Tag: sostegno

17 gennaio 2018 0

Scuola: Insegnanti di sostegno, abilitazione per diplomati ex magistrale ante 2001/2002. Le nuove frontiere della formazione

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Redazionale – Quando si decide di diventare un insegnante di sostegno, bisogna essere consapevoli della necessità di acquisire una formazione professionale estremamente importante per avere tutti gli strumenti utili a rapportarsi con alunni con esigenze particolari in un contesto in continua evoluzione.  Si tratta di bambini e ragazzi, nella scuola primaria o secondaria, con esigenze speciali. Il numero di alunni per i quali è richiesta l’assistenza del docente di sostegno è in crescita e i dati del Miur di inizio anno scolastico 2017-2018 attestano un incremento cospicuo. Cresce conseguentemente anche la richiesta di insegnanti di sostegno che accompagnino nel percorso di apprendimento e di crescita gli alunni. È indispensabile conseguire l’abilitazione e per far ciò è richiesto il possesso di determinati titoli quali:

laurea in Scienze delle formazione primaria (per la scuola dell’Infanzia e primaria); SSIS (per la scuola secondaria); Diploma magistrale, diploma triennale di scuola magistrale ovvero titoli sperimentali ad esso equiparati e conseguiti entro l’a.s. 2001/02; TFA; PAS; COBASLID (per la scuola secondaria); Diplomi accademici di II livello rilasciati dalle istituzioni AFAM per l’insegnamento dell’Educazione musicale o dello Strumento; Diploma di Didattica della Musica. Concorsi per titoli ed esami indetti antecedentemente al DDG 82/2012; Concorso per titoli ed esami indetto con DDG 82/2012 (esclusivamente all’atto della costituzione del rapporto di lavoro); sessioni riservate di abilitazione (D.M. 85/2005, D.M. 21/2005, D.M. 100/2004; O.M. 153/1999, O.M. 33/2000, O.M. 3/2001, ecc.); Titoli professionali conseguiti all’estero e riconosciuti abilitanti all’insegnamento con apposito Decreto del Ministro dell’Istruzione.

Vogliamo ora dedicare proprio di un approfondimento a coloro che sono in possesso di un diploma ex magistrale, per intenderci, conseguito entro l’anno scolastico 2001-2002. Una possibilità in più si apre per questi diplomati con una nuova frontiera della formazione che consentirà anche a loro di seguire l’iter di specializzazione in un paese estero. A partire da marzo, infatti, prenderà il via un’edizione speciale dei corsi di specializzazione per il sostegno riservato a diplomati ex magistrale ante 2001/2002. Tali corsi prevedono due step, uno in Italia, l’altro in Romania. La formazione prevede dei corsi, la cui durata ammonta a 1500 ore articolati in 8 mesi. Quindi sarà possibile acquisire 60 CFU necessari.

Le sedi italiane presso le quali si svolgeranno i corsi sono Milano, Roma, Reggio Calabria. L’ ultimo step invece si svolgerà in Romania dove gli aspiranti insegnanti di sostegno svolgeranno il tirocinio e l’esame finale. Chi intenda scegliere questo nuovo percorso di specializzazione tenga presente la data di scadenza per l’iscrizione, prevista per il 28 febbraio 2018.

 

Per informazioni e contatti cliccare http://www.abilitazioninsegnamento.it/news/master-di-specializzazione-sostegno-romania-magistrale/

13 gennaio 2018 0

Cassino, Wepa a sostegno dei ragazzi del Consorzio dei Servizi Sociali. Donazione per Happy Day Fish

Di redazione

Vince la solidarietà, e quando ad esprimere vicinanza e sostegno per i ragazzi speciali dei centri per la disabilità è una azienda multinazionale, il gesto assume un significato ancor più importante: la Wepa, azienda cartaria con stabilimenti in Germania, Francia, Polonia, Gran Bretagna e Italia, nonché terzo più grande produttore in Europa, ha capito quanti e quali sforzi compie il Consorzio dei Servizi Sociali per colorare le giornate dei suoi ragazzi diversamente abili, ha toccato con mano la loro sofferenza, ha gioito dei loro sorrisi nati da una semplice carezza, da una amichevole pacca sulla spalla. E ha deciso di fare una donazione, regalando i fondi (ma non solo questo), per la realizzazione di due giornate dell’Happy Day Fish, progettualità che si svolgeranno nei prossimi mesi di febbraio/marzo, presso l’Isola della Pesca a San’Elia Fiumerapido, e durante le quali i ragazzi dei centri consortili trascorreranno una giornata di festa insieme alle loro famiglie, svolgendo attività particolari ed all’aria aperta capaci di stimolare le loro capacità. Questa volta gli eventi saranno ancor più festosi, perché vi prenderanno parte anche i dipendenti della Wepa con le loro famiglie. Un emozionato ringraziamento il presidente del Consorzio Edoardo Antonino Fabrizio lo rivolge all’intero management della Wepa, e per primo all’Amministratore delegato Wepa Italia Bernhard Cross, che dimostrando apertura e sensibilità verso chi è stato meno fortunato, ha sostenuto la donazione. Non di meno il Presidente Fabrizio rivolge le sue parole di ringraziamento al direttore dello stabilimento di Cassino Antonio Gallina, a Mario Santori responsabile del settore Risorse Umane, al rappresentante dei lavoratori Gianni Evangelista organizzatore della donazione.

www.wepaitalia.it www.consorzioservizisociali.fr.it

Progetto sociale Isola della Pesca https://www.facebook.com/LIsola-Della-Pesca-739327932866638/

Nelle foto i ragazzi speciali posano con l’ad Wepa Bernhard Cross

21 novembre 2017 0

Isola Liri, “Questo non è amore”: la Polizia di Stato con gli studenti a sostegno delle vittime di violenza di genere

Di redazione

La Polizia di Stato vince la “partita” della prevenzione con il sostegno di tutti gli enti: per l’occasione, infatti, con il Direttore Tecnico Capo Psicologo dr.ssa Cristina Pagliarosi sono intervenuti anche rappresentanti dell’ Amministrazione Comunale -Assessore Laura Palleschi – e dell’associazione di Volontariato SOS donna. La Questura di Frosinone continua la sua intensa e costante attività a sostegno delle vittime di violenza di genere. I giovani studenti, frequentanti la Scuola Media di Isola Liri, sono stati invitati dal Direttore Tecnico Capo Psicologo dr.ssa Cristina Pagliarosi ad immedesimarsi con chi vive situazioni di maltrattamento. Soltanto questa capacità di porsi in maniera empatica nello stato d’animo altrui permette di comprendere il dolore che caratterizza “contesti” di violenza sia fisica che psicologica. La dr.ssa Pagliarosi ha sollecitato la scolaresca ad essere consapevole e in controllo di sé, non accettando mai acriticamente situazioni di prevaricazione maltrattante come “padre padrone”. La “partita” giocata sul campo della prevenzione è vinta dalla Polizia di Stato con il sostegno di tutti gli enti: per l’occasione, infatti, erano presenti rappresentanti dell’Amministrazione Comunale -Assessore Laura Palleschi- e dell’associazione di Volontariato SOS donna.

13 novembre 2017 0

Violenza di genere: la Polizia a sostegno delle vittime con protocollo EVA

Di redazionecassino1

Frosinone – “Questo non è amore”… la Polizia di Stato prosegue il suo impegno costante contro le violenze di genere e a sostegno delle vittime, anche con la presenza di personale specializzato.

Un validissimo supporto è rappresentato, nella nostra provincia,   dalla professionalità del Direttore Tecnico Capo Psicologo dr.ssa Cristina Pagliarosi  in servizio presso la Questura di Frosinone.

Da sempre in prima linea con interventi a favore delle fasce deboli o delle cosiddette vittime privilegiate, la dr.ssa Pagliarosi è intervenuta questa mattina al convegno “Per lei” organizzato da Famiglia Futura.

Tema dell’incontro i maltrattamenti: l’invito che l’esperta rivolge alle vittime è sempre quello di non subire o nascondersi dietro il muro del silenzio, ma denunciare.

Oltre alla tutela offerta dalla legge, che va dagli strumenti dell’ammonimento al divieto di avvicinamento fino ai domiciliari e al carcere per i casi più gravi, la battaglia più importante si gioca, infatti, sul campo della prevenzione.

Informare  e far superare la mentalità di sopraffazione, intercettando prima possibile comportamenti violenti e intimidatori sono gli obiettivi che quotidianamente la Polizia di Stato si pone.

In questa prospettiva si muove l’adozione dall’inizio dell’anno del protocollo E.V.A. (Esame delle Violenze Agite) da parte di tutte le Questure d’Italia. Procedura che consente agli equipaggi di Polizia, chiamati dalle sale operative ad intervenire su casi di violenza domestica, di sapere se ci siano stati altri episodi in passato nello stesso ambito familiare. Tutto questo attraverso una procedura che prevede la compilazione di checklist che, anche in assenza di formali denunce, spesso impedite dalla paura di ancor più gravi ritorsioni, consentono di tracciare situazioni di disagio con l’obiettivo di tenerle costantemente sotto controllo e procedere all’arresto nei casi di violenza reiterate.

“E’ necessario dare alle vittime  un forte  segnale a reagire,  non  rimanendo intrappolate nell’illusione della relazione vissuta: questo passo è possibile quando noi, che viviamo una vita di rispetto e nel rispetto, riusciamo ad infondere speranza di una vita di qualità per chi la qualità la sogna soltanto”, con queste parole la dr. Pagliarosi ha invitato i ragazzi, presenti al convegno, ad empatizzare  con chi il maltrattamento lo subisce, così da gettare un ponte di collegamento che dia una prospettiva diversa alle donne maltrattate

2 ottobre 2017 0

Aquino: Amministrative 2018, si scaldano i motori. Maria Rita Scappaticci a sostegno del Sindaco Libero Mazzaroppi

Di redazione

Iniziano ad intensificarsi le iniziative politiche mirate a formare i gruppi per le prossime elezioni amministrative della città di Aq “In questi anni Aquino, grazie all’impegno costante del Sindaco Libero Mazzaroppi e ai risultati raggiunti, è tornato rapidamente, dopo un lungo periodo alquanto bui, ad occupare un posto di rilievo tra i paesi leader del territorio. Con la sua competente azione amministrativa, Libero Mazzaroppi, ha scelto di dare segnali importanti e concreti a tutti i settori di crescita e a tutte le categorie di persone, tant’è che questioni che erano ferme da decenni sono state finalmente dipanate. Per questo – dichiara Maria Rita Scappaticci- senza troppo esitare, ho accettato la sua proposta, che mi era stata formalizzata da tempo, di candidarmi nella Lista che ha approntato per concorrere alle prossime consultazioni amministrative. Sono certa – continua la Scappaticci- della riconferma che merita per i risultati ottenuti e per l’impegno costante profuso a favore della collettività per il raggiungimento del bene comune. Sono sinceramente orgogliosa ed onorata dell’invito del Sindaco Libero Mazzaroppi – continua Maria Rita Scappaticci – che stimo come persona ed apprezzo come amministratore; ha fatto tantissimo per la nostra Città e per i concittadini. I risultati sono davanti agli occhi di tutti e per questo merita il nostro sostegno per continuare la sua azione amministrativa. Un impegno costante, il suo, nel campo del sociale dove è stato capace di dare risposte concrete ed efficaci alle situazioni di disagio e di bisogno, senza tralasciare la cultura e leducazione. Gli interventi sull’edilizia scolastica sono stati apprezzati da tutti, hanno suscitato l’ammirazione anche delle altre comunità e quindi assumono il valore di fiore all’occhiello di un’azione amministrativa che merita condivisione. Voglio impegnarmi per continuare, insieme alla compagine disegnata per amministrare, un’opera importante e confrontarmi con i soggetti sociali che continueranno ad essere protagonisti e con chiunque vorrà suggerire, criticare o proporre soluzioni alternative. Tutti conclude come sempre, avranno un punto di riferimento e di ascolto. Abbiamo le idee e siamo pronti ad intervenire tenendo conto, come ha sempre fatto Libero Mazzaroppi, della voce diretta dei protagonisti del futuro, che sono i concittadini”. Il Sindaco si è molto entusiasta della scelta della Scappaticci e ha dichiarato “Maria Rita è una ragazza straordinaria, intelligente che sa stare sempre dalla parte giusta perché capace di discernere e ponderare. Siamo orgogliosi di poterla avere al nostro fianco e sono certo di poterla annoverare tra i volti nuovi del prossimo scenario amministrativo perché ha innate doti di umanità, sensibilità e preparazione. Una persona per bene e giusta”.

13 maggio 2017 0

Frosinone al voto- Ciacciarelli presenta la lista FI a sostegno di Ottaviani

Di redazione

Il coordinatore provinciale di Forza Italia Pasquale Ciacciarelli ha presentato la lista con tutti gli adempimenti burocratici presso il comune di Frosinone. La lista comprensiva di trentadue candidati competerà alle prossime elezioni comunali cercando e sicuramente ottenendo un risultato che porti Forza Italia ad essere il motore che spingerà l’intera compagine del candidato sindaco Nicola Ottaviani. Una squadra animata dai valori, dalla professionalità, dalla qualità dei candidati. Ci troviamo di fronte a giovani professionisti, alcuni di essi hanno già avuto modo di vivere, maturare l’esperienza amministrativa, pertanto abbiamo ricercato ed offerto la giusta commistione di esperienza e novità, con il fine di portare avanti il lavoro svolto da Nicola Ottaviani in questi anni. Io ritengo che il sindaco Ottaviani, assieme alla sua squadra non abbia affatto bisogno di slogan elettorali, basta mostrare le immagini del prima e del dopo, come appariva, come era considerata la città di Frosinone nel passato a livello provinciale ed oggi che ha conquistato un ruolo, una posizione importante a livello nazionale. Forza Italia ha intenzione di portare a casa un ottimo risultato, contribuendo a dare un impulso vitale per promuovere lo sviluppo non solo di Frosinone, ma dell’intera Provincia. Una squadra unita, unita nelle battaglie comunali, provinciali, regionali, nazionali, una famiglia che ha lavorato duramente, contribuendo in maniera fattiva al programma del sindaco Nicola Ottaviani. Il mio ringraziamento va ai quadri dirigenti del partito, in primis all’onorevole Mario Abbruzzese, il quale ha motivato i candidati, stimolato la squadra, affinché potesse raccogliere in queste ore grande consenso nella città, ed a Riccardo Del Brocco per la collaborazione nella gestione organizzativa per la preparazione della lista. Un ulteriore ringraziamento va a tutti i 32 candidati, in modo particolare al cavaliere Enrico Straccamore per l’esempio che ha dato non solo alla quadra scesa in campo alle elezioni comunali, ma all’intero partito provinciale. Continuare a far si che la città di Frosinone diventi non solo guida del territorio provinciale, ma modello a livello nazionale, è l’obiettivo che i quadri dirigenti del partito vogliono prefigersi in questa nuova avventura amministrativa.

15 marzo 2017 0

Piedimonte al voto/1. Marilisa Tomassi scende in campo a sostegno di Gioacchino Ferdinandi

Di redazionecassino1

Piedimonte San Germano – Il sostegno alla candidatura a Sindaco di Gioacchino Ferdinandi cresce di giorno in giorno. Sono sempre di più i cittadini di Piedimonte San Germano che si avvicinano al progetto politico del trentacinquenne avvocato che sta lavorando da settimane per mettere in piedi una squadra di governo giovane, preparata e che sicuramente sarà in grado di amministrare al meglio la cittadina. E’ di queste ore la notizia della discesa in campo di Marilisa Tomassi, trentasettenne biologa, alla sua prima esperienza da candidata consigliera. La scelta della Tomassi giunge a pochi giorni da un’altra importante decisione che ha visto rafforzare il gruppo capeggiato dall’aspirante primo cittadino Gioacchino Ferdinandi: il passaggio del “testimone” fra Fulvio Fimiani e Gioacchino Marchetti anche quest’ultimo – giovane funzionario dell’Agenzia delle Entrare – al suo primo test elettorale. “E’ ora che la mia generazione si prenda le proprie responsabilità mettendoci la faccia – ha affermato Marilisa Tomassi -. Piedimonte ha bisogno di un cambio di rotta radicale e questo lo si può fare solo con forze fresche, giovani e in grado di portare al centro del dibattito politico idee innovative e al passo con i tempi. Ce lo stanno chiedendo i cittadini che, per troppi anni, hanno subìto lo strapotere di personaggi politici locali che poco hanno pensato al bene comune e all’interesse delle future generazioni, facendo diventare Piedimonte un “paese dormitorio” a ridosso dell’area industriale. Io sono madre di famiglia e immagino per i nostri figli un futuro migliore in una città diversa, che sia in grado di farli crescere in maniera sana”. Marilisa Tomassi sta dimostrando con questa sua scesa in campo di avere grande coraggio e di tenere a cuore le sorti del paese. E’ stata la sua grande determinazione a spingerla a candidarsi alla prossima tornata elettorale di giugno al fianco di Gioacchino Ferdinandi. “Con Gioacchino – ha continuato Marilisa Tomassi – ci conosciamo da una vita, siamo quasi coetanei, e riconosco in lui tutte quelle capacità di cui oggi Piedimonte ha bisogno per diventare una cittadina moderna e capace di affrontare le sfide future. E’ per questo che lo sosterrò con la mia candidatura, impegnandomi, una volta eletta, soprattutto per far si che la nostra città diventi più sostenibile e ottenga il massimo delle risorse pubbliche da destinare ad interventi di recupero di aree verdi nel perimetro urbano e periurbano, per l’allestimento di giardini pubblici per i nostri bambini, per accrescere spazi da destinare a fini ricreativi e all’abbattimento di barriere architettoniche. Magari – ha concluso Marilisa Tomassi – questa è la volta buona che un’amministrazione riesce a cantierare una pista ciclabile, una cosa di cui da anni si parla ma su cui nessuno ha messo seriamente la testa facendo arrivare risorse utili a realizzare il progetto”. L’aspirante primo cittadino Gioacchino Ferdinandi ha accolto con grande soddisfazione la decisione di Marilisa Tomassi. “E’ un grande onore – ha affermato – essere portavoce di un gruppo coeso, che ogni giorno cresce, composto da persone della società civile che stanno impegnandosi al massimo mettendo le proprie capacità a servizio del bene comune e dei cittadini. Marilisa è una ragazza forte, preparata e molto determinata che sicuramente porterà un grande contributo in termini di idee e progetti. Colgo questa occasione per ringraziare lei e tutte quelle persone che stanno credendo in me e in questo gruppo”.

25 febbraio 2017 0

Imprenditori agricoli a sostegno delle aziende colpite dal terremoto del Centro Italia

Di redazione

Anche il gruppo dell’associazione amici della campagna di Piedimonte San Germano tra gli imprenditori agricoli del frusinate che hanno voluto offrire solidarietà alle sfortunate aziende agricole delle zone colpite dal terremoto del Centro Italia. Si sono messi in viaggio per portare ciò che può essere utile a tante persone che stanno vivendo momenti difficili. La colonna di mezzi ha provveduto a raggiungere alcune zone del Centro Italia e a portare alimenti per gli animali da fattoria e un aiuto concreto. Un grande atto di solidarietà che riempie il cuore di gioia.

3 agosto 2010 0

Credito alle imprese, Tedeschi (IdV): “Fondo di sostegno per un importo di 5 milioni di euro”

Di redazione

Tedeschi (IdV): “In bilancio attenzione al credito alle imprese” “Prosegue in Commissione il confronto serrato sull’assestamento di bilancio. Tra le priorità, limitare i tagli alla sanità e alle politiche sociali, ma la mia azione si concentra anche sul ripristino del Fondo per il sostegno del credito alle imprese del Lazio, per un importo di 5 milioni di euro.” Lo dichiara in una nota Annamaria Tedeschi, consigliere regionale dell’Italia dei Valori. “Lo stralcio di questo fondo costituisce l’azzeramento della possibilità di avere credito per le PMI e senza liquidità anche le imprese che hanno un buon portafoglio ordini o che comunque si avviano verso una timida ripresa, si troveranno nell’impossibilità di far fronte ai pagamenti verso i fornitori e verso gli interni. In aula consiliare la discussione sarà approfondita riportando anche la drammatica situazione economica della Regione: la Presidente e la Giunta non possono permettersi di mettere in ginocchio le PMI laziali che già troppo si sono prostrate verso le banche per elemosinare credito.”

14 luglio 2010 0

Vertenza latte, Abbruzzese: sostegno a Coldiretti. Riaprire il tavolo di contrattazione

Di admin

“Conosco a fondo il mondo dell’agricoltura perché so quali sono le dinamiche economiche che governano il settore. Sebbene il tavolo di trattativa, aperto con la Regione Lazio per trovare una soluzione alle richieste dei produttori del settore lattiero-caseario, non sia ancora riuscito a risolvere il problema dell’adeguamento del prezzo al litro del latte, mi auguro che vengano trovate al più presto convergenze per individuare soluzioni definitive, che mettano d’accordo tutti, produttori e industria. In questo senso condivido quanto ha detto il sindaco di Roma, Gianni Alemanno che, in attesa della sentenza del Consiglio di Stato, punta a riformulare la privatizzazione della Centrale del latte, per rendere protagonisti i produttori di tutto il comparto e non le multinazionali che dettano le proprie leggi di mercato. La Coldiretti può contare sul sostegno del presidente del Consiglio regionale. Già l’Assessorato regionale all’Agricoltura ha dimostrato di avere a cuore il comparto, stanziando incentivi per oltre due milioni di euro. D’altra parte la contrattazione richiede tempi tecnici. Spero dunque che, rassicurata da questi intenti, la Coldiretti si renda disponibile a riprendere le trattative al più presto, per rilanciare e rendere più competitiva la filiera del latte in tutte le province del Lazio. Dobbiamo tornare ad investire sulla valorizzazione e la tipicità dei nostri prodotti. Penso ad esempio a leggi regionali rivolte al potenziamento di tutta la filiera lattiero-casearia, intesa come il percorso che viene fatto fare a latte e derivati per arrivare sulla tavola dei consumatori laziali. O ancora, ad una regolamentazione che accerti la tracciabilità del prodotto e dia garanzia di sicurezza e qualità”. Lo ha dichiarato in una nota il presidente del Consiglio regionale, Mario Abbruzzese.