Tag: votato

6 marzo 2018 0

Cassino, anche l’ex abate di Montecassino Vittorelli ha votato a San Silvestro

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Domenica elettorale per tutti, quella appena trascorsa, anche per i religiosi e, a Cassino, il seggio del plesso di San Silvestro è particolare perché è lì che sono iscritti a votare i monaci dell’abbazia di Montecassino e delle suore di Santa Scolastica.

Nel corso della giornata, quindi, si sono avvicendati nelle cabine l’elettorato monastico e tra questi, oltre all’abate Ogliari anche il suo predecessore.

L’ex abate Pietro Vittorelli, secondo alcuni approdato alla chiesa anglicana o prossimo a farlo, indossava il collarino bianco. Per l’anagrafe, quindi, Vittorelli sarebbe ancora residente in abbazia, a meno che l’ex abate non abbia cambiato residenza eleggendola sempre a Cassino nella zona di San Silvestro.

Ermanno Amedei

Foto repertorio

23 novembre 2016 0

D’Alessandro: “Ho votato contro atto aziendale perche’ non soddisfa esigenze Santa Scolastica”

Di redazionecassino1

Cassino – “Non c’erano le condizioni per la città di Cassino di votare a favore dell’approvazione dell’atto di autonomia aziendale della Asl di Frosinone. Pur riconoscendo la validità del percorso che potrebbe portare all’istituzione del Dea di II Livello a Frosinone per garantire servizi e prestazioni all’avanguardia di cui potrebbe beneficiare tutto il territorio, infatti, non sono stati previsti interventi consoni per il funzionamento dell’ospedale Santa Scolastica di Cassino, che, in quanto Dea di I Livello dovrebbe avere in assoluto tutte le caratteristiche per offrire i servizi derivanti da questo status”. Lo ha dichiarato il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro. “Visto il sistema di razionalizzazione messo in atto dalla dirigenza Asl, avevo richiesto, con l’ausilio dell’assessore alla Sanità, Carmelo Palombo, tre interventi molto semplici sulla nostra struttura sanitaria di riferimento: la riattivazione delle unità operative semplici di Urologia e neonatologia e l’ampliamento a 24h del servizio di emotrasfusione. In pratica erano soltanto delle accortezze per reparti che l’ospedale ha sempre avuto e gestito in modo efficace. Siamo, comunque fermamente convinti che l’ospedale Santa Scolastica andava e vada potenziato, perché cosi com’è non riesce a garantire servizi e prestazioni consoni a soddisfare le richieste del grandissimo bacino d’utenza che quotidianamente si rivolge nel presidio ospedaliero della città martire. In sostanza, quindi, l’atto di autonomia aziendale della Asl di Frosinone proposto non soddisfa le esigenze della nostra struttura sanitaria a cui serve ben altro per essere effettivamente un Dea di I livello. Pertanto, non potevamo che votare contro questo tipo di provvedimento”. Ha concluso il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro.

28 marzo 2010 0

Alle 12, ha votato il 10% degli aventi diritto, un calo di circa 3 punti rispetto al 2005

Di redazionecassino1

Aperti i seggi elettorali per il rinnovo dei Consigli regionali e dei Governatori in tredici regioni, ma anche per rinnovare 463 consigli comunali e alcuni Consigli provinciali. Secondo i dati forniti dal Viminale, alle 12, risulterebbe in calo la percentuale dei votanti rispetto alla precedente tornata elettorale. Nei comuni dove si vota per il sindaco e i consigli comunali, alle ore 12 ha votato il 12% degli elettori, un calo di tre punti rispetto alle precedenti omologhe. L’ha reso noto il Viminale. Alle 12 nel Lazio ha votato per le regionali lo 8,6 per cento degli elettori, in calo di quasi tre punti rispetto alle precedenti del 2005. A Roma ha votato l’8,2% degli aventi diritto (10,5% alle regionali 2005; 15,8% alle politiche 2008). In Lombardia, invece, ha votato per le regionali  il 10,7 per cento degli elettori, in calo di tre punti rispetto alle precedenti del 2005. A Milano città ha votato il 9,1% degli aventi diritto. In generale secondo i dati forniti dal Ministero dell’Interno, l’affluenza alle urne risulterebbe in diminuzione: alle 12 ha votato circa il 10% degli aventi diritto, con un calo di circa 3 punti rispetto al 2005.