matera al termine di tre battaglie sportive che inevitabilmente hanno lasciato scorie fisiche sulla compagine rossoblù.

Insomma si va alla prima gara di questa serie con le “V” rossoblù che hanno da scardinare la resistenza degli universitari romani e nulla appare semplice.

La partenza della gara è di quelle brucianti per i padroni di casa che dopo soli due minuti di gioco costringono coach Paccariè a chiamare il primo time out, ripetiamo dopo soli due minuti di gioco. 10-1 il punteggio alla bomba di Del Testa dall’angolo e Pala Virtus in visibilio.

Ancora + 10 al quarto minuto di gioco con Enzo Cena che realizza da oltre l’arco dei 6,75 il massimo vantaggio dei padroni di casa nella prima frazione di gioco, 17-7. I romani però, e bisogna sottolinearlo, non perdono la maniglia dell’incontro e navigano sempre in regime di avvistamento dei battistrada macinando il loro gioco e soprattutto dominando sotto le plance anche in fase offensiva. Martone e Beretta dominano e costruiscono sempre seconde opportunità per gli ospiti.

Bini però porta ancora a + 10 i padroni di casa grazie ad una tripla a pochi secondi dalla prima serena, 26 a 16. La prima frazione di gioco si chiude sul 26 a 18 dopo che De Dominicis aveva realizzato con una incursione nell’area cassinate.

Ecco il segno è tracciato, la LUISS Roma è a -8 dai cassinati.

E gli ospiti iniziano una lenta risalita nel punteggio che li porterà ad assottigliare progressivamente la dote dei cassinati anche se Panzini , prova straordinaria la sua con 25 punti realizzati e percentuali monstre da due 80% e da oltre l’arco dei 3 punti con il 70% , 4/5 , e 23 di valutazione finale, realizza la bomba che porta la Virtus Cassino, targata Banca Popolare del Cassinate, al massimo vantaggio , +12 , 40-28.

Martone è implacabile in fase realizzativa e porta gli universitari sul – 4 a tre minuti dalla sirena della pausa lunga, 40-26.

Inizia ora il periodo di estremo equilibrio nel punteggio tra le due compagini, periodo che si protrarrà fino all’inizio della quarta ed ultima frazione di gioco.

La LUISS chiude la seconda frazione di gioco sul -6 aggiudicandosi nel punteggio il secondo minitempo. 50-44, recita il tabellone al termine dei 20 minuti di gioco e di certo non ci si è annoiati.

Al rientro in campo le due compagini sono molto provate dal ritmo imposto nella prima parte del match e le difese prevalgono sugli attacchi. Si segna poco dunque, i romani si aggiudicano la frazione per 14 a 12.

Cassino però è sempre in controllo del punteggio e non permette alla LUISS Roma di sopravanzarla. Massimo vantaggio nella frazione +7 per le “V” rossoblù a meno di due minuti dalla sirena della terza frazione di gioco,62-55, con un canestro dell’ottimo Enzo Cena.

Tra i cassinati la prova monstre del solito Bagnoli. Il lungo cassinate è devastante sotto le plance ma soprattutto lo è in fase offensiva e suggella una prova incredibile da MVP di serata con l’ennesima doppia – doppia di questo campionato, 28 punti e dieci rimbalzi, per 33 di valutazione.

Tuttavia è ancora De Dominicis, come alla fine del secondo quarto a suggellare il punteggio del 62 a 58 ovvero del -4 per i viaggianti. 62-58 il punteggio al termine della frazione numero tre e inizio dell’ultima frazione che promette scintille.

Il PalaVirtus ribolle di tifo per i padroni di casa e sulle ali di questo entusiasmo si approccia agli ultimi dieci minuti di gioco.

Sale in cattedra Panzini come detto e si erge ad assoluto protagonista del match realizzando ben 17 punti negli ultimi 10 minuti di gioco ed entusiasmando il pubblico con ben 3 bombe. Ma sono le due incursioni nell’area degli universitari a spaccare il match. Il play cassinate infatti decide di caricarsi la squadra sulle spalle e arriva al ferro due volte di seguito nel primo minuto di gioco portando i compagni sul + 9, 67-58.

Poi come detto le tre bombe consecutive per il visibilio rossoblù che inneggia al numero 6 cassinate, 76-61, +15, per i benedettini all’inizio del quarto minuto di gioco. Praticamente la gara è in cassaforte. La BPC Virtus Cassino veleggia sicura verso il traguardo. Spazio anche per le seconde linee e il bravo de Ninno chiude i discorsi sul 90 a 74.

Ma domani è già vigilia. Gara due di questa serie è in programma martedì alle 20.25 stesso palcoscenico il PalaVirtus cassinate che ormai sta diventando teatro di sfide epiche per i tifosi rossoblù che chiamano sotto il settore più caldo i propri beniamini per ballare insieme.

“Non possiamo rilassarci, gara 1 è in archivio” esordisce in sala stampa il DS dei rossoblù cassinati, il dott. Leonardo Manzari “tra meno di quarantottore saremo ancora qui e sono sicuro sarà tutta un’altra storia. Dovremo essere bravi a non mollare nulla. La LUISS è avversario tosto e ben allenato, noi invece siamo pieni di acciacchi e dovremo ripeto essere bravi a gestire le forze. I migliori tra i nostri? Sicuramente Lorenzo Panzini e Simone Bagnoli , il nostro asse play – pivot. Ma anche Enzo (Cena, ndr) che sta giocando da tempo con un problema alla spalla e di cui devo sottolineare l’abnegazione e soprattutto il grande contributo alla nostra causa, ma anche gli altri e non vi dico quanto lavoro questi match stanno dando al nostro staff sanitario che ringrazio pubblicamente per il grande lavoro che sta svolgendo. Come pure devo sottolineare il fatto che il mio team aumenta sempre i giri del motore nell’ultimo quarto in modo straordinario, segno che la condizione atletica è decisamente quella giusta”.

Dunque si va a gara 2. Appuntamento al Pala Virtus di cassino alle 20.45, martedì 15 maggio.

 

BPC Virtus Cassino – Luiss Roma 90-74

Parziali 26-18, 24-26, 12-14, 28-16

BPC Virtus Cassino: Simone Bagnoli 28 (14/17, 0/0), Lorenzo Panzini 25 (4/5, 5/7), Enzo Cena 12 (3/7, 1/6), Matteo Bini 7 (1/1, 1/3), Manuel Carrizo 6 (0/4, 1/2), Maurizio Del Testa 5 (1/2, 1/3), Fabrizio De Ninno 3 (1/2, 0/1), Niccolò Petrucci 2 (0/3, 0/3), Riccardo Pasquinelli 2 (1/1, 0/0), Robert Banach 0 (0/1, 0/0), Giorgio Galuppi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 19 – Rimbalzi: 30 7 + 23 (Simone Bagnoli 10) – Assist: 25 (Manuel Carrizo 9)

All. Vettese Ass. Incelli

Luiss Roma: Martone 24 (9/11, 0/0), Marcon 13 (5/9, 0/1), Beretta 13 (5/11, 0/0), De Dominicis 8 (3/4, 0/1), Cefarelli 6 (2/4, 0/0), Faragalli Serroni 5 (2/4, 0/4), Di Fonzo 4 (1/1, 0/0), Bonaccorso 1 (0/2, 0/2), Scuderi 0 (0/1, 0/2), Veccia 0 (0/1, 0/5), Miriello 0 (0/0, 0/0), Gebbia 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 29 – Rimbalzi: 38 13 + 25 (Martone 15) – Assist: 10 (Marcon, Di Fonzo 3)

All. Paccariè

MVP Simone Bagnoli

25 marzo 2018 0

Basket serie C/Silver: Serapo ’85 espugna Rieti e vede i play-off

Di redazionecassino1

Una gara al cardiopalma vinta, come accade sovente quest’anno, con il carattere e con il cuore e che vuol dire tanto per il prosieguo del campionato: Il Blitz esterno del Basket Serapo 85’ in quel di Contigliano si può riassumere così, dopo che per l’intera gara i ragazzi di Coach Cianciaruso hanno avuto problemi con il tiro dalla distanza e nel fermare Granato.

Gara che ha cambiato volto per tre volte nei quaranta minuti di gioco: il Basket Serapo inizia subito forte in difesa e all’inizio del secondo quarto riesce ad arrivare anche ad un margine che supera la doppia cifra di vantaggio grazie all’apporto di tutti i componenti scesi in campo. Ad un certo punto però, la squadra di casa inizia a giocare duro e sporcare le soluzioni offensive della squadra gaetana colpevole, quest’ultima, di un rilassamento che poteva costare caro a fine gara. Si va così al riposo lungo con la Willie Rieti avanti con il punteggio di 46-45.

L’inizio di ripresa è incoraggiante per i ragazzi di Coach Cianciaruso che trovano ottimi spunti sotto canestro da Luca Valente e Matteo Antetomaso, ma la squadra locale trova in Granato un giocatore immarcabile e grazie anche ad un paio di triple fortunate andate a segno sommate alle difficoltà dei biancoverdi di andare a canestro , riesce ad allungare sul +4 alla fine del terzo quarto (67-64). Nell’ultimo quarto c’è la scossa della squadra biancoverde che torna a giocare di squadra e concedere poco in difesa: Varga, Valente e Lucarelli mettono a segno canestri importanti come quelli di Porfido che risponde sempre alle prodezze di Granato; questo porta la squadra biancoverde a trovarsi con il naso avanti nel finale chiuso alla grande da un canestro di Valente che appoggia facile a canestro l’84-80 finale.

NPC Willie Rieti – Basket Serapo 85’ 80-84 (16-22;46-45;67-63)

NPC Willie Rieti: Brandi n.e., Colantoni 10, Annibaldi n.e., Festuccia 4, De Angelis 10, Granato 35, Auletta 6, Rinaldi 6, Blasi 9, Buccioni n.e., Berrettoni, Cocco n.e. Coach: Angelucci

Basket Serapo 85’: Di Dia n.e., Scampone 11, Leccese 8, Lucarelli 15, Varga 8, Valente F. n.e., Antetomaso J. n.e., Antetomaso M. 6, Valente L. 18, Porfido 18. Coach: Cianciaruso Nella foto: Simone Lucarelli.

16 marzo 2018 0

Campionato serie B, identificati e denunciati e Daspo per danneggiamento due tifosi del Perugia

Di redazionecassino1

FROSINONE – In occasione dell’incontro di calcio Frosinone vs Perugia dello scorso 24 febbraio, la Polizia di Stato ha identificato e denunciato due tifosi del Grifo, di 38 e 39 anni,  resisi responsabili, rispettivamente, dei reati di inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità e di danneggiamento.

All’identità dei due si è risalito grazie alle tempestive e serrate indagini degli investigatori  della Digos, diretta dal dr. Cristiano Bertolotti, supportate  dal circuito di vedeosorveglianza dello stadio, con l’ estrapolazione delle immagini dal sistema informatico presente nel GOS.

In particolare, il 38enne a bordo del bus navetta a disposizione dei tifosi perugini, nel percorso area ex Permaflex – Stadio , con altri supporters,  bloccava il convoglio e scendeva all’altezza della rotonda di via Armando Fabi- viale Olimpia – viale Michelangelo, per tentare di ritardare l’ingresso nel settore ospiti ed arrivare a contatto con la tifoseria canarina.

Al pronto intervento della Polizia di Stato, l’uomo mostrava un atteggiamento aggressivo, impedendo addirittura con i gomiti la chiusura delle portiere anteriori del bus.

Il 39enne, invece,  veniva individuato quale responsabile del danneggiamento del vetro della porta perimetrale di emergenza che divide il settore riservato agli “ospiti” dal rettangolo di gioco.

Per i due tifosi intemperanti verrà avviato il procedimento del DASPO.

 

22 gennaio 2018 0

Basket serie C Silver: Serapo supera Santa Severa e si assicura la Promozione

Di redazionecassino1

La salvezza è arrivata e con largo anticipo. Merito dell’abnegazione dei ragazzi e dello staff Tecnico che dalla fine di Agosto hanno lavorato duramente formando man mano una cosa unica, un gruppo compatto, unito. La ciliegina sulla torta è la vittoria di questa sera contro la Pyrgi Santa Severa con il punteggio di 91-73, che rende matematico l’approdo alla fase promozione.

La Gara, valevole per la 15esima giornata del campionato di Serie C Silver, ha visto la squadra biancoverde sempre ampiamente avanti nel punteggio, eccezion  fatta nel terzo quarto di gioco quando la squadra ospite, compiva il massimo sforzo per cercare di recuperare il -18 dell’intervallo, arrivando fino al -8 prima di essere rigettati al di sopra della doppia cifra di margine. Mattatori dell’incontro il solito Porfido e Luca Valente autori di 30 punti a testa e Matteo Antetomaso autore di due grandissimi quarti iniziali e chiudendo anch’esso in doppio cifra. Encomio particolare per il neo Capitano Leccese che seppur con la febbre ha trascinato i suoi compagni non lesinando le sue geniali giocate, mentre Scampone dopo due quarti opachi è capace nel finale di 3 giocate che mandano definitivamente al tappeto il Pyrgi Santa Severa.

La squadra continua a far vedere gran Basket offensivo, ma adesso c’è da limare qualcosa sotto il punto di vista dell’attenzione e dell’applicazione difensiva. Con il passaggio di turno conquistato sono concetti su ci si potrà lavorare con più tranquillità in vista della fase promozione, aspettando sempre Capitan Niccolai, a cui tutto il Basket Serapo 85’ ha dedicato questa vittoria.

Basket Serapo 85’ – Pyrgi Santa Severa 91-73 (34-19;56-38;72-60)

Basket Serapo 85’: Di Dia, Wissel, Scampone 8, Leccese 9, Santaniello n.e., Valente F. 2, Antetomaso J. n.e., Antetomaso M. 12, Valente L. 30, Spignese n.e., Porfido 30. Coach: Cianciaruso

Pyrgi Santa Severa: Bernini 5, Mangiola 2, Di Francesco 12, Kulovic 9, Taraddei 16, Antista 14, Marrero Gonzales 15, Lotto. Coach: Ciprigno

8 gennaio 2018 0

Basket serie C Silver: Veroli perde contro Fonte Roma 86-65

Di redazionecassino1

La gara tra la Pallacanestro Veroli 2016 e Fonte Roma Basket termina con il risultato di 86 – 65 a favore di quest’ultima. Buon inizio anno per Fonte Roma Basket che batte con ampio scarto la Pallacanestro Veroli in un match sempre condotto. Una serata perfetta per la squadra di coach Cerroni che ha trovato finalmente un attacco ispirato e produttivo, trascinato da uno scatenato Tomassini autore di 32 punti e mattatore assoluto della gara con ben 8 triple messe a segno. Veroli sbaglia completamente il piano partita non riuscendo a trovare una soluzione difensiva adeguata alle ottime percentuali al tiro di Fonte. Stesso discorso in attacco, dove i palloni giocabili per i tiratori ciociari sono stati meno del solito. Una partita questa che ha avuto poca storia, come dimostra addirittura il +27 toccato nel terzo quarto dai padroni di casa, assolutamente in controllo del match nell’arco di tutti e 40′. Veroli riparte dunque male dopo la sosta: squadra irriconoscibile rispetto a quella vista nella prima parte di stagione. In grande difficoltà soprattutto in difesa, mentre in attacco con Marco Fiorini tenuto sotto la doppia cifra, non sono bastati Giorgio Fiorini e Frusone. Una sconfitta da cui Veroli deve cogliere alcuni segnali per ripartire e consolidare l’attuale terzo posto in classifica che rappresenta attualmente un ottimo risultato.

 

 

Fonte Roma Bk 86 – PallacanestroVeroli 2016 65

Pall. Veroli 2016: Mauti 7, Iannarilli, Igliozzi, Fiorini G. 17, Lauretti, Celani 8, Fiorini M. 7, Frusone 20, Lella, Velocci 6. All. Rotondo