Tag: truffatori

17 gennaio 2018 0

La ricerca dell’affare che porta nella trappola dei truffatori, raggirato 23enne di Cassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – La ricerca dell'”affarone” è la principale alleata dei truffatori. Lo sa bene un 24enne di Cassino  che, dopo aver letto l’inserzione su un sito internet per la vendita di un telefonino ha contattato telefonicamente il venditore ed ha effettuato il pagamento di 270 euro su una carta di credito ricaricabile.

Trascorsi i necessari tempi tecnici, il giovane, sospettando di essere stato  raggirato, si rivolge al Commissariato di Cassino.

Gli inquirenti, con tempestivi accertamenti, risalgono all’identità dei truffatori, entrambi campani e con precedenti specifici:  il titolare della carta di credito è un 28enne, mentre l’utenza telefonica utilizzata per i contatti di vendita  è intestata ad un  53enne.

Scatta la denuncia.

La Polizia di Stato rinnova l’invito a diffidare degli “affaroni” e di effettuare i pagamenti in sicurezza, preferendo una modalità di spedizione tracciabile ed assicurata.

29 giugno 2017 0

Truffatori a caccia di vittime tra gli anziani di Cassino, allontanati due campani

Di admin

Cassino – Due cittadini campani sono stati fermati a Cassino mentre cercavano tra gli anziani a passeggio nel centro cittadino, vittime da truffare.

I carabinieri hanno individua un 38enne (già gravato da vicende penali per ricettazione e frode nel commercio) ed un 34enne (già gravato da vicende penali per truffa, porto di oggetti atti ad offendere e insolvenza fraudolenta ed altro) , poiché, venivano sorpresi dai militari operanti subito dopo che gli stessi avevano avvicinato, effettuando banali richieste, alcune persone anziane che passeggiavano a piedi per il centro abitato di Cassino.

Era stata proprio la segnalazione dei pensionati a far scattare le ricerche dei due soggetti, che venivano poco dopo bloccati e sottoposti a controllo. Ricorrendo i presupposti di legge e stante la mancata giustificazione della loro presenza in loco, veniva inoltrata nei loro confronti la proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con F.V.O. , con divieto di far ritorno nella “Città Martire” per anni 3.

27 marzo 2017 0

Truffatori scatenati ad Aquino, i carabinieri ne arrestano uno

Di admin

Aquino – Truffa aggravata e continuata in concorso; per questi reati è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Pontecorvo un 34enne di Napoli.

Alle 13 di oggi una casalinga 66enne di Aquino è stata contattata telefonicamente da un sedicente avvocato che poi si è spacciato anche per maresciallo dei Carabinieri. Le hanno detto che il figlio si trovava in Questura perchè coinvolto in grave sinistro stradale che aveva causato anche la morte di un automobilista.

Servivano 4mila euro in contanti per evitare che l’uomo venisse arrestato. Quei soldi sarebbero dovuti essere consegnati ad  un collaboratore incaricato del ritiro della somma. La donna, però ha chiamato il 112 e i militari, alle 14 circa, hanno fermato e arrestato il 34enne che aveva prelevato a casa della donna 150 euro in contanti e monili d’oro per un valore complessivo di circa 4mila euro.

Nel corso dei successivi accertamenti è emerso che lo stesso truffatore, avvalendosi di complici ancora in via di identificazione, nel corso delle stessa mattinata, ad Aquino aveva truffato anche una 65 enne. Alla vittima, era stata sottratta la somma di 550 euro e monili d’oro per 5mila euro.

Nel contesto della consegna del pacco, contenente quadri di modestissimo valore, il truffatore riusciva a farsi consegnare 2.350 euro e monili in oro del valore complessivo di euro 5.000 circa. In questo caso. Purtroppo, soldi e monili non sono stati recuperati. Evidentemente il truffatore aveva consegnato il bottino ad un complice.

22 marzo 2017 0

Truffatori dell’orologio, due coppie fermate a Frosinone

Di admin

Frosinone – Ieri è giunta finalmente l’ora per quattro truffatori campani di essere assicurati alla giustizia. L’ora è quella segnata dagli orologi da muro con cui mettevano a segno i loro colpi.

Nella giornata di ieri, in seguito a numerose segnalazioni sulla linea di emergenza 113, la Squadra Volante della Questura si mette sulle tracce di una Fiat Panda, con a bordo 4 persone, responsabili di avere perpetrato numerose truffe in danno di anziani e di averne tentate altrettante, non riuscendo a portarle a compimento grazie alla pronta reazione delle vittime.

Intercettata l’auto segnalata, nella zona bassa del capoluogo, gli agenti la bloccano ed identificano la “banda della truffa”, compostada due giovani uomini di 32 e 19 anni e due donne di 29 e 17anni, tutti originari della provincia di Napoli.

Da accertamenti effettuati in banca dati Interforze risulta che i  due uomini hanno a carico reati contro il patrimonio, per cui i poliziotti procedono  a perquisizione personale e veicolare, con esito positivo.

Il conducente viene trovato nella disponibilità di 800 euro, somma corrispondente a quella versata da una delle vittime e nel bagagliaio vengono rinvenuti 3 pacchi contenenti orologi da parete di scarso valore, utilizzati per le truffe.

Infatti, come ricostruito dagli inquirenti, il “modus operandi” utilizzato dal quartetto è quello di consegnare un pacco per conto di una parente, dietro il pagamento di una consistente somma di denaro; in particolare una delle due donne contatta  telefonicamente l’anziana vittima, spacciandosi per una sua nipote ed invitandola a ritirare un pacco da un corriere, risultato poi essere il complice 19enne, che sarebbe giunto di lì a poco.

Per i due uomini scatta l’arresto per truffa aggravata in concorso, mentre le due donne vengono deferite alla competente Autorità Giudiziaria per lo stesso reato.

Inoltre, il Questore di Frosinone ha emesso – a carico dei tre maggiorenni – il foglio di via obbligatorio da Frosinone.

Sono tuttora in corso accertamenti, da parte degli inquirenti, per identificare le vittime delle numerose truffe consumate o tentate nella giornate di ieri.

Si invitano pertanto tutti coloro che, nei giorni scorsi, sono stati anche semplicemente  “avvicinati” con le modalità citate a recarsi in Questura per sporgere denuncia.

29 dicembre 2016 0

Truffatori in trappola a Cassino, arrestati dopo aver fatto il pacco ad una 96enne

Di admin

 

 

 

Cassino – Due truffatori campani sono stati arrestati dai carabinieri di Cassino poco dopo aver messo a segno una truffa ai danni di una 96enne della città martire.

L’anziana era stata raggiunta telefonicamente da una donna che spacciandosi per sua nipote, le aveva chiesto di pagare un corriere che a suo nome le avrebbe lasciato alcuni pezzi di computer.

Nella tarda mattinata il finto corriere ha quindi bussato alla porta della 96enne portando due pacchi e pretendendo dall’anziana mille euro e oggetti d’oro, andando via pochi minuti prima che arrivasse un parente della donna che, accortosi della truffa, ha lanciato l’allarme.

È quindi scattato il piano antitruffa disposto dal colonnello Giuseppe Tuccio e attuato dagli uomini del tenente Emanuele Grio.

I controlli si sono concentrati sulle principali vie di accesso della città ed in particolare al casello autostradale dove è stato fermato un 19enne campano, riconosciuto come il finto corriere, e un un complice 56enne.

A loro carico precedenti di vario genere ma, in particolare, avevano addosso i mille euro sottratti alla 96enne oltre agli altri oggetti preziosi. Rinvenuti anche altri oggetti di valore, telefonini e soldi sulla cui provenienza si sta indagando.

Nel frattempo per i due sono stati arrestati.

Ermanno Amedei

23 novembre 2016 0

A Gaeta con la lista delle anziane vittime, denunciati due truffatori

Di admin

Gaeta – Non una lista della spesa, ma una lista di persone anziane da truffare. Come fossero esattori avevano numeri di telefono e indirizzi di persone anziane, tutto ben appuntato su fogli trovati nella loro auto durante un controllo dei carabinieri a Gaeta.

L’ipotesi che si potesse trattare di due truffatori è maturata con più forza quando hanno verificato che C.V 52 anni e S.A 47 anni della provincia di Napoli, avevano precedenti specifici.

Se così fosse avevano tanto lavoro da fare dato che quella lista, redatta da chissà quale “testa di ponte” su Gaeta,  comprendeva ben 180 nominativi. Per i due è scattata la denuncia per tentata truffa  e sono stati allontanati con foglio di via obbligatorio.