Tag: viviana

19 settembre 2018 0

Il Transvisionismo di Viviana Faiola, artista cassinate, in mostra al Palazzo della Cultura di Catania

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Viviana FAIOLA, artista cassinate esporrà le sue opere a Catania nel PALAZZO della CULTURA, dal 21 settembre al 30 ottobre in una mostra dal titolo: OLTRE MATERIE FORME CROMIE, con il gruppo del movimento artistico TRANSVISIONISMO. “L’arte non si fa. L’arte è: vive in uno spazio di possibilità e libertà che coinvolge ogni cosa, ogni singolo aspetto della nostra vita e della nostra sensibilità. La nostra personale percezione la individua, esalta, nobilita o svilisce. Ma essa è. Il gesto artistico le dà voce ed espressione attraverso forme e colori che riflettono l’anima dell’artista che, d’istinto, si fa portavoce e strumento per veicolarla”. Questo il messaggio che Viviana Faiola e gli altri colleghi che partecipano con le loro opere alla mostra di Palazzo della Cultura di Catania, vogliono esprimere con la loro arte e la loro pittura.

Viviana Faiola, artista cassinate affermata, nasce a Sant’Apollinare, si diploma all’Accademia di Belle Arti di Roma sotto la guida di Mino Maccari, Franco Gentilini, Piero Guccione e Renato Guttuso. Dopo un esordio figurativo, caratterizzato da un disegno tracciato da gesti rapidi e marcati, che accennano all’astrattismo e a tendenze surreali, l’artista intraprende un percorso di ricerca e sperimentazione che la porta verso una pittura istintuale, espressa attraverso una puntuale ricerca del colore. Dal 1998 entra a far parte del Transvisionismo. Ogni composizione rappresenta un riflesso del suo notevole istinto vitale. In una intervista di qualche anno fa, descrisse la sua pittura come una ‘pittura di getto’ che non guarda al particolare, ma all’intimo. Una pittura descrittiva che appartiene a tutti. Un quadro nasce, si sviluppa immediatamente, rappresenta il mio stato d’animo, in cui domina il colore.  “Per Viviana Faiola – scrive Paolo Levi – ogni composizione rappresenta una nuova esperienza spirituale, riflesso del suo notevole istinto vitale. […] L’opera nasce in lei da un impulso profondo, conducendola a esprimersi attraverso un gesto liberatorio e del tutto privo di oppressioni mentali. Come da un continuo e misterioso sortilegio, Viviana Faiola porta alla superficie spazi e profondità, inni alla luce, masse, volumi, forme decise e liberatorie sciabolate di colore, che alludono all’utopia di un universo irraggiungibile, eppure conoscibile. Sono gesti, emozioni cromatiche, dove il rosso, il giallo, il blu e il nero si sovrappongono in modo sinfonico, al di fuori persino dallo stato di coscienza della pittrice, che ritrova sé stessa solo nella misura dell’automatismo del proprio gesto”.

L’espressione della pittura di Viviana Faiola, aggiunge un ulteriore tassello culturale al nostro territorio.

F. Pensabene

1 aprile 2010 0

Elezioni regionali 2010/Viviana Fuoco, presenta gli eletti de l’Italia dei Valori alla Pisana

Di redazionecassino1

Sono fiera ed orgogliosa che per la prima volta in assoluto nella storia dell’istituzione dei governi regionali sia stata eletta una donna dell’IDV quale consigliere della nostra provincia. Per chi cerca segni di cambiamento come i cittadini cercano da anni, questo è uno dei più eclatanti che mai si sia verificato. Pensate, una voce della nostra Provincia siederà nei banchi del governo regionale e potrà alzarsi e parlare e parlare di noi e dei nostri mille problemi che hanno bisogno di una soluzione. Sono molti anni ormai che faccio una vita da trincea sempre sollecitata da mille problemi grandi e piccoli che riguardano la Provincia di Frosinone ed i suoi abitanti ed il leit motiv che ha accompagnato sempre i miei passi è stato il lamento di tutti quanti noi, politici, imprenditori, professionisti comuni cittadini che rilevavano e rilevano come la nostra provincia non riesce a far giungere la propria voce in sede regionale perché sempre divisa e cannibalizzata da chi aveva ed ha interesse solo ad ottenerne il consenso dei voti che il nostro bacino demografico rappresenta. Oggi finalmente abbiamo l’on. Anna Maria Tedeschi che vive a Roccasecca e che sono certa riuscirà a rappresentarci ed a battersi per la risoluzione di alcuni importanti ed annosi problemi che ci assillano (lavoro, sanità, economia, ambiente e via dicendo) ma anche quelli non meno importanti che riguardano la vita di ogni giorno delle nostre piccole comunità da sempre lasciate sole, penso con ciò in particolare a tutti i piccoli comuni montani dove per dirla con le strofe di una celebre canzone “la noia e l’abbandono sono la tua malattia”. Come è potuto succedere tutto questo, chi ha fatto il miracolo? La risposta è semplice, quasi banale: oltre alle qualità dei candidati è stato fatto da parte dei dirigenti IDV e degli stessi candidati un lavoro di squadra. Tutti per uno, uno per tutti; una lezione che hanno imparato a memoria che nessuno dovrà dimenticare; soprattutto chi è giunto al traguardo dovrà tenere bene in mente che senza i voti ottenuti dagli altri candidati non avrebbe potuto conseguire la vittoria. Esaminiamola dunque questa squadra vincente di 5 candidati: un politico, un architetto, una psichiatra, un consulente aziendale, esponente della società civile. Aldo Germanelli geometra libero professionista, consigliere comunale: persona solare semplice determinata sempre sorridente e disponibile Franco Battisti, vice preside di una scuola superiore, architetto, serio ed attento professionista capace di disincanto politico e di distaccata analisi dei problemi.  Giuseppina Bonaviri, psichiatra, figlia del non dimenticato Giuseppe Bonaviri (illustre cardiologo ma soprattutto rappresentante di fama internazionale della cultura ciociara nel mondo) donna affascinante e socievole, affronta i problemi più complessi con l’approccio, la determinazione e la semplicità che solo le mamme sanno usare con i loro figli.  Romolo Rea, politico di professione, uno di sinistra, capace di dichiararsi e di lottare davvero per le fasce sociali più deboli, grande comunicatore, uno del popolo che non rinuncia mai a rimboccarsi le maniche.  Anna Maria Tedeschi, consulente aziendale ed esperta di sistemi di qualità e di sicurezza, che unisce la dolcezza delle giovani donne ad un carattere limpido e determinato, quasi una ….tedeschi. Cinque persone, una squadra di basket vincente scelta e fortemente voluta e difesa dalla sottoscritta che quello che oggi più ardentemente si auspica che rimanga compatta e continui a lavorare con il partito per il partito e per la propria gente che in gran numero li hanno indicati come tra le persone che vorrebbero amministrassero la cosa pubblica. Il mio è un invito a lavorare per l’alternativa che il Presidente Di Pietro ha indicato come la strada da seguire per far uscire il nostro paese dalla stasi economica politica e culturale. E con noi c’è la certezza di una vera politica.

Viviana Fuoco

Responsabile Provinciale IdV- Frosinone