Tag: tunisino

28 novembre 2017 0

Viaggiatore tunisino molesto sul bus in A1 arrestato dalla Polstrada per resistenza a P.U.

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – Il conducente di un pullman di linea Napoli – Torino, in transito sull’  A/1, segnala, sulla linea di emergenza 113,  la presenza di un viaggiatore molesto.

L’operatore dirama prontamente la nota alle unità operative della Stradale in servizio di vigilanza sul quel tratto  e, nel contempo, allerta  le Volanti.

La pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone intercetta il mezzo per identificare l’uomo “segnalato”: è sprovvisto di  documenti  e pertanto viene accompagnato presso gli uffici di Polizia.

Nel frangente l’uomo manifesta insofferenza ed aggredisce  gli operatori.

Il tempestivo intervento della Squadra Volante, costretta dalle circostanze ad utilizzare lo spray al peperoncino, riesce a bloccare l’uomo.

Scatta l’arresto per  resistenza a Pubblico Ufficiale nei confronti del  viaggiatore molesto, un 32enne di origini tunisine.

 

23 ottobre 2017 Non attivi

Fiori d’arancio per convenienza. Tunisino sposa italiana per il permesso di soggiorno: denunciati

Di admin

VELLETRI – La storia ha inizio nel 2012 quando, dopo una breve frequentazione, una 39enne italiana di Velletri, ha contratto matrimonio con un cittadino magrebino di 29 anni. La successiva richiesta da parte dello straniero, del rinnovo del permesso di soggiorno, aveva fatto sì che gli agenti della Polizia di Stato dell’ufficio immigrazione, procedessero alla verifica sulla reale convivenza dei due “coniugi”. E così, qualche giorno fa, quando i poliziotti si sono recati presso l’abitazione della coppia hanno scoperto che la donna in realtà viveva da sola e che il “matrimonio” altro non era che una escamotage per far ottenere allo straniero il permesso di soggiorno. L’uomo infatti subito dopo il matrimonio, si era allontanato dalla casa coniugale trasferendosi in un altro comune. A conferma della fraudolenza del matrimonio, sono alcune somme di denaro corrisposte alla donna dallo straniero. I due sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per truffa aggravata, falsità ideologica e falso in scrittura privata e, per loro è stato richiesto l’annullamento del matrimonio.

7 giugno 2017 0

Inneggiava alla Jihad e all’Isis, tunisino espulso era pericoloso

Di admin

Cassino – Era in galera per reati generici ma nelle celle del carcere di Viterbo Sveva subito una preoccupante forma di radicalizzazione. Trasferito nel carcere di Cassino, quel percorso non si era interrotto, anzi, si era rafforzato.

Il 30enne Tunisino espulso ieri dalla Digos di Frosinone aggrediva anche fisicamente chi non professava la sua stessa religione e inneggiava alla Jihad e all’Isis ad ogni attacco terroristico compiuto in Europa.

Nessun dubbio sul da farsi, quindi, e il residuo di pena carceraria che gli rimaneva da scontare è stata trasformata in espulsione dal Paese. L’uomo, quindi, è stato scortato dagli agenti della questura di Frosinone fino in Tunisia dove è stato affidato alle autorità locali. Come lui nelle carceri Italiane ce ne saranno a centinaia e per questo la guarrdia non deve abbassarsi. Non cala, infatti, neanche il livello di guardia intorno agli obiettivi sensibili.

Oggi un tavolo tecnico in prefettura a Roma  ma la scorsa settimana allerte sono state inviate a tutte le prefetture compresa quella di Frosinone. Ma è con la prevenzione che si argina il fenomeno del terrorismo, prevenzione come quella odierna.

Ermanno Amedei

7 giugno 2017 0

Frosinone – Espulso un tunisino. Dalle indagini della Polizia è risultato essere radicalizzato

Di redazione

Nella mattinata di ieri, è stata eseguita, dall’Ufficio Immigrazione della Questura, l’espulsione di un cittadino tunisino. Lo stesso, già detenuto nella Casa Circondariale di Cassino, è stato oggetto di investigazioni da parte della DIGOS della Questura, in quanto soggetto radicalizzato nell’ islam estremista. Il tunisino, infatti, era stato trasferito preso la struttura cassinate da circa un anno, proveniente da Viterbo, dove aveva creato turbative all’ordine della vita carceraria. Nel periodo della sua detenzione, l’uomo si è radicalizzato in maniera estremista, inneggiando alle recenti stragi nei paesi nord europei.

10 gennaio 2017 0

Lite tra detenuti a Cassino, con lametta tunisino taglia il volto ad un italiano

Di admin

Cassino – Con un colpo di lametta, un detenuto tunisino ha sfregiato il volto di un detenuto di Frosinone. L’episodio sarebbe avvenuto domenica pomeriggio nel carcere di Cassino durante la così detta ora d’aria.

La lite è ancora al vaglio degli agenti della penitenziaria che sono prontamente intervenuti per evitare il peggio.

Il medico del penitenziario ha suturato la ferita al detenuto aggredito con ben 15 punti. L’aggressore che sarebbe stato portato in isolamento si sarebbe già reso protagonista di altri episodi come l’incendio della sua stessa cella appena 40 giorni fa.

Ermanno Amedei

27 settembre 2016 0

Tunisino aggredito a Cassino, la polizia individua gli aggressori senza contributo della gente

Di admin

Cassino – Gli agenti di polizia di Cassino sono arrivati ad identificare gli aggressori seguendo solamente le indicazioni e grazie alle foto fornite dalla persona aggredita. Dei tanti che hanno assistito a quanto accaduto domenica sera in viale Dante a Cassino, nessuno ha voluto esporsi denunciando ciò che è accaduto agli uomini del vice questore Alessandro Tocco. 

Una indagine, quindi, resa complessa dall’omertà della gente che, non riferendo agli investigatori, sembrava volesse permettere che quell’aggressione rimanesse impunita. Nonostante questo, però, i due commercianti della zona sono stati identificati e denunciati per aver colpito il 32enne tunisino “reo” di aver rimproverato una ragazza che aveva parcheggiato la sua auto sulle strisce pedonali impedendo il transito ad un disabile. Lui, nonostante ferito, è riuscito a scattare immagini con il telefono cellulare permettendo così agli agenti di arrivare ai due parenti commercianti che dovranno rispondere di quanto fatto.

Ermanno Amedei

(leggi)