Tag: superata

16 aprile 2018 0

Capolavoro Basket Serapo, superata la capolista Fortitudo Roma. Continua la corsa ai play off

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il capolavoro è servito. Dopo esserci andata parecchie volte vicino, il Basket Serapo 85’ sciorina la migliore prova stagionale contro la capolista Fortitudo Roma, che prima di ieri sera aveva perso solo una gara in tutta la stagione, e continua la sua corsa per approdare ai play off.

Eppure la vigilia a questa gara era vista con un po’ di preoccupazione dallo staff biancoverde vista l’assenza di Leccese ( che aveva da scontare la seconda giornata di squalifica), di Varga ( impegnato con il Basket Scauri) e con Matteo Antetomaso a mezzo servizio per via di un problema alla caviglia. Però anche questa volta la voglia di stupire e di divertirsi hanno avuto la meglio alle situazioni negativi a cui bisogna far fronte.

I ragazzi di Coach Cianciaruso iniziano forte la gara e la Fortitudo Roma viene tenuta a galla dall’ esperienza di Barraco e da Pedemonte. Lucarelli inizia forte la gara, Scampone e Porfido fanno girare ottimamente la squadra e Francesco Valente si fa trovare pronto quando deve sostituire il fratello Luca, gravato subito di 3 falli. Si va così al secondo quarto con la squadra gaetana avanti con il punteggio di 21-17. Secondo quarto che vede un leggero predominio della squadra ospite trascinata da Tommaso Rossetti che riesce finalmente ad entrare in partita. Il Basket Serapo 85’ passa il momento più difficile della gara, va sotto anche di 5 lunghezze ma ha la forza di non mollare ed a fine quarto si rifà sotto grazie alle giocate di Porfido ed alla tripla di Scampone. Si va così al riposo lungo sul punteggio di 37-38 per la compagine capitolina.

Il terzo quarto rappresenta il capolavoro della serata firmato Basket Serapo 85’: Porfido prende per mano i compagni e gli trascina sin dall’inizio del quarto a conquistare un margine di vantaggio che supera anche la doppia cifra, i giovani Di Dia e Santaniello sono sacrificati ad un lavoro oscuro ma preziosissimo in fase difensiva, Antetomaso seppur non in perfette condizioni fisiche riesce a dare il suo contributo difensivo ed a procurarsi tanti falli a favore e  Luca Valente, dopo il problema di falli, entra in partita ed inizia ad essere un problema per la difesa Capitolina che si sostiene grazie all’esperienza dei sui giocatori. La voglia di portare a casa questa clamorosa e meritatissima vittoria è tanta e la squadra gaetana non si spaventa alla reazione della squadra romana, anzi riesce a gestire senza molti affanni la doppia cifra di vantaggio fino alle battute finali quando l’uscita per falli di Lucarelli e Porfido permettono alla Fortitudo di ridurre il disavanzo al -6 finale grazie a due triple negli ultimi istanti di gara da parte di Barraco.

Basket Serapo 85’ – Fortitudo Roma 89-83 (21-17;37-38;62-56)

Basket Serapo 85’: Di Dia 2, Niccolai n.e., Scampone 12, Santaniello, Lucarelli 16, Valente F. 3, Antetomaso j. n.e., Antetomaso M. 3, Valente L. 15, Spignese n.e., Porfido 38. Coach: Cianciaruso

Fortitudo Roma: Rossetti T. 24, Mabor, Martinelli 4, Pedemonte 14, Poccioni 6, Ghirlanda 9, Ciancaglini 2, Bellucci n.e., Barraco 22, Buscaglione 2. Coach: Baiardo.

Ufficio Stampa Basket Serapo 85’

19 febbraio 2018 0

Una bella NB Sora 2000 superata in volata dalla Vis Nova

Di redazionecassino1

Le mura domestiche continuano a rivelarsi poco amiche della N.B. Sora 2000, che vengono superati per 72-77 dalla Vis Nova in un match importante tra due squadre che entrambe cercano di vincerla per diversi obbiettivi.

La “gabbia” preparata da Ortenzi per Coronini e compagni funziona, però come spesso succede, nel riuscire a limitare i migliori giocatori avversari, si perde di vista qualche comprimario che si erge ad eroe di giornata. In questo caso i comprimari sono gli arbitri. Un arbitraggio da definire quantomeno strano rende ancor più anomala questa partita tanto da lasciare amareggiati gli animi da ambe le parti.

Per gli ospiti percentuali in attacco basse, molti errori da sotto, molte palle perse. Nel frattempo Ambrosino crea lo scompiglio, guadagnandosi la pagnotta sotto canestro. Dalla panchina, a parte un grande impegno nel lavoro difensivo, arriva un buon contributo offensivo. L’attacco gialloblu non fa molto al tiro, l’unica differenza che potrebbe pesare sul risultato parziale di 21 a 12 è i nostri strafalcioni. La partita vive su un equilibrio nel secondo quarto con un massimo vantaggio di più +9 per i volsci con Stirpe e Di Prospero in buona evidenza. Intanto, Argenti e Martino, sciolgono l’emozione e iniziano a macinare. Le squadre vanno al riposo sul 37 a 32.

Nel terzo periodo i ragazzi di Pasquinelli non riescono più a segnare nemmeno quel poco realizzato nei due primi quarti. Ambrosino è incontenibile, la nostra difesa è arcigna, tanto che Vozza deve scarificarsi in marcatura su Coronini, che vive di solo tiri dalla linea della carità. Si arriva al temine del parziale con più 7. 52 a 45 all’ultimo riposo.

Nell’ultimo quarto Ingrillì comincia con una bomba e dopo 1’30” è -1. Il Sora stranamente entra in un tunnel di paura. Coronini è una spina nel fianco. A 7’12” dal termine sul -4 e un clamoroso canestro sbagliato da sotto, gli arbitri decidono di entrare a pieni titoli da comprimari nella gara. A seguito di un tecnico fischiato ingiustamente a Stirpe e precedentemente alla panchina per il richiamo della svista arbitrale, parte un’allungo della Vis Nova, grazia anche ad una bomba di Coronini -58’’. Martino non sbaglia dalla lunetta e Coronini realizza sul successivo possesso palla. Più 4 per gli ospiti. Sora oramai spenta non aspett altro che, il suono della sirena mentre gli ospiti piazzano dalla lunetta l’ultimo punto dalla lunetta e mettono la parola fine al match. Capitolini festanti in mezzo al campo e Sora a piangere l´ennesima occasione perduta, l´ennesimo finale amaro. La vittoria non avrebbe cambiato le sorti della nostra classifica, ma quantomeno si sarebbero aggiunti dei punti in più per la salvezza.

La NB Sora 2000 deve ancora soffrire e lottare per la salvezza in vista del prossimo incontro, infrasettimanale contro il Formia Baskeball, Mercoledì 21 Febbraio, alle ore 20:30 alla Palestra – Via E. Filiberto a Formia.

N.B. Sora 2000 72 – Vis Nova Basket 77

Parziali: 21-12 / 16-20 / 15-13 / 20-32 N.B. Sora 2000: Vozza 16, Stirpe 17, Santucci n.e., Favari 0, Di Vito n.e., Castellucci 0, Radonjic 0, Di Prospero 10, Berardi 0, Vona 4, Bulatovic n.e., Ambrosino 25; Coach: Ortenzi. Ass. Berardi Vis Nova Basket: Saccone 0, Piccolo 7, Ingrillì 5, Coronini 18, Argenti 13, Martino 29, Frosecchi 0, Ndzie n.e., Diedhiou 5, Converso 0; Coach: Pasquinelli

 

19 febbraio 2018 0

Prova durissima superata, la Virtus Cassino espugna il pala Pedemontana di Venafro

Di redazionecassino1

Lo diciamo subito a scanso di equivoci non è stata una di quelle partite da ricordare per lo spettatore e l’amante della palla a spicchi. E’ stato decisamente un brutto spettacolo in termini tecnici, ma lo ricorderemo per il pathos che l’alternanza dei rari vantaggi ha generato.

Ed infatti il risultato era tremendamente importante per entrambe le formazioni.

Venafro doveva riemergere dai bassifondi della classifica. Continuare in un processo di crescita che si era interrotto soltanto per mano di Palestrina nello scorso week end proprio qui al Pala Pedemontana.

Dall’altra parte c’era Cassino, la Virtus Cassino, targata Banca Popolare del Cassinate, che aveva il compito di rimanere agganciata ai piani alti della classifica per “sentire l’effetto che fa” di jannacciana memoria.

E così ne è venuta fuori una gara giocata a ritmi bassissimi, molto intensa sul piano fisico e soprattutto figlia di errori di mira grossolani e di palle perse che gridano ancora vendetta.

Cassino ha vinto, Cassino ha saputo soffrire, Cassino ha regolato l’avversario, tosto e forte, alla maniera delle grandi squadre, difendendo alla morte il proprio fortino quando sull’altro fronte la palla non ne voleva proprio sapere di entrare nel canestro.

Qui sta la capacità del gruppo delle V rossoblù.

Sapersi adattare camaleonticamente al dipanarsi del match, saper reagire di volta in volta e in maniera diversa e sempre efficace se solo si considera l’impressionante ruolino di marcia del team allenato da Luca Vettese: nelle ultime diciotto gare di campionato 16 vittorie e solo due sconfitte, maturate, ca va sans dire, in modo a dir poco rocambolesco e maturate solamente negli ultimi istanti di gioco.

Ebbene le “V” rossoblù hanno dato l’impressione allo spettatore, giunto in gran numero dalla vicina Cassino, di poter sempre controllare l’esito del match , di saper giocare anche questo tipo di partite e di conoscere a menadito il compito di difendere il proprio canestro in maniera ancor più intensa.

“L’intensità è la parola magica” sibila Luca Vettese al termine della gara e non si lascia sfuggire altro continuando nel suo silenzio stampa.

Era una gara che sin dall’inizio non poteva sfuggire a questo tipo di pronostico: ovvero quello dell’equilibrio assoluto.

“Dovevamo vincere in qualunque modo o maniera, l’importante era il foglio rosa” le parole invece di Furio De Monaco, il team manager rossoblù, ex di serata allorquando da giocatore calcò in diverse stagioni proprio questo parquet “i ragazzi hanno saputo interpretare bene la logica della gara e mettersi a disposizione l’uno dell’altro. Era una di quelle gare che sentivamo e non poco perché conoscevamo bene il valore dell’avversario e lo rispettavamo tantissimo. I ragazzi erano ben consci dell’altezza dell’ostacolo e hanno fatto di tutto per superarlo. Adesso ci mettiamo alle spalle questo turno di campionato e guardiamo con fiducia al prossimo (Battipaglia al PalaVirtus sabato 24 febbraio, palla a due alle ore 18.00, ndr) mantenendo sempre alto il livello di concentrazione.” conclude il dirigente rossoblù.

Tornando alla gara di stasera, la stessa si è decisa nell’ultimo quarto allorquando, al termine della terza frazione di gioco, per la prima volta nella gara, i molisani mettevano avanti il muso per due lunghezze grazie ad una tripla di Hassan, 43-41.

La BPC Virtus Cassino all’inizio della quarta frazione di gioco subisce un canestro di Gueye Khadim che cattura un rimbalzo offensivo e realizza il 45 a 41e in una gara dove si segna con il contagoccie questo canestro appare un macigno sulle spalle dei viaggianti. Ma è Carrizo a realizzare 4 punti di fila e riportare i cassinati in linea di galleggiamento, 45 pari al 4° minuto di gioco. Passano altri due minuti e mezzo e le squadre sono sempre appaiate ed è sempre Carrizo a spezzare l’equilibrio con una tripla mortifera, 48 a 45 per i benedettini. Risponde Laguzzi dopo un bel gioco a due con Hassan e riporta i molisani ad un tiro di schioppo dai viaggianti, 48-47. Ma è Petrucci a mettere la parola fine sull’incontro con un canestro dei suoi in entrata. La gara finisce qui anche se i due contendenti hanno la possibilità di segnare ma le rispettive difese contengono bene e soprattutto impediscono chhe il punteggio possa muoversi. Le speranze dei locali si infrangono allo scadere sul ferro con la tripla di Rinaldi.

Cassino dunque ha vinto ed è riuscito a mantenere invariato il contatto con le prime della classe. Sabato come detto si torna al Pala Virtus. Arriva Battipaglia.

Dynamic Venafro – BPC Virtus Cassino 47-50

Parziali 12-20, 11-11, 20-10, 4-9

Dynamic Venafro: Laguzzi 11 (5/7, 0/1), Hassan 10 (1/4, 2/6), Rinaldi 8 (1/3, 2/8), Rossi 7 (3/8, 0/2), Tamburrini 7 (3/13, 0/0), Minchella 2 (1/1, 0/1), Gueye 2 (1/3, 0/0), Pagano 0 (0/0, 0/1), Cancelli 0 (0/0, 0/0), Casapenta 0 (0/0, 0/0), Pirozzi 0 (0/0, 0/0), Carcillo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 5 / 9 – Rimbalzi: 40 9 + 31 (Laguzzi 12) – Assist: 12 (Hassan, Rossi 4)

All. Mascio

BPC Virtus Cassino: Manuel Carrizo 17 (4/7, 3/3), Maurizio Del testa 10 (2/6, 2/10), Lorenzo Panzini 7 (2/2, 1/6), Niccolò Petrucci 7 (2/4, 1/7), Simone Bagnoli 6 (3/7, 0/0), Enzo Cena 3 (0/5, 1/5), Robert Banach 0 (0/0, 0/0), Giuseppe Di poce 0 (0/0, 0/0), Riccardo Pasquinelli 0 (0/0, 0/0), Fabrizio De ninno 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 0 / 2 – Rimbalzi: 38 6 + 32 (Simone Bagnoli 11) – Assist: 7 (Manuel Carrizo, Simone Bagnoli 2)

All. Vettese Ass. Incelli

 

 

24 maggio 2017 0

Continua il sogno del Basket Ferentino under 18 superata anche la Fortitudo Bologna

Di redazionecassino1

Continua il sogno del Basket Ferentino nell’interzona under 18 Elite di Cecina. Sotto gli occhi di Lorenzo Benvenuti e degli ex Massimo Bulleri e Saverio Mazzantini, i giovani amaranto colgono un successo prestigioso superando anche la Fortitudo Bologna con una prova maiuscola. Domani alle ore 12 la FMC affronterà la Dinamo Sassari  nella sfida decisiva per la qualificazione alle Finali Nazionali.

I gigliati non partono benissimo in attacco ma Capuani fornisce buone indicazioni e sblocca i suoi, dall’altra parte la Fortitudo inizia fin da subito a sfruttare i centimetri dei suoi lunghi per raccogliere preziosi rimbalzi offensivi. Ferentino comunque va al primo riposo sul +3 (18-15) ma in avvio di secondo periodo Bologna riesce anche a passare in vantaggio, prima che un timeout di coach Iacozza rimetta a posto le cose. Al rientro in campo, infatti, i ciociari alzano l’intensità della loro difesa e recuperano diversi palloni, tramutati in canestri in contropiede soprattutto da Mastrangeli che fissa il punteggio sul 38-29 all’intervallo. Dopo la pausa lunga la Effe prova a tornare sotto ma la reazione amaranto arriva immediatamente e consente di toccare anche il +15, poi gli emiliani aggiustano la mira dall’arco e riescono a limitare i danni al -12 del 30′. Nel quarto periodo la FMC sembra in grado di controllare senza particolari patemi, mantenendo il distacco sempre intorno alla 15 lunghezze fino a 4′, a questo punto però la stanchezza inizia a farsi sentire e consente ai fortitudini di tentare l’ultimo assalto. A respingerlo ci pensa Renzi che insacca triple importanti e permette ai ciociari di gettare lo sguardo alla sfida di domaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani contro i sardi.

Risultato finale: Basket Ferentino 72 – Fortitudo Bologna 66 Parziali: 18-15, 20-14, 19-16, 15-21 Ferentino: Dell’Uomo 2, Suriano 1, Capuani 14, Mastrangeli 21, Datuowei 11, Stirpe 2, Stazi, Aatata 6, Lauretti, Calicchia, Bondatti N., Renzi 15. Coach: Iacozza Fortitudo: Cappelli 14, Mandini 17, Zanetti 7, Negrini 1, Pontrelli 2, Youbi 8, Bonazzi 2, Casarini 2, Prunotto 2, Raspanti, Laghetti 8, Zucchini 3.

Foto F.  Savelloni

21 novembre 2016 0

La Virtus Cassino non fa sconti, superata Viterbo, quarta vittoria di fila

Di redazionecassino1

Doveva essere una gara facile , doveva essere una formalità , la BPC Virtus Cassino nei pressi della vetta della classifica e la Stella Azzurra Viterbo fanalino di coda del girone C del Campionato Nazionale di Serie B , doveva essere ma non lo è stato . La Stella Azzurra Viterbo per due quarti ha fatto letteralmente vedere i sorci verdi ai padroni di casa che hanno completamente toppato l’approccio alla gara o forse la mente sgombra dei ragazzi di Fanciullo, il coach dei viterbesi, ha fatto il resto . Fatto è che la BPC Virtus Cassino per due quarti ha dovuto sempre guardare la targa dei biancoblù stellati che hanno regalato ai tifosi cassinati , accorsi al PalaVirtus per applaudire i propri beniamini , uno scenario non proprio esaltante per le speranze rossoblù. Dal riposo lungo però rientrava sul parquet cassinate una Virtus Cassino letteralmente imbufalita che in un amen spazzava via i rivali concedendo loro la miseria di 24 punti in due quarti , alzando all’inverosimile i ritmi difensivi . Insomma il Pala Virtus rimane imbattuto ed i rossoblù colgono la quarta vittoria consecutiva e continuano la loro corsa, la loro rincorsa al vertice. Il fanalino di coda Viterbo si presenta a Cassino senza il suo leader Marcante ma gioca un grandissimo primo tempo, nella ripresa però gli uomini di Vettese prendono in mano le operazioni e vincono con un grande margine di punti , ben venti . Grande partenza degli ospiti che , come dirà poi in sala stampa il coach dei viterbesi Fanciullo , rispettano in pieno il piano partita e sorprendono i padroni di casa chiudendo il primo quarto sul +6 (18-24) grazie alla buonissima vena di Listwon e Ingrillì, entrambi autori di 7 punti nei primi 10’. La gente rossoblù percepisce il peiricolo e rivive nella mente la partenza del match vs Barcellona di un mese orsono oramai . E cosa particolarmente importante è che nel secondo quarto la musica non cambia . La Stella Azzurra mantiene il divario inalterato per buona parte del secondo periodo ma Cassino si scuote e ritrova la parità prima della fiammata finale degli ospiti. I quali negli ultimi 20 secondi , complice una scellerata decisione arbitrale (antisportivo a Potì), a dispetto del fatto che era stato il cassinate a subire un plateale fallo realizzano ben 7 punti in un men che non si dica . E’ Rovere a fissare il punteggio sul 34-41 ,all’intervallo. Si va così negli spogliatoi dunque con la sorpresa numerica del tabellone del PalaVirtus . 34 a 41 per gli ospiti che sono stati davvero bravi sin qui a mettere in difficoltà i cassinati. Nella ripresa però la musica cambia in modo incredibile e diametralmente opposto. Sono gli uomini di Vettese ad entrare sul campo con una grinta fuori dal comune . Birindelli è una furia e trascina i suoi con una foga contagiosa anche per il pubblico della BPC Virtus Cassino. Valesin segna i primi punti della frazione, ma poi è l’immenso Del Testa a insaccare una tripla fondamentale per i suoi compagni . Birindelli segna due punti con un viaggio in lunetta dopo un coast to coast fantastico . Insomma la BPC Virtus Cassino viaggia esattamente al doppio della velocità dei viterbesi . La partita cambia repentinamente volto e la Virtus Cassino è in grado di ribaltare completamente la partita andando all’ultima pausa sul +8 (62-54). Nell’ultima frazione Viterbo non ha più benzina nel motore per provare a ricucire lo strappo operato sulla gara dai padroni di cada . Mancano le forze necessarie ai ragazzi di coach Fanciullo per rifarsi sotto alla battistrada .La BPC Virtus Cassino invece viaggia sulle ali dell’entusiasmo e arrotonda il divario finale grazie a giocate collettive davvero convincenti . Nota di merito per il giovane Filippo Serra sempre bravo a farsi trovare pronto allorquando viene chiamato in causa dal coach cassinate , Luca Vettese . E’ il secondo miglior realizzatore di serata dopo capitan Maurizio Del Testa . Si chiude sull’85 a 65 per i padroni di casa Vettese è stato bravo nel tourbillon dei cambi permette a tutti i propri ragazzi di iscriversi a referto . “Buoni sicuramente i due punti che non erano così scontati come un osservatore poco attento poteva ritenere alla vigilia di questo match “ osserva a fine gara un soddisfatto coach Luca Vettese “Viterbo è venuta a Cassino senza il suo giocatore più rappresentativo ( Marcante , ndr) ed è venuta libera mentalmente per proporre la sua partita . Noi abbiamo fatto una grande fatica ad imporre il nostro piano partita , che era quello di limitarli nel punteggio. Abbiamo subito tantissimo dal perimetro soprattutto. Sono molto soddisfatto dal fatto che tutti i ragazzi si siano fatti trovare pronti (Cassino , si pensi un po’, ha trovato nel suo paniere ben 45 punti dalla panchina, ndr). Devo essere molto contento anche perché ad esempio Valerio ( Marsili, ndr) si è fatto trovare pronto ed ha disputato davvero un buon match così come ha fatto Pippo Serra . Adesso ci attende un match davvero complesso. Dovremo andare a far visita ai romani della LUISS che sono un avversaio storico per noi . Sono molto ben allenati e soprattutto sono molto ma molto forti” conclude il coach rossoblù La Virtus Cassino infatti tornerà sul parquet in occasione della nona giornata del Campionato Nazionale di Serie B , girone C , sabato 26 novembre p.v. alle ore 18.00 Ma questa è un’altra storia ed avremo modo di parlarne in settimana .

BPC Virtus Cassino – Stella Azzurra Viterbo 85-65 Parziali : 18-24, 16-17, 30-13, 21-11 BPC Virtus Cassino : Maurizio Del testa 18 (3/4, 4/6), Duilio ernesto Birindelli 12 (4/9, 0/1), Gianluca Valesin 11 (3/5, 0/1), Filippo Serra 10 (0/0, 2/7), Biagio Sergio 8 (1/3, 2/5), Stefano Poti 8 (2/3, 1/3), Valerio Marsili 7 (3/4, 0/1), Renato Quartuccio 5 (1/1, 0/4), Simone Bagnoli 3 (1/2, 0/0), Andrea Giampaoli 3 (0/0, 1/4) Tiri liberi: 19 / 25 – Rimbalzi: 45 8 + 37 (Valerio Marsili 8) – Assist: 27 (Andrea Giampaoli 7) All. Luca Vettese Stella Azzurra Viterbo: Listwon 16 (6/13, 0/7), Ingrillì 12 (3/8, 2/3), Fowler 12 (0/3, 4/10), Ianuale 11 (2/7, 1/3), Rovere 10 (1/3, 2/5), Cianci 2 (1/4, 0/1), Ciampaglia 2 (1/1, 0/0), Meroi 0 (0/0, 0/0), Piazzolla 0 (0/0, 0/1), Casanova 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 10 / 13 – Rimbalzi: 33 8 + 25 (Ingrillì, Rovere 8) – Assist: 11 (Ingrillì 4) All. Fanciullo