Tag: solidarietà

8 dicembre 2018 0

Vendeva stelle di Natale per solidarietà, denunciata a Cassino ex suora 85enne

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Vendeva stelle di Natale con la tunica da suora garantendo che il ricavato sarebbe andato in beneficenza. Per questo, stamattina, i carabinieri del NORM della locale Compagnia di Cassino hanno denunciato per false attestazioni sull’identità o qualità personali proprie e di altri una 83enne domiciliata in Cassino.

La donna, controllata mentre vestita da suora era intenta a vendere per beneficenza  “stelle natalizie” all’esterno della Chiesa S.Antonio del luogo, dichiarava ai militari operanti di far parte dell’Istituto Carmelitane Teresiane con sede in Roma.

I successivi accertamenti hanno permesso di stabilire che la sedicente religiosa con decreto canonico datato 17.12.2017 emesso dalla “Sacra Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica”  era stata separata definitivamente dal suddetto Istituto religioso con contestuale deposito dell’abito religioso. Pertanto la donna veniva deferita in stato di libertà  con contestuale sequestro dei documenti di riconoscimento a lei intestati (C.I. e Passaporto Ordinario), in cui si mostrava in abiti da suora con capo ed orecchi scoperti e con indicazione alla voce professione di “religiosa”.

26 luglio 2018 0

Sulla strada della corruzione, da sindaco di Morolo solidarietà al dipendente coinvolto nell’inchiesta Astral

Di admin

MOROLO – “«Esprimiamo piena fiducia nella magistratura ma, allo stesso tempo, solidarietà al nostro dipendente comunale Ignazio Moriconi».

Lo si legge in una nota dell’amministrazione comunale di Morolo.

“L’amministrazione comunale di Morolo guidata dal sindaco Anna Maria Girolami si schiera a fianco del tecnico comunale da anni impiegato modello a disposizione della cittadinanza. Sostegno pieno nei confronti di una persona onesta e lavoratore dalle qualità morali indiscusse: «Se verranno accertati errori nella gara d’appalto – sottolinea l’amministrazione morolana – si tratterà esclusivamente di errori lavorativi che chiunque può commettere e non certamente voluti per indirizzare la gara. Sulle qualità morali del nostro dipendente non si deve speculare perché sappiamo di trovarci di fronte ad un uomo onesto e un lavoratore onesto. Aspettiamo che la magistratura faccia il suo corso consapevoli che nulla è stato fatto contro la legge. Il Comune di Morolo – precisa l’amministrazione – è estraneo a qualsiasi ipotesi corruttiva che riguarda lavori finanziati dall’Astral».

14 marzo 2018 0

La puntura di Ultimo… alla solidarietà a senso unico

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Qualche giorno fa a Firenze un folle italiano ha ucciso un senegalese senza motivo. I drogati della solidarietà organizzarono subito una manifestazione a sostegno della comunità africana locale.

Ieri a Napoli un nigeriano in stato di alterazione psicologica ha ferito tre passanti con un coccio di bottiglia. Uno è molto grave.

Qualche anno fa, invece, un folle africano di nome Kabobo andò in giro per Milano con un machete ed uccise diverse persone. Quindi, a rigor di logica, ci aspettiamo anche delle manifestazioni di solidarietà a sostegno degli italiani indifesi”.

Ultimo

2 marzo 2018 0

Chiusura della scuola materna suore Trinitarie: solidarietà del Vescovo di Gaeta

Di admin

CORENO AUSONIO – “I genitori degli alunni frequentanti la scuola materna delle Suore Trinitarie di Coreno Ausonio hanno incontrato il Vescovo di Gaeta Mons. Luigi Vari. Il Vescovo si è mostrato subito disponibile e comprensivo rispetto alle richieste dei genitori”.

Lo si legge in una nota di alcuni genitori degli alunni della scuola materna Suore Trinitarie di Coreno Ausonio.

“Nonostante non spetti a lui decidere in merito alla chiusura della scuola materna, i genitori sono soddisfatti del colloquio avuto e del sostegno morale e spirituale mostrato dal Vescovo, soprattutto rispetto alle proposte alternative portate al suo esame. Ora il prossimo passo sarà incontrare la Madre Superiora di Roma. Come andrà a finire non è dato saperlo, ma di certo le mamme ed i papà dei piccoli alunni faranno tutto quello che è possibile per sondare le possibili strade alternative da percorrere”.

12 novembre 2017 0

XVI “Premio solidarietà Paola Sarro” a Roberto Caramadre e ai comuni di Camerino, Norcia e Amatrice

Di redazionecassino1

Pontecorvo – Si è svolta, nei giorni, scorsi la XVI edizione del “Premio solidarietà Paola Sarro”, ideato nel 1999 da Antonio Papa, organizzato dall’associazione Vigili del Fuoco delegazione di Pontecorvo, dall’associazione La Torre, dal centro dei servizi per il volontariato di Frosinone e dal Centro umanistico di Ciampino.

La giuria del premio, nell’edizione 2017, lo ha attribuito a Roberto Caramadre, comandante dell’Aipe comando territoriale Lazio – Campania per il suo impegno ultra trentennale nella tutela dell’ambiente. Altri riconoscimenti sono stati assegnati ai comuni di Camerino, Amatrice e Norcia. Premiati anche l’associazione nazionale Vigili del Fuoco di Capannelle (Roma), Felice Mosè Pulici (opinionista), il giornalista Rai Enrico Varriale. Il premio intitolato a Paola Sarro, medico che svolgeva la propria missione in aiuto delle popolazioni della ex Jugoslavia durante il conflitto dei Balcani, è fondato sull’impegno umanitario del medico di Pontecorvo tragicamente scomparsa in un incidente aereo mentre era di ritorno da una delle sue missioni. “La solidarietà sia esercizio quotidiano, sia un esempio per noi amministratori. Il mio pensiero è rivolto alla nostra concittadina Paola Sarro, medaglia d’oro alla memoria, per il suo grande senso di altruismo e solidarietà che ci ha lasciato” ha sottolineato il sindaco di Pontecorvo, Anselmo Rotondo. “Il pensiero – ha aggiunto il Primo Cittadino – lo rivolgo agli studenti della scuola Paola Sarro, presenti, affinchè cerimonie come queste rimangano scolpite nella memoria e che l’esempio di vita di Paola Sarro sia per voi una guida. Quest’anno – concluso il sindaco – non potevano non pensare ad una sezione speciale ed assieme agli organizzatori, Antonio Papa e Stefano Fumelli, abbiamo deciso di premiare i comuni di Camerino, Amatrice e Norcia”.

F. Pensabene

16 settembre 2017 0

Siccità a Formia, sacerdoti di Formia: solidarietà ai manifestanti denunciati, l’acqua torni pubblica

Di admin

FORMIA – “Negli ultimi giorni la nostra amata città di Formia è stata attraversata da un’ondata di protesta nata dal profondo disagio per una situazione divenuta ormai insostenibile”. Lo scrivono in una nota i sacerdoti di Formia. “Dagli inizi di giugno ininterrottamente la mancanza d’acqua ha caratterizzato in maniera significativa diverse zone della nostra città: per giornate intere in tante case è arrivato solo un filo d’acqua per pochissime ore al giorno. Anzi spesso gli appartamenti degli ultimi piani non sono stati raggiunti neanche da quel filo d’acqua! Il disagio è divenuto ancora più insostenibile per le persone anziane o malate, le quali non riescono a provvedere all’approvvigionamento idrico utilizzando i punti d’acqua dislocati nelle diverse zone della città. Siamo consapevoli della diminuzione della portata delle sorgenti che alimentano il nostro comprensorio. Tuttavia proprio in questa situazione di criticità diventa ancora più insopportabile la grande dispersione idrica che caratterizza la rete di distribuzione del nostro territorio. A questo riguardo Legambiente, nel suo report su “Ecosistema-Urbano”, nel quinquennio 2011-2016 quantifica una dispersione idrica in provincia di Latina passata dal 62% al 67%, a fronte di una media nazionale stimata al 38,2% dall’ISTAT nell’anno 2015. Questo disagio profondo e perdurante, verso il quale non ci sembra siano state fornite risposte adeguate dall’ente gestore, nella componente pubblica e privata, ha finito per alimentare un movimento di protesta spontaneo che ha occupato pacificamente le strade di Formia. Ebbene noi, come pastori delle Comunità parrocchiali di questa città di Formia, vogliamo esprimere in maniera univoca la solidarietà verso quanti in quei giorni hanno protestato pacificamente. Vogliamo, altresì, esprimere piena solidarietà verso coloro che sono stati colpiti da un provvedimento di denuncia che noi riteniamo incomprensibile. Chiediamo al nostro Sindaco e a tutti i Sindaci del comprensorio di adoperarsi per affrontare con ogni mezzo a disposizione il profondo disagio che l’interruzione della fornitura di acqua, bene pubblico e primario, ha determinato soprattutto nei confronti degli utenti più deboli e svantaggiati. Chiediamo alle competenti autorità di verificare e perseguire le responsabilità di quanti in questi mesi, sospendendo la fornitura idrica, hanno determinato l’interruzione di un servizio che deve garantire l’uso di un bene pubblico e primario. Chiediamo con forza che vengano messi in atto tutti gli interventi necessari per affrontare e risolvere il male gravissimo della dispersione di un bene così prezioso com’è l’acqua, soprattutto in considerazione della diminuita disponibilità di questa risorsa. Chiediamo, in linea con il disposto referendario, che i Sindaci si adoperino per una totale pubblicizzazione del servizio idrico, per scongiurare il pericolo segnalato da Papa Francesco al numero 30 dell’Enciclica Laudato Si’: “Mentre la qualità dell’acqua disponibile peggiora costantemente, in alcuni luoghi avanza la tendenza a privatizzare questa risorsa scarsa, trasformata in merce soggetta alle leggi del mercato. In realtà, l’accesso all’acqua potabile e sicura è un diritto umano essenziale, fondamentale e universale, perché determina la sopravvivenza delle persone, e per questo è condizione per l’esercizio degli altri diritti umani”.

2 settembre 2017 0

Formia: Acqua, tra proteste e denunce, la solidarietà del Circolo Articolo Uno Mdp

Di redazione

“Acqua e solidarietà. Con rabbia.” Scrivono così da Articolo UNO MDP Circolo di Formia. “Le manifestazioni di piazza che si sono susseguite , il blocco della strada e del traffico di questi giorni rappresentano l’esternazione di un disagio che ha colpito l’intera cittadinanza e che si è trasformato in disperazione. Un disagio che non è stato ascoltato nella giusta misura e sottovalutato nella sua drammaticità, confidando probabilmente nel fatto che le prime sospirate piogge avrebbero potuto mettere fine alla vertenza in atto, assopire gli animi, rimandare alla prossima stagione. E’ mancata, da parte delle istituzioni, nonostante alcuni interventi messi in atto, la capacità di affrontare con determinazione la situazione nei termini di una criticità grave che intacca e rende inaccettabile la vita della persona , di rendersi garante attento del diritto all’acqua dei cittadini formiani, di farsi portavoce del disagio e attore di una azione forte, serrata, quotidiana, convincente e anche eclatante, di rottura nei confronti del gestore. La tensione ha raggiunto livelli di insopportabilità ed intolleranza del tutto comprensibili che si sono espresse nell’iniziativa che ha portato la cittadinanza a scendere in piazza e a bloccare il traffico stradale e a seguito della quale sono scattati denunce a carico di alcuni cittadini partecipanti. A questi intendiamo esprimere la nostra totale solidarietà, perché ne comprendiamo e ne condividiamo le ragioni, perché non riteniamo che ci siano da parte di nessuno responsabilità personali . Riteniamo che le condizioni di vita che siamo stati tutti costretti a subire giustifichino quanto accaduto in questi giorni. Va precisato, peraltro, e pensiamo che le autorità giudiziarie ne vorranno tenere conto, che si è trattato di una manifestazione assolutamente pacifica e dentro i limiti di comportamenti civili. Siamo con loro e continuiamo ad essere anche politicamente presenti sia riguardo l’emergenza sia riguardo il progetto ormai non più rinviabile di ripubblicizzazione dell’acqua. Siamo invece CONTRO Acqualatina e riteniamo che le indagini debbano interessare la sua gestione fallimentare e opinabile sotto ogni profilo, alla quale potrebbero imputarsi anche comportamenti penalmente rilevanti per omissione di interventi e conseguente interruzione di un pubblico e vitale servizio. Acqualatina- affermano dal circolo- è la vera responsabile della rabbia sociale che si è determinata. Su questo la nettezza della nostra posizione risale al passato e si riconferma oggi. Non ci risulta che la Società abbia avviato lavori di manutenzione della rete idrica. Ci chiediamo perché e quando ciò accadrà. La sorgente di 25 ponti non avrà senso se sarà riversata e canalizzata in impianti idrici dissestati e con il 70% di dispersioni. Ci scusino i benpensanti, ma siamo arrabbiati, anche al di là degli accadimenti più recenti. Ribadiamo ancora che la parte pubblica di Acqualatina dovrebbe stabilire una messa in mora della Società . Chiediamo anche che venga ripresa ed aggiornata l’indagine amministrativa sull’attività di gestione del servizio idrico integrato ATO4 predisposta dalla Regione Lazio con Delibera di Giunta n. 883 del 2008 e che evidenziava una lunga serie di inadempienze della società che gestisce il ciclo dell’acqua , alle quali si aggiungono quelle rovinose che riguardano questa brutta stagione estiva. Come Art Uno MDP siamo già intervenuti presso i nostri riferimenti istituzionali regionali affinchè il Consiglio e la Giunta della Regione Lazio affrontino il tema dell’acqua pubblica e intervengano sul caso Acqualatina. Siamo in attesa che sia discussa una Mozione in Consiglio regionale, presentata e proposta dal Coordinamento provinciale di MDP Latina. Accanto ai cittadini e alle cittadine di Formia, accanto a chi dovrebbe ingiustamente pagare per tutti”.

31 luglio 2017 0

Satira, Musica e Solidarietà. Il messaggio che parte dal Teatro Romano

Di redazionecassino1

Cassino – E’ una delle arti più antiche attraverso la quale, anche in periodi di oligarchia, al popolo era consentito dire la sua. La satira   critica  la politica e  la società, mostrandone le contraddizioni e promuovendo venti di   cambiamento. Ed in un momento in cui un nuovo approccio potrebbe essere la via d’uscita da una serie di empasse in cui il nostro Bel Paese sembra imbrigliato, è la satira l’arma per aizzare nuove correnti.  Per questo sarà l’attenta ironia di Maurizio Battista ad aprire a Cassino la 4 giorni di comicità,  musica e solidarietà, al Teatro Romano   che da giovedì 3 a domenica 6 agosto ospiterà 4 eventi di cartello.   Lui è un attento osservatore della realtà che porta sui palcoscenici d’Italia, condita da pungente umorismo misto a dosi di leggerezza. Sarà il cabarettista, attore e comico romano Maurizio Battista ad aprire la 4 giorni

Il primo appuntamento dunque è dedicato alla versatilità tutta capitolina di Battista. La seconda serata, venerdì 4 agosto invece, è riservata alla storia della musica italiana con la poesia di Roberto Vecchioni. Il “professore” milanese che racconta scampoli di storie di vita: la sua, quella  più intima e personale, quella di ciascuno di noi, tenuta in piedi  dall’unico  filo conduttore della nostra esistenza: l’Amore.

Dalla ricerca di un Amore autentico che potrà salvare il mondo, si torna all’ironia   sabato 5 agosto quando   al Teatro Romano arriverà la carica travolgente di Giobbe Covatta. Il dissacrante comico pugliese ma napoletano d’azione che, con i suoi racconti (molti dei quali tratti da storia vere) porta sui palcoscenici d’Italia la voglia di riscatto di un mondo che arranca. Passaggi comici inframmezzati dalla volontà di far conoscere i diritti dei bambini  riconosciuti dalla Convenzione Internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, promuovendo una cultura di rispetto, di pace e di eguaglianza. Ci sarà di che ridere, e di che riflettere, quindi, nella serata col comico meridionale, testimonial di AMREF e Save the Children.

Il quarto artista che concluderà la rassegna, nel 1999 è stato invece convocato dall’Unicef: al napoletano Enzo Avitabile fu chiesto un brano il cui ricavato sarebbe servito alla scolarizzazione delle bambine del Benin. Nasce così “Mane e mane” che è a tutt’oggi una delle tracce che incarnano alla perfezione il dialogo spirituale, sociale e politico fra le culture del Mediterraneo.  La musica del mondo di  Enzo Avitabile e l’Orchestra dei Bottari concluderà la rassegna nata per coniugare le aspettative e le esigenze di un vasto pubblico. Una rassegna che vuole divertire ed incantare ma anche aprire lo sguardo sul mondo.

Il Teatro Romano di Cassino diventa così dal 3 al 6 agosto luogo di incontro tra generi e culture con lo sguardo volto anche al sociale. Dal costo di ogni biglietto verrà devoluto un euro all’associazione cittadina “Sosteniamo” che, attraverso borse di studio, aiuterà decine di famiglie meno abbienti della città  a provvedere all’istruzione dei propri ragazzi.

 

1 luglio 2017 0

Valle Corsari a Sperlonga, divertimento e solidarietà nella “capitale” della Movida sulla Riviera d’Ulisse

Di admin

Sperlonga – Spettacolo, divertimento e solidarietà a Valle Corsari di Sperlonga. oltre a mettere su un programma che renderà indimenticabile l’estate 2017 , gli organizzatori hanno racconto anche una discreta somma di danaro che hanno affidato al sindaco di amatrice Sergio Pirozzi. Intanto sabato scorso è stata inaugurata la stagione 2017 . Un tripudio di pubblico ha di nuovo riconosciuto la straordinarietà di questa location che da alcuni anni è divenuta centro nevralgico della movida della riviera di Ulisse.

Jef (Gianfranco Annunziata), Sergio Gionta e Antonio De Rosa, ne sono gli organizzatori e con i loro staff rappresentano il motore di questo evento del sabato che risponde al nome di #tuttanatastoria. Musica old style, poi i successi di oggi, mischiati con cura e misura dai dj, e raccontati dai vocalist, ma anche arrangiati dalle percussioni. Sabato 1 luglio la frase che contraddistingue i flyer della serata, estrapolata da un brano di Jovanotti recita così: “La notte fa il suo gioco e serve anche a quello: a far sembrare tutto, tutto un po’ più bello”. In consolle uno dei regular guest, ovvero il dj Dario Fiorini con Fabio Guglietta e la voce di Flavio Ferdinandi. Il live percussion di Mario Ciacciarella conclude la parte artistica. Nel solarium il #sabadorebelde è dedicato al mondo del suoni latino americani. Valle Corsari è a Sperlonga in Via Flacca.  Gli organizzatori , attivi anche nel sociale, sono finalmente riusciti, dopo una lunga trafila, a consegnare nelle mani del sindaco di Amatrice, i proventi arrivati dalle iniziative di solidarietà messe in campo subito dopo il fatidico terremoto dello scorso anno. Una azione concreta dei clienti, degli organizzatori e di tutti i dipendenti, a vario titolo, della disco. Così facendo, e aggiungendo anche i proventi dell’iniziativa svolta in piazza a Sperlonga con la collaborazione del comune, e di tanti professionisti, è stata donata al sindaco Pirozzi la somma di circa 15 mila euro.