Tag: sigarette

12 ottobre 2018 0

Pareti di sigarette, due contrabbandieri arrestati sull’A1

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Due contrabbandieri di sigarette sono stati arrestati dalla polizia strade della sottosezione di Cassino sull’A1 tra i caselli di Cassino e Caianello.

La pattuglia diretta dall’ispettore Giovanni Cerilli, nei pressi del Km 683, carreggiata Sud, nel territorio del comune di Mignano Montelungo, ha fermato un furgone, con  targa polacca.

Identificati gli occupanti, entrambi nati in Ucraina: alla guida un 31 enne, mentre il passeggero è un 25enne.

Nel corso del controllo dei documenti i due hanno mostrato evidenti segni di nervosismo tali da spingere i poliziotti ad effettuare accertamenti più approfonditi.

Nel corso della perquisizione veicolare, ben occultati dietro i pannelli  di compensato, apposti sulle pareti del vano carico, sono stati trovati tabacchi lavorati esteri, con scritte in caratteri cirillici, senza fascetta dei Monopoli di Stato,  introdotti illegalmente sul territorio Nazionale.

é queindi scattato il sequestro della merce, 9690 pacchetti di sigarette – circa 194 kg – e l’arresto degli ucraini, che sono stati tradotti pressi la casa circondariale di Cassino, con l’accusa di contrabbando.

4 luglio 2018 0

Contrabbando di sigarette dalla Biellorussia, maxi sequestrati sull’A1 a Cassino

Di admin

CASSINO – Gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, nei pressi del Km 681, in direzione sud, hanno fermato e controllato un monovolume, il cui conducente è un 45enne di nazionalità bielorussa.

I poliziotti hanno notato un voluminoso carico occupante completamente sia il portabagagli che i sedili posteriori.

Dopo i necessari e tempestivi accertamenti, anche grazie alla collaborazione dell’interprete, è emerso che il carico trasportato, proviene dai paesi dell’Est Europa e diretto molto probabilmente a Napoli per l’illegale commercializzazione, è costituito da 47 chilogrammi di sigarette di nazionalità estera (24600 unità).

L’uomo, pertanto, è stato denunciato in stato di libertà e messo a disposizione dell’A.G. italiana, con il relativo sequestro dei tabacchi

15 giugno 2018 0

Contrabbandieri di sigarette arrestati sull’autostrada a Cassino

Di admin

CASSINO – Circa 50 chili di sigarette di contrabbando per un totale di 233 stecche sono state sequestrate questa mattina sull’Autostrada Roma Napoli nel territorio di Cassino dagli agenti della sottosezione di Cassino diretti dall’ispettore Giovanni Cerilli. Il controllo è scattato all’alba ad un furgone con targa Ucraina.

A bordo due persone, rispettivamente di 25 e  41 anni,  nate e residenti in Ucraina ma che restano vaghi sulla loro destinazione.

Da  un primo sommario controllo si rileva  che, pur senza bagagli bordo, il furgone risulta pesante  ed  i bulloni di fissaggio dei sedili troppo nuovi rispetto al resto del veicolo.

Inoltre la  moquette non è perfettamente aderente alla carrozzeria.

L’intuizione dei poliziotti si rivela vincente: tra i pianali ed i sedili posteriori del veicolo, alterando anche  le caratteristiche costruttive, erano stati ricavati  dei doppifondi, nel cui interno vi erano stipate 233 stecche di tabacchi lavorati esteri pari a Kg.47 circa.

Scatta l’arresto.

31 maggio 2018 0

Contrabbando di tonnellate di sigarette, arrestato vice prefetto dell’Isola d’Elba

Di admin

DALL’ITALIA – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Livorno stanno dando esecuzione, su ordine del Procuratore Capo della Repubblica di Livorno, dottor Ettore Squillace Greco, ad un’ordinanza – emessa dal G.I.P. del locale Tribunale, Dott. Marco Sacquegna – di applicazione della misura cautelare personale nei confronti di nove persone, di cui due in carcere (il Vice Prefetto reggente l’Ufficio distaccato della Prefettura dell’Isola d’Elba ed un pregiudicato appartenente ad una nota famiglia di ‘ndragheta attiva in Piemonte, a suo tempo mandante dell’omicidio del Procuratore di Torino Bruno Caccia) e sette sottoposte agli arresti domiciliari. Nel corso delle investigazioni, era già stato, altresì, tratto in arresto in flagranza di reato altro soggetto, durante lo scorso mese di novembre. L’attività, rientrante nell’operazione denominata “Vicerè”, si inserisce nell’ambito di un’articolata indagine svolta, sotto la direzione del citato Procuratore Capo della Repubblica, da militari della Compagnia di Portoferraio e del Nucleo di Polizia EconomicoFinanziaria di Livorno, che ha portato alla denuncia all’A.G. di 27 soggetti, responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione a delinquere, porto abusivo di esplosivi (detenuti al fine di compiere un atto di intimidazione), contrabbando di 9 tonnellate di sigarette, indebita compensazione di debiti tributari tramite fittizie compensazioni, illecita sottrazione al pagamento delle accise sugli alcoli, anche mediante falso in documenti pubblici informatici.

Contestualmente alle misure cautelari, sono in corso di esecuzione perquisizioni personali, domiciliari e locali (con la collaborazione dei Reparti del Corpo competenti per territorio) in 7 Regioni (province di Livorno, Torino, Asti, Padova, Ravenna, Forlì, Pisa, Pistoia, Campobasso, Napoli, Salerno, Lecce e Brindisi), nei confronti degli indagati, con l’impiego complessivamente di circa n. 120 militari. Compiuti dettagli saranno forniti nel corso della conferenza stampa che si terrà presso il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Livorno, alle ore 10.30 odierne.

21 maggio 2018 0

Contrabbandieri di sigarette nella “rete” della Polstrada sull’A1 a Cassino

Di admin

CASSINO – Una pattuglia della  Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, nell’ambito degli intensificati controlli nel tratto autostradale di competenza, ha fermato e controllato un furgone, al Km 676 nel territorio del comune di Cervaro.

A bordo conducente e passeggero, entrambi cittadini ucraini di 32 e 24 anni.

Il comportamento insofferente dei due occupanti ha indotto gli agenti diretti dal sostituto commissario Giovanni Cerilli ad approfondire gli accertamenti: nei doppifondi ricavati nel pianale di carico del furgone sono stati rinvenuti 4210 pacchetti di sigarette, totalmente privi del previsto sigillo apposto dai  Monopoli  di Stato.

L’intero carico  è stato sequestrato e i due uomini sono stati denunciati per il reato di contrabbando di tabacchi lavorati esteri.

30 aprile 2018 0

Razzia di sigarette e Gratta&Vinci nella tabaccheria di Pontecorvo, malviventi Con Audi A6 seminano carabinieri e polizia

Di redazionecassino1

PONTECORVO –  Hanno assaltato una tabaccheria di Pontecorvo scardinadone l’ingresso con un piede di porco. L’incursione è avvenuta la notte scorsa e i malviventi, una volta all’interno, hanno fatto razzie di stecche di sigarette e gratta e vinci per un totale di circa 8.000 euro. I due si sono quindi dileguavano a bordo di una Audi A6 di colore grigio scuro.

Immediatamente diramate le ricerche, i carabinieri della locale compagnia hanno predisposto posti di controllo su tutto il territorio. Poco dopo l’Audi è stata intercettata dalla pattuglia radio mobile che l’ha inseguita ma la potenza della vettura dei malviventi era superiore a quella degli inseguitori che sono riusciti a dileguarsi imboccando l’A1 in direzione Napoli.

Successivamente una pattuglia della Polsole l’ha nuovamente intercettata giunta al casello di San Vittore del Lazio ha sfondava le barriere dilegunadosi sulla SS 430 in direzione Rocca d’Evandro.

11 settembre 2017 0

Smerciava sigarette nel proprio alimentari: arrestato 27enne ucraino

Di redazionecassino1

Un anomalo flusso di clienti interessava quotidianamente un alimentari di Santa Maria Capua Vetere (CE) ma, una volta usciti dal locale, nessuno sembrava aver realmente fatto acquisti.

Insospettiti dal fenomeno, i Finanzieri della Compagnia di Marcianise hanno quindi monitorato la zona e l’ispezionato i locali. Nel retrobottega del punto vendita i militari hanno individuato la presenza di diversi scatoloni di cartone con all’interno oltre 600 pacchetti di sigarette di contrabbando di varie marche destinate alla vendita.

Lo smercio avveniva all’interno del negozio di generi alimentari intestato ad un 27enne di orini ucraine, per il quale sono scattate le manette. È stato infine condotto agli arresti domiciliari e dovrà ora rispondere difronte all’Autorità Giudiziaria di Santa Maria Capua Vetere del reato di contrabbando di tabacchi.

6 aprile 2017 0

Bomba carta nel distributore di sigarette. Paura a Frosinone

Di admin

Frosinone – Sembra essere stata una bomba carta quella esplosa questa notte in via America Latina all’interno di un distributore automatico di sigarette.

Alle 23.30 circa, decine di residenti hanno chiamato forze dell’ordine e vigili del fuoco per la forte deflagrazione che ha fatto tremare finestre e muri.

Sul posto sono arrivati prime le unità della squadra volati della questura e i vigili del fuoco che hanno provveduto a mettere in sicurezza l’area e la struttura sistemata all,esterno di un bar tabacchi, devastata dall’esplosione. Gli agenti stanno indagando per individuare gli autori.

Ermanno Amedei

2 maggio 2012 3

Il fumo del tabacco inquina più di un’auto, dati choc dell’Istituto Tumori di Milano

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Le conferme arrivano da una ricerca svolta dall’Istituto dei Tumori di Milano che ha voluto effettuare un esperimento scientifico nel tentativo di sensibilizzare i tabagisti: il fumo di tabacco è considerato la fonte più rilevante di inquinamento degli spazi confinati, sia per l’entità e la tossicità dei suoi componenti, sia per il numero delle persone esposte. Fumare in auto equivale a produrre polveri sottili (Pm 2,5) in concentrazioni trenta volte superiore ai limiti di legge. Pochi avrebbero immaginato che una sigaretta accesa produca concentrazioni di polveri sottili di oltre 400 microgrammi per metrocubo, che la quantità di carbonio organico in un’area aperta in cui si fuma superi di 40 volte la media rilevata a pochi metri di distanza e che il fumo passivo costituisca una delle maggiori fonti di “intossicazione” per i nostri polmoni. Molto più che lo smog da auto perché il fumo di tabacco è costituito di due componenti principali: la parte inalata e filtrata dai polmoni del fumatore (mainstream) e quella direttamente legata alla combustione del tabacco e della carta (sidestream, in cui si riscontrano soprattutto NO2, CO, nicotina, benzopirene, metilgliossale, formaldeide, acetaldeide, acroleina, e una notevole dose di particolato). Anche se il principale ingrediente nelle sigarette sembra essere tabacco naturale , un certo numero di sostanze chimiche naturali e sintetiche sono aggiunti alle sigarette per renderli più attraenti per i fumatori.

Secondo i chimici al R. J. Reynolds Tobacco Co., le sigarette contengono più di 4.000 sostanze chimiche, quasi quattro dozzina dei quali sono noti cancerogeni. La miscela è estremamente complessa e contiene gas, composti organici e particelle: vi sono stati individuati più di 200 composti elementari, molti dei quali irritanti, tossici, cancerogeni o mutageni. Fra le sostanze chimiche più diffuse nelle sigarette sono nicotina , formaldeide , ammoniaca , arsenico, catrame, fenilacetico acido, monossido di carbonio, anidride carbonica, propano, acroleina, acido cianidrico, metilgliossale, acetaldeide,propanaldeide, acetonitrile,anilina,piridina, nitrosodimetilammina, nitroso-nor-nicotina, nitrosoanatabina, toluolo, benzopirene, chinolina, cadmio, nichel e zinco. Il fumo negli ambienti confinati aumenta sensibilmente la concentrazione di monossido di carbonio, idrocarburi aromatici policiclici, ossidi di azoto, particolato sospeso respirabile e di numerose altre sostanze tossiche.

La caratteristica una straordinaria persistenza nell’ambiente: per essere disperso deve essere ventilato a lungo ed energicamente, altrimenti resta in sospensione per molti giorni. I dati scientifici sono stati ottenuti posizionando all’esterno dell’Istituto dei Tumori di Milano una piccola cabina di plastica trasparente. In essa era presente un rilevatore di inquinamento, il misuratore di polveri sottili, che serve a misurare il grado di inquinamento di una città. All’interno della cabina è stata fatta entrare un Harley Davidson, modello 883, uno dei motocicli più inquinanti al mondo. Tenendo premuto sull’acceleratore, si è fatto espellere quanto più gas di scarico possibile alla moto che veniva rilevato dai sensori. L’aria di Milano, che si sa è inquinata, contiene una quantità di PM10 di 170,000 micron. Dopo due minuti di accelerazione della moto, i sensori captavano un aumento fino a 250,000 micron. Spenta la moto e fatta arieggiare la cabina, è entrata una ragazza che ha acceso una sigaretta e l’ha fumata per due minuti. L’aria nella cabina era tre volte più irrespirabile. Il livello rilevato dai sensori è stato di 700,000 micron, ma solo perché essi non sono programmati per andare oltre.

Giovanni D’Agata, componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, ciò vuol dire, da un lato, che il fumo inquina più dello smog e, dall’altro, che il fumo passivo costituisce un pericolo non solo nei luoghi chiusi, ma anche in quelli aperti. Da qui la necessità di realizzare spazi verdi rigorosamente no-smoking nelle città vietando il fumo anche in spiaggia. Infatti le sigarette spente in spiaggia e lasciate sulla sabbia sono un malcostume intollerabile e scandaloso. Una fonte di inquinamento ambientale ed estetico che va duramente combattuto.

14 luglio 2010 0

Operazione “smokeout”, 30 distributori automatici vendevano sigarette a minorenni

Di redazione

I distributori automatici di sigarette dei comuni di Frosinone, Cassino, Sant’Elia Fiumerapido, Aquino, Villa S. Lucia, Pontecorvo, Sora, Isola del Liri, Atina, Alatri, Fiuggi, Torrice, Ceccano e Veroli sono stati oggetti di una attenta indagine svolta dalla gurdia di finanza di Frosinone. Gli uomini del colonnello Giancostabile Salato hanno individuato 30 distributori che permettevano la vendita di tabacco anche a minorenni e per questo, altrettanti tabaccai sono stati sanzionati con multe. L’operazione della guardia di finanza di Frosinone è stata denominata “smokeout” e ha interessato quei distributori automatici, in funzione h24, sette giorni su sette, che vanno così incontro agli insopprimibili bisogni dei fumatori più accaniti e meno programmati. Per evitare che le sigarette vengano vendute ai minori, le recenti normative prevedono che i distributori automatici debbano essere dotati di un sistema di riconoscimento dell’età che funziona attraverso un lettore di schede magnetiche, come quello dei bancomat, nel quale va inserita la tessera sanitaria e che permette il riconoscimento dell’età dell’acquirente. Se viene inserita la tessera sanitaria di un minore di sedici anni, il distributore non dovrebbe permettere l’erogazione delle sigarette. Le Fiamme Gialle, dunque, hanno proceduto, per alcune notti consecutive, al controllo di tutti i distributori automatici di sigarette della provincia di Frosinone, accertando che ben trenta avevano il sistema di riconoscimento dell’età disattivato, permettendo così l’acquisto dei tabacchi anche a clienti minorenni, in violazione del regolamento dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, che gestisce il commercio delle sigarette e ne stabilisce le modalità di vendita e le autorizzazioni. Inoltre, nel corso dell’operazione sono stati sottoposti a sequestro 4 distributori in quanto privi del sistema di lettura di riconoscimento dell’età. I militari, quindi, hanno elevato verbale amministrativo nei confronti dei tabaccai incorsi nella violazione. I commercianti verbalizzati dovranno pagare una pena pecuniaria, ma rischiano il ritiro dell’autorizzazione alla vendita dei tabacchi da parte dell’Amministrazione dei Monopoli di Stato. Nel corso dei controlli effettuati in Alatri, Roccasecca ed in Sora, i militari delle pattuglie operanti hanno individuato, tra i generi esposti alla vendita, molti pacchetti di sigarette, commercializzati dai titolari di tre bar senza autorizzazione dei Monopoli di Stato. Circa sette chilogrammi di tabacchi lavorati nazionali (per un totale di oltre 350 pacchetti), quindi, sono stati sottoposti a sequestro. Er amedei