Tag: stufa

9 marzo 2018 0

Intossicati da stufa del piano di sotto: mamma e bimbi di 1 e 2 anni in ospedale

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VITERBO – Un bambino di un anno, la sorellina di tre e la mamma di 23 anni, cittadini domenicani residenti a Viterbo in via Cairoli sono stati trasportati in ospedale per intossicazione da monossido di carbonio.

A lanciare l’allarme sono stati i vicini di casa che, dopo aver bussato alla porta del loro appartamento al terzo piano, li hanno trovati riversi a terra.

Hanno quindi soccorso i tre e chiamato i vigili del fuoco di Viterbo che hanno individuato la causa in una stufa a pellet difettosa del piano di sotto.

28 settembre 2016 0

Si incendia la stufa a gas, paura a Filettino

Di admin

Filettino – Una stufa a gas in fiamme ieri sera a Filettino ha fatto temere per l’esplosione di una bombola gpl. Un difetto di funzionamento o forse un errore nell’accenderla, ha fatto si che tutta la stufa, bombola compresa, rimanesse avvolta dalle fiamme. La prontezza del proprietario nello spingere la stufa sul balcone, lontano da materiale infiammabile, ha evitato il peggio.

È accaduto in via Panoramica nella casa di una coppia di anziani. Prima che i vigili del fuoco arrivassero, i carabinieri della stazione e i volontari di protezione civile hanno messo in sicurezza l’area allontanando la gente per scongiurare i pericoli di ferimento da una possibile esplosione che, per fortuna, non è avvenuta.

Ermanno Amedei

5 aprile 2010 0

Accende la stufa con l’alcool e il ritorno di fiamma la trasforma in una torcia umana

Di redazione

Una vera tragedia di Pasqua. Ieri pomeriggio, proprio nella domenica di Pasqua, una donna di 80 anni è purtroppo morta in un modo orrendo nella sua casa di Castro dei Volsci (Fr). Marcella S. 80 anni viveva in un alloggio popolare al primo piano di una palazzina in via San Giacomo quando il suo appartamento è andato letteralmente in fiamme. Secondo una ricostruzione fatta dagli inquirenti, pare che la donna, poco dopo le 19, stesse accendendo la stufa ma per accellerare l’operazione, avrebbe utilizzato una bottiglòietta d’alcool. La fiamma ritorna, la bottiglietta esplode, l’alcool cosparge il corpo della donna che in pochi millesimi di secondo si trasforma in una torcia umana. A qule punto, d’istinto l’80enne avrebbe tentato di trovare rimedio entrando nella camera da letto ma lì, tra tende, coperte e materasso, il fuoco ha trovato i che alimentarsi fino a propagarsi all’intera stanza e a non lasciare speranze di sopravvivenza per la donna. Inutile l’immediato intervento dei vigili del fuoco di Arce e di Frosinone. Quando i pompieri sono riusciti, nonostante le fiamme, ad entrare nella casa, la donna ormai era morta. Inevitabile, quindi, ricordare la pericolosità dell’utilizzso di inneschi pericolosi per accendere camini o stufe. La pratica dell’utilizzo di alcool è tra le più pericolose e, purtroppo, continua a mietere vittime. Er. Amedei