Categoria: Politica

2 Luglio 2010 0

Abbruzzese augura buon lavoro al neo commissario Asl Mirabella

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Faccio i migliori auguri a Carlo Mirabella per la nomina a Commissario straordinario della Asl di Frosinone. Al neo dirigente, chiamato direttamente dalla Governatrice Renata Polverini a ricoprire questo importantissimo e strategico compito, auguro buon lavoro. Il dottor Mirabella conosce molto bene la situazione della sanità in provincia di Frosinone, visto che in passato ha già ricoperto i ruoli di direttore generale e direttore sanitario, dimostrando di avere doti e competenze manageriali. La sanità, specie in un momento particolare come quello che stiamo attraversando, ha assolutamente bisogno di professionisti esperti e capaci come lui”. Lo ha affermato in una nota il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese.

2 Luglio 2010 0

Abbruzzese: “Istituto Jemolo diventi ente di formazione”

Di Comunicato Stampa

“Quello che ho visto oggi mi induce non solo a ringraziare il Commissario Aldo Rivela e tutto il personale dello Jemolo per il prezioso lavoro sin qui svolto nell’interesse della Regione, ma ad assicurare il mio massimo impegno affinché, non appena avviata la nuova attività legislativa, si possa rapidamente approvare la nuova legge di riorganizzazione dell’Istituto regionale di studi e di ricerche giuridiche, come previsto dalla L. R. n.1 del 2008, trasformando questo importante Istituto regionale in un Ente di formazione, ricerca e consulenza, non solo giuridica ma anche economica, quale reale supporto scientifico alla attività della Giunta e del Consiglio Regionale”. E’ quanto ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, intervenuto questa mattina alla cerimonia conclusiva del corso su “La responsabilità amministrativa contabile: il Giudizio innanzi alla Corte dei Conti”.

“La pubblica amministrazione ha bisogno di professionisti seri e preparati che siano in grado di portare avanti una gestione efficiente e trasparente e di sburocratizzare sistemi spesso ancora ingessati- ha sottolineato Mario Abbruzzese. Dopo un periodo di transizione in cui si era ventilata l’idea di modificare o addirittura sopprimere l’Istituto, la Regione ha deciso di optare per il commissariamento, rinviando qualsiasi decisione ad una successiva legge. In questi anni dobbiamo riconoscere l’impegno dell’Istituto Jemolo che ha prodotto importanti e lusinghieri progressi, raddoppiando di fatto la propria offerta didattica, sia nell’ambito della formazione (sono stati allievi dello Jemolo alcuni fra i più noti magistrati ed avvocati del libero foro), che nell’ambito della ricerca e della editoria”.

“Va a questo proposito ricordata, tra le tante iniziative,- ha affermato il presidente del Consiglio Regionale – la realizzazione del Codice Coordinato delle Leggi e dei Regolamenti Regionali, opera che raccoglie la legislazione regionale attualmente vigente, dalla nascita dell’Ente Regione fino al 2008. L’attività formativa, sempre di alta specializzazione, ha interessato in questi ultimi tempi l’aggiornamento dei dipendenti pubblici sulle novità legislative intervenute, gli operatori della sanità, quelli della Protezione Civile ed ancora, giornalisti e giovani avvocati che, con il contributo della Comunità Economica Europea, sono stati avviati a tirocini professionali presso studi legali in tutta la Regione. Le Istituzioni hanno il dovere di continuare a sostenere istituti di studio e di ricerca come lo Jemolo. Oggi l’istituzione pubblica paga una diminuzione di credibilità e di prestigio e perde quella fiducia che necessariamente deve legare la cittadinanza a chi amministra la cosa pubblica, ma, soprattutto, la carente o la erronea utilizzazione delle risorse pubbliche determina una diminuzione delle potenzialità operative della Pubblica Amministrazione e, quindi, delle capacità di realizzazione dei fini istituzionali, minando la base del buon funzionamento delle Istituzioni. Accanto al danno erariale in senso stretto, infatti, il danno da disservizio e quello alla immagine della Pubblica Amministrazione oggi costituiscono, forse, il terreno di più vivace dibattito e di confronto”.

2 Luglio 2010 0

Federalismo, D’Aguanno: “Gli enti locali seguano la linea dettata dalla Regione”

Di Comunicato Stampa

Il consigliere regionale del Pdl, Annalisa D’Aguanno, rivolge un invito agli amministratori locali della provincia di Frosinone affinché prendano atto della fase di transizione verso il federalismo fiscale: «L’adozione di un sistema di valutazione delle prestazioni lavorative che riconosca il merito, il miglioramento dell’organizzazione del lavoro, l’incremento della trasparenza amministrativa, il corretto svolgimento delle attività di controllo interno sono scelte che anche in provincia di Frosinone i Comuni e gli enti locali devono far proprie al più presto – spiega -. Gli amministratori ciociari, al di là e al di sopra dei colori politici di appartenenza, devono seguire l’esempio della giunta Polverini nell’interesse delle comunità amministrate e per far fronte al passaggio del Paese verso il federalismo». L’esecutivo regionale ha infatti approvato, nei giorni scorsi, una proposta di legge regionale concernente “Norme in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle amministrazioni regionali”: si tratta di misure che saranno estese anche ad enti e soggetti privati a partecipazione regionale. «La bozza normativa – sottolinea l’onorevole D’Aguanno – assicura l’accessibilità totale agli atti, al fine di una maggiore trasparenza, anche attraverso la pubblicazione sui siti istituzionali delle informazioni concernenti ogni aspetto dell’organizzazione amministrativa, dei provvedimenti adottati e delle informazioni sui soggetti operanti nella pubblica amministrazione. Si tratta di un passo necessario anche per adeguare le nostre amministrazioni locali agli standard che in altri Paesi europei sono una realtà da tempo». «Nella sfida per la competitività dei territori – conclude il consigliere regionale del Pdl – non bisogna mai dimenticare che i servizi offerti dalla pubblica amministrazione giocano un ruolo di assoluto rilievo. La provincia di Frosinone ha negli enti le professionalità e le risorse per dare un contributo importante a sostegno dell’economia e nella prospettiva del necessario rilancio oltre che per sostenere a testa alta il confronto con le innovazioni connesse all’organizzazione federale dello Stato».

2 Luglio 2010 0

Niente soldi Cig ad operai Videocon, la solidarietà di Scalia

Di Comunicato Stampa

Il Consigliere regionale Francesco Scalia (PD) esprime la propria solidarietà e vicinanza ai dipendenti Videocon che da aprile scorso non percepiscono la Cassa Integrazione e che questa mattina hanno manifestato davanti alla sede di Frosinone dell’INPS. Tale stato di cose è determinato dal fatto che ancora la Regione Lazio non ha adottato la determina che autorizza l’erogazione della Cassa Integrazione in deroga. “Ho immediatamente telefonato al dirigente competente in Regione –ha affermato Scalia- per sollecitare l’adozione della determina in questione. Se nei prossimi giorni non si provvederà, mi rivolgerò direttamente alla Polverini con una interrogazione urgente e coinvolgerò tutto il gruppo consiliare del PD in una forte azione di protesta. Resta l’amarezza nel constatare – ha concluso Scalia – come anche i dipendenti Videocon, già prostrati da anni di disagi e di CIG, debbano pagare per la totale inerzia della Giunta Regionale. Come la Regione, anche la loro Cassa Integrazione è ferma da aprile ”

18 Giugno 2010 0

Abbruzzese: “La Regione parli di politica ai giovani attraverso il proprio sito internet”

Di Comunicato Stampa

“E’ opinione diffusa che esiste un distacco dei giovani dalla politica. Ma cadrebbe in errore chi credesse che i ragazzi siano politicamente disimpegnati, forse sarebbe più giusto dire disillusi. I dati evidenziano che Internet è diventato lo strumento di partecipazione politica preferito dai teen-ager. Non a caso sul mio profilo di Facebook, i contatti più numerosi sono quelli dei giovani. Significa che attraverso la rete loro si informano e partecipano alla vita politica. Dunque chi amministra e rappresenta le Istituzioni dovrebbe cogliere l’importanza di questi strumenti di partecipazione digitale. Sono convinto che la trasparenza e la semplificazione nella Pubblica Amministrazione sia grandemente favorita dalla pubblicazione di dati, informazioni e regole sulla rete web. Per fare una buona politica bisogna allora saper mettere a frutto quanto di utile ci consentono le nuove tecnologie. Sono convinto che se un giovane potesse verificare continuamente le attività delle Istituzioni potrebbe formarsi una coscienza politica, essere più motivato e sentire la cosa pubblica più vicina a se stesso. Mi sto attivando anche per far sì che il sito del Consiglio regionale del Lazio rappresenti una reale fonte di informazione e un esempio di trasparenza amministrativa. Spero fortemente che attraverso questo atteggiamento anche il network giovanile possa essere maggiormente sensibilizzato ad una partecipazione alla vita politica della nostra regione”. E’ quanto ha affermato il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, a margine del convegno, “I Social Network e Giovani 2.0: come la Rete può influenzare la politica”, che si è tenuto nel pomeriggio di oggi presso la biblioteca comunale di Cassino, su iniziativa dei “Giovani di Forza Cassino”.

17 Giugno 2010 0

Attacchi all’amministrazione, lo sfogo del sindaco Grincia

Di Comunicato Stampa

Il sindaco di Aquino Antonino Grincia si sfoga sui veleni gettati a secchiarte sulla sua amministrazione. “Il livello della lotta politica ad Aquino – scrive Grincia in una nota stampa – nell’ambito dell’Amministrazione comunale, ha raggiunto punte intollerabili e mai viste non solo qui, ma nemmeno nei centri del circondario. Nel giro di due anni, da che ho cominciato questo mandato, sono state decine e decine le denunce, gli esposti a magistratura e prefettura, le diffide, le richieste di scioglimento e commissariamento, ricorsi (respinti) al TAR, di uno dei gruppi di opposizione (Risi-Mazzaroppi) in un crescendo che ha del parossistico. Un atteggiamento che persegue non solo il tentativo di riuscire in qualsiasi modo (compreso quello di creare paure varie e vere e proprie intimidazioni tra i componenti la maggioranza) di far cadere l’Amministrazione, ma anche ancor più pervicace di non voler permettere il risanamento finanziario del Comune per far arrivare alla dichiarazione dello stato di dissesto con tutte le conseguenze che ne derivano, in primo luogo la messa in mobilità di dipendenti comunali e l’introduzione automatica del massimo dell’addizionale IRPEF. Contro gli ostacoli e i boicottaggi della peggiore specie, e con tanti sacrifici anche personali, l’Amministrazione è riuscita a superare tutti questi ostacoli compresi quelli dei ricorsi alla magistratura contabile e amministrativa, che non ha accolto ricorsi contro nostre deliberazioni che, queste sì, per una lunga serie di motivi non rispettavano i tempi regolarmente previsti. I componenti della maggioranza, e di questo li ringrazio, hanno approvato atti anche contro il parere del revisore contabile e del responsabile del servizio, pur di allontanare lo spettro del dissesto. Si sono superati anche questi scogli, nonostante quel gruppo di opposizione annunciava un giorno sì e l’altro pure, che il Consiglio sarebbe stato sciolto, e i tentativi, ripeto, ci sono stati tutti. Bene, oggi che abbiamo approvato delibere di Giunta Comunale (che poi saranno approvate col voto del Consiglio) con lo schema di bilancio che con grande fatica siamo riusciti a far rientrare nel “patto di stabilità”, con il parere positivo del responsabile del servizio e con il parere positivo del revisore dei conti, quindi tutto regolare, proprio adesso, pensa l’impensabile, cioè tentare di far addirittura sequestrare queste delibere che nell’originale devono essere portate in Consiglio Comunale per l’approvazione che deve essere fatta entro alcuni giorni. E tutto questo perchè?! Perchè secondo gli estensori della denuncia questi atti sarebbero ”non veritieri e non regolari”. Solo per questo e cioè per quanto dichiarato dai denuncianti, sono state “acquisite” dalla polizia di Stato del Commissariato di Cassino (la cui visita, fatto strano, era stata preannunciata da “qualcuno” in un sito web tutt’ora in rete, in data 8 giugno cioè sei giorni prima della “visita”) copie delle deliberazioni di cui ho detto prima. Ma l’intento era addirittura quello di farle “sequestrare” queste delibere, in modo tale che nemmeno si sarebbe potuto tenere il Consiglio per l’approvazione del bilancio, in spregio al mandato costituzionale e popolare, e ad un compito preciso che ha il Comune, “pena” lo scioglimento. Ripeto, la polizia di Stato ha acquisito le deliberazioni che la Giunta ha approvato alcune settimane fa, sol perchè, in un esposto, chiaramente identificabile, viene asserito che sarebbero “irregolari e non veritiere”. Voglio rassicurare i cittadini anche a nome di tutti gli altri membri della maggioranza frastornati dai titoloni, che il Sindaco di Aquino e tutti gli altri membri della compagine amministrativa, stanno lavorando nell’esclusivo interesse della loro città e da loro concittadini, con grande fatica e abnegazione, date le cose che succedono, ma anche con altrettanta determinazione e consapevolezza di stare nel giusto”. Antonino Grincia Sindaco di Aquino

17 Giugno 2010 0

La soddisfazione di Abbruzzese sull’esito del tavolo su induatria amianto

Di Comunicato Stampa

“Sono estremamente soddisfatto per l’esito dal Tavolo informale che si è riunito quest’oggi presso gli Uffici della Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio e al quale hanno preso parte il Presidente, Clementina D’Aguanno, ed alcuni rappresentanti del Comitato Villa NO/Amianto, il rappresentante dell’azienda Progetto Immobiliare Srl, Nizzoli Auro, il Sindaco del Comune di Villa Santa Lucia (Fr), Antonio Iannarelli, il Vice Sindaco, Giuseppe La Marra e l’Assessore ai LL.PP., Tommaso Nardoianni. Ho inteso promuovere questo incontro per rispettare un impegno preso assieme al Presidente Polverini con i cittadini in campagna elettorale. Durante la riunione l’impresa, su mia sollecitazione, ha deciso di accogliere la proposta di rinunciare ufficialmente al progetto di installazione di un impianto di inertizzazione delle lastre in ethernit a Villa Santa Lucia. Di questa decisione, che possiamo definire come un successo della politica, informerò immediatamente il Presidente Polverini e l’Assessore regionale all’Ambiente Mattei. Il principio che è stato affermato oggi, è che scelte come queste che hanno un forte impatto ambientale, devono essere concertate con la cittadinanza. Quindi vorrei ringraziare tutte le parti in causa per la disponibilità al confronto dimostrata in quest’occasione, che ha reso possibile il raggiungimento di una decisione che mette tutti d’accordo. Il compito della politica è quello di onorare le promesse fatte e quello delle istituzioni è di garantire il rispetto delle leggi e dei diritti dei cittadini”.Lo riferisce con una nota Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio.

17 Giugno 2010 0

Tedeschi (IdV): Ritiro del progetto amianto a Villa S. Lucia vittoria di tutti”

Di Comunicato Stampa

“Apprendo con soddisfazione del ritiro e definitivo accantonamento del progetto per l’impianto di smaltimento dell’amianto che si voleva costruire sul territorio di Villa S. Lucia”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale Annamaria Tedeschi. “E’ una vittoria di tutti i cittadini e del comitato “Villa no amianto”, della sua animatrice Clementina D’Aguanno e di tutte le forze politiche, prima fra tutte l’Italia dei Valori, che si sono impegnate per contratare questo impianto inquinante e dannoso. Considero l’atto di ritiro del progetto, da parte della società che voleva realizzarlo, un’implicita ammissione dell’improponibilità del’opera. Allo stesso tempo non posso dimenticare l’inerzia di alcuni esponenti politici locali di fronte a questo tentativo di lucrare alle spalle dei cittadini e della loro salute.”