Tag: sorano

7 settembre 2017 0

Arrestato e denunciato 37enne Rom autore di furto nel sorano

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nel mese di agosto due uomini avevano perpetrato un furto all’interno di un’attività commerciale del sorano, trafugando, dopo la manomissione dei dispositivi antitaccheggio, alcune costose bottiglie di vino.

La pista investigativa seguita dagli inquirenti della Squadra Volante della Questura ha permesso di individuare uno dei due autori del furto. È un 37enne di etnia Rom, residente in un campo nomadi della capitale.

Alcuni accertamenti effettuati attraverso la Banca Dati Interforze, hanno fatto emergere che l’uomo nel momento della rapina era già sottoposto agli arresti domiciliari. Scatta, pertanto, la denuncia per furto aggravato in concorso ed evasione. Proseguono le indagini per individuare anche il secondo uomo.

22 marzo 2017 0

Truffa dei voucher, ancora un sorano coinvolto. Era a capo di organizzazione

Di admin

Sora – Ancora un sorano coinvolto in una truffa dei voucher. Ad incastrare il 31enne ciociaro che insieme ad una 40enne campana teneva le fila di una organizzazione composta da 55 persone, sono stati i carabinieri della compagnia di Carpi comandata dal capitano Alessandro Iacovelli. Il sodalizio, secondo gli investigatori, avrebbero messo in piedi una truffa che in due anni avrebbe fruttato loro circa 230mila euro.

Tutto sarebbe nato dalla denuncia presentata da un imprenditore carpigiano. Circa 930 euro sottratti dal conto corrente del denunciante erano serviti per acquistare i buoni dell’Inps tutti con taglio da dieci euro. Incrociando i dati, però, i carabinieri hanno scoperto che lo stesso sistema era servito per frodare altre duecento persone. I militari coordinati dalla procura di Bologna, hanno accertato che con il sistema del Phishing, il duo truffaldino carpiva i dati necessari per poter mettere le mani sulle carte di credito delle loro vittime. Grazie anche alla collaborazione della stessa Inps, gli investigatori sono arrivati a scoprire che quelle carte di credito, venivano pagate per acquistare voucher. Per monetizzarli, però, era necessario avere dei complici che si fingessero lavoratori di ignare aziende. I buoni dell’Inps, quindi, venivano consegnati e monetizzati dai finti lavoratori che, pur non svolgendo neanche un minuto di lavoro, incassavano una parte del valore del tagliando.

Per ogni dieci euro truffato al titolare della carta di credito, quindi, un quarto andava all’Inps per l’assicurazione del lavoratore e per il gestore, un quarto al finto lavoratore e circa 5 euro al vertice dell’organizzazione. La difficoltà per la truffa, dati gli alti volumi di acquisti voucher che generava, stava nel reperire i finti lavoratori. Infatti, ciascuno di loro non poteva figurare come beneficiario di voucher per un valore superiore ai 7mila euro l’anno. Ecco perché un numero così alto di complici; ben 53 tra Lazio e Campania. Appena qualche settimana fa, la Guardia di Finanza aveva denunciato altri sei sorani per la stessa tipologia di truffa.

Ermanno Amedei

17 settembre 2016 0

Bar dello spaccio scoperto nel sorano dalla Polizia

Di Antonio Nardelli

Ieri sera i poliziotti del settore Anticrimine del Commissariato di Sora hanno effettuato nella città volsca un servizio mirato alla repressione dei reati nell’ambito del traffico delle sostanze stupefacenti. In particolare l’attività ha riguardato un bar della periferia sorana, gestito da una quarantottenne del posto.

Ad insospettire gli operatori della Polizia di Stato un anomalo andirivieni presso il bar in concomitanza con il fine settimana. Una perquisizione nei locali dell’attività commerciale ha consentito di rinvenire, occultato sotto il bancone, un pacchetto di sigarette contenente tre involucri cellophanati di cocaina di circa 1 grammo ed un altro contenente hashish del peso di oltre 3 grammi.

Indosso alla donna, invece, sebbene la stessa avesse dichiarato di non essere in possesso di altra droga, è stata rinvenuta un’altra confezione contenente 1.26 grammi di hashish. Nel suo portafoglio, riposto accanto alla sostanza stupefacente, è stata trovata la somma di 305 euro, suddivisa in nove banconote da cinque euro, sette banconote da venti e dodici pezzi da dieci euro, tagli piccoli che hanno convinto i poliziotti del come la stessa “arrotondasse” le entrate del suo esercizio.

Tra gli avventori dell’esercizio commerciale controllati anche un giovane ventiquattrenne di Sora. I sospetti su un suo possibile coinvolgimento nell’attività di spaccio hanno indotto gli agenti ad effettuare una perquisizione presso la sua abitazione che ha portato al rinvenimento di un revolver calibro 6, illegalmente detenuto. La quarantottenne è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio, mentre il ragazzo per detenzione illegale di arma comune da sparo.

13 maggio 2010 0

Maxi operazione ambientale, sequestrate 12 discariche tra il Cassinate e il Sorano

Di redazione

“Dirty country”, ossia campagna sporca, così la guardia di Finanza di Frosinone ha denominato l’operazione ambientalòe che questa mattina ha portato al sequestro di ben 12 discarica dislocate nei comuni tra Cassino e Sora. Si tratta di due aree a Sora, una ad Alvito, una a Campoli Appennino, cinque a Cassino, due a Sant’Elia Fiumerapido, una a Pignataro Interamna. Rifiuti solidi urbani depositati ovunque, tonnellate di amianto riversato nelle campagne e nei corsi d’acqua, eternit in frantumazione vicino le scuole materne, discariche abusive di rifiuti speciali ai confini di parchi naturalistici ed aree protette sono state trovate e sequestrate dalle fiamme gialle. I 12 diversi terreni sequestrati per un totale di 219.000 metri quadrati di superficie c’erano ammassate 3000 tonnellate di rifiuti, suddivisi nei materiali inquinanti di diverse tipologie: dai classici rifiuti solidi urbani, ai rifiuti speciali (es. elettrodomestici), ai rifiuti pericolosi (eternit ed altri materiali con amianto, per 150.000 kg), gomme di automobili, materiali ferrosi, inerti, bitumi ed altri rifiuti di edilizia, carcasse di autovetture, batterie, oli esausti, vernici, solventi ed altre sostanze chimiche disperse su terreni agricoli. I finanzieri al comando del capitano Vincenzo Ciccarelli e coordinate dal colonnello Giancostabile Salato hanno segnalato tutte le aree con nastro bianco/rosso e con cartelli che avvisano sulla pericolosità dell’area. Particolarmente pericolosa è la concentrazione di amianto in forma ”friabile”, poiché anche deboli sollecitazioni permettono il rilascio di milioni di fibre cancerogene nell’ambiente, causando un pericoloso inquinamento dell’area ed il conseguente rischio per la salute pubblica. Per questo motivo, particolarmente preoccupante è risultata la scoperta di capannoni con coperture di amianto in frantumazione nei pressi di un istituto scolastico a Cassino, nonché in aree verdi utilizzate per la pratica sportiva e per passeggiate. Gli interventi sono stati effettuati in sinergia con i funzionari tecnici ed il personale dell’ARPA Lazio, che ha fornito supporto specialistico per la corretta individuazione della tipologia dei rifiuti e per le analisi dei reperti prelevati. Ad oggi, inoltre, sono stati individuati dodici responsabili, tutti deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino, che dovranno rispondere dei reati previsti dalla normativa in materia di tutela ambientale, e che rischiano una condanna all’arresto fino a due anni ed un’ammenda fino a 26.000 euro. ermadei@libero.it

5 febbraio 2010 0

In un libro le foto dei matrimoni nel sorano

Di redazionecassino

Il libro “Album di Nozze” Carnello ed i suoi matrimoni dal 1946 al 1976 verrà presentato sabato 6 febbraio 2010 alle ore 16.30.  L’Officina della Cultura è lieta di presentare  sabato 6 Febbraio alle ore 16,30 presso I locali del ristorante Mingone di Carnello l’ultima opera prodotta. Si tratta del libro “Album di Nozze”, che attraverso le fotografie originali dei matrimoni che si sono succeduti in trent’anni, dal 1946 al 1976 a Carnello, ripropone luoghi e tradizioni oramai scomparsi. Nel corso della presentazione verranno anche presentati alcuni degli abiti di nozze originali. Alla presentazione, introdotta dalla Prof.ssa Cerrone Maria Grazia, interverranno: Prof. Luigi PUNZO Presidente del corso di laurea in Scienze della Comunicazione Università di Cassino – Polo di Sora Mons.Antonio LECCE Direttore Comitato promozionale Caritas Diocesana Parroco di Posta Fibreno – già Parroco di Carnello Preside Prof. Luigi GULIA, Presidente del Centro di Studi Sorani “V.Patriarca”.

22 dicembre 2009 0

Droga di Natale, in manette due abruzzesi ed un sorano

Di redazione

C’è chi, in questo periodo, va a comprare regali e chi, invece, va a comprare droga. Lo sanno bene i carabinieri che hanno intensificato i controlli sulle strade. In due di questi controlli, sono stati arrestati tre uomini. Il primo a finire in manette è stato G. A. 24 anni residente a Sora (Fr) sorpreso, dai carabinieri al comando del capitano Cesaro, in possesso di 80 grammi di hashish suddivisa in dosi nonché materiale idoneo al confezionamento. L’uomo, quindi, è stato tratto in arresto e tradotto in carcere a Cassino. Stessa sorte per due abruzzesi, T. N. 37enne di Cerchio (Aq) e M.F. 50enne di Magliano dei Marsi (Aq). I carabinieri, al comando del capitano Grimaldi, hanno fermato la loro auto per controllo, Volkswagen Golf, sulla via Casilina e, in seguito alla perquisizione, sono stati trovati quattro grammi di eroina e due grammi di cocaina.

9 dicembre 2009 0

Pusher sorano in trasferta a Napoli arrestato dai carabinieri

Di redazione

A Scampia, nel rione delle “case dei Puffi”, in via Limitone d’Arzano, i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Vomero, guidati dal capitano Barecchia, hanno tratto in arresto Danilo Alonzi, 25 enne, di Sora (Fr) già noto alle forze dell’ordine. I militari dell’Arma lo hanno sorpreso nel rione popolare mentre vendeva dosi di stupefacente in “trasferta” a giovani tossicodipendenti: lo hanno bloccato trovandolo in possesso, nel corso di perquisizione, di 8 involucri contenenti 10 grammi di eroina.

15 novembre 2009 0

Il terremoto torna a far tremare il Cassinate e il Sorano

Di redazione

Una scossa di terremoto di magnitudo 1.8 è stata registrata nel cassinate dai sismografi ddell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 4.30 di questa mattina. Una scossa lieve che non ha causato danni ne feriti, ma che rispolvera le paure di chi, per quasi un mese, tra cassino e Sora, ha vissuto con scosse di terremoto che si ripetevano anche più volte al giorno.

22 ottobre 2009 0

Lavoro nero, la Guardia di Finanza denuncia due ristoranti del sorano

Di redazionecassino

Duro colpo al lavoro nero  inflitto dalle  Fiamme Gialle della Tenenza di Sora  a conclusione  di due  attività di polizia tributaria avviata nei confronti di due società operanti nel settore della ristorazione in genere. Le attività di controllo, eseguite dalla Tenenza di Sora rientrano  nel piano strategico disposto dal Comando Provinciale di Frosinone  finalizzato alla individuazione di eventuali fenomeni di evasione fiscale e contributiva e teso soprattutto alla tutela dei lavoratori. L’attività ispettiva nasce da una attenta e penetrante apposita azione info-investigativa eseguita dai finanzieri della Squadra Operativa Volante della Tenenza di Sora, tesa ad individuare soggetti economici che utilizzassero personale in nero.

Individuate le imprese sospette sono partite verifiche e controlli contabili nell’ambito del cosiddetto settore del “sommerso di lavoro” nei confronti di due imprese operanti nella ristorazione.

Nel corso dell’operazione venivano identificati, intenti a svolgere attività lavorativa, ben 21 lavoratori, nessuno dei quali è risultato essere stato assunto dalle aziende ed in regola con la normativa in vigore. Agli amministratori venivano quindi contestati violazioni in materia contributiva e previdenziale interessando. Nei primi 10 mesi dell’anno, l’azione ispettiva delle Fiamme Gialle di Frosinone ha consentito di individuare ben 232 lavoratori in nero e/o non in regola con la normativa contributiva. L’azione di contrasto a tale fenomeno è rivolta soprattutto a tutela del personale che viene assunto in violazione dei diritti fondamentali dei lavoratori e della sicurezza sul lavoro, privi anche di copertura assicurativa e tutela del posto di lavoro.