Tag: territoriale

28 novembre 2017 0

Un accordo territoriale del Comune per la disciplina dei contratti di locazione a canone concordato

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Il 23 novembre 2017 è stato depositato presso il Comune di Cassino il nuovo ACCORDO TERRITORIALE DEL COMUNE DI CASSINO in attuazione della Legge 9/12/1998 n.431 e del D.M. 16 gennaio 2017, ovvero il provvedimento che disciplina le modalità relative alla stipula dei contratti di locazione a canone concordato.

L’accordo è stato sottoscritto a seguito di incontri tra le Organizzazioni Sindacali degli inquilini SUNIA – SICET – UNIAT rappresentante dai Sigg. Sandro Di Giammarino, Giulio Sacchetti e Avv. Emiliano Faiola e le Organizzazioni Sindacali della proprietà: Confedilizia – UPPI- APPC- ASPPI rappresentate ai Sigg.: Geom- Paolo Polletta , Avv. Maurizio Muffato, Cav. Vincenzo Ciervo, Giovanni Vecci.

Le convocazioni sono state avviate, mesi orsono, dal Comune di Cassino su iniziativa degli Assessori all’Urbanistica e Bilancio, rispettivamente Beniamino Papa ed Ulderico Schimperna.

“Il nuovo accordo territoriale – spiegano gli assessori Schimperna e Papa – sostituisce quello precedentemente stipulato il 01.08.2014 che, ai sensi del 4 comma dell’art 7 del DM 16 01 2017 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha conservato validità fino alla nuova adozione basata sul DM indicato.

L’accordo ha diviso il territorio di Cassino in cinque zone ed ha individuato per ciascuna zona le fasce di oscillazione dei canoni con i criteri per stabilire i valori minimi e massimi dei canoni stessi. Sarà possibile stipulare: Contratti agevolati, Contratti transitori ordinari, Contratti transitori per studenti universitari fuori sede.

Ai contratti di locazione di immobili ad uso abitativo situati nel Comune di Cassino si applicheranno le agevolazioni fiscali previste nell’art. 5 del DM 16 gennaio 2017 compresa la riduzione dell’aliquota per la cedolare secca”.