Tag: sfruttamento

22 giugno 2018 1

Latina, due rumeni arrestati dalla polizia per sfruttamento della prostituzione

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LATINA – La Polizia di Stato – Questura di Latina, nel corso del pomeriggio di ieri 21 giugno, a conclusione di una proficua attività di polizia giudiziaria tesa al contrasto del dilagante fenomeno dello sfruttamento della prostituzione di giovani donne provenienti dall’est europeo, ha proceduto al fermo di indiziato di delitto di Melicianu Marian classe ‘84 – pregiudicato – e Bulmoaga Claudiu Nelu, classe ‘89, entrambi cittadini rumeni in Italia senza fissa dimora, giacché ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dello sfruttamento della prostituzione di alcune ragazze loro connazionali, tra le quali c. b. n. di anni 22.

Proprio la dettagliata denuncia raccolta dalla giovane donna dall’interno della stanza di degenza dell’Ospedale di Latina, luogo nel quale era stata ricoverata a seguito di un investimento verificatosi nel mentre si trovava ad adescare la clientela nel posto esatto ove era stata collocata dai suoi sfruttatori, indirizzava le attività degli investigatori della II Sezione della Squadra Mobile prima su Melicianu Marian, personaggio che con una falsa promessa lavorativa portava la vittima in Italia, impossessandosi anche dell’unico documento di riconoscimento della ragazza, poi sul suo fidato amico Bulmoaga Claudiu Nelu, con il quale il primo individuo condivideva la gestione di alcune donne immesse nel mondo della prostituzione.

La minuziosa ricostruzione dei fatti ha consentito di dimostrare che la p.o., unitamente ad altre giovani ragazze dell’est, erano costrette da almeno due mesi a vendere il proprio corpo in alcune strade ricadenti nel comune di Aprilia, controllate a vista dai due fermati, ai quali ogni ragazza al termine della serata era costretta a consegnare l’intera somma ricavato dalle prestazioni sessuali.

I malviventi sono stati sorpresi nei pressi dell’Ospedale di Latina, dove si erano recati proprio per portare via la malcapitata vittima appena dimessa dal nosocomio.

La donna, che si presenta con sembianze adolescenziali e già madre di una bimba di solo sette mesi lasciata in Romania, è stata temporaneamente collocata in una località protetta, in attesa delle formalità connesse al rientro in patria.

Una volta ultimate le formalità di rito i prevenuti, su disposizione dell’A.G. procedente, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Latina.

 

24 aprile 2018 0

Denunciato dal Nas e dalla Asl un imprenditore agricolo per “sfruttamento del lavoro”

Di redazionecassino1

VILLA LATINA –  I Carabinieri della locale Stazione di Atina, unitamente ai colleghi del N.A.S. di Latina e dell’ASL di Sora, nell’ambito di predisposti servizi tesi a verificare l’osservanza delle norme cui sono sottoposti i titolari delle aziende di allevamento di ovini e caprini, hanno proceduto al deferimento in stato di libertà di un 58enne del luogo, titolare di un’azienda sita in Villa Latina, per il reato di “sfruttamento del lavoro”. 

Nel corso dell’attività svolta i militari operanti hanno rilevato gravi carenze igienico-sanitarie nella struttura adibita alla lavorazione del latte per cui hanno disposto l’immediata sospensione dell’attività produttiva. I Carabinieri, inoltre, hanno verificato la presenza nell’azienda di dodici cani, sprovvisti di microchip identificativo, e di due cittadini di nazionalità rumena che dichiaravano di prestare attività lavorativa presso l’ azienda, senza aver mai sottoscritto un regolare contratto, lavorando 17 ore giornaliere, percependo vitto e alloggio senza alcun compenso. Per tali inadempienze  i militari operanti hanno proceduto ad elevare rispettivamente una violazione amministrativa di duemila euro e procedere al deferimento in stato di libertà a carico del titolare dell’azienda per la violazione del reato di sfruttamento del lavoro.

2 febbraio 2018 0

Cassino, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, denunciate due persone

Di redazionecassino1

Gli  agenti del Commissariato  di Cassino, diretti dal vice Questore Alessandro Tocco, hanno denunciato due persone per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Nel pomeriggio di ieri i poliziotti, a seguito di segnalazioni di alcuni cittadini, sono intervenuti  in un appartamento di  via Pascoli.

Qui hanno sorpreso un cliente originario di Formia con due prostitute un trans brasiliano e una donna colombiana.

A seguito di una perquisizione sono stati sequestrati profilattici e soldi. Non è il primo caso in cui gli uomini del dott. Alessandro Tocco intervengono per contrastare il fenomeno della prostituzione in città. Già in passato gli agenti del commissariato di Cassino erano intervenuti contro lo sfruttamento della prostituzione nella Città Martie passando al setaccio gli affitti corrisposti per appartamenti da giovani prostitute. Un’ indagine, svolta dagli agenti del commissariato di Polizia, aveve portato ad accertare un fiorente mercato del sesso.

20 novembre 2017 0

Vasta operazione dei carabinieri contro lo sfruttamento della prostituzione

Di redazionecassino1

Marcianise (CE) – I Carabinieri della Compagnia di Marcianise, nelle province di Caserta e Napoli, stanno dando esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misure cautelari coercitive,emessa dal GIP del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 9 indagati (5 in carcere, 1 agli arresti domiciliari,2 all’obbligo di dimora nel comune di residenza e 1 al divieto di dimora nella provincia di Caserta), ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. L’indagine ha consentito di appurare l’esistenza di un gruppo di albanesi dedito a favorire la prostituzione di 15 donne, di diversa nazionalità, lungo il centralissimo viale Carlo III che attraversa i comuni di Marcianise (Ce), Capodrise (Ce), San Marco Evangelista (Ce) e San Nicola la Strada (Ce).

Appena disponibile verrà divulgato il comunicato stampa della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.