Giorno: 7 Ottobre 2019

7 Ottobre 2019 0

Poligono di tiro a volo sequestrato a Villa Literno

Di Antonio Nardelli
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Castel Volturno hanno sottoposto in sequestro preventivo un campo di tiro a volo, dell’estensione di circa 7000mq, comprese le n°4 piazzole di tiro, sito in agro del comune di Villa Literno. Il sequestro è stato operato, a carico del presidente dell’Associazione Sportiva Dilettantistica che gestiva l’impianto di tiro a volo, in quanto si è ravvisata l’ipotesi di reato di inquinamento ambientale derivante dalla inosservanza delle misure di sicurezza finalizzate a contenere il getto degli spari con la conseguente ricaduta di piombo e piattelli sulle aree esterne alla zona destinata al poligono, determinando così una gestione di rifiuti speciali non pericolosi difforme alla normativa vigente. Infatti, i militari hanno proceduto ad ispezionare le linee di tiro ed i terreni limitrofi riscontrando un’ingente quantità di rifiuti derivanti dall’attività di tiro a volo consistenti in terreno frammisto a borre, contenitori di pallini di piombo, residui di piattelli e pallini di piombo.

7 Ottobre 2019 0

Poligono di tiro a volo sequestrato a Villa Literno

Di Antonio Nardelli

I Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Castel Volturno hanno sottoposto in sequestro preventivo un campo di tiro a volo, dell’estensione di circa 7000mq, comprese le n°4 piazzole di tiro, sito in agro del comune di Villa Literno. Il sequestro è stato operato, a carico del presidente dell’Associazione Sportiva Dilettantistica che gestiva l’impianto di tiro a volo, in quanto si è ravvisata l’ipotesi di reato di inquinamento ambientale derivante dalla inosservanza delle misure di sicurezza finalizzate a contenere il getto degli spari con la conseguente ricaduta di piombo e piattelli sulle aree esterne alla zona destinata al poligono, determinando così una gestione di rifiuti speciali non pericolosi difforme alla normativa vigente. Infatti, i militari hanno proceduto ad ispezionare le linee di tiro ed i terreni limitrofi riscontrando un’ingente quantità di rifiuti derivanti dall’attività di tiro a volo consistenti in terreno frammisto a borre, contenitori di pallini di piombo, residui di piattelli e pallini di piombo.