Tag: terrorista

23 dicembre 2016 0

Terrorista ucciso a Milano durante un controllo, la sicurezza che passa per una “paletta”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Milano – L’agente scelto Cristian Movio (foto in alto) è ricoverato in Ospedale a Milano. Su di lui e sul suo collega Luca Scatà (nella foto in basso) si è riversata tutta l’ammirazione dell’Europa che, dopo la strage al mercatino di Natale di Berlino, temeva che il terrorista tunisino, seppur braccato, potesse commettere altri attentati.

Loro due, da soli, lo hanno fermato e reso inoffensivo. Due agenti di polizia, uno, Luca, indossa la divisa da appena 9 mesi. E’ stato lui ad uccidere questa notte alle tre a Sesto San Giovanni, il 24enne dopo averlo fermato per un normale controllo di routine.

Il presunto terrorista ha esploso un colpo di pistola contro Cristian ferendolo ma non in modo serio. Poi avrebbe cercato riparo dalla reazione degli agenti che è stata repentina e micidiale.

Un normale controllo di polizia, come quelli in cui è incappato chiunque di noi.

Non ci scocceremo, noi non terroristi, la prossima volta che un poliziotto, un carabiniere o un finanziere ci mostrerà la paletta. E’ da quella paletta che parte la nostra sicurezza.

Ermanno Amedei 

23 dicembre 2016 0

Terrorista di Berlino ucciso a Milano durante normale controllo di Polizia

Di admin

Milano – Lo scontro a fuoco questa mattina a Milano nella stazione di Sesto San Giovanni, sembrava un normale fatto di cronaca, invece era l’uomo più ricercato d’Europa, Anis Amr  il 24enne killer di Berlino che qualche sera fa ha ucciso 12 persone tra le quali una italiana, travolgendo con un camion il mercatino di Natale.

Il tunisino è stato fermato nei pressi della stazione di Milano dalla Polizia e, alla richiesta dei documenti, ha estratto la pistola facendo fuoco e ferendo uno degli agenti.

Nel conflitto a fuoco con lo stesso agente ferito e con il collega è stato poi ucciso. Arrivava con un treno dalla Francia e in Germania lo stavano cercando casa per casa. Lui ha avuto la possibilità di attraversare mezza Europa e arrivare a Milano dove, però, i controlli evidentemente funzionano.