Giorno: 2 Febbraio 2019

2 Febbraio 2019 0

Gaeta, polizia in cerca di droga trova reperti archeologici risalenti al 500 a.C.

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

GAETA – Gli agenti di polizia hanno eseguito dei sopralluoghi nel parco Regionale di Monte Orlando, dove era stata segnalata nelle ore notturne la presenza di persone sospette .

Sul posto, all’interno di ruderi abbandonati e solitamente frequentati da piccoli spacciatori, gli uomini del Commissariato Distaccato di P.S. di Gaeta hanno effettuato diversi controlli e, proprio all’interno di uno di questi manufatti, è stata rinvenuta una busta in cellophane  con all’interno dei reperti archeologici in buono stato di conservazione .

Da una prima analisi effettuata da esperti del settore archeologico, i reperti, risultati autentici, di  origine greca, risalenti al 500 a.c., consistono in una coppa denominata KILIX; un’anfora denominata LEBES GAMIKOS; un vaso dal corpo allungato denominato LEKYTHOS.

Appare verosimile ritenere che gli oggetti rinvenuti, di inestimabile valore e per i quali è vietato il commercio, possano essere stati trafugati dall’abitazione di un qualche facoltoso collezionista, il quale li deteneva illegalmente.

I reperti, sottoposti a sequestro, verranno successivamente esaminati da personale della Soprintendenza delle Belle Arti. Sono  in corso ulteriori accertamenti.

2 Febbraio 2019 0

Rubano 23 computer nella scuola Velletrano a Velletri, il sindaco: opera di imbecille che a scuola non ha imparato

Di admin

VELLETRI – Visita notturna dei ladri nella scuola media Andrea Velletrano a Velletri. Uno o più malviventi, si sono introdotti all’interno del plesso di viale Regina Margherita e lì, forzando un armadio blindato, si sono impossessati di 20 notebook, pc portatili e tre computer da tavolo, materiale tecnologico utilizzato per la didattica e per la gestione amministrativa della scuola.

Valore del bottino è di diverse migliaia di euro ma il danno alla scuola e agli studenti è ancor più importante. In un post su Facebook il sindaco Orlando Pocci ha scritto: “Il furto di questa notte presso la scuola media Andrea Velletrano è opera di qualche imbecille che evidentemente, a scuola, non ha imparato molto! I computer che hanno rubato servivano per formare i ragazzi ed erano stati acquistati con enormi sacrifici. Faremo del tutto per aiutare la scuola e la renderemo ancora più sicura e protetta. Confido nel lavoro delle forze dell’ordine per trovare i responsabili di questa vergogna e punirli come prevede la legge”.

2 Febbraio 2019 0

Il “Game over” al Sindaco espresso imbrattando la facciata del Municipio

Di redazionecassino1

CASSINO –  “Il declino di un’intera comunità”, lo definisce così, e certamente non gli si può dar torto, il cittadino di Cassino che sul proprio profilo facebook ha postato la foto dell’atto vandalico messo in atto durante la notte sulla facciata di piazza De Gasperi del palazzo municipale.

L’autore del gesto ha voluto esprimere il suo dissenso politico verso l’amministrazione D’Alessandro in modo visibilmente efficace, almeno secondo lui, utilizzando il concetto espresso dal consigliere Di Mascio nei giorni scorsi.  Per entrambi il Primo cittadino sarebbe arrivato il “Game Over”.

La differenza fra le due modalità di epressione del pensiero è facilmente intuibile, quella del buontempone notturno ricadrà, per i costi della cancellazione, se pur in modo marginale, sulle tasche dei cittadini, comprese quelle dell’ignoto autore, l’altro no. Non è vandalizzando un ‘bene comune’ che si potrà accelerare la fine di un’amministrazione comunale.

Certo è che esprimere il proprio dissenso sulla politica di questa Amministrazione è sempre legittimo, basterebbe farlo in modo palese, nelle sedi opportune, senza doversi fare aiutare dall’oscurità, magari evitando di imbrattare a destra e a manca i muri degli edifici, tanto più se appartenenti all’intera collettività come quelli del Municipio!

Foto tratta dal profilo facebook di Mario Musilli

2 Febbraio 2019 0

Barcellona, muore in circostanze misteriose Michele Romano, 26enne pizzaiolo di Isola Liri

Di redazionecassino1

ISOLA LIRI – Un volo nel vuoto da circa ventisei metri all’aeroporto di Barcellona, è morto così Michele Romano,  ventiseienne pizzaiolo di Isola Liri. Il giovane è precipitato dal tetto del Terminal 1 dell’aeroporto internazionale El Prat. La tragedia si è consumata intorno alle 6.30 del mattino mercoledì scorso.

Una morte misteriosa quella del ventiseienne di Isola Liri, non è chiaro perché il giovane fosse all’aeroporto e perché si trovasse sul tetto di uno dei terminal. Secondo alcune testimonianze, il suo corpo è rimasto a lungo a terra prima di essere rimosso dalle autorità catalane, impegnate nei rilievi di rito.

Solo l’autopsia, disposta dall’autorità giudiziaria catalana,  potrà chiarie le cause della sua morte.

Gli inquirenti indagano per ricostruire gli ultimi giorni di vita di Michele. Nessuno sa, se li abbia trascorsi nell’aeroporto o se era tornato allo scalo di El Prat per prendere un aereo. E soprattutto come abbia potuto raggiunge il tetto del terminal da dove è precipitato. Interrogativi che attendono una risposta. L’autopsia, inoltre, potrebbe fornire importanti elementi per scoprire la verità, se si sia trattato di un disperato gesto volontario oppure no.

Il triste compito di portare la notizia ai genitori del giovane è toccato ai carabinieri. Michele amava viaggiare e aveva scelto di lavorare come pizzaiolo a Barcellona dopo averlo fatto in diversi locali di Isola del Liri. Di recente era tornato in città e ne era ripartito il ventisei gennaio scorso.