Tag: universita

26 ottobre 2018 0

“Le fragilità:discorsi in rete” se ne discute in un convegno all’Università di Cassino e L.M.

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Inizierà nel pomeriggio di oggi il Convegno dal titolo “Le fragilità: discorsi in rete” presso l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale. L’introduzione ai lavori è affidata all’avv. Michela Del Vecchio, coordinatore per la Regione Lazio di Diritti in Movimento, in cui si discuterà di diritti della persona. Molti gli interventi previsti su argomenti e problematiche legate alla persona umana ed alle esigenze delle persone più deboli e fragili. “Si tratterà – spiega l’avvocato Michela Del Vecchio – di un progetto di vita per le disabilità gravi in luogo del “dopo di noi” che a nostro avviso si è dimostrato del tutto inadeguato. Occorre – prosegue Del Vecchio – di portare modifiche alla Legge Regionale 11/16, in particolare relative alle autorizzazioni del Giudice tutelare all’Amministratore di sostegno come nel caso di contrarre matrimonio, ad esempio fra persone con sindrome di Down, redigere testamento ovvero sottoscrivere contratti alberghieri con case di riposo”.

La discussione si articolerà sotto tutti gli aspetti dei bisogni delle persone non solo con disabilità, ma verso tutte quelle ‘più fragili’ e necessarie di aiuto ed ad alcune misure talvolta necessarie da adottare nei loro confronti. “Si pensi –continua l’avv. Del Vecchio – al TSO, Trattamento sanitario obbligatorio, ed alla possibilità di che debba essere un sindaco ad autorizzare questa misura. Ma non basta perché vi sono alcune situazioni in cui occorrerebbe una sorta di possibile “coazione benevola” come nel caso di Pamela Mastropietro, uccisa a Macerata dopo essere uscita da una comunità di recupero. In altre parole – spiega l’avvocato Del Vecchio – se ci fosse stata una figura istituzionale che avesse il compito di dire ‘tu non puoi uscire perché non sei pronta” probabilmente la ragazza sarebbe ancora viva”.

Nel corso dei lavori si affronteranno anche tematiche di sostegno e disciplina dei caregiver (familiare assistente) cioè una persona che aiuta h/24, in maniera gratuita e quotidiana, un parente di primo grado non autosufficiente fisicamente e/o mentalmente. Una figura, il caregiver, in cui la gratuità e l’impegno h/24, la differenziano dalla badante. Si discuterà dell’istituzione di Elenchi degli Amministratori di sostegno e della necessità di una rete associativa e formazione nel sociale. Ha infine concluso Michela Del Vecchio.

Un convegno, quello di questo pomeriggio, a cui forniranno il loro contributo e le loro esperienze molti docenti di diritto di vari Atenei. Le conclusioni saranno affidate al prof. Paolo Cendon dell’Università di Trieste.

F. Pensabene

8 settembre 2018 1

La puntura di Ultimo… all’Universitá di Cassino

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Dopo lo scandalo del buco di bilancio milionario, l’ Università di Cassino sta correndo ai  ripari tagliando le spese. Dei 289 professori che fanno parte dell’ organico, in 50 hanno chiesto il trasferimento e non saranno rimpiazzati.

Ma la cosa non spaventa affatto il rettore Betta, che anzi ha spiegato ad un quotidiano locale: “Per la nostra offerta formativa sarebbero necessari 206 professori e, anche se ne vanno via 50, ne restano 239, quindi per gli studenti non c’è problema “.

Quindi, viene da chiedersi, se la matematica non è un’ opinione, Unicas è andata avanti in questi anni con un organico sovradimensionato del 40%?

E menomale che all’ università si dovrebbe insegnare agli studenti a come non far fallire le proprie aziende…..”

Ultimo

18 luglio 2018 0

Comune e Università pronti ad un accordo per la prima rete wi-fi a Cassino

Di redazionecassino1

CASSINO – Grazie al Comune di Cassino e all’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale sarà realizzata la rete digitale in wi-fi in alcuni luoghi sensibili della città. Proprio ieri la giunta comunale ha approvato il protocollo di intesa che i due enti sono pronti a stipulare ispirandosi al principio di sinergia operativa sempre più efficace in Città. Si potrà realizzare l’impianto che sarà in parte in fibra ottica e, solo per le sezioni finali, in wi-fi. In questo impianto sarà subito diffuso il segnale Eduroam (Education roaming) che consentirà l’accesso alla rete a banda ultra larga GARR non solo a tutti gli studenti, i docenti, il personale dell’Università di Cassino e delle altre Università Europee consorziate alla rete Eduroam ma anche a studenti, docenti e personale di tanti Istituti scolastici della Città che sono già connessi attraverso UniCasNet.

L’infrastruttura consentirà di realizzare la prima rete digitale comunale con dispositivi progettati per consentire anche la gestione di altri segnali per la connettività gratuita per tutti i cittadini. “Si tratta di un protocollo di intesa che durerà 20 anni e che è il frutto del lavoro di tanti mesi a stretto gomito con il CASI (Centro di Ateneo per i Servizi Informatici)- ha detto Paola Verde già assessore all’Innovazione del Comune di Cassino- e che consentirà ai cittadini e non di Cassino di avere subito il segnale Eduroam, e, poi, gratis un servizio wi fi nelle piazze principali, nel centro, nella villa comunale, nel Campus Universitario. L’obiettivo è quello di attuare un’ ”offerta integrata” di servizi pubblici al cittadino, in modo da implementare la città intelligente (smartcity), con la gestione integrata e protetta dei dati personali, di sistemi di pagamento informatizzati, di infrastrutture territoriali quali il wi-fi pubblico, la fibra ottica, i pannelli di comunicazione digitali, le strutture per la info-mobilità e per la sicurezza. Un primo elemento essenziale per costruire il futuro digitale in Città”.

” Lavoriamo per consentire la valorizzazione, la razionalizzazione e l’integrazione di investimenti e risorse attivati dai numerosi soggetti, sia pubblici che privati, che offrono servizi digitali ai cittadini, per garantire il principio di economicità di gestione anche in ambito digitale. -ha detto il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – Il servizio di wi fi gratuita nei luoghi più importanti della nostra città rappresenta una forma di crescita non indifferente per Cassino.

Ci siamo già candidati ad estendere la rete via via in tutta la Città con le risorse della Comunità Europea attraverso il progetto WIFI4EU che è ancora in fase di assegnazione. Le grandi potenzialità della rete potranno essere a disposizione di chiunque e le nostre piazze potranno essere usufruite, quindi, anche diversamente. Diamo nuova vita agli spazi pubblici attraverso processi innovativi in grado di sfruttare canali di aggregazione ed in grado di far crescere la nostra comunità. La collaborazione con Unicas è davvero vincente anche, e soprattutto, sulla frontiera dell’Innovazione “.

“Sono veramente soddisfatto perché riusciamo a realizzare un obiettivo che mi ero prefissato dall’inizio del mio mandato: azzerare le distanze tra università e città. Consentire ai nostri studenti e docenti di navigare in città come se fossero nel campus e’ un grande risultato.” ha dichiarato il Magnifico Rettore, prof. Giovanni Betta. “Il personale del CASI ed il suo Presidente, prof. Francesco Tortorella, hanno lavorato affinché potessimo realizzare una infrastruttura che garantisce in modo diffuso i nostri servizi più innovativi. Ringrazio davvero tutte le persone del Comune di Cassino che si sono adoperate per cogliere una preziosa opportunità di sinergia e collaborazione”.

11 giugno 2018 0

Università di Cassino, il Tar “salva” il concorso per la selezione di un professore

Di admin

CASSINO – Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso presentato da un ricercatore con il quale si chiedeva l’annullamento degli atti del concorso per un posto di professore di seconda indetta dall’Università di Cassino.

Il partecipante al concorso, ovviamente risultato non vincitore indicava presunte irregolarità ed omissioni nell’iter conclusivo della sezione.

L’Ateneo Cassinate, difeso dall’avvocato Sandro Salera, ha dimostrato l’inammissibilità dell’istanza in quanto non sussisteva il pericolo per un pregiudizio grave ed irreparabile per il ricorrente che lamentava un pregiudizio per la propria posizione accademica ed economica.

Con la decisione del Tar di respingere il ricorso si è scongiurato il doversi ripetere della selezione.

14 maggio 2018 0

VIDEO – I momenti del salvataggio delle studentesse dell’Università di Cassino a Gaeta

Di admin

GAETA – Momenti drammatici quelli vissuti oggi su uno scoglio a Gaeta dove due ragazze, studentesse straniere ospiti dell’Università di Cassino, si sono rifugiate per sottrarsi alla furia del mare.

Arrivate a Gaeta questa mattina, sulla spiaggia di Serapo non hanno rinunciato a fare il bagno neanche di fronte alle condizioni proibitive del mare. Y.G. e V.V. cittadina turca la prima e ungherese la seconda, entrambe 27enni, si sono trovate ben presto in balia delle onde.

Non potendo tornare a riva, si sono rifugiate su uno scoglio e un bagnino è riuscito a raggiungerle e a portare in salvo una delle due. Tornando a recuperare l’altra, però, si è trovato a sua volta in difficoltà rimanendo prigioniero anch’egli sullo scoglio.

Immediatamente lanciato l’allarme, sul posto sono arrivate le motovedette della guardia costiera ma i natanti non potevano avvicinarsi. E’ stato necessario l’intervento dei soccorritori acquatici dei vigili del fuoco che, con non poca difficoltà, sono riusciti a trarre in salvo la donna e il bagnino.

Ermanno Amedei

15 gennaio 2018 0

L’Università di Cassino vende gli immobili della sede di Terracina

Di redazionecassino1

Cassino – L’Università di Cassino e del Lazio Meridionale vende gli immobili di Terracina. La vendita già deliberata dal Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo nel luglio del 2017 riguarda gli immobili di via Circe. Si tratta di un immobile di cui l’Ateneo cassinate detiene la metà della proprietà, la rimanente appartiene al comune di Terracina. Un edificio di considerevoli dimensioni con oltre 6300 metri cubi, con un terreno adibito a vigneto di oltre 2400 metri quadrati che costituisce la parte edificatoria nella parte esterna. Una proprietà con una superficie coperta pari a circa 2.770 mq. La vendita oggetto dell’asta pubblica riguarda un immobile composto da quattro piani fuori terra, da due garage, un locale deposito, dall’annessa corte esclusiva con attigua area edificatoria come si legge nel relativo bando presentato nei giorni scorsi. L’immobile, oggetto della vendita, era stato acquistato dall’Università di Cassino nel 2000. Il prezzo della base d’asta è stato stabilito nella misura di 1.402.500 euro. La procedura di gara sarà quella dell’asta pubblica, secondo il sistema delle offerte segrete sul prezzo posto a base d’asta con aggiudicazione a favore del prezzo più alto offerto. L’asta sarà celebrata il giorno 19 marzo alle ore 10 presso la Sala Formazione del Rettorato dell’Università, presso il “Campus Folcara” di Cassino.

F. Pensabene

 

24 novembre 2017 0

“Mai Più” – L’esperienza di Auschwitz di Sami Modiano il 4 dicembre nell’Aula Magna dell’Università di Cassino

Di redazionecassino1

Cassino – Nell’ambito delle iniziative promosse per la valorizzazione della memoria storica del nostro territorio e il rispetto dei valori umani alla base della convivenza civile, l’ITCG “Medaglia d’Oro Città di Cassino” incontrerà, lunedì 4 dicembre alle ore 10.00, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Samuel Modiano, sopravvissuto all’inferno di Auschwitz-Birkenau.

Un’importante testimonianza che torna di estrema attualità anche alla luce dei recenti fatti di cronaca che hanno visto frange di ultras della Lazio distribuire adesivi antisemiti che raffiguravano Anna Frank con la maglia della Roma.

Alla manifestazione intitolata “Mai più”, fortemente voluta dall’ITCG “Medaglia d’Oro Città di Cassino” del dirigente Marcello Bianchi e coordinata dalle professoresse Maria Luisa Calabrese e Sabrina De Rosa, parteciperanno gli studenti delle classi terminali degli Istituti Superiori di Cassino.

Sami Modiano, 87 anni, accompagnato dalla moglie Selma, racconterà la sua storia dolorosa, l’infanzia negata e l’esperienza tragica del campo di sterminio, vissuta insieme al padre e alla sorella, ambedue morti nel lager.

Parteciperanno la dottoressa Sara Procaccia responsabile cultura dell’associazione delle donne ebree italiane ed il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale oltre ad autorevoli esponenti della società civile e religiosa del territorio.

L’evento è atteso con entusiasmo e trepidazione dai giovani studenti che si preparano studiando e approfondendo la tematica della Shoah. L’obiettivo è quello di trasmettere alle nuove generazioni valori come il rispetto, la tolleranza e l’amore verso il prossimo nella convinzione che il passato va ricordato perchè “tutti coloro che lo dimenticano, sono condannati a riviverlo”(P. Levi).

31 ottobre 2017 Non attivi

Capoclasse Energetico: Comune, Universita’ e Scuole insieme per migliorare la qualita’ della vita

Di redazionecassino1

Cassino – Si è svolta questa mattina nella Sala Restagno la conferenza stampa per la conclusione della prima fase relativa al Progetto “Capoclasse energetico” promosso dagli assessorati all’Innovazione tecnologica, Ambiente e Cultura del comune di Cassino.

Un’iniziativa cofinanziata dalla Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio a cui hanno aderito tutte le Scuole dell’obbligo (elementari e medie), gli Istituti superiori: Liceo Socio-Pedagogico e Liceo Artistico, i Dipartimenti DIEI e DICEM di Unicas, UNICAS con la Delega SCIRE nell’ambito dell’iniziativa “Smart Cassino. L’Università per un nuovo modello di città”.

Presenti il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, il Magnifico Rettore dell’Università di Cassino, Giovanni Betta, l’assessore all’Innovazione Tecnologica, Paola Verde, l’assessore all’Ambiente, Dana Tauwinkelova, l’assessore alla Cultura, Nora Noury, la Prof.ssa Giulia Orofino, delegata SCIRE, e la dirigente scolastica Filomena De Vincenzo del Liceo “M.T.Varrone”.

“Il nostro obiettivo è quello di formare i bambini di tutte le scuole della nostra città sul risparmio energetico. – Ha detto l’assessore all’innovazione tecnologica, Paola Verde – Oggi si chiude la prima fase del progetto: abbiamo formato 130 studenti degli istituti superiori in sei incontri formativi, grazie alla disponibilità di 20 docenti tra Università e Scuola. Saranno, invece, 3000 i bambini che nella seconda fase saranno incontrati e educati attraverso esempi di razionalizzazione energetica”.

“Sono convinto che il progetto Capoclasse energetico – ha detto invece il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – sarà un’esperienza importante per tutti: sia per i ragazzi che andranno nelle scuole elementare ad insegnare, sia per i bambini che apprenderanno le principali nozioni per migliorare la qualità della vita negli istituti scolastici, ma anche per noi amministratori. Attraverso questa iniziativa il Comune investe sulla parte più importante della società della città, ovvero le nuove generazioni che rappresentano il futuro di Cassino”.

“Capoclasse energetico, considerate le tante realtà coinvolte rappresenta sotto tutti i punti di vista, consentitemi il termine anglosassone, una “best practice”. – ha commentato il Rettore Betta – Una esperienza modello sicuramente da ripetere. Abbiamo le istituzioni che fanno squadra: dalla Regione che finanzia al Comune che si fa promotore e l’Università che non si sottrae al suo ruolo di “formatore”. Tutta la filiera formativa è coinvolta in questa iniziativa che rappresenta una grande sfida per noi, ma anche per tutti i ragazzi coinvolti”.

“Per noi questo progetto rappresenta una sfida importante – ha detto l’assessore Nora Noury – l’inizio di una rivoluzione culturale che sicuramente potrà avere dei risvolti positivi sulla qualità della vita nella nostra città. Partiamo dai più piccoli per poter estendere le buone norme per il risparmio energetico all’interno delle famiglie di Cassino”. “Il percorso formativo sul risparmio energetico – ha detto, invece, l’assessore all’Ambiente Dana Tauwinkelova – sarà implementato da una serie di lezioni sulla raccolta differenziata. Capoclasse energetico è a tutti gli effetti un progetto di educazione ambientale che vuole stimolare il coinvolgimento attivo dei ragazzi in classe per richiamare le buone pratiche che con il tempo consentiranno di migliorare la qualità di vita dei cittadini e favorire lo sviluppo dei territorio in chiave sostenibile”.

Dopo la conferenza stampa, tutti i ragazzi sono stati impegnati presso l’Auditorium del Varrone in una sfida in tempo reale, un live-contest, con una serie di quiz a risposta multipla sugli argomenti trattati durante la formazione.

23 ottobre 2017 Non attivi

Il 26 ottobre il cantautore Dente sarà ospite all’Università di Cassino

Di redazionecassino1

Cassino – Giovedì 26 ottobre, alle ore 10,00, presso l’Aula Magna della Folcara, si terrà un evento di rilevanza nazionale, finalizzato alla diffusione dei principali risultati del progetto “Istruzione e Formazione. Percorsi paralleli per insegnanti e studenti”, che il CUORI (Centro Universitario per l’Orientamento) ha implementato grazie alla positiva partecipazione al Bando del Consiglio regionale del Lazio (Del. 53 del 9/5/2017) “Programma per la concessione di contributi a sostegno d’iniziative idonee a valorizzare sul piano culturale, sportivo, sociale ed economico la collettività regionale- annualità 2017”. Un progetto che ha avuto l’obiettivo di realizzare un percorso significativo per i docenti e gli studenti di Istituti superiori, campione della città di Cassino, finalizzato sia alla promozione e allo sviluppo dell’istruzione e della formazione sia all’orientamento delle scelte dei ragazzi.

Al fine di potenziare il successo mediatico dell’evento, il 26 ottobre è previsto l’evento conclusivo in Aula Magna, con l’esibizione “Parole e Musica” del cantautore DENTE, un artista di fama nazionale, tra i più apprezzati dal mondo giovanile. L’esperienza artistica nei suoi diversi linguaggi è stabilmente presente nel panorama culturale dei giovani.

Il sempre maggiore e incisivo approccio multimediale della comunicazione richiede una costante e continua ricerca di sperimentazione di tecniche audiovisive, pertanto, in questo evento conclusivo si realizzerà un video in grado di coniugare arte, formazione, comunicazione e innovazione digitale. Un approccio innovativo e originale in linea con le nuove esigenze della formazione e della comunicazione.

12 ottobre 2017 0

Sorpreso a rubare nel parcheggio dell’università a Cassino, arrestato 72enne

Di redazione

Beccato sul fatto il ladro ormai incubo degli automobilisti che parcheggiavano nei pressi del cimitero inglese a Cassino. Da tempo i parcheggi del cimitero inglese e della vicina università non erano luoghi sicuri in cui lasciare l’auto. Razziatori si accanivano principalmente sulle macchine dei visitatori inglesi al mausoleo della guerra spaccano finestrini e derubando oggetti di valore, ma non disdegnavano di colpire anche le auto degli studenti. In tutto il numero di denunce superava il 30. L’indagine svolta dagli agenti di polizia del commissariato di Cassino diretti dal vice questore Alessandro Tocco ha sortito i frutti sperati permettendo di sorprendere in fragranza di reato un uomo di 72 anni di Cassino che aveva appena forzato l’auto di una insegnante. Per lui è scattato l’arresto. Foto d’archivio