Autore: redazionecassino1

12 Febbraio 2019 0

Cassino, la Giunta approva la delibera per la riqualificazione dell’area della ex piscina comunale

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Via libera all’iter per riqualificare l’area degli impianti sportivi di via Appia a Cassino. È stata, infatti, pubblicata questa mattina all’Albo Pretorio del comune di Cassino la delibera della giunta comunale quale atto di indirizzo al dirigente dell’area tecnica per la manifestazione di interesse alla gestione dell’area dell’ex piscina comunale ai fini della realizzazione di un palazzo dello sport, spettacolo e cultura su iniziativa privata. Un primo passo per la sistemazione di un’area e di un manufatto in cemento armato che avrebbe dovuto ospitare la piscina comunale e da anni in abbandono ed incuria. Una riqualificazione e un ammodernamento di tutto il complesso che ospita gli impianti sportivi della Città atteso da decenni e mai realizzato. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco D’Alessandro e dal consigliere Di Mambro.

“E’ un altro tassello che si aggiunge agli obiettivi che ci eravamo preposti – precisa il sindaco – a dimostrazione che siamo giornalmente impegnati nel portare avanti un mandato amministrativo importante in cui lo sport, la cultura e lo spettacolo non sono relegati ad attività secondarie” ha dichiarato il sindaco.

“L’ennesimo risultato che conferma che  – per il consigliere Di Mambro – l’obiettivo specifico è quello di creare quella Cittadella Dello Sport. Ora tutto passa nelle mani dell’imprenditoria cassinate e sulla iniziativa privata per la realizzazione di un’opera pubblica che la città aspetta da decenni e di cui questo è il primo pilastro fondamentale”.

 

12 Febbraio 2019 0

Latina, la polizia intensifica i controlli antidroga e del territorio

Di redazionecassino1

 

LATINA – Domenica 10 febbraio la Squadra Volante, durante l’attività di controllo del territorio, procedeva al controllo di due ragazzi in Via Tuscolo, i quali hanno spontaneamente consegnato delle bustine che consegnavano spontaneamente agli operatori rispettivamente. La sostanza stupefacente, hashish e cocaina, è stata quindi sottoposta a sequestro. I due giovani italiani, rispettivamente classe ’83 e ‘94 sono stati segnalati alla locale Prefettura per uso di sostanza stupefacente.

In totali i controlli hanno conseguito i seguenti risultati:

12 posti di controllo effettuati 125 persone controllate 165 veicoli controllati 10 contravvenzioni elevate al C.d.S. 2 persone denunciate in stato di libertà 2 persone segnalate amministrativamente alla Prefettura per uso di sostanze stupefacenti

Tali servizi straordinari di controllo del territorio saranno ripetuti anche nei prossimi giorni.

12 Febbraio 2019 0

Frosinone, II edizione di “Artincentro” per lo sviluppo del centro storico

Di redazionecassino1

FROSINONE – Si aprirà giovedì 14 febbraio alle 18 la seconda edizione di ArtInCentro, organizzata dall’associazione culturale ArtQube con il patrocinio del Comune di Frosinone -assessorato al centro storico. La manifestazione, in linea di continuità con gli investimenti economici e di programmazione dell’amministrazione Ottaviani per lo sviluppo del centro storico, esplorerà il mondo delle contaminazioni contemporanee, con una serie di mostre d’arte a piazzale Vittorio Veneto. Dal 14 al 25 febbraio, esporrà le proprie opere Rocco Lancia; dal 26 febbraio all’8 marzo, spazio a DonnArte. Dal 9 al 18 marzo, sarà protagonista Rocco Alonzi, mentre dal 19 al 27 marzo sarà la volta di Isabella De Vivo e Giulia Meschino. Dal 28 marzo al 7 aprile, Paolo Fiorini; dall’8 al 14 aprile, Silvia Capoccia. Ultimo appuntamento dal 18 al 30 giugno con Annalisa Copiz e Cinzia Mastroianni.

“Sono orgogliosa di presentare questa seconda edizione di ArtInCentro con artisti che hanno formazioni diversificate, in questa piazza che è ormai diventata il “salotto” culturale e musicale della Città. Ciò che li accomuna è il piacere di partecipare e rendere partecipi degli eventi promossi da ArtQube, dal Comune di Frosinone e dall’assessorato al centro storico. La cornice dove le opere saranno esposte è sempre nella parte storica del capoluogo ciociaro ed è inclusa nel progetto Frosinone Alta”, ha dichiarato l’assessore Rossella Testa. “Torna ArtInCentro, con una seconda edizione ancora più ricca. Abbiamo voluto cercare in primis artisti contemporanei ed emergenti con nuovi linguaggi espressivi. Pittori, scultori, illustratori, fotografi alle prime armi, che illustrano idee non convenzionali, o mondi di fantasia elaborati con tecniche diverse, con lo scopo di far riflettere o semplicemente indurre al bello estetico”, ha dichiarato il curatore, Rocco Lancia.

12 Febbraio 2019 0

Virtus battuta al Casaleno da Agrigento

Di redazionecassino1

Impossibile raccontare l’ennesima sconfitta casalinga della Virtus Cassino senza dover prendere in considerazione la prestazione insufficiente della terna arbitrale in questa 21^ giornata del campionato nazionale di Serie A2 Girone Ovest tra BPC Virtus Cassino e Fortitudo Agrigento. Un match vinto dalla squadra di Ciani, ma che gli uomini in grigio hanno probabilmente condizionato con chiamate senza dubbio più che discutibili, a favore della compagine siciliana nel finale punto a punto. Sono i numeri a dimostrarlo: 12 falli fischiati a Raucci e soci nell’ultimo quarto, contro i soli 6 di Agrigento; 20 tiri liberi assegnati ad Evangelisti e soci, rispetto ai soli 6 assegnati alla compagine di casa; 3 tecnici fischiati ai giocatori cassinati, nessuno invece alla compagine ospite; commenterà in conferenza stampa post-partita il Direttore Sportivo Leonardo Manzari: “perdere avendo tirato meglio di loro e avendo preso più rimbalzi rispetto a loro, ci porta ad una lettura univoca della gara: è stato più di qualche fischio assolutamente errato nel finale di gara che ha indirizzato la partita”.

La società cassinate non ci sta. Fino al prossimo mese di aprile, la formazione rossoblù è e rimarrà una delle squadre partecipanti al secondo campionato nazionale, e come tale, merita rispetto e parità di trattamento come qualunque altra partecipante a questo torneo.

Una partita combattuta ed equilibrata non può e non deve essere decisa da personaggi esterni rispetto ai giocatori e alle loro scelte sul campo. Quella vista al Casaleno è una gara da guardare e riguardare più volte, per far sì che gli accadimenti del PalaSport di Frosinone, non facciano più parte di questo finale di stagione su qualsiasi parquet italiano. Vittimismo? Sono i numeri a parlare, non polemiche non supportate da fatti.

Passando al difficile racconto della gara, Agrigento si presenta al match senza il centro titolare Zilli, con Ciani che decide così di adattare Cannon nello spot di ‘5’ affiancato da Bell, Ambrosin, Evangelisti e Sousa; lo starting five della BPC Virtus Cassino, è invece composto dai soliti Sorrentino, Raucci, Pepper, Castelluccia e Hall.

Parte meglio la squadra ospite, che nella prima frazione riesce ad imporre meglio il suo ritmo ed il suo gioco con i punti di Bell e Cannon, che portano gli ospiti al primo mini-intervallo sul 16-22. Come nel primo periodo, per i padroni di casa sono sempre i soliti Pepper e Hall a suonare la carica, coadiuvati da un ottimo Paolin, top scorer dei suoi a fine gara con ben 17 punti. Agrigento, però, risponde sempre colpo su colpo, riuscendo ad andare all’intervallo lungo sempre in vantaggio sul 40-45, grazie ai punti di Ambrosin, Bell, Guariglia e Sousa. Dagli spogliatoi esce una Virtus spenta, che nei primi 5 minuti di gioco subisce le sortite avversarie, ma nella seconda parte del quarto riprende la corsa verso la rimonta. Sono Hall e Paolin a mettere a segno i punti decisivi, mentre dall’altra parte sono sempre Cannon e Sousa a mantenere i padroni di casa a distanza di sicurezza: 51-56 il risultato alla penultima sirena. Al rientro in campo, Cassino non demorde e rientra ancora nel match. Hall, con due canestri strepitosi, trova il sorpasso (alla fine della gara, saranno 16 i punti per lui, con 16 rimbalzi, 4 assist e 5 falli subiti, prestazione monstre la sua, ndc), ma con Ambrosin e Pepe la Fortitudo ricuce il gap sul 56-56. Si materializza, così, la scempio arbitrale: fallo in difesa fischiato a Paolin su Bell, non in situazione di tiro, ma per gli arbitri sono due tiri liberi; in attacco fallo inesistente di sfondamento chiamato a Pepper che ridà il possesso agli ospiti; nella richiesta di spiegazioni, fallo tecnico al numero 32 cassinate, che esce dal match per 5 falli; sotto le plance, nel pitturato difensivo, non viene utilizzato lo stesso metro per Bell, che conquista un fallo sempre per mano di Paolin, con il numero 10 che era in una posizione più che corretta per la chiamata arbitrale di fallo di sfondamento; ancora in attacco, fallo fischiato ad Hall a rimbalzo, dopo un contatto inesistente con Cannon; nel gridare “non è vero” all’arbitro, viene fischiato un tecnico sempre al numero 7; non contenta, la terna arbitrale decide di dare un altro fallo tecnico alla panchina di coach Vettese.

Solo alcuni episodi di un racconto che potrebbe farsi terribilmente lungo. Non servono altre parole. Il risultato dice tutto e più di tutto, una conseguenza frutto del campo, ma soprattutto di quanto sopra descritto: Agrigento vince 69-75.

Il commento nella sala stampa del DS Manzari nel post-partita: “Faccio fatica ad essere calmo e tranquillo, ma devo provare ad esserlo. Non è la prima volta che in questi palcoscenici assistiamo a scempi del genere e francamente sono stanco di tutto ciò. Penso che il blasone alcune volte conti più di quanto accade sul parquet durante la partita, e non sono soltanto sensazioni, ma sospetti supportati da fatti. I falli in generale, i falli tecnici, i tiri liberi, fanno tutto parte di un calderone che non è la prima volta che ci vede come formazione soccombente. I fischi vanno sempre da una parte con noi, è naturale. Siamo Cassino… Chi siamo noi! Tutto ciò, però, non è corretto! E lo grido ad alta voce: non è corretto! Paghiamo le tasse come tutti, paghiamo gli stipendi dei nostri atleti sempre e comunque, siamo una società corretta in ogni nostro impegno e l’obiettivo di tutti è vederci sprofondare e affondare in serie B ? Lo faremo, ma con dignità. Alla Federazione fa comodo tutto questo? Io qualche domanda me la farei, se non altro questa partita la riguarderei attentamente. È davvero difficile fare delle settimane in questo modo: ti prepari alle partite e poi delle persone esterne ai protagonisti sul campo decidono come vogliono gli andamenti delle gare. È davvero assurdo. Ai ragazzi ho da rimproverare poco, escludendo qualche elemento con il quale dovrà essere fatto un discorso individuale. Adesso ci prepariamo a Trapani con un’altra settimana di allenamenti. (Dalla sala stampa si grida: “andiamo a giocare con l’under 20, tanto il finale già è scritto”, ndc) Vedremo cosa faremo con la squadra in questi giorni”.

Prossimo appuntamento per la Virtus Cassino, domenica prossima, sempre al Casaleno di Frosinone, contro la Pallacanestro Trapani.

 

 BPC Virtus Cassino – M Rinnovabili Agrigento 69-75 (16-22, 24-21, 11-13, 18-19)

BPC Virtus Cassino: Francesco Paolin 17 (5/6, 2/3), Dalton Pepper 16 (5/10, 2/8), Michael Hall 16 (4/6, 2/7), Davide Raucci 6 (3/5, 0/1), Luca Castelluccia 6 (0/0, 2/7), Gennaro Sorrentino 4 (1/2, 0/5), Angelo Guaccio 2 (1/1, 0/1), Tommaso Ingrosso 2 (1/3, 0/2), Davide Bianchi 0 (0/0, 0/0), Samuele Montagner 0 (0/0, 0/0), Emanuele Primerano 0 (0/0, 0/0), Sava Razic 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 5 / 6 – Rimbalzi: 42 13 + 29 (Michael Hall 16) – Assist: 19 (Dalton Pepper, Michael Hall 4)

All. VETTESE

M Rinnovabili Agrigento: Jalen Cannon 18 (5/9, 1/3), Dimitri Sousa 14 (5/10, 1/3), Amir Bell 12 (4/7, 1/4), Lorenzo Ambrosin 9 (2/6, 1/4), Edoardo Fontana 9 (3/4, 0/1), Marco Evangelisti 5 (1/1, 0/3), Tommaso Guariglia 4 (2/2, 0/0), Simone Pepe 4 (2/2, 0/5), Giacomo Zilli 0 (0/0, 0/0), Giuseppe Cuffaro 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 15 / 20 – Rimbalzi: 32 8 + 24 (Jalen Cannon 10) – Assist: 11 (Lorenzo Ambrosin 4)

All. CIANI

11 Febbraio 2019 0

Frosinone; a scuola con “YouPol”, l’innovativa app della Polizia di Stato

Di redazionecassino1

FROSINONE – Questa mattina, il dr. Flavio Genovesi, Dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, nonché Portavoce della Questura di Frosinone, ha incontrato gli studenti dell’istituto Comprensivo 1^ Frosinone, accogliendo favorevolmente l’invito del Dirigente scolastico dr. Lorenzo de Simone, per promuovere la cultura della legalità e del rispetto.

Analizzate le tematiche relative al bullismo e all’uso di stupefacenti tra i giovani.

 Con l’occasione è stata presentata l’ app della Polizia di Stato “YouPol”;  facile da scaricare,    consente di  segnalare, anche in forma anonima, proprio episodi di  spaccio di droga e di  bullismo.

La Polizia di Stato, da sempre impegnata nella formazione civica dei ragazzi,  con YouPol desidera infatti coinvolgere e responsabilizzare gli adolescenti  sul rifiuto del consumo della droga e di ogni forma di violenza.

La giovane ed interessata platea è stata invitata a riflettere sull’importanza del rispetto delle regole e  di una “sicurezza” partecipata e condivisa.

11 Febbraio 2019 0

Pistilli al sindaco: “Giusto ricordare i martiri delle foibe, ma quel piazzale andrebbe intitolato a Ummidia Quadratilla”

Di redazionecassino1

CASSINO –  Il prof. Emilio Pistilli scrive al sindaco D’Alessandro sull’intitolazione del piazzale del teatro Romano.

“Caro Sindaco, ho appena saputo dell’intento di intitolare ai Martiri delle foibe il piazzale antistante il teatro romano. Ben venga una intitolazione ai nostri martiri, però resto ancora una volta stupefatto per la mancanza di considerazione per iniziative e richieste che vengono dalla città. Nel marzo del 2009 il Centro Documentazione e Studi Cassinati (CDSC onlus) avanzò all’amministrazione dell’epoca un appello per intitolare quel piazzale alla benemerita matrona dell’antica Casinum Ummidia Quadratilla, che aveva donato alla città un anfiteatro e un teatro, proprio quello antistante il piazzale, di cui tutti oggi andiamo orgogliosi. Alla matrona nel 1961 era stato intitolata la strada che va da via Roma a via Crocifisso-Campo di Porro; successivamente, nell’ottobre 2007, inspiegabilmente fu revocata quella intitolazione a favore del monaco benedettino Angelo Pantoni, un pilastro della storia del nostro territorio. Da allora si è operata una sorta di damnatio memoriae di Ummidia Quadratilla.

Per sanare questa ingiustizia il CDSC avanzò una richiesta scritta di intitolarle il piazzale parcheggio del teatro romano, richiesta che aveva anche il benestare della Soprintendenza Archeologica; fu protocollata nell’ufficio comunale e lì è rimasta. Tutte le amministrazioni che si sono susseguite furono dal CDSC sollecitate a darle corso, ma inutilmente; anche Lei ha ricevuto più volte la nostra sollecitazione sia pure verbalmente.

Siamo alle solite: il primo che si sveglia tra gli amministratori presenta la sua idea e … detto fatto.

Ripeto, è cosa giusta e lodevole dedicare uno spazio della Città ai martiri delle foibe, ma non mancano certo altri luoghi, forse più confacenti e più centrali per onorare quei nostri martiri. Il primo che mi viene in mente – ma è solo un esempio – potrebbe essere il largo cosiddetto dell’Excelsior, innesto Via Roma e Via Corso della Repubblica, dove starebbe bene anche una stele a memoria.

Ma non sta a me decidere tali cose.

Fare memoria è sempre una cosa importante per una popolazione, in particolar modo per la Città di Cassino che è stata defraudata di tutto dalla guerra e che vorrebbe recuperare almeno il suo patrimonio memorialistico. Ma non lo si faccia sovrapponendo ancora una volta una memoria ad altra ugualmente importante”.

Emilio Pistilli

Presidente onorario CDSC onlus

11 Febbraio 2019 0

Basket; le assenze di Fiorini e Frusone pesano su Veroli battuta da Colleferro 76-74

Di redazionecassino1

Pesano le assenze di Fiorini G. e Frusone nella terza giornata di ritorno. Una sconfitta amara per la Pallacanestro Veroli 2016 battuta dal Colleferro sul finale con il punteggio di 76-74. I ciociari partono forte sfruttando la fisicità sotto canestro di Calicchia ma il Colleferro risponde e riesce ad entrare in partita accorciando le distanze. I giallorossi gestiscono bene il pallone in attacco, prendendo vantaggio e trovando così canestri facili nell’area avversaria raggiungendo il +10. Con l’inizio del secondo periodo di gioco la musica non cambia e i giallorossi continuano a gestire un vantaggio che si aggira sempre intorno alla decina di lunghezze: Fiorini M., con una serie di tiri liberi, spinge i suoi fino al +16. Il Colleferro risponde riaccendendo le speranze e riducendo il divario fino al -11 con cui si chiude il primo tempo (32-43). Alla ripresa, 5 bombe esplose dai locali permettono ai romani di raggiungere la Pallacanestro Veroli 2016 che non resta a guardare mantenendo le distanze con la tripla di Alessandrini del 53-56 con cui si chiude la terza frazione di gioco. L’inerzia del match cambia negli ultimi 10 minuti della sfida: un botta e risposta tra Misolic e Fiorini M., seguito da due tiri liberi dei romani sfocia nel vantaggio del Colleferro che regge fino alla fine portando così a casa la vittoria. Prossimo appuntamento in casa sabato 17 Febbraio alle ore 18 contro Farmacia Marini Borgo Don Bosco.

 

PALLACANESTROVEROLI2016 83 – SAM BASKET ROMA 74

Veroli: Alessandrini 13, Mauti 12, Calicchia 4, Iannarilli 12, Igliozzi 3, Frasca 13, Fiorini M. 15, Renzi 2, Moraldi n.e. All. De Rosa

11 Febbraio 2019 0

Tordoni capolista, ma nel prossimo turno scontro diretto con la Longobarda

Di redazionecassino1

Resta saldamente in vetta alla classifica Tordoni con la vittoria 4 a 1 ai danni di Collecedro. Solo tre lunghezze separano la capolista dalla Longobarda che non va oltre il pareggio, 1 a 1, nel match che lo vedeva impegnato contro Canceglie (nella foto). Sarà il prossimo turno a poter modificare a favore di una o dell’altra formazione, infatti, Tordoni e la Longobarda avranno la possibilità di ribaltare la classifica nello scontro diretto della 18esima giornata. Pesante sconfitta per Caira, 3 a 1, contro il Borussia. Importante la vittoria per 5 a 0 di Cervaro contro Isotopi che vede la formazione di Cervaro balzare al terzo posto in classifica. Respira Moscuso con la vittoria per 4 a 1 su Tibia e Peroni che consentono all’unica formazione campana del torneo di Eccellenza di allontanarsi dalla parte bassa della classifica. Nello scontro diretto di bassa classifica fra Atletico e DS Dodici a spuntarla sono i padroni di casa di Pontecorvo per 3 a 1.

Nel girone “A” del torneo di Promozione prosegue la marcia solitaria di Janula con le sei lunghezze di vantaggio su Amatori Aquino. La capolista, infatti vince 1 a 2 contro i padroni di casa di Friends for Football e sfruttano il pareggio a reti inviolate di Aquino contro Terzo Tempo. Pesante 5 a 0 di Niemoslive ai danni di Cerrreto.

Nel girone “B” sono tre le formazioni che potrebbero modificare il vertice della classifica, al momento occupato da AM Piedimonte, a quota quaranta punti. La capolista, infatti, supera fra le mora domestiche Caffè Reale per 5 a 0, mentre AM Colfelice supera in trasferta Monticelli e Belmonte batte S. Giorgio per 2 a 1. Lievemente più lontano, dalla vetta, si trova AM Castelnuovo che vince il derby contro Real Castelnuovo. Sarà, tuttavia, il prossimo turno che potrebbe modificare la classifica quando le quattro formazioni si sfideranno in scontri diretti. Piedimonte sarà impegnato in casa contro Belmonte, mentre AM Castelnuovo sarà opposto a Colfelice.

8 Febbraio 2019 0

Controlli in A1 della Polstrada: Denunciati a piede libero per ricettazione tre campani, 40mila euro valore della refurtiva

Di redazionecassino1

CASSINO – La scorsa notte,  operatori appartenenti alla Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, al  Km 688 Sud della A/1, nel  territorio del comune di Mignano Montelungo, procedevano   al fermo  di tre  persone.

Originarie della Campania, hanno rispettivamente   49, 30 e 28  anni,  con  precedenti di polizia.

Riferivano, alla richiesta degli agenti, di provenire da Roma, versione questa, però, non confermata dal   biglietto di entrata autostradale che invece indicava il casello di Cassino.

 Si   procedeva  ad un più accurato controllo.

All’interno del vano carico  venivano rinvenuti prodotti alimentari,   oltre a  cosmetici, batterie, colla ed altri articoli risultati   provento di vari furti  messi a segno presso negozi  nelle zone delle Marche e dell’Abruzzo.

Il valore totale della merce  sequestrata ammontava a 40.000 euro; contestata la ricettazione.

8 Febbraio 2019 0

Frosinone, tentano una rapina al kebab di via Tiburtina, arrestati dalla polizia due giovani alatrensi

Di redazionecassino1

FROSINONE – Durante l’ordinario controllo del territorio, intorno alle ore 21,45 circa , giunge su linea 113 allarme rapina in via Tiburtina all’interno dell’attività commerciale denominata “Bella Instabul”.

A chiamare è lo stesso titolare, il quale con voce tremante segnala di aver appena subito tentativo di rapina da due giovani armati di cacciaviti fuggiti a bordo di autovettura modello fiat Panda. Immediato l’arrivo delle volanti che all’altezza di via Madonna della Neve intercettano il mezzo indicato. Ne nasce un rocambolesco inseguimento con il fermo del veicolo all’altezza del bivio Brunella.

A bordo del mezzo c’è solo il conducente, autore materiale della tentata rapina, un venticinquenne di Alatri, pregiudicato. Il complice si era già dato alla fuga appiedato.

A seguito di serrate indagini da parte dell’Ufficio trattazione atti del Reparto Volanti si identificava altresì il complice, un 35enne anch’egli di Alatri con diversi precedenti di Polizia il quale nella circostanza aveva funto da palo.

Il malvivente in seguito al tentativo di rapina, dopo aver minacciato il titolare con due cacciaviti si dava alla fuga infrangendo il vetro del portone d’ingresso del locale, procurandosi vistose ferite alla mano e alla coscia.

Sequestrati i cacciaviti rinvenuti a seguito di perquisizione all’interno del veicolo.

Il rapinatore è stato associato su disposizione dell’A.G. presso la locale casa circondariale.