Categoria: Frosinone

2 Ottobre 2019 0

Responsabilità professionale e sicurezza delle cure, duecento infermieri in convegno a Frosinone

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Lo stato dell’arte dell’applicazione della legge sulla sicurezza delle cure e la responsabilità professionale: ne parliamo con Federico Gelli.

Oltre duecento infermieri a convegno per ribadire l’esigenza di approfondire il tema della responsabilità professionale e della sicurezza delle cure.

L’evento, promosso dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Frosinone, ha come obiettivo quello di condividere e discutere il tema della sicurezza sia in linea generale, sia alla luce del nuovo codice deontologico degli Infermieri e, soprattutto analizzare l’argomento due anni dopo la Legge Gelli.

Il convegno si terrà sabato 05 Ottobre presso il Fornaci Cinema Village di Frosinone, ubicato in Via Giovanni Iacobucci, sarà una giornata scandita dai diversi interventi degli esperti del settore e delle figure istituzionali, per concludersi con una tavola rotonda e un dibattito.

Un evento che vuole rendere più consapevoli e preparati gli operatori su un tema cosi importante come la sicurezza, partendo dalla responsabilità sanitaria e arrivando alla sanità responsabile, interloquendo con i massimi esperti nazionali del settore: saranno presenti come relatori lo stesso On.le Federico Gelli, relatore della Legge omonima,la Segretaria della Federazione degli azionale Ordini delle Professioni Infermieristiche Dott.ssa Beatrice Mazzoleni e il Dott. Tonino Aceti già Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato e di Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva e ora portavoce della FNOPI, nonché l’ Avv.to Guido Locasciulli consulente legale della FNOPI e l’Avv.to Antonio Mastrangeli consulente legale dell’OPI di Frosinone, il tutto coordnato dalla VicePresidente dell’OPI di Frosinone Dott.ssa Loreana Macale che è la responsabile scientifica dell’evento.

Come Infermieri ravvisiamo la necessità di dover operare in maniera sicura, appropriata ed efficace anche attraverso una corretta interpretazionedella responsabilità sia a livello legislativo che deontologico: con questo incontro intendiamo anche sostenere con le nostre idee e le nostre azioni concrete l’approvazione dei decreti attuativi della Legge che appaiono comeè uno di quei tormentoni che si protraggono da troppo tempo. Consideriamo urgentissimo l’adempimento normativo in maniera da consentire una maggiore efficacia a tutto il ciclo di risk assesment e management sanitario a tutela degli operatori sanitari e dei cittadini.

Il Presidente Gennaro Scialò

2 Ottobre 2019 0

Rubano fiori, piante e vasi ornamentali per rivenderli, denunciati dai carabinieri tre giovani

Di Comunicato Stampa

ALATRI – La scorsa notte tre giovani a bordo di un’autovettura passando per il centro cittadino hanno fatto incetta di vasi ornamentali di fiori che abbellivano l’ingresso di alcune abitazioni e che poi avrebbero rivenduto per pochi euro.

Su segnalazione di alcuni cittadini, i militari del NORM della locale Compagnia seguendo le indicazioni fornite individuavano e fermavano gli autori dei furti, identificati in un 26enne, 25enne ed un 24enne, tutti del luogo, (di cui uno già censito per reati inerenti gli stupefacenti). A seguito di perquisizione veicolare, nel vano portabagagli venivano rinvenuti nr.7 vasi di fiori che gli stessi ammettevano di avere asportato nel centro di Alatri.

Espletate le formalità di rito i tre venivano deferito in stato di libertà per “furto aggravato in concorso” mentre i vasi rinvenuti venivano restituiti ai legittimi proprietari;

2 Ottobre 2019 0

Arrestato dai carabinieri un 43enne per rapina e sequestro di persona

Di Comunicato Stampa

FERENTINO –  La scorsa notte i militari del NORM della Compagnia di Anagni hanno tratto in arresto un 43enne residente nella provincia di Roma (già censito per reati inerenti gli stupefacenti, la persona ed il patrimonio), resosi responsabile dei reati di “sequestro di persona e rapina”. Il predetto allo scopo di ottenere una grossa somma di denaro da un cittadino del luogo, lo conduceva in una località impervia ove, dopo averlo minacciato e colpito alla testa con un oggetto contundente, si impossessava del suo portafogli contenente la somma di più di 2.000 euro. Successivamente il malfattore si recava presso l’abitazione del malcapitato ove, allertati dalla moglie di quest’ultimo, veniva sorpreso dai militari operanti mentre tentava di entrare al fine di impadronirsi di un’altra somma di denaro presente in casa. Nella circostanza il ferentinese faceva ricorso alle cure dei sanitari del pronto soccorso dell’Ospedale di Frosinone e riscontrato affetto da trauma cranico con ferita L.C, venendo dimesso con giorni 10 di prognosi.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone in attesa del rito direttissimo.

foto di repertorio

25 Settembre 2019 0

Frosinone; “Operazione Bazar” dei Carabinieri, una decina di arresti e sequestro di hashish e cocaina

Di felice pensabene

FROSINONE – Dalle prime ore dell’alba circa 60 Carabinieri delle Compagnie di Frosinone ed Alatri, con l’ausilio di due unità cinofili ed un elicottero del Raggruppamento Aeromobili Carabinieri di Pratica di Mare, hanno dato esecuzione a 13 provvedimenti di custodia cautelare, di cui: 6 in carcere, 2 ai domiciliari e 5 divieti di dimora con obbligo di presentazione alla P.G. emessi dalla Dott.ssa Ida LOGOLUSO, Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Frosinone, su richiesta del Dott. Adolfo COLETTA, Sostituto Procuratore di Frosinone.

L’Autorità Giudiziaria, condividendo in pieno il quadro accusatorio sviluppato dagli investigatori dei Carabinieri di Frosinone e di Alatri, ha ritenuto gli odierni indagati responsabili a vario titolo di acquisto, trasporto, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti di tipo “cocaina” e “hashish”, in concorso continuato, anche avvalendosi di altri soggetti, per le attività di cessione a terzi, tra i quali anche elementi con handicap psichiatrici.

L’indagine dei militari dei Nuclei Operativi e Radiomobile delle due Compagnie iniziava nel mese di marzo 2018, allorquando dagli ambienti delinquenziali locali trapelavano informazioni che indicavano alcuni soggetti dediti al trasporto, tra nord Italia, Albania e Germania, di sostanze stupefacenti con autovetture appositamente attrezzate da compiacenti carrozzieri per l’occultamento delle stesse al loro interno. I responsabili del traffico venivano individuati in alcuni personaggi di nazionalità albanese e rumena, i quali, con la connivenza di elementi locali gestivano alcune piazze di spaccio in vari comuni di questa Provincia, tra i quali Ferentino, Fiuggi, Vico nel Lazio, Alatri e Frosinone.

Il primo importante riscontro si otteneva quando veniva localizzata a Ferentino presso una nota autocarrozzeria un’autovettura alimentata anche a metano, i cui serbatoi erano stati sostituiti con “siluri” identici ai serbatoi originali, ma di fatto modificati per occultare e trasportare in sicurezza quantitativi di stupefacente.

L’importante scoperta forniva un prezioso contributo allo sviluppo dell’attività investigativa, al punto che l’A.G. autorizzava una pluralità di attività tecniche intercettive e la concreta sinergia messa in campo dai reparti operanti, consentiva di individuare i partecipanti al fenomeno criminoso e di raccogliere una moltitudine di elementi probatori a carico degli indagati, nonché di individuare ben sei piazze di spaccio operanti nei comuni prima citati.

Nel complesso, le investigazioni hanno permesso di debellare un importante “giro criminoso” di elevato spessore con importanti illeciti guadagni, di individuare altro canale di approvvigionamento facente capo a un’insospettabile infermiera di Ostia, che di volta in volta, a richiesta, riforniva la piazza di spaccio di Fiuggi, con a capo il 52enne S.M. e allo stesso tempo hanno portato all’arresto di: 9 persone in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti; 4 persone denunciate all’A.G. per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti; 5 persone segnalate alla Prefettura di Frosinone ai sensi dell’art. 75 DPR 309/90; al sequestro di kg. 1,130 di hashish, gr. 370 di cocaina e di cospicue somme di denaro provento dell’attività illecita, oltre a numeroso materiale per confezionamento della droga destinata al mercato.

Le indagini che sono state concluse a dicembre 2018, con l’esecuzione delle odierne misure cautelari nei confronti dei 13 indagati, di cui due di nazionalità Albanese, i quali, nonostante tutte le precauzioni adottate mediante l’utilizzo di frasari “convenzionali” per la conduzione dell’attività criminosa (Fettuccine/abbacchio/antimuffa) e per sviare eventuali investigazioni nei loro confronti, non sono riusciti ad eludere l’efficace ed incisivo monitoraggio dei Carabinieri operanti. Al termine dell’operazione, gli arrestati sono stati trasferiti presso la Casa Circondariale di questo Capoluogo, ad eccezione della donna condotta presso il carcere femminile di Roma Rebibbia e degli altri due posti agli arresti domiciliari presso le rispettive residenze.

25 Settembre 2019 0

Frosinone, minore allontanatosi dalla casa famiglia, i carabinieri lo ritrovano a casa del nonno

Di felice pensabene

FROSINONE – I servizi sociali del Comune di Frosinone, su ordinanza del Tribunale dei Minorenni di Roma, in data 23/11/2018 collocavano L.M. (nato a Frosinone il 2004) presso la comunità alloggio per minori di Caivano (NA). L’interessamento dei servizi sociali discende da problematiche afferenti i rapporti familiari, essendo stati i genitori sospesi dalla relativa potestà. Il ragazzo si allontanava volontariamente dalla struttura in data 04/09/2019 senza alcun preavviso e senza avere al seguito nessun cellulare. Le ricerche venivano diramate dalla Tenenza di Caivano, a seguito di denuncia di allontanamento presentata dalla responsabile di quel centro. Numerose le Forze di Polizia interessate all’attività. Le indagini atte a rintracciare il giovane si indirizzavano oltre che nella zona di Napoli, anche nel perugino, dove abita la madre, e nella Provincia di Frosinone, Comune dove risiede il padre. I numerosi accessi presso l’abitazione del padre davano esito negativo ma la diuturna ed efficace azione informativa del personale della Stazione Carabinieri di Frosinone consentiva di concentrare le ricerche nel vicino Comune di Giuliano di Roma dove i militari di quella Stazione, incontrato il nonno del ragazzo nella Piazza principale del paese, gli chiedevano notizie del nipote. L’uomo pur lamentandosi della scomparsa dello stesso, teneva un atteggiamento rilassato che insospettiva i Carabinieri. Questi, pertanto, decidevano di procedere ad una ispezione presso la sua abitazione dove, infatti, ritrovavano il ragazzo, il quale affermava di trovarsi lì solo dalla mattina odierna e non faceva riferimento alcuno a dove avesse trascorso i giorni precedenti. Il ragazzo si trova in ottime condizioni di salute ed è stato collocato presso una comunità “di Frosinone, in attesa di ulteriori decisioni da parte del Tribunale dei Minorenni di Roma.

FOTO DI REPERTORIO

25 Settembre 2019 0

Auto preparate per trasportare droga, 13 arresti nel frusinate

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Dalle prime ore della mattinata i Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone comandata dal colonnello Fabio Cagnazzo stanno dando esecuzione ad una Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dall’Ufficio Gip del Tribunale di Frosinone su richiesta della locale Procura (dott Adolfo Coletta) a carico di 13 persone, tutte ritenute responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’attività di indagine, avviata nel mese di marzo 2018 grazie a notizie fiduciarie e al ritrovamento di autovetture modificate per occultare sostanza stupefacente ha consentito di accertare l’esistenza nella Provincia di un autonomo ‘gruppo’ criminale con a capo cittadini albanesi che nel tempo avevano allestito in particolare nei comuni di Ferentino, Fiuggi, Frosinone, Alatri ed Ostia diverse piazze di spaccio di hashish e cocaina nonché individuare i canali di approvvigionamento dello stupefacente proveniente dal Nord-Italia.

23 Settembre 2019 0

Rally della Ciociaria 2019: Giannetti e Lepore fanno tris con la Skoda Fabia R5

Di felice pensabene

E’ stata una sfida a due sin dai primi metri di gara. La sesta edizione del rally della Ciociaria è stata incentrata sugli equipaggi delle due Skoda Fabia R5 di casa Colombi. Il vincitore delle ultime due edizioni della gara Emanuele Giannetti con il fido Lepore alle note e Antonio Bucciarelli con Riccardo Silvaggi sul sedile di destra. Al pronti è via della prima speciale della gara, la “Monte S.G. Campano di 8.64 chilometri, Antonio Bucciarelli, nonostante qualche problema di ‘ambientamento’ con la vettura, staccava il miglior tempo, con Giannetti che si girava al primo tornante, perdendo secondi preziosi, accusando un ritardo di 5,1 secondi. Seguivano ‘Mattonen’ autore di un super tempo con Mitsubishi Evo X con Giulia Taglienti alle note. Poi: Daniele Scaccia (Clio S16), Gianluca Bailonni con la bellissima Hyundai I20 R5 con il poliedrico quanto spettacolare Francesco Bucciarelli con la 207 S2000, per un totale di 44 equipaggi. La replica del piesse di “Monte” vedeva questa volta Giannetti precedere A. Bucciarelli di pochissimo, con la classifica della prima giornata che lo incoronava leader provvisorio della gara, con ‘Mattonen’ e Giulia Taglienti sempre ottimi terzi assoluti. A fine giornata il campione di Ceccano soddisfatto ci dichiarava: “Più di così non si può fare contro le due Skoda”. Domenica mattina risveglio sotto la pioggia per gli equipaggi che si dirigevano dal riordino notturno verso il parco assistenza. La prima sfida con il cronometro della seconda giornata era lungo la ‘piesse’ “Isola-Arpino” con i suoi 8,36 chilometri che si snodava lungo la provinciale e arrivava fino alla Torre di Cicerone in località Civitavecchia di Arpino. La classifica della prova, vedeva Bailonni buon quarto, seguito da A. Bucciarelli (Peugeot 207 S2000), Scaccia (Clio S16), Speranzini (Clio R3C), Trotta (Clio S16) e Luca Santoro (Mitsubishi Evo IX). In classifica generale il podio cambiava nuovamente con Giannetti che passava al comando della gara precedendo A. Bucciarelli di 1,6, terzo ‘Mattonen’ a 42.1, con Gianluca Bailonni subito alle sue spalle seguito da: F. Bucciarelli (Peugeot 207 S2000), Scaccia (Clio S16), Trotta (Clio S16), Santoro (Mitsubishi Evo IX), Fiorella (Peugeot 207 S2000) e Speranzini. Intanto la pioggia non dava scampo agli equipaggi, causando non pochi problemi all’economia della gara, costringendo la direzione gara all’annullamento della piesse 4 “Fontana Liri” per motivi di sicurezza, visto che la pioggia aveva trasportato dalla montagna detriti lungo la sede stradale. All’inizio del secondo giro sulle prove speciali del mattino, gli equipaggi affrontavano la ripetizione della “Isola Liri-Arpino” con una situazione metereologica un tantino migliore, ha visto primeggiare che con il successo di prova, balzava al comando della gara con Giannetti che pagava un ritardo di undici secondi, per via dell’appannamento del parabrezza. Terzo posto per ‘Mattonen’ insidiato da F. Bucciarelli con la sempre valida 207 S2000. Su questa prova lo stop forzato di Gianluca Bailonni, Fiorella, Trotta e A. D’Avelli. La nuova classifica generale vedeva quindi la coppia Antonio Bucciarelli e Riccardo Silvaggi precedere Emanuele Giannetti di 9,7 secondi, terzo ‘Mattonen’ a poco più di un minuto. Alle loro spalle: F. Bucciarelli; Luca Santoro; Scaccia, Massa, Speranzini e Graziano Taglienti con la sua Clio Williams. Dopo lo stop della ‘Fontana Liri 1’ nel primo giro dovuto alla sede stradale invasa da detriti per la pioggia caduta. Il secondo passaggio vedeva la prova accorciata (8,46 Km) con Giannetti che vinceva la prova con un distacco di 6,3. Saldamente terzo ‘Mattonen’. La generale, quando manca soltanto la prova della “Bagnara” che gli equipaggi dovranno percorrere due volte, vede A. Bucciarelli al comando della gara con un margine di 3,4 secondi su Giannetti, con ‘Mattonen’ sempre terzo. La top ten si completava con F. Bucciarelli quarto, seguito da Santoro, Scaccia, Speranzini, Massa, G. Taglienti e Ciotoli (Saxo). Ancora una volta il rally della Ciociaria, si è deciso con l’ultimo giro di prove speciali che corrispondono alla lunga ed insidiosissima “Bagnara” con i suoi quasi tredici chilometri e mezzo. La piesse che attraversa ben quattro comuni del rally della Ciociaria, ha cambiato la classifica, Emanuele Giannetti, vinceva la piesse staccando di ben 12,5 secondi Antonio Bucciarelli entrambi al volante di una Skoda Fabia R5 con i colori di Colombi Team. Con il successo in prova, Giannetti tornava al comando della gara con un margine di vantaggio di undici secondi ad una prova dal termine. Cambio anche sul gradino più basso del podio occupato fino a due prove dal termine da ‘Mattonen’ e Giulia Taglienti, a vantaggio di Francesco Bucciarelli con la Peugeot 207 S2000. Alle loro spalle un ottimo Alessandro Speranzini al debutto con la Clio R3C della HP Sport quinto assoluto. Seguivano Scaccia, Massa, G. Taglienti, Matteo Roma e Dimitri Mattone decimo. L’ultimo atto della gara, il secondo passaggio sulla “Bagnara” vedeva al via 23 equipaggi con Emanuele Giannetti al comando, che manteneva anche dopo l’ultima sfida con il cronometro sulla speciale della “Bagnara” dove precedeva di 5,4 secondi Antonio Bucciarelli con la vettura gemella del team Colombi. Terzo posto per l’altro Bucciarelli, Francesco infatti sulla doppia sfida della “Bagnara” strappava il gradino più basso del podio a ‘Mattonen’. CLASSIFICA ASSOLUTA 1) Giannetti-Lepore (Fabia R5) in 45’54.8; 2) Bucciarelli-Silvaggi (Fabia R5) a 16.7; 3) Bucciarelli F.-Roma V. (Peugeot 207 S2000) a 1’39.5; 4) Mattonen-Taglienti (Mistubishi Evo X) a 2’06.2; 5) Speranzini-Maini (Clio R3C) a 4’23.9; 6) Scaccia-Scaccia (Clio S1600) a 4’55.7; 7) Massa-d’Alessandro (Clio Rs N3) a 5’19.5; 8) Taglienti-Mariani (Clio Will. A7) a 5’50.7; 9) Ciotoli-Pietrobono (Saxo N2) a 6’31.0; 10) Vona-Vona (6’49.1

23 Settembre 2019 0

La Scuba si aggiudica il Torneo “Città di Frosinone”

Di felice pensabene

FROSINONE – La prima edizione del Torneo “Città di Frosinone” va alla Scuba, vincitrice con pieno merito della semifinale con Colleferro (93-67) e della finalissima con la Pallacanestro Veroli (89-73). Due belle affermazioni per la squadra allenata da Francesco Calcabrina che si proietta nel migliore dei modi al quarto di finale di Coppa Lazio, in programma domani (martedì 24 Settembre) a San Cesareo contro la SS Lazio.

Ad aprire il torneo la sfida fra Anagni e Veroli: una partita vera, vinta dai giallorossi per 77-75 al termine di quattro periodi in perenne equilibrio. Successivamente il rotondo successo (93-67) di Frosinone su Colleferro, in una gara sempre condotta dai gialloblù. Il 19-8 del primo quarto, infatti, testimonia il buon approccio avuto dai padroni di casa e sembra il preludio a una gara in archivio già all’intervallo. I ragazzi di Avenia, però, riescono a limitare i danni al 43-34 con cui si torna negli spogliatoi e si riportano addirittura a -2 nel corso della terza frazione. La Scuola Basket risponde subito e torna oltre la doppia cifra di vantaggio grazie a Ceccarelli, poi sono Rocchi e Grazzini a far scorrere i titoli di coda con le loro accelerazioni all’inizio dell’ultimo quarto.

Sul gradino più basso del podio si piazza Anagni che supera Colleferro 71-81 grazie alle ottime prove di Di Mambio e Coluzzi (50 punti in coppia), mentre dall’altra parte non bastano i 20 di Odigie e i 15 di Bagni. Nella finalissima è Veroli a partire meglio grazie a Vinci, capace di arrivare in doppia cifra dopo pochi minuti. Frosinone però ribalta ben presto l’inerzia della gara con Rocchi e Cara, trovando il primo vantaggio e poi il +5 grazie alla tripla di Ceccarelli sulla sirena del primo quarto. Nel secondo periodo anche Stazi e Bondatti forniscono ottime indicazioni a coach Calcabrina, la Scuba arriva così fino al +13, trascinata da Briglianti, e torna negli spogliatoi sul 44-35. Nel terzo periodo i verolani rosicchiano qualche punto ma i padroni di casa scaldano la mano da dietro l’arco e scappano via: a segno Rocchi, Ceccarelli e Stazi per il +19 che, di fatto, chiude l’incontro. La truppa di De Rosa prova a rientrare ma non torna mai realmente a contatto, anche perché Ceccarelli rispedisce al mittente ogni tentativo di rimonta.

“Siamo contenti di aver vinto il torneo – afferma l’allenatore della Scuba, Francesco Calcabrina – perché ci tenevamo, da società organizzatrice, a portare a casa la prima edizione. La partita con Veroli è stata migliore di quella con Colleferro, ho avuto buone risposte dalla panchina con l’ottimo impatto di Fassiotti e Bondatti. Andiamo ancora a sprazzi: a volte la difesa gira bene e ci permette di andare in contropiede, in altri momenti fatichiamo nelle rotazioni, negli aiuti e nei rimbalzi. In tal senso giocare tre partite in quattro giorni non aiuta: martedì infatti troveremo un avversario più fresco, anche per l’età media molto bassa del roster, ma comunque arriviamo alla sfida dei quarti di Coppa con il morale alto e con l’obiettivo di vincere per accedere alle Final Four”.

“In questo torneo abbiamo iniziato a mettere in campo le indicazioni del coach – dichiara il play Davide Grazzini -, in particolare contro Veroli siamo andati molto bene, tutti hanno dato un ottimo contributo in attacco e in difesa, anche i ragazzi che di soliti giocano meno. Ora ricarichiamo le batterie, martedì daremo tutto per centrare l’obiettivo Final Four”.

Semifinali Pallacanestro Veroli 77 – Fortitudo Anagni 75 Veroli: Iannarilli 12, Fiorini G. 27, Galuppi 12, Vinci 4, Fontana, Biasini n.e., Iannozzi n.e., De Francesco 8, Fiorini M. 14, Iannozzi n.e., Moraldi. Coach: De Rosa Anagni: Pasqualoni 2, Ruggieri 5, Coluzzi 17, Capotorto 20, Neccia n.e., Santucci 15, Di Mambo 6, Morrea, Fontana 3, Faraoni. Coach: De Simoni

Scuola Basket Frosinone 93 – Pallacanestro Colleferro 67 Frosinone: Bondatti 2, Grazzini 7, Efficace 6, Stazi 9, Rocchi 14, Briglianti 21, Fassiotti 1, Malizia, Bosco, Lepore, Ceccarelli 22, Cara 11. Coach: Calcabrina, ass. coach: Gattabuia Colleferro: Ricchiuto 11, Chelucci 5, Bagni, Cancia 11, Petri 2, Preti 4, Rossi, Tucci 2, Odigie 22, Iadicola 6, Alessandrini, Ruszczuk 4. Coach: Avenia

Finali 3°/4° posto Pallacanestro Colleferro 71 – Fortitudo Anagni 81 Colleferro: Ricchiuto 2, Chelucci 9, Bagni 15, Cancia 11, Preti n.e., Petri, Rossi n.e., Tucci, Odigie 20, Alessandrini 14. Coach: Avenia Anagni: Capotorto 4, Ruggeri 10, Coluzzi 21, Neccia 4, Santucci 4, Di Mambro 29, Morrea 7, Faraoni n.e., Fontana 2. Coach: De Simoni

Finale 1°/2° posto Scuola Basket Frosinone 89 – Pallacanestro Veroli 73 Parziali: 23-18, 21-17, 23-13, 22-25 Frosinone: Bondatti 5, Grazzini 6, Efficace 2, Stazi 6, Rocchi 11, Briglianti 20, Fassiotti, Malizia 2, Bosco, Lepore 2, Ceccarelli 26, Cara 9. Coach: Calcabrina Veroli: Mauti 10, Iannarilli 4, Fiorini G. 10, Vinci 20, Fontana, De Francesco 10, Iannozzi D., Moraldi, Iannozzi L., Fiorini M. 19. Coach: De Rosa.

21 Settembre 2019 0

Frosinone, presentato lo staff dell’Ufficio Stampa della Questura

Di felice pensabene

FROSINONE – Il Questore di Frosinone, dott. Leonardo Biagioli, ha presentato alla cittadinanza lo staff dell’Ufficio Stampa della Questura: nuovo portavoce è il Vice Questore dott. Cristiano Bertolotti, ed il Vice Ispettore Luciana Cardarelli è il responsabile dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico ed addetto stampa. Il Questore ha sottolineato l’importanza della funzione delle due figure professionali per il potenziamento delle capacità dell’Istituzione di essere sempre in contatto non solo con il mondo dell’informazione, ma, soprattutto, con l’intera cittadinanza, aumentando le possibilità di intercettare i segnali diffusi che ne provengono, non solo riguardanti la legalità in senso lato, ma anche delle vere e proprie richieste di aiuto. Il comportamento dei nostri concittadini indica che la nostra istituzione è considerata ormai come un polo di attenzione e di ascolto a cui ci si può rivolgere in qualsiasi frangente. Le nomine presentate oggi, si innestano nel processo di coinvolgimento dell’Istituzione nel mondo dei social per essere sempre presenti e soprattutto attenti ai profondi e veloci cambiamenti della società.. Il Vice questore dott. Cristiano Bertolotti nel ringraziare il Questore per l’incarico ricevuto ha dichiarato la sua disponibilità a tutti gli organi di stampa per poter aderire completamente all’ esigenza di fornire alla cittadinanza una informazione il più possibile completa, corretta, trasparente e soprattutto tempestiva. “Esserci sempre” per tutti i cittadini, ha dichiarato il Vice Ispettore Luciana Cardarelli, è il nostro compito.

21 Settembre 2019 0

Vendono un’autoradio on line, ma incassato l’importo spariscono con la merce. Denunciati due romani

Di felice pensabene

ESPERIA – Nella mattinata odierna  i Carabinieri della locale Stazione deferivano un 39enne ed una 43enne, residenti nella provincia di Roma, con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio, poiché ritenuti responsabili del reato di “truffa in concorso”.

Le indagini espletate dai militari operanti consentivano di accertare che i prevenuti avevano pubblicato su facebook un annuncio circa la vendita di un autoradio, inducendo un 42enne, residente ad Esperia, all’acquisto dell’apparecchio previo accredito di 130 euro sulla postepay degli indagati che, ricevuto il pagamento, non consegnavano la merce, rendendosi irreperibili.

foto di repertorio