Tag: torna

14 settembre 2018 0

Cassino: Torna l’appuntamento con il Cryptodrink. Tutto su Bitcoin e criptovalute

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Secondo incontro CryptoDrink questa sera alle ore 18:00 presso il Symposio Context Cafè di via Tommaso Piano a Cassino. Torna, dunque, l’appuntamento per saperne di più di Bitcoin e Blockchain ma anche di Mining, delle Coin più importanti e di Trading Bot su intelligenza artificiale. Con l’occasione si festeggerà anche la neonata Associazione “CryptoHub” con lo scopo di : – Educare con diffusione della conoscenza del protocollo Bitcoin e promuovere la tecnologia Blockchain. -Condivisione per favorire la condivisione di materiale e risorse tra i membri dell’organizzazione. – Network creare una rete di universitari con diversi background così da favorire lo sviluppo di progetti legati alla Blockchain. Dopo il seguitissimo primo appuntamento, si passa dunque al secondo step con la presenza degli esperti relatori pronti a rispondere ad ogni domanda e curiosità sulle criptovalute e sulla diffusione massiccia a livello mondiale. Tutti al Symposio Context Cafè allora per essere aggiornati sulla moneta digitale, sulle ultime novità e sulle più disparate tematiche legate alle criptovalute.

2 agosto 2018 0

Il teatro “Manzoni” torna in possesso del Comune

Di redazionecassino1

CASSINO – Ieri  mattina gli uffici dell’area Tecnica del Comune di Cassino hanno ripreso in consegna i locali del Teatro Manzoni. Sono state ritirate le chiavi della struttura e si è proceduto alla compilazione di un inventario di tutto il materiale esistente all’interno a diverso titolo. Da oggi, quindi, il Teatro Manzoni torna a pieno titolo in possesso del Comune di Cassino. “Si tratta di un momento importante – ha detto il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – da questo primo step passa la riorganizzazione di una struttura importantissima per la nostra città dal punto di vista culturale. Siamo in procinto di portare a compimento l’iter per l’affidamento della struttura alla nuova società che risponderà in modo più soddisfacente ai requisiti del bando e che soprattutto avrà intenzione di riportare in auge un Teatro attraverso una gestione importante e di livello. Il teatro Manzoni deve tornare ad essere un punto di riferimento non solo per la città di Cassino, ma anche per i territori limitrofi. Deve tornare prepotentemente al centro della scena, per usare termini del gergo teatrale, a produrre cultura e buono spettacolo in grado di attrarre sia autorevoli personaggi della grande tradizione teatrale italiana e sia un sempre più vasto pubblico di tutte le eta”.

31 luglio 2018 0

Torna il doppio senso in via Sant’Angelo a Cassino

Di admin

CASSINO – “Venerdì 3 agosto 2018 alle ore 9,30 sarà riaperto il doppio senso di circolazione in via Sant’Angelo alla presenza del Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro dell’amministrazione comunale, dei primi cittadini di S. Andrea del Garigliano, Sant’Apollinare, S’Ambrogio sul Garigliano e Vallemaio, del Rettore dell’università degli Studi di Cassino, Giovanni Betta, dei rappresentanti degli studenti Unicas, delle autorità dell’amministrazione provinciale di Frosinone e delle Forze dell’ordine”.

Lo si legge in una nota del comune di Cassino.

“Portiamo a compimento un punto del nostro programma elettorale – ha detto nella stessa nota il Sindaco D’Alessandro – il doppio senso di marcia in un’arteria importante del nostro territorio era un impegno preso con i cittadini di Sant’Angelo in Theodice e di San Nicola.

In questi giorni saranno ultimati gli interventi per l’installazione della segnaletica sia verticale che orizzontale, da venerdì sarà quindi possibile ripercorrere il tratto di via Sant’Angelo che arriva al Campus Universitario anche in direzione dei comuni limitrofi della Valle dei Santi. Grazie ai lavori ultimati sulla rotatoria realizzata tra Viale Bonomi e Via Di Biasio, nei pressi della clinica San Raffaele e la realizzazione dei marciapiedi in Via Sant’Angelo abbiamo compiuto in passo in avanti per quanto concerne la viabilità all’ingresso nord della nostra città. Abbiamo messo in sicurezza un’area che fino a qualche tempo fa non presentava le giuste misure per garantire l’incolumità di pedoni e automobilisti. Ricapitolando,  nonostante quello che sostengono i detrattori per partito preso grazie alla realizzazione della nuova rotatoria siamo riusciti a mettere in sicurezza e riqualificare una area importante di ingresso a Cassino. Inoltre, dopo svariati anni siamo anche riusciti a fornire agli studenti universitari un percorso sicuro per raggiungere i propri luoghi di studio. Grazie alla riapertura del doppio senso di marcia di Via Sant’Angelo daremo sicuramente un contributo importante e strategico per migliorare la viabilità in questa porzione di territorio della nostra città”.

31 luglio 2018 0

LE FOTO – Curato a Fogliano il Gufo Reale recuperato a Veroli torna dal suo padrone. Liberati 15 animali

Di admin

LATINA – Era stato ritrovato a Veroli con i lacci che il suo falconiere gli aveva messo alle zampe, impigliato ai cavi dell’alta tensione. Come avesse fatto il gufo reale a sopravvivere con quell’ostacolo alle zampe per almeno 4 mesi, è spiegato solamente dalla grande capacità di cacciatore di quel rapace. Il volatile era scappato da un falconiere di Frosinone che continuava a cercarlo senza sosta. Quando la scorribanda del gufo è terminata a Veroli in località Fontana Fratta, a causa della sfortunata circostanza i pompieri di Frosinone lo hanno soccorso e affidato alle mani esperte dei carabinieri forestali del centro di biodiversità di Fogliano, una vera eccellenza per la salvaguardia degli animali autoctoni. Curato e assistito, il gufo reale aveva il laccetto che lo ha ricondotto al suo proprietario. Informato, in questi giorni, il falconiere ha potuto riavere il suo amico gufo.

La vicenda del “rapace reale” di Veroli è solamente una delle tante “avventure” con cui i carabinieri forestali di Fogliano sono chiamati a confrontarsi quotidianamente. Oltre a salvaguardare la vita della specie animale, nel centro del litorale pontino, si lavora anche per educare la gente ed in particolare i giovani, al rispetto della natura e delle sue regole. Gli uomini del capitano Adriano Bruni, comandante del centro Biodiversità di Fogliano, Assistono gli animali, volatili e terrestri, stando ben attenti a non intaccare la loro natura selvatica per poterli rimettere in libertà non appena guariti. In quelle occasioni aprono le porte ai bambini perché dalle lo ro mani, gli uccelli e gli animali curati possano riconquistare la libertà. In contri utili anche per spiegare il disastro e le sofferenze che si creano quando si acquista un animale non autoctono e lo si libera poi nel territorio. L’esempio più calzante è quello della tartaruga americana, quelle piccole tartarughe comprate per pochi euro alle fiere o al mercato, che, una volta diventate ingombranti, vengono liberate nei corsi d’acqua o nei laghi della zona. Una specie altamente infestante che ha sottratto territorio alle tartarughe autoctone che rischiano di scomparire. Ma di esempi che si possono “toccare” nel centro di Fogliano sono tanti. Nell’ultimo incontro con i bambini, il personale ha mostrato loro un esemplare di drago barbuto rinvenuto ad Aprilia, innocuo, ma proveniente dai torridi deserti australiani e che sarebbe morto assiderato se non fosse stato trovato e portato a Fogliano. Così come la tartaruga alligatore, pericolosissima perché mordace, ritrovata a Cori. L’occasione, quella del 10 luglio, è stata utile anche per sconsigliare di recuperare uccelli, in particolare rondinini che stanno imparando a volare. Spesso, pensando che i genitori li hanno abbandonati, la gente raccoglie i rondinini per soccorrerli ma così facendo li priva del supporto dei genitori che, invece, ci sono e lo sorvegliano da lontano.

Dell’attività del centro biodiversità se ne è occupato anche il settimanale Cronaca Vera con un ampio servizio. 

 

L’ultima “liberazione” ha riguardato 15 esemplari: un riccio, 4 upupe, un merlo, una tortora, 3 gheppi, 2 assioli, 3 civette. Il 26 agosto alle ore 10.30, è previsto l’altro incontro aperto al pubblico per liberare altri animali.

Ermanno Amedei

9 luglio 2018 0

“Aggio passat nu guaio” e “Giallo in condominio” il CUT torna al Teatro Romano di Cassino 11 e 18 luglio

Di redazionecassino1

CASSINO – Doppio appuntamento con il Centro Universitario Teatrale di Cassino nel mese di luglio. La stagione artistica del Cut si chiude infatti al Teatro Romano con due spettacoli dal vivo: “Aggio passat nu guaio” in scena l’11 luglio e “Giallo in condominio” il 18 luglio. Due serate all’insegna dell’ironia e della leggerezza che contribuiranno a colorare la rassegna estiva di Cassino Arte con una comicità dirompente. Ad inaugurare questo finale di stagione sarà la farsa dialettale scritta da Anna De Santis e diretta da Giorgio Mennoia, che vuole richiamare in primis l’attenzione di tutti gli anziani del territorio. Lo spettacolo a ingresso gratuito è infatti inserito nell’ambito del progetto “Anziani: memoria e futuro” promosso dall’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Cassino e finanziato dal Consorzio dei Comuni del Cassinate. Attraverso il racconto, il dialogo e l’arte della recitazione gli attori del Cut puntano a far avvicinare i giovani alla generazione dei loro nonni.

Sul palco del Teatro Romano i dieci interpreti regaleranno risate e divertimento attraverso quel genere strettamente legato al teatro dialettale. Torneranno protagonisti quella comicità esplosiva e un po’ scomposta, quel linguaggio chiassoso ma semplice ed efficace, quel modo leggero e amaro di raccontare la realtà. «La caratterizzazione dei personaggi, l’improvvisazione, la precisione nei tempi comici, il linguaggio e l’espressività fuori misura sono gli aspetti principali della farsa cui abbiamo dedicato lavoro e studio durante questo anno accademico – ha spiegato il regista e direttore artistico del Cut Giorgio Mennoia – e il desiderio di riproporre il genere della farsa nasce proprio dalla volontà di arrivare al pubblico in maniera diretta e spontanea».

“Aggio passat nu guaio” racconta la storia del giovane ventenne Antonio Maria che vive con le cinque donne da sempre presenti nella sua vita: la madre Lucia, vedova da molti anni, la nonna paterna Carmela, forte e autoritaria, e le zie signorine, Cesira, Cuncettella e Maria, tutte succubi in un modo o nell’altro della madre Carmela. Nella casa condivisa da parecchi anni per necessità economica si vive nel costante ricordo di Umberto, morto giovanissimo. Molte le sorprese che rivoluzioneranno la tranquilla e strana vita dei sei personaggi accompagnati da segreti, bugie e altre figure presenti nella loro quotidianità in modo divertente e misterioso.

Entrambi gli spettacoli estivi rientrano nel progetto del Cut di promozione e valorizzazione del turismo e dello sviluppo economico del territorio attraverso spettacoli di teatro comico e popolare, musical e varietà per adulti e ragazzi. Come accaduto lo scorso anno, il progetto è stato riconosciuto e premiato dalla Camera di Commercio di Frosinone che ha valorizzato l’idea di promuovere un equilibrio culturale tra spettacolo, turismo e imprenditoria. «Anche in questa stagione l’iniziativa del Cut premiata dalla Camera di Commercio di Frosinone – spiega il responsabile organizzativo Marco Mattei – punta ad offrire a cittadini e turisti presenti sul territorio la possibilità di trascorrere due giornate di spettacolo dal vivo divertendosi in modo intelligente, ma anche quello di far conoscere il patrimonio artistico, turistico, imprenditoriale, storico e archeologico della nostra area geografica».

29 maggio 2018 0

L’ex 007 Mary Pace torna in attività: Italia senza copertura contro il terrorismo

Di admin

SGURGOLA – Mary Pace torna al lavoro. L’ex 007 di Sgurgola sostiene di essere prossima a rimettersi in gioco in una veste nuova, quella dell’istruttrice di agenti segreti.

“Una necessità – sostiene lei – che nasce dai gravissimi danni, in tema di sicurezza nazionale, cagionati dagli ultimi deplorevoli Governi”.

Come noto, Mary Pace vanta una prestigiosa ed ineguagliabile collaborazione operativa, per oltre 45 anni, con i Servizi Segreti, sia italiani sia esteri, essendo peraltro salita agli onori della cronaca per aver sostenuto, dandone prova, di aver fornito, nel 2003 alla DIGOS e nel 2010 alla CIA, le esatte coordinate del rifugio di Osama Bin Laden.

“Bisogna porre rimedio all’incontrollata e pericolosissima presenza di cellule clandestine di jihadisti fondamentalisti, sul nostro territorio. Bisognerà porre mano a tutta la precaria ed inefficace strategia, fino ad oggi attuata, in tema di controterrorismo, spionaggio e controspionaggio. Non è materialmente ammissibile lasciare il nostro Paese esposto ad un livello così alto di rischio attentati terroristici. Per dirla in termini tecnici, ma volutamente criptici, attualmente l’Italia non è coperta da alcun ombrello e la possibilità di violenti acquazzoni, se non addirittura bufere, è sempre dietro l’angolo”.

22 maggio 2018 1

La polizia locale di Cassino torna in strada a ristabilire le regole, i cittadini plaudono all’iniziativa sui social

Di redazionecassino1

CASSINO – Poteva sembrare uno scherzo la notizia che da giorni circola in città, ma che in realtà i cittadini aspettavano da molto tempo. Quella apparsa sulla pagina facebook del comune di Cassino secondo cui “I vigili lasciano l’ufficio e tornano in strada”. Chissà in quanti avranno pensato si trattasse della “bufala di turno”, invece era tutto vero e dopo un primo comprensibile attimo di incredulità in tanti hanno voluto commentare l’evento che da tempo tutti aspettavano in città.

I commenti non si sono fatti attendere sia quelli diretti a ribadire il ruolo e la necessità di un maggior controllo contro gli indisciplinati. “Finalmente lavorano” scrive qualcuno. “Questa città non ci sono più regole ormai è allo sbando” rincara la dose qualche altro. “Fino adesso dove sono stati in ufficio e siccome loro ci sono per regolare il traffico e controllare che si rispetti il codice stradale come mai si è atteso tanto per questa decisione?” si chiede qualche altro. “Finalmente. Questo bisogna farlo anche di pomeriggio e la sera, orari nei quali vige un assoluto far west e un grado di inciviltà intollerabile”, suggerisce ancora un altro. “Troppi i…Parcheggi alla napoletana……fate multe raffica la gente di Cassino è senza regole” ammonisce qualche altro.

C’’è persino chi si è emozionato a rivedere la polizia locale in strada e lo sottolinea: “Che emozione ieri vedere i vigili in strada a Cassino” come dargli torto visto che da decenni la polizia locale a dirigere il traffico e a far rispettare le regole a Cassino sembrava essere divenuta ‘una specie animale protetta ed in via di estinzione”. In un paese normale questo provvedimento non avrebbe motivo di esistere, infatti, il ruolo della polizia locale è proprio quello di impedire il caos del traffico e, soprattutto, quello di sanzionare i furbetti e il parcheggio selvaggio. Per Cassino evidentemente non è così. Un coro unanime di consensi come chi ribadisce: “Finalmente una cosa che mi piace. E speriamo che gli automobilisti imparino quantomeno a parcheggiare secondo le regole”. Ma c’è anche chi non tralascia l’aspetto economico per le casse comunali, un modo per risollevare le finanze del Comune punendo gli indisciplinati: “Visto che il comune non ha soldi almeno recupera con le multe”.

Non mancano i suggerimenti sulle strade e sui disagi dei cittadini in molte parti della città. “Bivio di Montecassino… un disastro per i pullman che salgono o scendono”; “Spesse volte I bus che salgono verso Montecassino devo imboccare contromano la strada per le troppe macchine parcheggiate sull’incrocio lato montagna. E vogliamo parlare delle macchine parcheggiate sempre su Via di Biasio sul lato opposto dell’incrocio? Soprattutto i bus polacchi lunghi 14 metri non c’è la fanno ad allargarsi per imboccare la strada per Montecassino…. Cominciamo con un po’ di multe…. Così si educano i cittadini e il comune incassa un po’ di soldini…” sostiene Anna Maria.

I suggerimenti ed i commenti positivi per l’iniziativa non sono mancati,  come anche quelli di dissenso per l’adozione tardiva del provvedimento, ma poi siamo veramente sicuri che l’iniziativa funzioni, visto che da qui a qualche mese molti agenti della polizia locale andranno in pensione? Come reagiranno i sostenitori del provvedimento nel caso dovessero essere loro i destinatari delle multe? Vedremo, per ora cominciamo a porre un argine al caos del traffico e speriamo che l’Amministrazione adotti anche soluzioni contro l’inquinamento atmosferico dovuto alla circolazione di auto in centro adottando una politica di mobilità sostenibile una volta per tutte!

F. Pensabene

12 maggio 2018 0

Isola Ecologica, l’opposizione torna all’attacco: “L’isola che non c’è, si torna alle condizioni del bando”

Di redazionecassino1

CASSINO – Duro attacco dei consiglieri comunali di opposizione, Petrarcone, Salera, Terranova e dell’ex assessore Consales sulla questione Isola Ecologica. La polemica non si riferisce solo al problema dell’isola ecologica, ma i consiglieri denunciano anche l’impossibilità e le difficoltà ad accedere agli atti che riguardano il Centro di Conferimento collettivo e alla relazione riservata del Dirigente. “Risolto l’enigma della famosa delibera 164 del 23/04/2018, scrivono in un comunicato. Lo avevamo promesso e lo abbiamo fatto. In mancanza di trasparenza dell’amministrazione D’Alessandro, l’opposizione accede, con molte difficoltà nella mattinata di giovedì 03/05/2018, alla relazione riservata del Dirigente che doveva essere allegata alla delibera prima citata, sull’albo online del Comune di Cassino, la settimana scorsa.

Non riusciamo a comprendere come un documento cosi importante – si legge nella nota firmata dai consiglieri Petrarcone, Terranova, Salera e l’ex assessore Consales – come una decisione dell’ubicazione del centro di conferimento collettivo e dell’isola ecologica venga nascosto ai cittadini e venga approvato con una delibera in cui non si vuole (forse) far sapere l’esatta ubicazione di questi importanti servizi da attivare nella città.

Una decisione che è lo specchio di questi primi due anni dell’amministrazione D’Alessandro e del suo Dirigente Arch Antonelli. 12 mesi per scrivere in maniera criptica che le due delibere di giunta n. 190 del 27/04/2017 “CONTRATTO DI SERVIZIO INTEGRATO DI IGIENE URBANA – SPOSTAMENTO CENTRO DI CONFERIMENTO COLLETTIVO – DIRETTIVE,  e la n. 255 del 26/05/2017  “CONTRATTO DI SERVIZIO INTEGRATO DI IGIENE URBANA – ISOLA ECOLOGICA – ATTO DI INDIRIZZO”, erano illegittime, perché come spiega il dirigente Antonelli qualsiasi modifica in termini localizzativi delle aree in parola, comporterebbe un aumento di costi. (Peccato che il dirigente aveva dato parere favorevole alle precedenti delibere).

Se non fosse una triste realtà sembrerebbe essere su SCHERZI A PARTE. Bastava chiedere un parere al segretario comunale e in pochi mesi avremmo avuto il nuovo centro di  conferimento collettivo e l’isola ecologica attrezzata.

Ma il cerchio magico ha dimostrato anche questa volta di non sapere amministrare la città, scambiando la sede di FORZA ITALIA con il palazzo comunale. Peccato che in un partito politico si possono scegliere tutte le strade possibili, ma quando si amministra un comune importante come Cassino, non si può giocare con delibere ambigue senza pensare che in ballo ci sono servizi pagati dai cittadini da attivare secondo un contratto di legge.

Arriva quindi l’ennesimo dietrofront: 12 mesi fa il sindaco prometteva rivoluzioni e prometteva di incatenarsi per non permettere la costruzione del centro di conferimento collettivo dietro al campo 2. Dopo numerosi finanziamenti persi (che avrebbero aiutato a trovare eventuali soluzioni alternative) e dopo aver subito il sequestro del centro di conferimento collettivo provvisorio di via Pescarola, l’amministrazione D’Alessandro si è svegliata dal lungo letargo (elettorale). E come se nulla fosse approva una delibera, dove non si revocano nemmeno le due delibere precedenti, dove il dirigente e la giunta giocano allo scaricabarile senza ammettere che per un anno i cittadini stanno pagando per servizi mai attivati.

Questa delibera dimostra il totale fallimento di questi due anni di amministrazione D’Alessandro. E’ inutile ripetere all’infinito il disco rotto che è colpa degli altri o che bisogna dichiarare il dissesto.

La verità è che il comune di Cassino da due anni si è fermato. Non riesce a prendere decisioni per risolvere i problemi, anche laddove le soluzioni sono a portato di mano e sono a costo zero perché previsti da contratti in essere o finanziamenti ottenuti e mai completati.

chi restituirà i soldi pagati dai cittadini per un servizio che per un anno intero non hanno avuto?”.

Riccardo Consales

I Consiglieri comunali

Giuseppe Golini Petrarcone

Enzo Salera

Edilio Terranova

_2018_04_albopretorio_000013848_001_g.c.164-signed

TAV CC 09

26 aprile 2018 0

AUDIO/2 – Azzerata la giunta a Cassino, D’Alessandro: “7 giorni, o si fa come dico io o si torna a casa”

Di admin

CASSINO – (continua)  La situazione debitoria di Cassino analizzata dal sindaco D’alessandro che oggi ha azzerato la giunta “E’ – dice – una spada di Damocle sulla città, non su questa amministrazione perché il dissesto non è targato D’Alessandro. D’Alessandro ha le palle per dichiarare il dissesto, ma certo non sarà lui a doverselo imputare o ascrivere. E’ con questo devo avere a che fare perché io ho intenzione di governare questa città con coraggio, anche il coraggio di dichiarare il default se serve. Chi ha voglia di aiutare Cassino faccia un passo avanti; i gruppi consiliari facciano un passo avanti verso Cassino perché, signori, altrimenti io torno al mio lavoro. Non ho nessuna difficoltà a farlo, proprio perché sono un uomo e capace, quel lavoro io l’ho meritato. Non mi è stato regalato da nessuno. Ne mi è stato dato per successione diretta. L’ho conquistato arrivando 39esimo su 2mila candidati, selezionati con concorso pubblico”.

LE ELEZIONI  LE HO VINTE IO

“Ricordando che se siamo qua ad amministrare è perché le elezioni le ho vinte io. I voti al di sopra delle liste li ho presi io, perché al ballottaggio ci sono andato io e io ho vinto il ballottaggio”.

SETTE GIORNI PER TROVARE NUOVA GIUNTA, ALTRIMENTI “AMEN”

“Allora mi prendo con i gruppi consiliari sette giorni di tempo per definire quali possono essere i nuovi membri della giunta. Se in questi giorni gli equilibri non si trovano, decido io, e la mia decisione non va bene, amen, si torna a casa. Competenza e presenza, queste le caratteristiche che devono avere gli assessori perché questo è un lavoro serio, non è uno scherzo”.

(fine)

Leggi precedente

5 aprile 2018 0

Nel weekend torna il “Rally Nazionale Città di Cassino 2018”

Di redazionecassino1

CASSINO – Weekend all’insegna dei motori nella Città Martire, torna XI edizione del “Rally Nazionale Città di Cassino” Lirenas – Eco Liri. Entra nel vivo la stagione sportiva di HP Sport Rally Racing Team, la scuderia dopo l’esordio con Trevisani nel CIR in questo fine settimana è impegnata nella gara di casa, il rally LIrenas-Eco Liri, prova d’apertura dell’edizione 2018 del IRCup, dove schiera Pierluigi Di Vito De Vito fisioterapista del Frosinone Calcio, ma grande appassionato di automobilismo in particolare di rally, il quale dividerà l’abitacolo della Clio Rs seguita in assistenza dal Team D’Avelli con Loris Chiarlitti.

La gara di Cassino entrerà nel vivo sabato pomeriggio con la disputa delle prime quattro prove speciali delle nove previste. La competizione è articolata su due lunghezze chilometriche, la prima riguarda la gara internazionale l’IRCup dove i chilometri di prova speciale sono complessivamente 124,10, mentre la gara nazionale, denominata “11° Rally Nazionale Città di Cassino” si disputerà su un percorso ridotto che comprende le ps.1 e ps.2 del sabato e le prime 4 prove speciali della domenica, per un chilometraggio di prove speciale di 75,60 km.

Partenza primo concorrente alle ore 15:30 di sabato da Cassino in Corso della Repubblica. PROVE SPECIALI Sabato 7 aprile PS 1: 16:10 Belmonte Castello Km 3,00 – PS 2: 16:50 Terelle Km 15,00 – PS 3: 19:15 Belmonte Castello Km 3,00 – PS 4: 19:55 Terelle Km 15,00. 20:55 Ingresso Riordino Notturno a Cassino Domenica 8 aprile 7:30 Uscita riordino notturno. PS5: 8:30 Viticuso Km 13,80 – PS6: 9:00 Vallerotonda Km 15,00 – PS7: 11:30 Viticuso Km 13,80 – PS8: 12:00 Vallerotonda Km 15,00 – PS9: 14:15 Super Sector Selective 30,50 Km. Ore 15:30 Arrivo a Cassino corso della Repubblica.

foto edizione 2017