Tag: vittoria

14 maggio 2018 0

Cassino avanti nella serie di semifinale. Vittoria degli uomini di Vettese in gara 1 contro la LUISS Roma

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

La Virtus Cassino si porta in vantaggio nella serie vs LUISS Roma, al termine di una gara tosta e combattuta risolta dai cassinati solo nell’ultimo quarto a fronte invece di un equilibrio nel punteggio suggellato dal – 4 alla sirena dei trenta minuti di gioco, 62-58, in favore dei padroni di casa.

Al PalaVirtus di Cassino c’è il pienone in questo tardo pomeriggio di metà maggio. I tifosi della Virtus Cassino riempiono il vecchio impianto della Città Martire per non far sentire soli i propri beniamini che affrontano la sorpresa di questi playoff 2018 del Campionato Nazionale di Serie B, la LUISS Roma.

LUISS Roma rivale storica della BPC Virtus Cassino sin dai tempi della serie C Nazionale e che dopo aver eliminato nei quarti la forte Recanati, ricordiamolo seconda al termine della regular season nel girone C di questo campionato Nazionale cadetto, prova a ripetere l’impresa contro la squadra benedettina arrivata al traguardo di questa semifinale dopo aver, a sua volta, eliminato la forte e coriacea Matera al termine di tre battaglie sportive che inevitabilmente hanno lasciato scorie fisiche sulla compagine rossoblù.

Insomma si va alla prima gara di questa serie con le “V” rossoblù che hanno da scardinare la resistenza degli universitari romani e nulla appare semplice.

La partenza della gara è di quelle brucianti per i padroni di casa che dopo soli due minuti di gioco costringono coach Paccariè a chiamare il primo time out, ripetiamo dopo soli due minuti di gioco. 10-1 il punteggio alla bomba di Del Testa dall’angolo e Pala Virtus in visibilio.

Ancora + 10 al quarto minuto di gioco con Enzo Cena che realizza da oltre l’arco dei 6,75 il massimo vantaggio dei padroni di casa nella prima frazione di gioco, 17-7. I romani però, e bisogna sottolinearlo, non perdono la maniglia dell’incontro e navigano sempre in regime di avvistamento dei battistrada macinando il loro gioco e soprattutto dominando sotto le plance anche in fase offensiva. Martone e Beretta dominano e costruiscono sempre seconde opportunità per gli ospiti.

Bini però porta ancora a + 10 i padroni di casa grazie ad una tripla a pochi secondi dalla prima serena, 26 a 16. La prima frazione di gioco si chiude sul 26 a 18 dopo che De Dominicis aveva realizzato con una incursione nell’area cassinate.

Ecco il segno è tracciato, la LUISS Roma è a -8 dai cassinati.

E gli ospiti iniziano una lenta risalita nel punteggio che li porterà ad assottigliare progressivamente la dote dei cassinati anche se Panzini , prova straordinaria la sua con 25 punti realizzati e percentuali monstre da due 80% e da oltre l’arco dei 3 punti con il 70% , 4/5 , e 23 di valutazione finale, realizza la bomba che porta la Virtus Cassino, targata Banca Popolare del Cassinate, al massimo vantaggio , +12 , 40-28.

Martone è implacabile in fase realizzativa e porta gli universitari sul – 4 a tre minuti dalla sirena della pausa lunga, 40-26.

Inizia ora il periodo di estremo equilibrio nel punteggio tra le due compagini, periodo che si protrarrà fino all’inizio della quarta ed ultima frazione di gioco.

La LUISS chiude la seconda frazione di gioco sul -6 aggiudicandosi nel punteggio il secondo minitempo. 50-44, recita il tabellone al termine dei 20 minuti di gioco e di certo non ci si è annoiati.

Al rientro in campo le due compagini sono molto provate dal ritmo imposto nella prima parte del match e le difese prevalgono sugli attacchi. Si segna poco dunque, i romani si aggiudicano la frazione per 14 a 12.

Cassino però è sempre in controllo del punteggio e non permette alla LUISS Roma di sopravanzarla. Massimo vantaggio nella frazione +7 per le “V” rossoblù a meno di due minuti dalla sirena della terza frazione di gioco,62-55, con un canestro dell’ottimo Enzo Cena.

Tra i cassinati la prova monstre del solito Bagnoli. Il lungo cassinate è devastante sotto le plance ma soprattutto lo è in fase offensiva e suggella una prova incredibile da MVP di serata con l’ennesima doppia – doppia di questo campionato, 28 punti e dieci rimbalzi, per 33 di valutazione.

Tuttavia è ancora De Dominicis, come alla fine del secondo quarto a suggellare il punteggio del 62 a 58 ovvero del -4 per i viaggianti. 62-58 il punteggio al termine della frazione numero tre e inizio dell’ultima frazione che promette scintille.

Il PalaVirtus ribolle di tifo per i padroni di casa e sulle ali di questo entusiasmo si approccia agli ultimi dieci minuti di gioco.

Sale in cattedra Panzini come detto e si erge ad assoluto protagonista del match realizzando ben 17 punti negli ultimi 10 minuti di gioco ed entusiasmando il pubblico con ben 3 bombe. Ma sono le due incursioni nell’area degli universitari a spaccare il match. Il play cassinate infatti decide di caricarsi la squadra sulle spalle e arriva al ferro due volte di seguito nel primo minuto di gioco portando i compagni sul + 9, 67-58.

Poi come detto le tre bombe consecutive per il visibilio rossoblù che inneggia al numero 6 cassinate, 76-61, +15, per i benedettini all’inizio del quarto minuto di gioco. Praticamente la gara è in cassaforte. La BPC Virtus Cassino veleggia sicura verso il traguardo. Spazio anche per le seconde linee e il bravo de Ninno chiude i discorsi sul 90 a 74.

Ma domani è già vigilia. Gara due di questa serie è in programma martedì alle 20.25 stesso palcoscenico il PalaVirtus cassinate che ormai sta diventando teatro di sfide epiche per i tifosi rossoblù che chiamano sotto il settore più caldo i propri beniamini per ballare insieme.

“Non possiamo rilassarci, gara 1 è in archivio” esordisce in sala stampa il DS dei rossoblù cassinati, il dott. Leonardo Manzari “tra meno di quarantottore saremo ancora qui e sono sicuro sarà tutta un’altra storia. Dovremo essere bravi a non mollare nulla. La LUISS è avversario tosto e ben allenato, noi invece siamo pieni di acciacchi e dovremo ripeto essere bravi a gestire le forze. I migliori tra i nostri? Sicuramente Lorenzo Panzini e Simone Bagnoli , il nostro asse play – pivot. Ma anche Enzo (Cena, ndr) che sta giocando da tempo con un problema alla spalla e di cui devo sottolineare l’abnegazione e soprattutto il grande contributo alla nostra causa, ma anche gli altri e non vi dico quanto lavoro questi match stanno dando al nostro staff sanitario che ringrazio pubblicamente per il grande lavoro che sta svolgendo. Come pure devo sottolineare il fatto che il mio team aumenta sempre i giri del motore nell’ultimo quarto in modo straordinario, segno che la condizione atletica è decisamente quella giusta”.

Dunque si va a gara 2. Appuntamento al Pala Virtus di cassino alle 20.45, martedì 15 maggio.

 

BPC Virtus Cassino – Luiss Roma 90-74

Parziali 26-18, 24-26, 12-14, 28-16

BPC Virtus Cassino: Simone Bagnoli 28 (14/17, 0/0), Lorenzo Panzini 25 (4/5, 5/7), Enzo Cena 12 (3/7, 1/6), Matteo Bini 7 (1/1, 1/3), Manuel Carrizo 6 (0/4, 1/2), Maurizio Del Testa 5 (1/2, 1/3), Fabrizio De Ninno 3 (1/2, 0/1), Niccolò Petrucci 2 (0/3, 0/3), Riccardo Pasquinelli 2 (1/1, 0/0), Robert Banach 0 (0/1, 0/0), Giorgio Galuppi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 19 – Rimbalzi: 30 7 + 23 (Simone Bagnoli 10) – Assist: 25 (Manuel Carrizo 9)

All. Vettese Ass. Incelli

Luiss Roma: Martone 24 (9/11, 0/0), Marcon 13 (5/9, 0/1), Beretta 13 (5/11, 0/0), De Dominicis 8 (3/4, 0/1), Cefarelli 6 (2/4, 0/0), Faragalli Serroni 5 (2/4, 0/4), Di Fonzo 4 (1/1, 0/0), Bonaccorso 1 (0/2, 0/2), Scuderi 0 (0/1, 0/2), Veccia 0 (0/1, 0/5), Miriello 0 (0/0, 0/0), Gebbia 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 29 – Rimbalzi: 38 13 + 25 (Martone 15) – Assist: 10 (Marcon, Di Fonzo 3)

All. Paccariè

MVP Simone Bagnoli

24 aprile 2018 0

La Virtus archivia la regular season con la vittoria sulla Tiber Basket Roma. Ora il pensiero a Matera

Di redazionecassino1

Un test probante, allenante ed impegnativo, quello tra Virtus Cassino e Tiber Basket Roma, andato in scena al PalaDonati per l’ultimo turno del campionato nazionale di Serie B Girone D, e che ha visto vittoriosa la formazione di coach Luca Vettese per la 23° volta in questa stagione.

Una partita al cardiopalma e un antipasto-playoff, per i tifosi cassinati accorsi nella capitale e che hanno gremito gli spalti del palazzetto di via Attilj.

Un match che seppur nulla contasse in termini di classifica per entrambe le squadre, ha offerto al pubblico uno spettacolo di primissimo livello, una gara vera e dove le compagini sfidatisi sul parquet, sentivano il dovere di onorare l’impegno per concludere nel migliore dei modi una regular season positiva.

Ad avvalorare ciò, quintetti titolari, difatti, sia per coach Polidori che per coach Vettese: Dal Sasso, Bertoldo, Ricciardi, Galli e Valentini da una parte, Panzini, Del Testa, Carrizo, Bini e Bagnoli dall’altra.

La Virtus Cassino, fa capire subito agli avversari sin dalla palla a due, di voler migliorare il suo record di punti nella stagione regolare, e con i punti di Bagnoli, Carrizo e Del Testa, dopo soli 4 minuti di gara, piazza un break iniziale di 5-15, che costringe lo staff di casa a chiamare subito time-out.

Si riprende con il match, e la formazione in maglia bianca, realizza subito un tiro da tre punti dall’angolo con il giovane Galli sull’ottimo servizio dell’ex di giornata Bertoldo, a cui risponde ottimamente in layup Simone Bagnoli nel pitturato. Botta e risposta tra le due compagini, dal 5’ al 10’ del primo quarto, e i lupi virtussini riescono a mantenere il gap di 10 punti alla fine della prima frazione di gioco.

Dopo il mini-intervallo, Algeri e compagni non ci stanno e con un mini-parziale di 9-0 rientrano in partita, guidati dal veterano Padovani, che con una tripla dal mezz’angolo destro della metà campo offensiva, firma il 38-36 con cui si va negli spogliatoi.

Vettese scuote i suoi, e dall’intervallo lungo esce una Virtus vogliosa di portare i due punti a casa. La Tiber, però, “morde le caviglie” rossoblù nel caldo infernale del PalaDonati e a questo punto lo staff cassinate decide saggiamente di non rischiare i suoi punti forti in vista del girone infernale dei playoff. Escono, dunque, definitivamente dalla scena Carrizo, Bagnoli, il recuperato, seppur non ancora al 100%, Enzo Cena, Panzini e Del Testa, lasciando spazio a Banach, De Ninno e Pasquinelli, affiancati dalle ottime “chiocce” Petrucci e Bini. Sono proprio quest’ultimi a guidare alla vittoria le “V” rossoblù, sostenuti in maniera assolutamente decisiva da Fabrizio De Ninno, che con due canestri da 2 punti da assoluto campione, fa recapitare un messaggio allo staff tecnico benedettino in vista della post-season che inizierà questo fine settimana.

La Virtus nel terzo quarto trova poche soluzioni offensive, così come nel quarto periodo, ed allora decide di sciorinare una prestazione difensiva di rara bellezza per portare a casa la vittoria finale. L’asse Bini-Petrucci-Pasquinelli recupera ben 9 palloni, e Cassino riesce a mantenere le distanze alla fine del 3 quarto (50-53, ndc).

Nel 4° periodo, apre le danze sempre l’airone virtussino, Niccolò Petrucci, con una tripla dall’arco dei sei e settantacinque, al quale rispondono in rapida sequenza Dal Sasso e il centro Valentini, indiscusso MVP dei suoi con ben 17 punti. Al 34’, la Virtus conduce per 54-56.

Fino al 36’, entrambe le squadre fanno fatica a trovare la via del canestro, e al pubblico appare abbastanza chiaro l’arrivo di un finale al cardiopalma “punto a punto”.

A De Ninno replica Valentini con due liberi segnati, mentre alla schiacciata di Bini ribatte Bertoldo con una delle sue bombe da tre punti; la Tiber produce il massimo sforzo al 38’, ed il risultato è sempre in favore di Cassino, 61-62.

La formazione di Vettese non perde mai la leadership nel match, la testa e la calma, ed è forse proprio questa la nota positiva della calda domenica romana. Le formazioni in campo continuano a segnare rimanendo sempre ad un possesso di distanza l’una dall’altra, fino a trenta secondi dalla fine.

Banach sbaglia un comodo appoggio sotto canestro e dall’altra parte la Tiber, però, non riesce a capitalizzare il regalo del lungo cassinate. Palla sul ferro e i tifosi rossoblù possono allora festeggiare i 46 punti in classifica, insieme al 67-68 finale di giornata.

“Sono contento della prestazione dei ragazzi” commenta un soddisfatto Leonardo Manzari, direttore sportivo rossoblù, a fine gara.

“Negli spogliatoi abbiamo deciso di allenare le nostre menti e le nostre alchimie di gioco in vista dei playoff, e penso che lo abbiamo fatto nel migliore dei modi. Abbiamo conquistato una vittoria con i nostri ‘under’ in campo, tenendo botta al cospetto di una formazione che in casa aveva in attacco circa 90 punti di media realizzati. Aldilà delle percentuali non ottime al tiro, abbiamo difeso bene e siamo stati bravi a tenerli sempre a distanza di sicurezza fino al 40’. Tutti hanno portato un mattoncino alla vittoria finale, dal primo all’ultimo del roster, e spero che sia così anche nei playoff. Nei quarti di finale, adesso, ci aspetta Matera, una formazione che fino a due anni fa calcava palcoscenici ben diversi rispetto alla Serie B; una compagine dal grande blasone e che annovera tra le sue fila elementi di indiscusso valore come Ochoa, Migliori, Ravazzani, Terenzi, Dimarco, solo per citarne alcuni. Penso che sia stato, rispetto alla posizione conquistata in regular season, il cliente più scomodo per noi, ed il più difficile che potevamo desiderare. Adesso, dunque, è finito il momento di scherzare e di ridere. È arrivato il momento clou della stagione, e mi aspetto tanto dai miei ragazzi. Hanno fatto una meravigliosa regular season, superando una marea di difficoltà, ma i playoff sono un altro campionato, dove si azzera tutto quello che hai fatto di buono in stagione regolare. Sangue freddo, quindi, e testa ben proiettata ad una delle battaglie sportive più impegnative di tutta la stagione”.

La Virtus Cassino, così, mette in archivio da terza classificata, la quarta regular season nel terzo campionato nazionale italiano; adesso, sguardo rivolto ai playoff; primo avversario Matera… fuori i secondi!

 

23 aprile 2018 0

Basket C/Silver: Importante vittoria casalinga per Veroli contro Gaeta

Di redazionecassino1

La gara, disputata domnica, tra Pallacanestro Veroli 2016 e Basket Serapo Gaeta, termina con il risultato di 80-67. Importante vittoria interna per la Pallacanestro Veroli 2016 che consolida la posizione playoff superando una lanciata Gaeta (reduce dalla vittoria con la Fortitudo Roma) con una prova convincente. Un avvio di gara spento, nei primi tre minuti di gioco le squadre faticano a mettere a segno un canestro poi arrivato con un tiro da tre del Basket Serapo Gaeta. Si entra nel vivo della gara sempre condotta dalla Pallacanestro Veroli 2016 che recupera Mauti tornato in ottima forma, la gara di oggi ne è stata testimone. Basket Serapo Gaeta prova a contrastare i giallorossi che con un pressing a tutto campo chiudono il primo quarto a +8 (21-13). Alla ripresa la Pallacanestro Veroli 2016 procede a testa alta, trascinata dai fratelli Fiorini e da un Frusone particolarmente ispirato, mantenendo le distanze con ottime giocate nel pitturato e le bombe dei fratelli Fiorini. Si chiude il secondo quarto con il risultato di 44-39. Nonostante l’assenza di Velocci, la formazione ciociara conduce la gara riuscendo a trovare l’allungo decisivo nel terzo periodo, quando il vantaggio si attesta ampiamente sulla doppia cifra, con gli ospiti che pagano un parziale da soli 10 punti messi a referto: la Pallacanestro Veroli 2016 arriva al +11 a 3′ 10″ di gioco nel terzo quarto, Serapo risponde e riduce le distanze arrivando a -3 a 4′ 20″ dalla fine. Ma la Pallacanestro Veroli 2016 ci crede e guidata dai soliti fratelli Fiorini, Vinci, Mauti e Celani, forti sotto canestro e nei contropiedi, chiude il terzo quarto a +17. Rush finale in divenire, la gara si scalda, ma la Pallacanestro resta concentrata e chiude il match 80-67. I fratelli Fiorini con 21 punti a testa, assieme a Frusone con 16, i migliori tra i padroni di casa, a Gaeta non basta il solito Porfido per uscire vincente e adesso la strada verso la post season si complica, con la prossima gara interna con la Carver nel turno infrasettimanale che diventa decisiva. Per Veroli, invece, mercoledì ci sarà un vero e proprio match point contro Bracciano per provare a chiudere i conti e a raggiungere matematicamente il traguardo playoff, sempre più vicino dopo la prestazione odierna.

PALLACANESTRO VEROLI 2016 80 – BASKET SERAPO GAETA 67 Tabellini: Mauti 8, Fiorini G.21, Vinci 10, Celani 4, Fiorini M. 21, Frusone 16, Iannarilli,  Igliozzi, Lauretti, All. Celani.

 

13 aprile 2018 0

Dopo la vittoria contro Anzio (79-72), trasferta impegnativa per Sora con Frascati

Di redazionecassino1

Nuova difficile ed esaltante sfida per la NB Sora 2000 che sfiderà al Palazzetto dello sport di Frascati la esperia basket Frascati. Una gara certamente non facile per i ragazzi di Ortenzi che proveranno, anche in trasferta a centrare due punti che significherebbero un nuovo passo in avanti verso quella salvezza che resta l’obiettivo primario della società biancoceleste. Dall’altra parte, un roster che , reduce dalla sconfitta esterna di Riano conto la Lazio, ha tutta l’intenzione di ridare gioia ai propri sostenitori. Frascati, infatti, società che era partita con la volontà di riaffermarsi nel corso di questa stagione ha dovuto invece fare i conti con un errato approccio al campionato, adattandosi con lentezza agli impegni di una categoria come quella della serie C Gold. I volsci dopo la bella vittoria interna contro Anzio spera di ritrovare il roster al completo con Radonjic recuperato e lo sperato rientro di Stirpe. I volsci del Presidente Bifera, dovranno tenere alta la guardia pescando, ancora una volta, dal mazzo le carte della concentrazione e dell’energia; il tutto dando il giusto peso ad un avversario che, di certo, non sarà di facile gestione per gli ospiti. L’importante, anche in questa gara, sarà quindi riuscire a trovare già a partire dai primi minuti gli giusti equilibri, sia in difesa che in attacco.

Per quanto riguarda la gara interna contro Anzio, si è potuto apprezzare la grande forza di carattere dei nostri ragazzi che , anche se, privi di Stirpe e Radonjic hanno potuto tener testa alla squadra dell’ex Margio e in volata batterli con il punteggio di 79 a 72.

 

N.B. Sora 2000 79 – Anzio Basket 72

Parziali: 16-15 / 17-15 / 19-19 / 27-23 N.B. Sora 2000: Vozza 18, Stirpe n.e., Favari 2, Castellucci n.e., Radonjic 0, Di Prospero 12, Berardi 10, Vona 0, Bulatovic 9, Ambrosino 28; Coach: Ortenzi Anzio Basket: Nardi R. 12, D’Alfonso 14, Nwokoye Obio. 0, Pecetta 5, Margio 10, Lerro 7, Hoxha 0, Campo n.e., Nardi C. 16, Nwokoye Obin. 8; Coach: Zaccardini

 

15 marzo 2018 0

Basket C Silver: Pallacanestro Veroli, seconda vittoria consecutiva contro Bracciano

Di redazionecassino1

Seconda vittoria di fila per la Pallacanestro Veroli 2016 ha battuto Bracciano al termine di un match equilibrato. Punti importanti in classifica per la Pallacanestro Veroli 2016 che rincorre un posto ai playoff. Bracciano parte forte con Di Grisostomo che segna 8 punti. La Pallacanestro Veroli 2016 più lenta nell’attivarsi: dopo qualche errore, va a segno con Frusone e Giorgio Fiorini. Gli avversari spingono in contropiede ma la solidità di Celani e Vinci sotto le plance fa chiudere il primo quarto 21-11. Gli ospiti piazzano subito 5 punti, Velocci sblocca i suoi ma Cacciuni piazza la bomba del – 2. Troppe distrazioni per i giallorossi che si ritrovano in parità a pochi secondi dalla fine della prima metà di gara. Il viaggio in lunetta di Fiorini G., però, vale il 29-27. Nella ripresa entra in campo anche Marco Fiorini, out da alcune gare, e mette la sua firma a referto. D’Auria però è inarrestabile e porta Bracciano anche sul +4. Ci pensano Vinci e Celani a far rimettere il naso avanti a Veroli che soffre nel finale di quarto e chiude in parità 46-46. I padroni di casa faticano a ritrovare la serenità dell’inizio, poi sale in cattedra Giorgio Fiorini che con 8 punti tutti suoi, riporta sul +10 Veroli a 4′ dalla fine. Nella serata del rientro di Marco Fiorini dopo un lungo stop, Veroli festeggia anche un successo prezioso contro una diretta concorrente in salute che ha venduto cara la pelle. Dopo il buon avvio dei padroni di casa, infatti, Bracciano ha rimesso la partita sui binari dell’equilibrio giocando punto a punto per larghi tratti della partita; l’accelerazione decisiva nel finale porta la firma di Giorgio Fiorini: il play con la sua consueta abilità ed esperienza infila le triple che valgono la vittoria finale per la Pallacanestro Veroli 2016, con il nuovo corso di coach Celani che continua a dare buoni risultati anche per i rientri degli infortunati che stanno ricomponendo lentamente il roster giallorosso al completo. La Pallacanestro Veroli 2016 strappa i 2 punti e in classifica si ritrova al sesto posto insieme a Bracciano e Nova Bk Ciampino a quota 12 punti.

 

PALLACANESTRO VEROLI 2016 67 – BRACCIANO BK 61

Tabellini: Mauti, Iannarilli 2, Igliozzi n.e., Fiorini G. 18, Lauretti n.e., Vinci 12, Celani D. 11, Lella n.e., Fiorini M. 6, Frusone 10, Velocci 8. All. Celani G.

 

          

13 febbraio 2018 0

La Virtus supera l’assalto dei Pirati e torna alla vittoria dopo la sconfitta siciliana

Di redazionecassino1

Di lunedì alle 15.00 il posticipo della settima giornata del Girone di ritorno della regular season del Campionato Nazionale di Serie B, girone D, tra la Virtus Cassino e la Fotodinamico Cagliari che si è concluso con la vittoria dei padroni di casa per 77 a 58.

Padroni di casa che tornano alla vittoria dopo la sconfitta patita giovedì scorso in terra sicula per mano della capolista Barcellona.

Pronostici della vigilia assolutamente rispettati per Carrizo e compagni che però devono sudare e non poco per scrollarsi di dosso gli ospiti sardi che fino al 30’ erano a sole 7 lunghezze dalle V rossoblù, 47-40. E gli ospiti, bisogna sottolinearlo, si erano aggiudicati le frazioni intermedie dell’incontro per una corta incollatura per utilizzare una metafora ippica.

La gara dunque si è decisa nella quarta ed ultima frazione di gioco.

Ultima frazione nel corso della quale la BPC Virtus Cassino segna a ripetizione scardinando la zona pari messa in campo dal primo dei quaranta minuti di gioco stasera fino all’ultimo minuto di questa tenzone da coach Fioravanti, scelta diremmo quasi obbligata dal momento che il coach dei sardi doveva sopperire alle defezioni di Graviano, Passaretti, Samoggia e Cabriolu.

La BPC dunque fa sua la gara nella ultima e decisiva frazione di gioco che si apre con un canestro del più che ritrovato Simone Bagnoli, il pivot rossoblù che al termine della gara porterà in dote alle V rossoblù 17 punti e ben 10 rimbalzi, di cui 6 offensivi, per una valutazione di 28.

Insomma la Virtus Cassino parte bene ed alza l’intensità difensiva oltre a trovare i ritmi giusti in attacco grazie a Lorenzo Panzini il quale si mette anche in proprio e realizza il 51esimo punto della serata.

C’è anche spazio per una splendida schiacciata del ’98 Di Poce, ottima prova la sua questa sera. Il sorano ripaga la fiducia di coach Vettese e si fa trovare pronto con tanta grinta e tanta qualità buttata finalmente sul parquet. Cassino va sul + 13 ed il Pala Virtus incredibilmente gremito di pubblico in questo pomeriggio lavorativo di metà febbraio, gli tributa la giusta standing ovation.

Bel gioco a due di Panzini e Bagnoli ed il pivot cassinate permette ai benedettini di fissare in 15 punti il divario con gli ospiti sardi. 55 a 40.

Passano ben 2 minuti e mezzo e ci vuole un time out di coach Fioravanti per svegliare i pirati da un torpore inatteso.

Picciau, buona prova in terra di lavoro, prima e poi Locci realizzano in rapida sequenza riavvicinando e riattivando le speranze dei cagliaritani, 55 a 45.

Scossa come da un morso di serpente la BPC si scatena con una azione da tre punti dell’MVP di serata Manuel Del Testa, 58-45. Il capitano dei rossoblù realizzerà anche la successiva “bomba” per il 61 a 45. Una gara presso che perfetta quella del toscano. Al termine della gara avrà realizzato ben 22 punti in 26 minuti giocati, con un mostruoso 67% da oltre l’arco dei 6,75.

Cassino continua a martellare il canestro avversario grazie ad una tripla siderale di Nik Petrucci e vola sul +19, 64 a 45.

Si iscrive al festival balistico anche Manuel Carrizo con 3 punti consecutivi e con un meraviglioso assist per Maurizio Del Testa; il capitano ringrazia e dalla linea dei tre punti converte per il 70 a 47, +23. Il pubblico cassinate mostra di gradire e incita ancora i propri beniamini.

Mancano 3 minuti circa al termine della gara ed il buon Picciau mostra di avere un conto personale con i benedettini colpendoli ulteriormente da oltre l’arco dei 6,75. 70-50. Ma il risultato ormai non è più in discussione e prima Del Testa e quindi Panzini fanno in modo che non ci siano sorprese di sorta.

La formazione di coach Vettese si aggiudica il match con il punteggio finale di 77 a 58.

In sala stampa le parole del giovanissimo Giuseppe Di Poce “E’ stata una partita un po’ particolare perché comunque sia è la prima partita che giochiamo di lunedì e alle 15.00. Ci hanno sorpreso con la zona e siamo partiti un po’ sottotono. Abbiamo fatto fatica all’inizio a trovare spazi e tiri aperti” continua il giovane cassinate “però, come al solito ci siamo fatti trovare pronti nel quarto decisivo. Noi che veniamo dalla panchina dobbiamo sicuramente metterci a disposizione di questo talento, si perchè questa squadra dispone di tanto talento e c’è gente come Carrizo, Bagnoli e Panzini che ti mette in ritmo e in attacco vai da solo. Io mi metto a disposizione dello staff tecnico, quando il coach mi chiede di giocare da 4 io mi metto a sua completa disposizione. Ovvio che io soffra un po’ spalle a canestro perché fisicamente devo migliorare però oggi giocavo da 4 in attacco e marcavo il playmaker in difesa. Penso di essere anche un po’ difficile come atleta da inquadrare in un contesto squadra. Io ripeto però, e non mi stancherò mai di farlo, mi metto a disposizione. Noi adesso dobbiamo inanellare tutte queste vittorie ed arrivare in fiducia alla post season perché abbiamo tutte le carte in regola per regalarci una stagione da ricordare”.

Riferendosi poi alla prossima partita della Virtus Cassino in casa di Venafro, la giovane ala cassinate continua “Loro sono molto ma molto buoni ed in casa loro hanno un fortino difficile da espugnare, ma noi dobbiamo pensare solo a prepararci bene, dobbiamo pensare solo a noi . Adesso si ricomincerà da mercoledì mattina, e dobbiamo tornare a lavorare con grande concentrazione perché sono due punti importanti e dobbiamo andare avanti con grande fiducia. La sconfitta con Barcellona ci deve dare soltanto più energia nelle partite successive”.

Dunque le “V” rossoblù saranno di scena a Venafro in occasione della prossima giornata del campionato Nazionale di Serie B, palla a due Domenica prossima, 18 febbraio ’18, alle ore 18.00.

 

BPC Virtus Cassino – Fotodinamico Cagliari 77-58

Parziali : 22-12, 15-17, 10-11, 30-18

BPC Virtus Cassino: Maurizio Del Testa 22 (3/7, 5/8), Simone Bagnoli 17 (7/10, 0/0), Niccolò Petrucci 12 (0/2, 4/9), Enzo Cena 8 (1/4, 2/5), Lorenzo Panzini 7 (2/2, 1/3), Manuel Carrizo 5 (2/3, 0/1), Fabrizio De Ninno 2 (0/2, 0/2), Giuseppe Di Poce 2 (1/2, 0/0), Robert Banach 2 (1/2, 0/0), Riccardo Pasquinelli 0 (0/0, 0/1), Fabio Guglielmo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 7 / 8 – Rimbalzi: 44 9 + 35 (Simone Bagnoli, Enzo Cena 10) – Assist: 22 (Simone Bagnoli, Manuel Carrizo 5)

All. Vettese Ass. Incelli

Fotodinamico Cagliari: Locci 13 (3/9, 2/4), Picciau 13 (2/5, 3/6), Villani 10 (2/4, 2/9), Trionfo 8 (1/3, 2/5), Vanuzzo 5 (2/5, 0/4), Floridia 5 (1/2, 1/1), Pompianu 4 (2/4, 0/0), Passaretti 0 (0/0, 0/0), Cabriolu 0 (0/0, 0/0), Graviano 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 2 / 4 – Rimbalzi: 28 4 + 24 (Vanuzzo 7) – Assist: 12 (Villani 4)

All. Fioravanti

MVP Maurizio Del Testa

 

5 febbraio 2018 0

NB Sora 2000 vittoria al fotofinish, Ortenzi: “orgoglioso dei miei ragazzi”

Di redazionecassino1

Sora supera al Pala Panico il Grottaferrata con il punteggio di 72-69 con una prestazione tutta grinta e cuore. La squadra di coach Orrigo si dimostra più forte dei problemi fisici e di falli che hanno condizionato i suoi atleti e coglie due punti meritati e pesantissimi per la sua classifica alla vigilia del difficile turno esterno contro Civitavecchia. I volsci cari al presidente Stefano Bifera offrono una prova maiuscola in quanto ad abnegazione e spirito di squadra e regalano agli spettatori presenti uno spettacolo piacevole ed a tratti entusiasmante. Merito anche degli avversari, che con Tretta, Garofano, Meschini e Baldoni rendono più elettrizzante il mach. Grottaferrata parte forte ed il Sora è un po’ sorpreso nei primi minuti (2-7), ma poi comincia a trovare la via del canestro e chiude la prima frazione in svantaggio (17-25) ma in scia. Il secondo quarto ha in Ambrosino il protagonista quasi assoluto. L’esterno argentino coadiuvato dall’ottima prestazione di Roljic trova canestri a ripetizione e trascina i suoi tenendosi agganciati agli uomini di Busti che causa infortunio devo fare a meno di Bistarelli andando al riposo con un discreto vantaggio 35-39. All’intervallo lungo Grottaferrata in avanti con Tritta (35-41). Nel terzo periodo la partita diventa avvincente: Balboni e Melchini incidono nella difesa biancoceleste la quale si carica notevolmente di falli costringendo coach Ortenzi a cambiare volto al proprio quintetto. La nuova fiammata dei padroni di casa (45-53) non spezza la resistenza di Grottaferrata che fa leva su Ortenzi e Tretta per mantenere il distacco dai ciociari. Al 30’ è 49-62. Nell’ultima frazione il Grottaferrata comincia forte, ma la tripla di Balboni non vale per l’allungo definitivo. Sora rientra ancora e sfodera una rimonta spietata in pochi minuti sigla un break 11-0 grazie all bombe del serbo Roljic e un’Ambrosino sempre più devastante in area ospite. I padroni di casa passano in vantaggio a 3’ 50’’ dalla fine (68-67), prima che il giovane Bulatovic entri in scena. Sora si sblocca e dall’arco dei tre punti, ancora Roljic guida la rimonta volsca. Nei minuti finali il Sora stringe le maglie difensive grazie anche al contributo di uno stoico, come detto in precedenza di Bulatovic che in fa la voce grossa ed infila un canestro e due liberi chiudendo i giochi. Finisce 72-69 con il Sora che festeggia insieme ai suoi tifosi. “Sono orgoglioso dei miei ragazzi – dice a fine partita coach Leo Ortenzi – perché hanno giocato col cuore, mostrandosi più forti anche dei problemi di falli e fisici che avevamo nel reparto lunghi. Grande prova di carattere, da squadra vera. Una vittoria importantissima perché ottenuta contro una squadra fortissima che ci dà morale in vista delle prossime gare”. Domenica 11 febbraio il Sora sarà di scena a Civitavecchia.

N.B. Sora 2000 72 – Grottaferrata 69

Parziali: 17-25 / 18-14 / 14-23 / 23-7

N.B. Sora 2000: Stirpe 17, Roljic 23, Di Prospero 0, Santucci n.e., Radonjic 0, Favari n.e., Berardi 0, Vona 3, Vozza 0, Bulatovic 8, Ambrosino 21; Coach: Ortenzi. Ass. Berardi

Grottaferrata: Temperini n.e., Ortenzi 4, Bistarelli 3, Tretta 17, Garofolo 13, Amendola 0, Balboni 12, Meschini 12, Brenda 8, Cassaneti n.e.; Coach: Busti

 

4 febbraio 2018 0

Basket C/silver: Serapo decima vittoria consecutiva e terzo posto in classifica

Di redazionecassino1

Arriva la decina vittoria per il Basket Serapo 85’ che significa momentaneo terzo posto in classifica nel Girone B di una Serie C Silver arrivata alla penultima giornata della prima fase. La vittoria, con il punteggio di 102-98 contro la Sam Roma, denota , anche se pur perdendo Niccolai, la facilità della squadra gaetana a far canestro; fa da contraltare una fase difensiva che dovrà essere registrata in previsione della seconda fase. Onore ai ragazzi di coach Castellano che se la sono giocati fino all’ultimo secondo di gioco con la loro arma migliore, il tiro da 3 ( 17 le triple messe a referto dalla squadra romana) e grazie principalmente alle belle prestazioni di Pierleoni e Scianaro autori di 40 punti in due.

Tra le fila della squadra gaetana, la prova maiuscola e da leader di Porfido, autore alla fine di 41 punti a referto e le solite prove di sostanza di Leccese e Luca Valente ( in dubbio fino all’ultimo momento per un problema alla caviglia), importanti ed autorevoli le prove di Antetomaso e Di Dia, quest’ultimo importante nel finale per lo strappo che alla fine risulterà decisivo. A proposito di ciò i ragazzi di coach Cianciaruso, dopo essersi costruiti un bel vantaggio, arrivando anche sopra la doppia cifra di vantaggio, si addormentano pericolosamente nel finale e la Sam Roma si avvicina pericolosamente sul +2, ma è Porfido che dalla lunetta mette a segno un 2/2 che vuol dire vittoria.

Basket Serapo 85’ – Sam Bk Roma 102-98 (33-27;52-50;76-70)

Basket Serapo 85’ : Di Dia 6, Wissel, Scampone 12, Leccese 20, Santaniello n.e., Valente F., Antetomaso J. ne., Antetomaso M. 5, Valente L. 18, Spignese n.e., Porfido 41. Coach: Cianciaruso

Sam Bk Roma: Meiarini 10, Butteroni 16, Scianaro 19, Orlandi 2, Franzon 9, Scarnati, Barni, Figliomeni 16, Pierleoni 21, Agbara 4. Coach: Castellano

15 gennaio 2018 0

Calcio femminile: Nuovo anno, nuova vittoria per le ragazze bianconere di Sora

Di redazionecassino1

Sotto un buon auspicio inizia il nuovo anno per le bianconere del Femminile Sora Calcio a 5 che in trasferta sul campo del Futsal Pontinia, sabato 13 gennaio u.s. raccolgono una bella vittoria.

Con un largo risultato positivo per tre a zero le ragazze volsche portano a casa l’intera posta in palio, sudando più del dovuto.

Per questo incontro, mister Di Poce a causa delle numerose assenze per motivi diversi, doveva schierare una squadra inedita con le debuttanti in bianconero del portiere Federica Nobili e del laterale Greta Santopietro, arrivate prima della chiusura del mercato invernale.

La partita aveva inizio con le bianconere subito in attacco con Margherita di Battista, ma il tiro si spegneva debolmente tra le traccia dell’estremo difensore locale.

I minuti iniziali trascorrevano con la squadra locale che in più occasioni si portava in avanti con diverse azioni che per nulla impensierivano l’estremo difensore bianconero, sempre pronto a rintuzzare ed a neutralizzare ogni occasione di attacco.

All’undicesimo le bianconere hanno l’occasione per passare in vantaggio allorquando Debora Nocent su un bellissimo suggerimento di Greta Santopietro si trova sola davanti al portiere locale, ma il tiro, anche se con difficoltà, viene neutralizzato dall’estremo difensore che subito rilanciando in contropiede la sfera per poco non trova la difesa impreparata. E’ il campanello d’allarme che scuote tutto l’ambiente bianconero per cui dopo diverse incursioni è nuovamente Debora Nocent che ci prova e su suggerimento di una Alice Forlini in splendida forma, indirizza un bel tiro di sinistro in porta, e con il portiere in uscita, gonfia la rete per l’atteso vantaggio.

Prima della rete le bianconere, anche se attaccando a pieno organico apparivano un pò nervose; la rete dava loro linfa vitale per impensierire ancora di più le avversarie. Seminando il panico in area locale, Margherita Di Battista, anche subendo un vistoso fallo dal limite, insaccava per la seconda volta. Il direttore di gara, prima che la palla entrasse in rete decretava il fallo subito dalla Di Battista, annullando così la rete.

Sul risultato del vantaggio per uno a zero finiva la prima frazione di gioco

Alla ripresa delle ostilità, le bianconere si portavano immediatamente in attacco con la neo bianconera Greta Santopietro che anche se arrivata da poco dimostrava di aver ben assimilato gli schemi della squadra, tanto da incantare il pubblico presente per i fraseggi con la collega bianconera Enrica Longo assist-women della squadra. In diverse occasioni la stessa Greta Santopietro si portava davanti al portiere locale e solo la sfortuna gli negava la gioia di quel gol al debutto del tutto meritato.

Il rete però era nell’aria ed è Margherita Di Battista che dopo diverse occasioni sciupate e mancate, trovava la via del gol, con una rete che arrivava meritatamente in un momento migliore della squadra con un impego corale.

La squadra locale, sotto di due reti a questo punto si riversava tutta in attacco, ma la preparazione tecnica dell’estremo bianconero Nobili Federica negava loro la gioia di quel gol che avrebbe dato la possibilità di riaprire la partita con il cronometro che nel frattempo correva velocemente.

Prima dello scadere del tempo però, Debora Nocent raccogliendo una palla dalla propria metà campo suggeriva un passaggio a Margherita Di Battista che infilava in gol per la terza rete, chiudendo definitivamente la partita con il triplice fischio dell’arbitro che sanciva la prima vittoria delle ragazze volsche del 2018.

Era una partita da vincere a tutti i costi per recuperare i punti tolti dalla classifica a seguito dell’annunciato ritiro dal campionato della squadra Città di Isola Liri, punti acquisiti con merito nel corso del derby giocato tra le mura amiche della palestra dell’ex Istituto Magistrale a Sora. Ora con questo risultato acquisito con una squadra che ha dimostrato di saper giocare a calcio con tutto l’organico, si può guardare avanti con fiducia per il raggiungimento delle mete prefissate.

 

15 gennaio 2018 0

Torna alla vittoria Veroli contro la Fox Roma, 72-68

Di redazionecassino1

 

Nella gara contro Roma torna a vincere la Pallacanestro Veroli 2016 che batte Fox Roma con il risultato di 72-68. Una serata importante per la squadra di coach Rotondo che ritrova Vinci dopo oltre 2 mesi di assenza per infortunio. Partenza incontenibile da parte dei padroni di casa trascinati come sempre dai fratelli Fiorini, subito ispiratissimi ed in grado di piazzare il break che ha poi segnato di fatto il match, con il 26-12 sul tabellone al primo riposo. Reagisce Fox nel secondo periodo riportando lo svantaggio in singola cifra: gli ospiti provano a riavvicinarsi con Fiori ma Frusone piazza una tripla. Ancora Fiori per il -10 ma Fiorini G. è precisissimo dall’arco. Turquilli firma i 5 punti del -7 ma Frusone limita i danni dalla lunetta chiudendo il periodo lungo 41-32. Nella ripresa Veroli mantiene sostanzialmente il distacco invariato riuscendo a ribattere colpo su colpo ai tentativi di rimonta degli avversari: Fox con Teofili arriva fino al-3, Mauti sblocca Veroli ma è ancora Teofili a regalare il 43-42 subito cancellato dalla tripla e dai tiri liberi di Fiorini M. I canestri in area di Vinci e Fiorini G. riportano la doppia cifra di vantaggio e chiudono il terzo periodo 58-47. Nell’ultimo quarto Fiori accorcia, mentre Veroli spreca le opportunità per riallungare. Chirico e Turquilli dall’arco mettono a segno il -2. I 4 punti di Celani sono ossigeno per i giallorossi ma Fox ci prova fino in fondo e il quinto fallo di Fiorini M., sul 66-62, con 2’30” da giocare, pesa molto. Fiori segna il -2 ma i tiri liberi rimettono due possessi di distacco tra le squadre che i padroni di casa sigillano in cassaforte. Veroli resiste fino alla sirena chiudendo sul 72-68 e tornando così a muovere la classifica.

Prossimo appuntamento: Sabato 20 Gennaio, Carver vs Pallacanestro Veroli 2016.

 

PallacanestroVeroli 2016 72 – Fox Roma 68

Pallacanestro Veroli 2016: Fiorini G. 20, Fiorini M. 19, Frusone 9, Vinci 2, Iannarilli 1, Velocci 8, Celani 6, Mauti 7, Lauretti, Igliozzi n.e., Lella n.e. All. Rotondo