Tag: video

14 Gennaio 2019 0

VIDEO – Investita sulle strisce a Velletri, 70enne aspetta ambulanza per 50 minuti stesa sulla strada

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VELLETRI – Per oltre 50 minuti ha atteso sdraiata a terra sulla strada, coperta dagli ombrelli dei passanti, l’arrivo di una ambulanza. La sfortunata protagonista è una anziana di Velletri, circa 70 anni, che questa mattina in Via Turati, è stata investita accidentalmente da un furgone mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali.

L’uomo ha subito fermato il mezzo e ha prestato soccorso alla ferita insieme ad altri passanti mentre è stata allertata una ambulanza. Erano le 9.35 circa ma il primo mezzo di soccorso è arrivato alle 10.35 da Cori. Pare che le ambulanze della postazione 118 di Velletri fossero occupate.

La ferita, quindi, è stata trasportata in ospedale mentre gli agenti della polizia locale di Velletri effettuavano i rilievi.

Ermanno Amedei

10 Gennaio 2019 1

VIDEO – Maestre violente a Cassino, minacce e punizioni pericolose: “Ti faccio cadere tutti i denti”

Di admin

CASSINO – “Ti faccio sputare io per terra, animale; ti faccio cadere tutti i denti; se fai cadere l’acqua è meglio che ti scavi la fossa; adesso vado a prendere la corda e ti lego con la corda sulla sedia”. Sarebbero queste, secondo gli investigatori della polizia, le frasi tra le altre utilizzate dalle maestre della scuola dell’infanzia che questa mattina, con un provvedimento del Gip di Cassino Salvatore Scalera, sono state allontanate dalla scuola in cui prestavano servizio.

Ma non solo parole. Vi sarebbero infatti elementi che  che dimostrerebbero come le maestre assumessero quasi quotidianamente un comportamento violento nei confronti dei piccoli alunni loro affidati, spintonandoli, strattonandoli, trascinandoli con forza, in alcuni casi percuotendoli con schiaffi alla testa, costringendoli, anche con la forza, a rimanere con il capo riverso sul banco, sottoponendoli a punizioni umilianti e pericolose per la loro incolumità ad esempio mettendoli seduti in punizione sopra un mobile, ingiuriandoli, urlandogli contro avvicinando loro il viso a quello dei bambini e minacciandoli.

Le indagini sono state avviate dagli investigatori del Commissariato di Cassino a seguito di dichiarazioni raccolte dai genitori di uno degli alunni che riferivano che loro figlio si mostrava riluttante ad andare a scuola, manifestando uno stato di ansia e disagio. Le indagini subito avviate dagli agenti del commissariato di Cassino sono state coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Cassino Roberto Bulgarini Nomi.

Ermanno Amedei

Cassino, presunti maltrattamenti a bambini: due maestre allontanate dalla scuola per l’infanzia

2 Gennaio 2019 0

VIDEO – Grande freddo, il gelo morde anche in Ciociaria: temperature in picchiata

Di admin

FROSINONE – Come ampiamente annunciato, la morsa del gelo si fa sentire anche in Ciociaria ed in particolare, sui rilievi di confine tra Lazio e Abruzzo.

Da questa sera nevica a San Donato Valcomino anche se i problemi maggiori, secondo le previsioni, non saranno date dalle precipitrazioni nevose, quanto dal pericolo ghiaccio dovuto alle basse temperature e questo non solo sulle alture ma anche nelle zone di pianura.

Nei prossimi giorni, infatti, il termometro scenderà ben oltre sotto le zero ed anche durante le ore più calde, sarà ben lontano dai dieci gradi. Il rischio è quindi il formarsi di lastre di ghiaccio sulle strade e per questo gli enti preposti hanno messo in allerta spargisale in particolare sulla strada regionale 509 dal km 30 in a salire. Là operano i mezzi della Costruzioni Generali S.r.l. di Atina Manutenzione CM3SUD per conto Astral SPA.

Ermanno Amedei

18 Dicembre 2018 0

FOTO E VIDEO – Arrampicata da brividi a Itri, rocciatore precipita per decine di metri

Di admin

ITRI – L’allarme è stato lanciato alle 13 di oggi su una parete rocciosa  ore 13, nel Comune di Itri, a seguito delle segnalazioni per un soccorso a dei rocciatori in difficoltà. Sul posto, la squadra territoriale dei vigili del fuoco è intervenuta intervenuta individuando i tre rocciatori su una delle tante pareti rocciose che caratterizzano la zona tra Gaeta e Sperlonga. L’intervento, svolto in due fasi, ha visto impegnare il personale da terra per recuperare uno dei tre caduto da circa 60 metri. Dopo il recupero del ferito è stato consegnato ai sanitari ed trasporto in eliambulanza in ospedale. Negli stessi istanti l’elicottero, Drago 57 dei vigili del fuoco proveniente dal reparto volo di Ciampino, ha provveduto a recuperare gli altri due rocciatori con gli elisoccorritori per portarli in una zona sicura.

15 Dicembre 2018 0

VIDEO – Bimba cade dal balcone a Cassino, la piccola è stata rianimata in ospedale

Di admin

CASSINO – La bambina di sette anni caduta questa mattina dal balcone in corso della Repubblica a Cassino avrebbe sette anni (e non 5 come precedentemente riportato) e dopo i primi soccorsi effettuati direttamente sul marciapiedi dove è stata trovata, è stata trasportata in ospedale a Cassino e rianimata.

Le sue condizioni, quindi sarebbero gravi ma dopo un volo di diversi metri appare miracoloso che sia ancora in vita.

A darle speranza di sopravvivenza, quasi certamente sono stato un albero di Corso della Repubblica sui cui rami la piccola sarebbe caduta attutendone l’impatto con il marciapiedi.

Ermanno Amedei

 

11 Dicembre 2018 0

I gilet gialli e la battaglia di Parigi per dire basta – VIDEO

Di redazionecassino1

DAL MONDO – Il video che il punto a mezzogiorno pubblica sulla protesta dei gilet gialli a Parigi e in tutta la Francia descrive tutta la drammaticità dei fatti che si sono visti sabato scorso e nelle altre giornate nella capitale francese ed in tutto il  resto del Paese. Una protesta che parte dal malcontento popolare su alcune tasse e rincari dei carburanti, ma che investe l’intera politica economica messa in atto dal presidente Macron e dal Governo francese. Una protesta dilagante e, tuttora non ancora risolta, che ha infiammato la Capitale con scontri fra polizia, manifestanti e, purtroppo bisogna dirlo, anche molti black block che hanno seminato terrore, devastazioni. Quasi 1.400 persone fermate, 1.385, secondo il ministro degli Interni Christophe Castaner, e 974 mette sotto custodia in tutta la Francia nel quarto sabato di protesta dei Gilet gialli. In tutto il Paese hanno manifestato in 125mila: la protesta incendiata dagli aumenti della benzina, su cui il governo è stato costretto a fare marcia indietro, è diventata un’onda trasversale di contestazione al presidente Macron, di cui vengono chieste le dimissioni. Nelle strade di Parigi sono stati schierati circa 8mila agenti, 90mila in tutta la Francia.

Ieri il presidente Macron si è rivolto alla Nazione per commentare le manifestazioni organizzate dai cosiddetti “gilet gialli“, movimento anti-governativo inizialmente nato per protestare contro l’aumento delle tasse sui carburanti. Macron ha criticato le violenze compiute dai manifestanti nell’ultimo mese, soprattutto a Parigi, e ha detto che saranno assunte «tutte le misure necessarie» per fermarle; allo stesso tempo, però, si è impegnato ad approvare alcuni importanti provvedimenti in materia di tasse e stipendi.

Macron ha ammesso di avere compiuto degli errori e ha riconosciuto di avere fatto male alcune cose. Ha annunciato che a partire dal 2019 il salario minimo aumenterà di 100 euro al mese e gli straordinari diventeranno esenti dalle tasse. Macron ha inoltre promesso di tagliare le tasse ai pensionati e ha aggiunto che i premi di fine anno che le imprese pagheranno ai lavoratori saranno esentasse. Sarà riuscito a placare gli animi?

F.Pensabene

28 Agosto 2018 1

La storia di Anita (video), ha riconosciuto in un murales il soldato tedesco che 75 anni prima le voleva portar via la madre

Di admin

CASSINO – Dopo 75 anni ha riconosciuto in un murales rinvenuto in una casa di Broccostella usata in tempo di guerra dai soldati tedeschi, il militare che le voleva portare via la madre. La testimonianza di Anita Nardone, 80 anni di Cassino, è di quelle che, sempre meno purtroppo, raccontano delle atrocità della guerra. La donna, lucida e spigliata, racconta come fosse ieri, ciò che ha vissuto tre quarti di secolo fa, quando ad appena 5 anni, attaccata alla gonna della madre Gina, che portava in braccio il fratello Tonino di appena due anni, cercavano scampo dai bombardamenti allontanandosi dal fronte caldo della linea Gustav che passava proprio sopra la loro casa di Caira.

“Eravamo solo noi tre che camminavamo in fondo ad un gruppo di sfollati diretti verso la Valle di Comino. Mio padre era partito militare e sapevamo che era stato fatto prigioniero”.

“Ci imbattemmo in tre tedeschi, due di bell’aspetto, il terzo poco piacevole sia nei modi ma anche a guardarsi. Con la maturità degli anni, capii che aveva messo gli occhi su mia madre Gina, all’epoca giovanissima e bella. Il brutto voleva che mia madre ci lasciasse lì e che andasse con loro per fare, diceva lui, faccende domestiche. A nulla sembravano servire la disperata opera di convincimento di mamma Gina fino a quando non intervennero gli altri due che ci invitarono ad allontanarci. Il brutto, frustrato da quella iniziativa, diede un colpo di scudiscio sul fianco di mia madre dove io avevo la mano. Ricordo che d’istinto gli dissi “T’ pozzn’accir”(che tu possa morire ucciso – ndr). Avevo cinque anni – quasi si giustifica Anita – non sapevo neanche il significato di quel male augurio”. Comunque la donna e i figli si allontanarono e ripresero il cammino fino a quando, il giorno dopo, percorrendo il Tracciolino, la strada che ancora oggi porta a Roccasecca. Gli Alleati minavano e facevano saltare i ponti per rallentare i rifornimenti tedeschi. “Proprio transitando su uno di questi ponti semidistrutti ci imbattemmo in una colonna tedesca che era stata investita da un’esplosione. Ricordo cadaveri e soldati agonizzanti. Ne sono certa, tra i morti c’era anche il “brutto” che aveva tentato di portare via mia madre e che mi aveva colpito con lo scudiscio”.

Dopo 75 anni quel volto è tornato davanti occhi di Anita in una circostanza inaspettata. “Qualche sera fa, ho assistito alla trasmissione Ulisse su Rai Tre condotta da Alberto Angela, che si occupava della guerra a Cassino e a Montecassino. Mostrarono le immagini di una splendida villa a Broccostella che, nel corso della seconda Guerra Mondiale, vi si erano acquartierati i tedeschi”. Durante re

centi ristrutturazioni, i proprietari, tolto un velo di intonaco dai muri, hanno trovato disegni realizzati probabilmente da un soldato germanico con indubbie capacità descrittive, che raffiguravano in maniera dettagliata tre personaggi che avevano dimorato nella struttura. “Quando ho visto quei tre tedeschi sono rimasta senza parole”. Ha detto Anita. “Sulla parete erano stati disegnati i tre esattamente come io li ricordavo, due soldati alti e belli e lui, quello cattivo, basso e tozzo, difetti che il disegnatore aveva anche esasperato come avesse voluto prenderlo in giro. Era veramente brutto, e non solo cattivo. Ma al di là del soldato tedesco – conclude Anita – la vera bruttura di questi miei ricordi sta nella guerra e ciò che essa fa alla gente e non mi stancherò mai di raccontare le peripezie vissute da bambina per farlo capire ai più giovani”.

 Ermanno Amedei

6 Agosto 2018 0

Foto e video del disastro di Bologna, esplode cisterna carica di carburante. Morti e feriti

Di admin

BOLOGNA -Un disastro quello avvenuto oggi pomeriggio dulla tangenzia Borgo Panigale a Bologna. Ad innescarlo é stato il tamponamento di un tir ad un’autocisterna che trasportava combustibile causando un’esplosione violentissima che ha distrutto un cavalcavia.

Coinvolte decine di auto incendiate. I morti sarebbero al momento 2 e decine i feriti alcuni molto gravi. Il bilancio é provvisorio e destinato a salire.

Tra i feriti anche poliziotti e carabinieri i primi ad intervenire dopo lo schianto, prima dell’esplosione. Sono 25 le squadre dei vigili del fuoco al lavoro oltre ad un elicottero per i lanci d’acqua.

Ermanno Amedei

31 Luglio 2018 0

FOTO E VIDEO – Autodemolitore in fiamme a Civitavecchia, fiamme altissime e allarme inquinamento ambientale

Di admin

CIVITAVECCHIA – Alle ore 7.30 circa di questa mattina nel comune di Civitavecchia tra zona industriale e porto in via Maurizio Busnengo in fiamme un autodemolitore deposito di container contenenti autoveicoli demoliti e pronti per il trasporto via mare.

Al momento non si segnalano feriti o difficoltà di traffico veicolare nella zona circostante.

Almeno dieci tra partenze e autobotti del comando dei Vigili del fuoco di Roma, con il supporto del carro schiuma e del nucleo NBCR. A causa della tipologia del materiale che sta bruciando si teme per l’inquinamento ambientale.

Ermanno Amedei

18 Giugno 2018 0

VIDEO – “Topi” di distributori automatici arrestati ad Alatri, in due erano l’incubo delle gettoniere

Di admin

ALATRI – “Topi” di distributori automatici arrestati dai carabinieri di Alatri. Gli uomini del colonnello Fabio Cagnazzo, comandati dal maggiore Gabriele Argirò, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Frosinone a carico di due uomini.

Si ipotizza, e per questo sono indagati, che il duo sia responsabile di diversi assalti a distributori automatici, forzando i quali, venivano asportati dei soldi contenuti nelle cassette interne. Nelle immagini registrate dalle telecamere a circuito chiuso si vede, come operava uno dei due immortalato con il volto travisato e con gli arnesi necessari per scassinare.

Secondo gli investigatori il loro campo d’azione spazia tra Alatri, Veroli e Frosionone.

Ermanno Amedei