Tag: trans

19 marzo 2018 0

Casa del sesso a Ferentino, sorpresi trans, clienti e denunciata la locataria (unica donna)

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FERENTINO -Dai sexy annunci sui giornali, fino agli appartamenti in cui avviene la prostituzione e, soprattutto, chi la favorisce.

Questa mattina a Ferentino, i carabinieri hanno feferito un 40enne, brasiliano residente a Roma ed una 54enne residente a Frosinone, poiché ritenuti responsabili di favoreggiamento della prostituzione.

Le indagini condotte dai militari operanti, svolte mediante specifici servizi di osservazione e censimento dei clienti, hanno permesso di acquisire univoci e coincidenti elementi di colpevolezza nei confronti degli indagati ed a seguito di un controllo presso l’abitazione di Ferentino dalla 54enne, hanno accertato che quest’ultima aveva concesso in locazione un immobile con un canone sproporzionato rispetto a quello di mercato senza peraltro effettuare le volture delle relative utenze.

Contestualmente i militari hanno rilevato la presenza nell’appartamento di un avventore di anni 29 residente a Fiuggi, nonché la presenza di altri quattro connazionali del suddetto indagato 40enne, che esercitavano abitualmente la prostituzione con avventori occasionali che aderivano agli annunci pubblicati.

Nel medesimo contesto veniva sottoposto a sequestro materiale contraccettivo ed oli  erotici.

21 giugno 2010 1

Ciclismo Alatri / Buoni piazzamenti per la Toti Trans

Di redazione

Solo piazzamenti in questo finesettimana per l’UC Alatri Toti Trans RB Costruzioni, a partire dal OTTAVO posto ottenuto da Andrea Romano, inserito nella rappresentativa regionale che a partecipato “ alla prova solidale ” 1 Trofeo Centro Commerciale Del Reventino riservato alla categoria Esordienti disputata a SOVERIA MANNELLI (CZ) in Calabria. Mentre a Gaiole in Chianti Siena nella gara per Esordienti (Aspettando il GIROBIO) Gabriele Rossi ottiene un sesto posto e Likaj Luciano un decimo posto, al termine di una competizione molto selettiva. Non è andata meglio ai “GIOVANISSIMI” impegnati nel 2° TROFEO MANIERI E CECCARELLI a Roma, dopa le gare della G1 e della G2, a seguito di un vero nubifragio gli organizzatori sono costretti ad annullare la manifestazione, Dando appuntamento a breve per il recupero delle gare non disputate.

12 maggio 2010 1

Ciclismo Alatri, successo della Toti trans ad Anagni

Di redazione

Fine settimana ricco di soddisfazione per gli atleti “Ciociari” della UC ALATRI TOTI TRANS R. B. COSTRUZIONI. Sabato con i Giovanissimi, dove sono impegnati al GP S. FILIPPO e GIACOMO ad Anagni, nella gara di velocità organizzata dalla locale SS Garofolo Mobili Team Claudio Nereggi, dove si registrano i seguenti risultati: Vittoria di Patrizia Parravano nella categ. G1 Femminile, nella categ. G4 F. si impone con facilità Asia Bellotti mentre nella categoria maschile, primo Francesco Parravano e secondo Stefano Ceci, nella G5 M. Lauro Ciavardini si piazza al 6° posto, ed infine vittoria di Mirko Iafrati nella G6 Maschile e Francesca Recchia nella Femminile. La Domenica alcuni rappresentanti della categoria “Giovanissimi” vista la bella giornata, anno approfittato per trascorrere una giornata nella vicina Abruzzo, per gareggiare a Morro D0ro, con i seguenti risultati. Patrizia Parravano 1° arrivata G1 Donne, Francesco Parravano 4° arrivato nella G4 Maschile e Mirko Iafrati 2° arrivato nella G6 Maschile. Invece gli ESORDIENTI 1° e 2° anno e Donne, Domenica 9, hanno gareggiato a Roma in località Prima Porta nel 13° Trofeo Rolando Simonetti, su un circuito di Km 2.300 da ripetere 12 volte il 1° anno per Km 27,600 e 14 Volte il 2° anno per Km 32,200. Nella gara del 1° anno, nonostante vari tentativi effettuati dagli atleti della UC Alatri Toti Trans R.B. Costruzioni, Likaj, Rinna e Romano, termina in volata vinta dal Campano Luigi Matrone GS Balzano, davanti ad Andrea Romano, al 5° posto si classifica Italo Rinna e Al 9° Likaj. Anche nella categoria Donne, ancora un secondo posto di Chiara Ciotoli alle spalle di Giorgia Capobianci, al terzo posto si piazza Emilia Frezza, mentre Marika Bellotti si è ritirata in seguito a un lieve malore. Nella gara del secondo anno, si aspettava la vittoria di Gabriele Rossi, ma si è dovuto accontentare ancora una volta della piazza d’onore (la Quinta consecutiva) alle spalle di Daniel Marcellusi, Buona la prova degli altri componenti della squadra “CIOCIARA” Massimiliano Patriarca 5° assoluto e di Nicolo’ Bellotti e Alessandro Como. Appuntamento Domenica 16 ad’ Acilia nella 2° prova del “TRITTICO DÌ PRIMAVERA” gara organizzata dal GS CAPOBIANCHI CICLI MOTO SPORT. Dove gareggeranno prima gli ESORDIENTI con la 1° partenza alle ore 8/45 e i GIOVANISSIMI con la prima partenza alle ore 10/30.

29 aprile 2010 0

Ciclismo Alatri (Fr) / Gli impegni della Toti Trans

Di redazione

Impegnativo weekend Della U.C. Alatri Toti Trans R. B. Costruzioni, dopo I Lusinghieri Piazzamenti di Gabriele Rossi (DUE Secondi Posti) nella categoria Esordienti 2° anno, e di Andrea Romano (Un Quarto E Un Quinto) nel primo anno, ottenuti nelle due gare finora disputate, Sabato 1° Maggio nel Memorial Padre Giuseppe, gara organizzata dal Gs locale Guarenna 2000, in località CASOLI (Chieti) su un tracciato abbastanza impegnativo di 2 Km da ripetere 10 volte, per il primo anno e 15 per il secondo anno, si spera di centrare Il successo pieno, con Gabriele Rossi (per ripetere la vittoria della passata stagione) ben spalleggiato dai compagni, Nicolò Bellotti, Massimiliano Patriarca, Likaj Luciano, Italo Rinna e Andrea Romano. Mentre l’indomani, Domenica 2 Maggio, con tutti gli effettivi della categoria Esordienti, saremo presenti, ad Anagni in località Pantanello alla 5^ GIORNATA DELLA BICICLETTA – 1^ COPPA VITO TACCONE – Prova Valida Per Il CAMPIONATO PROVINCIALE DÌ FROSINONE, organizzata dal A. S. D. Garofalo Mobili Team Claudio Nereggi, con la speranza di vincere il maggior numero di titoli in palio. Sempre Domenica 2 Maggio, nella stessa località di scena anche i Giovanissimi, al debutto stagionale, saranno impegnati i seguenti “ atleti ” Patrizia Parravano (G1F) Mattia Toson (G2M) Asia Bellotti (G4F) Francesco Parravano, Ceci Stefani (G4M) Valentina Greci (G5F) Lauro Ciavardini, Giorgio Sarra e Lorenzo Rossi (G5M) Francesca Recchia (G6F) Mattia Bellotti e Iafrati Mirko (G6M) nella 5^ GIORNATA DELLA BICICLETTA – 1^ COPPA VITO TACCONE – Prova Valida Per Il CAMPIONATO PROVINCIALE DÌ FROSINONE, I quali cercheranno di ben figurare, dando il massimo, per la gioia dei dirigenti e dei genitori al seguito.

22 febbraio 2010 0

Prostitute e trans a caccia di clienti, denunciate e allontanate dai carabinieri

Di redazione

Mostravano le loro grazie al bordo della strada con l’intenzione di adescare clienti. Si tratta di due donne, una 35enne ed una 45enne ed un trans di 25 anni tutti proveninti da Napoli. I carabinieri di Sesto Campano (Is) dipendenti della compagni di Venafro sono intervenuti in località “favaro”. Una delle due donne è stato anche denunciato per il reato di false dichiarazioni rese a pubblico ufficiale, avendo fornito inizialmente le generalità di altra donna nonchè del reato di inosservanza dell’obbligo di dimora nella città di Napoli. Per tutte e tre è stato proposto il foglio di via.

29 novembre 2009 0

ANAGNI: CENSURA VLADIMIR LUXURIA. IL SINDACO: ‘I TRANS? MALATI’

Di redazionecassino1

Il comune di Anagni censura Vladimir Luxuria. Il sindaco del comune ciociaro, infatti, ha deciso di negare l’utilizzo dell’Auditorium cittadino per la presentazione del libro dell’ex deputata transgender. Il primo cittadino ritiene che “i transessuali sono persone malate” e ha deciso di non concedere l’Auditorium, inoltre, perchè il libro di Luxuria, “Le favole non dette”, tratta “argomenti inadatti e diseducativi”. La denuncia, a questo grave atto di limitazione al diritto di libertà di espressione, di chiara intolleranza e di omofobia, è arrivata dall’associazione “La guerra di Piero” che aveva deciso di organizzare ad Anagni l’incontro con Luxuria. Mario Michelangeli, segretario del Pdci del Lazio, ha definito l’episodio “un grave atto di omofobia”. Intanto il presidente dell’Arcigay del Lazio ha chiesto un incontro con il sindaco di Anagni.. Gli organizzatori, tuttavia, hanno già annunciato che l’evento si terrà ugualmente in un’altra sede il 4 dicembre prossimo.

7 novembre 2009 1

Ciclismo Alatri, tempo di bilanci alla Toti Trans Costruzioni

Di redazione

Nonostante lo sguardo sia rivolto alla programmazione per la stagione 2010. Giancarlo Rossi, anima della Squadra e tutti i collaboratori chiudono una stagione davvero intensa, suddivisa tra impegni organizzativi ed agonistici con risultati davvero al disopra delle aspettative che hanno visto i ragazzi della UC ALATRI TOTI TRAS – R. B. COSTRUZIONI protagonisti durate tutta la stagione 2009. Partiamo dalla Categoria dei Giovanissimi dove numerosissime vittorie e piazzamenti Ottenuti dai nostri “piccoli Atleti” nella categoria G1 brillante prestazione di Toson Mattia. Nella G2 i bravi Paniccia Simone e Sara Ludovica che si fregia del titolo di campionessa provinciale strada. Nella G3 Bellotti Asia risulta la plurivincitrice della categoria conquistando varie vittorie e tutte le maglie in palio di campionessa provinciale (Strada, Gincana e Velocità) bene anche Francesco Parravano (3 vittorie e il titolo di Campione Provinciale Strada più svariati piazzamenti) anche Ceci Stefano si è distinto (1 vittoria e numerosi piazzamenti), buona la prestazione di Giulia Sidari. Nella categ. G4 i “volenterosi“ Rossi Lorenzo, Greci Valentina, Sarra Giorgio, Ciavardini Lauro e Velocci Loris, nonostante non abbiano assaporato la vittoria, si sono ben comportati con la loro determinazione conquistando importanti piazzamenti. Nella categ. G5 protagonista assoluto risulta Mirko Iafrati con le sue 5 Vittorie ed il titolo di campione Provinciale strada più innumerevoli piazzamenti attenuti durante la stagione, nella categoria femminile la plurivittoriosa Recchia Francesca (con oltre 10 vittorie all’attivo) bene anche Mattia Belloti protagonista in varie gare. Nella G6 apprezzabile la prova di Likaj Luciano e Sidari Fabrizio. Un capitolo degno di essere raccontato in maniera dettagliata è quello dedicato alla Categoria ESORDIENTI, dove la UNIONE CICLISTICA ALATRI TOTI TRANS R. B. COSTRUZIONI nella Stagione Agonistica 2009 ha potuto mettere in mostra tutti i suoi migliori ragazzi e dove sicuramente ha raccolti i migliori risultati, con Gabriele Rossi classe 1996 risulta vincitore di SETTE gare (Guarenna di Casoli CH, Civitavecchia RM , Cepagatti PE, Boville FR, Mosciano TE, Guazzino SI e Campocavallo di Osimo AN) SETTE secondi posti e due quinti oltre al titolo di campione provinciale strada, questi numeri anno permesso al giovane “campione ciociaro”, di vincere la classica di merito regionale e di piazzarsi nei primi venti in quella nazionale, buone le prestazioni degli altri componenti, Bellotti Nicolò, Coccia Cristian, Como Alessandro, Iafrati Federico e Onorati Mirko, Che con il loro impegno anno favorito la crescita della squadra diretta dai Direttori Sportivi (Coccia Achille, Rossi Gianluca e Matteo Campoli) Anche in campo femminile ci siamo fatti valere con Ciotoli Chiara ( Sette Vittorie e i titoli campionessa Regionale Strada e Pista) Frezza Emilia ( Due vittorie e il titolo di campionessa Provinciale Strada) ed infine Bellotti Marika a contribuito alla economia della squadra con svariati piazzamenti. Anche in campo organizzativo, ci siamo dati da fare, organizzando ben otto manifestazioni: l’ 11° Trofeo S. Sisto memorial Mario Graziani Oscar Tuttobici ALLIEVI, Promozionale G.P. Alatri GIOVANISSIMI – 1° Trofeo Memorial Milani ESORDIENTI 1° e 2° anno – G.P. Città di Alatri “Campionato Regionale” ESORDIENTI 1° e 2° anno – Campionato Italiano A.I.M.A.N. cronometro individuale e cronosquadre. Un ringraziamento particolare ai nostri parters: Toti Trans, R.B. Costruzioni, Edilcentro, Impresa Milani spa, Marini Edilizia, Cappella Costruzioni, Cicli Rossi, Bottecchia, che con il loro contributo ci permettono di andare avanti. Ed infine si ringraziano tutti inostri collaboratori: i Direttori di Corsa Guido Coletta, Antonio Moriconi. Giuseppe Greci, le Motostaffette SCORTA TECNICA U.C. ALATRI, Protezione Civile “SAVARESE”, Radiocorsa Massimo Pisani e il GS Capogna Premiazioni.

30 ottobre 2009 1

Da Antonio a Flavia, un trans si racconta

Di redazione

La vicenda di Marrazzo ha dato spunti di riflessione su tanti aspetti legati alla sessualità e su come oggi viene vuissurta,  si sono dette e scritte tante cose, cose che hanno dato fastidio a qualcuno e tra questi a Flavia, una ragazza divenuta tale dopo essere nato Antonio.  Lei rivendica, nella rubrica “MeLaRaccontiLaTuaStoria?”, la sua dignità di essere umano e il suo diritto a vivere liberamente quello che sente di essere. Leggi e commenta.

29 ottobre 2009 1

Io, trans… senza veli

Di redazione

Caro direttore, ho letto con disagio la vostra rubrica “il punto di vista” e non ho per niente apprezzato l’ironia con cui si parla dei trans, di questi strani “invertiti” di cui, ormai, purtroppo per voi, è pieno il mondo. In questi giorni c’è quasi un’affannosa corsa al commento, chiunque deve dire qualsiasi cosa, non importa che non si sappia neppure di cosa si  sta parlando: quel che conta è dire la propria. In un primo momento mi ero limitata a mandarvi al diavolo, a voi e a tutti quelli come voi, ma poi ho pensato che farvi comprendere anche il mio punto di vista poteva risultare quantomeno più costruttivo. Mi chiamo Flavia, ma non sono mai stata una bambina, perchè da piccolo ero un bel maschietto. Era questo che la natura aveva scelto per me. Ben presto, però, mi resi conto che qualcosa non andava, che potevo passare ore a pattinare bambole e dar loro la pappa ma che macchinine e soldatini non m’intrigavano affatto. Gli amichetti, terribili, mi prendevano in giro per questo, e le amichette, terribili anche loro, mi esludevano dai loro incontri civettuoli. Un vero inferno. Dopo un’adolescenza trascorsa in solitudine, spiando dalla finestra un coetaneo che abitava poco distante e che mi turbava fino a perdere la ragione, ho provato con tutte le mie forze a farmi piacere le donne e a reprimere quell’incontenibile senso di attrazione per quelli del mio stesso sesso. Non volevo far morire di vergogna mia madre, non volevo dare alcun tipo di dispiacere a chi mi aveva messo al mondo e non avrebbe mai accettato il vero senso delle cose. Ma era più forte di me, era tutto più forte di me: arrivata a Roma per studiare, nella solitudine della mia casa tarscorrevo parte del tempo ad acconciarmi i capelli, a depilarmi, a truccarmi gli occhi e le labbra come solo una vera donna sa fare; poi, la sera mi struccavo, riponevo i vestiti corti e le calze autoreggenti nell’armadio e andavo a prendere la mia fidanzata, quella che i miei genitori amavano e che io mi sforzavo di amare, quella della bella facciata. Terminati gli studi, trovai anche un ottimo lavoro presso un’agenzia, ma purtroppo il lavoro era a tempo determinato e quando scoprirono (perchè arrivò il brutto giorno in cui tristemente tutti scoprirono) con un pretesto il contratto non mi fu rinnovato. Fu così che mi vidi costretto a fermarmi e riflettere: avevo sbagliato tutto, perchè per evitare il male ne avevo fatto molto di più a chi non lo meritava. Da allora tutto è stravolto, tutto è cambiato: non posso dire che mi piaccia del tutto, la mia voce tradisce un’impronta di uomo e anche i tratti somatici non sono morbidic ome li vorrei, però vesto da donna, mi trucco, trascorro ore in profumeria a scegliere le fragranze migliori, indosso vestiti, gonne, camicette e tacchi, eppure a dispetto della mia ritrovata identità, l’unico impiego che ho trovato per il momento è lavare scale e portoni di uno stabile in periferia. Dopo alcuni anni, mia madre ha accettato di rivedermi, mio padre no; lui dice di avere un figlio, da qualche parte, che si chiama Antonio e che Flavia non sa e non vuol sapere chi sia. Vi ho fatto un racconto breve di quella che è stata ed è la mia storia, perchè i dettagli del dolore e delle amarezze, del disprezzo e del male che ho vissuto non sono poi così importanti. A fronte di questo spaccato, vi chiedo di riflettere prima di bollare qualcuno con strani epiteti come “checca”, “ricchione”, “frocio”, “chiappa chiacchierata”, ridendoci su come se voi foste dalla parte giusta. Piuttosto ritenetevi fortunati anche per il solo fatto di esser nati in un corpo che vi ha accolti, che ha accolto la vostra natura, che non andava controtendenza rispetto ai gusti e le passioni che avrebbero dovuto animarlo. Ammettere questo divario tra chi si è e chi si vorrebbe essere è difficile, presuppone dolore e coraggio che non tutti (io per primo) hanno, e se fossi in voi non biasimerei tutta quella gente che non ce la fa, e si nasconde dietro la parvenza di una vita normale, con una famiglia come tante altre, un lavoro di prestigio e tanti altri privilegi che, se confessassero, probabilmente perderebbero. Non biasimatelo neppure se in certi momenti lascia in un angolo tutto ciò che ha conquistato per concedersi un’ora disesso vero, un sesso “diverso”, nel modo in cui più gli piace e a qualsiasi prezzo sia disposto a pagarlo.

27 ottobre 2009 1

Dove c’è gusto non c’è perdenza. Ovvero ..SESSO COL TRANS

Di redazione

Dimentichiamo (a riuscirci!) per un attimo che a letto col trans ci sia andato il Governatore della Regione Lazio che, tra l’altro, pare abbia già provveduto a rinchiudersi in un convento per espiare le sue colpe ..e amen. Ciò che, piuttosto, mi sta levando il sonno in questi giorni sono due fatti: l’intervista a China, una delle trans coinvolte nel caso Marrazzo, e i 5.000 € del costo della prestazione. Partendo da una umile presa di coscienza, io non credo, come moglie, che le donne di uomini che intrattengono sistematicamente rapporti con trans siano più “distratte” di me, per cui temo che, a questo punto, anche mio marito potrebbe essere un assiduo frequentatore di quelle case. Certo, quando ho provato a parlargli di questo mio punto di vista me ne ha dette di tutti i colori, anche sfoggiando tutta la sua virilità al fine di scongiurare ogni possibile mio dubbio; dubbio che, però, permane, perchè credo che anche un uomo come Marrazzo avrebbe avuto la stessa reazione se la moglie gli avesse paventato un simile sospetto. Voglio dire.. quanti degli uomini che ci vivono attorno hanno questa …propensione? Si parla di una ..tendenza.. molto diffusa, pare che quelle case lì siano un vero viavai di insospettabili: di quanti di quelli che ci circondano non sospetteremmo mai e poi mai? Sarò franca: se non ho alcun dubbio in merito al fatto che mio maito possa avere questo “vizietto” è solo perchè dal bilancio familiare me ne accorgerei se mancassero 5.000 €. CINQUEMILA EURO. E questo è il secondo mio tormento: cosa si fa per cinquemilaeuro? China, nell’intervista, ha detto che un uomo ricorre alle amorevoli cure di un trans perchè questi non lo diletta solo col sesso, ma è capace di ascoltarlo, di accogliere tutti i suoi sfoghi lavorativi, o delle sue litigate con sua moglie. Oh, allora mi dico: e io moglie che, invece, con lui ci litigo, cioè che sono la diretta protagonista, non dovrei meritare  quantomeno una quota? Se proprio non merito cinquemilaeuro tondi, per uttte le volte che lo ascolto, mio marito, almeno un decimo, un 500 €, me li meriterò pure, no? E il cucinare, il lavare e stirare, il tenere pulita una casa, non conta niente? Nessuna retribuzione? Senza contare che qualche prestazione sessuale, normalmente, una moglie la concede.. Ma per cinquemilaeuro, è chiaro che deve trattarsi di una prestazione moooolto particolare. Allora, mi chiedo: ma questi trans non potrebbero impartirci qualche lezione (a pagamento, s’intende) per insegnarci ad ascoltare meglio i nostri mariti e, soprattutto, a fare …qualchenumerochelamiafantasianonriesceneppureadimmaginareesucuimisto tormentandodagiornirendendomiagitatoilsonno? Morale della favola: voglio imparare a fare sesso come solo un trans sa fare, così caso mai a mio marito dovesse venir voglia ..quantomeno gli farei pagare un pò meno. Un modo come un altro per salvaguardare il bilancio familiare, visti i tempi!

Vittoria