Giorno: 4 Luglio 2019

4 Luglio 2019 0

Pontecorvo: In debito con Acea di 11.000 euro, manomette i sigilli e monta un contatore. Arrestato

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

A Pontecorvo, i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto un uomo di origini marocchine 53enne. L’uomo si è reso responsabile del reato di “violazione di sigilli e furto aggravato di acqua”. Dagli accertamenti svolti dai militari operanti, unitamente al personale Acea Ato 5 di Frosinone, è emerso che l’uomo, previa manomissione dell’impianto idrico e manomissione dei sigilli, ha installato un contatore non omologato, in luogo di quello rimosso per morosità, in quanto debitore di 11.000 euro. Dopo le formalità di rito il 53enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Foto d’archivio

4 Luglio 2019 0

Cassino: Minacce, estorsione e lesioni. Due persone in manette

Di Comunicato Stampa

Emesso dalla Procura della Repubblica il fermo di indiziato di delitto nei confronti di due persone, un 18enne ed un 47enne di Cassino. Dalle risultanze investigative dei carabinieri del Norm, emerge che in particolare il 18enne sia responsabile di spaccio di stupefacenti in concorso, estorsione aggravata in concorso, danneggiamento a seguito di incendio, aggravato e in concorso, danneggiamento aggravato e in concorso, incendio aggravato e in concorso e detenzione e porto in luogo pubblico di bottiglia incendiaria. Invece per il 47enne accusa di estorsione aggravata in concorso e lesioni personali aggravate. I due costringevano due vittime a consegnare loro la somma di euro 200 a fronte di un debito di euro 420 con violenze e minacce come incendiare la porta d’ingresso dell’appartamento e danneggiare l’auto. La vittima veniva anche colpita con un pugno. I due malviventi sono stati rintracciati a Cassino dopo alcuni giorni di ricerche. Foto d’archivio

4 Luglio 2019 0

Gare truccate, 8 arresti e 17 indagati

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Dall’alba di questa mattina i militari del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone stanno dando esecuzione ai seguenti provvedimenti emessi dal GIP del Tribunale di Frosinone. In esecuzione una ordinanza di custodia cautelare (in carcere) emessa a carico di Rappresentante legale di societa’ operante nel settore rifiuti, Una seconda ordinanza di custodia cautelare (in carcere) emessa a carico di Tecnico comunale e Rappresentante di fatto di Societa’ di servizi operante nel campo ambientale. La terza  riguada 6 Ordinanze di custodia cautelare (arr. dom.) a carico di: Assessore comunale; Rappr. di fatto di societa’ di servizi operante nel campo ambientale; Amministratore della medesima Societa’ di servizi; Addetto alla medesima societa’; Dipendente ASL Frosinone; Dipendente della Citta’ Metropolitana di Roma. L’ ipotesi accusatoria e’ relativa a vari episodi corruttivi, accertati negli anni 2017 e 2018, dove Dipendenti e Amministratori pubblici agevolavano le Ditte nell’ assegnazione dei lavori ricevendo come contropartita somme di denaro (dell’ ordine di qualche migliaio di euro), assunzioni di persone da loro segnalate o fornitura di beni e servizii I soggetti pubblici omettevano i dovuti controlli sulla regolarita’ delle gare e sulle esecuzioni dei lavori favorendo in modo esplicito le Ditte indagate.

4 Luglio 2019 0

Latina, Maltrattamenti in famiglia, un 51enne allontanato dall’abitazione

Di Comunicato Stampa

Polizia di Stato – Questura di Latina:Un uomo viene allontanato dalla casa familiare per minacce aggravate e maltrattamenti in famiglia con sequestro cautelativo delle armi. Nel corso dell’attività di prevenzione e controllo del territorio, alle ore 20.30 circa di ieri, un equipaggio della Squadra Volante è intervenuto presso un’abitazione in quanto era pervenuta al 113 richiesta di intervento per lite ed aggressione in atto. Giunti immediatamente sul posto, i poliziotti hanno trovato in strada una donna con la figlia minore. La donna ha raccontato agli agenti di aver avuto pochi istanti prima una violenta lite con il marito per futili motivi, nel corso della quale l’uomo, armato di fucile, aveva minacciato di morte sia lei che la figlia minore della coppia. Visto lo stato di agitazione delle due donne , è stato richiesto l’intervento immediato del 118 per le cure del caso. I poliziotti hanno raggiunto l’uomo nell’abitazione che ha confermato i fatti. Intanto gli operanti hanno effettuato una perquisizione dell’appartamento e hanno ritrovato nella camera da letto, 5 fucili regolarmente detenuti dall’uomo. In sede di denuncia, la donna ha raccontato che le minacce, gli scatti d’ira, le percosse e le violenze si protraevano già da tempo e che a causa dei continui soprusi posti in essere dal proprio marito, viveva in uno stato di soggezione, manifestando timore e paura per la propria incolumità, e per tale motivo aveva chiesto ospitalità al proprio fratello. A carico dell’uomo è scattato un provvedimento di allontanamento urgente dalla casa familiare, con il divieto di avvicinarsi alla persona offesa. Nei confronti dello stesso veniva inoltre disposto il Sequestro Cautelativo dei 5 fucili e del relativo titolo autorizzatorio. Foto d’archivio