Categoria: Cassino

14 Novembre 2019 0

Sotto processo per violenza sessuale, cassinate assolto e denuncia la ex moglie per calunnia

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Da accusato ad accusatore. Un cassinate denunciato dalla ex moglie per violenze sessuali e maltrattamenti, dopo l’assoluzione in tribunale a Cassino denuncerá la donna per calunnia.

La vicenda legale nasce nel 2017 quando l’uomo scopre di essere iscritto nel registro di indagati per violenza sessuale e maltrattamenti. A denunciarlo era stata la ex consorte, due anni prima. La donna, al termine del loro rapporto, ha sostenuto che negli anni precedenti aveva subito violenze e maltrattamenti dall’uomo indicando anche testimoni.

L’indagato, assistito dall’avvocato Armando Caporicci, ha presentato una memoria difensiva e chiesto il rito abbreviato. Nel corso del processo il giudice ha ascoltato la parte lesa ma alla fine ha assolto l’imputato con la formula “il fatto non costituisce reato”.

Sollevato si, ma tutt’altro che intenzionato a metterci una pietra su, ha dato mandato al suo legale di denunciare la ex per calunnia.

8 Novembre 2019 0

La prefettura toglie 102 migranti dalla gestione della coop Lavorare per la salute

Di Ermanno Amedei

I centodue migranti in attesa di permesso di soggiorno e, per questo affidati alla gestione della cooperativa Lavoro e Salute di Cassino, sono stati affidati ad altre strutture della provincia. Il provvedimento è scaturito in seguito all’operazione congiunta guardia di Finanza e polizia di Stato di Cassino, denominata Welcome to Cassino, che ha portato ad inscrivere nel registro degli indagati 25 persone, in larga parte gestori di tre cooperative che operano nel settore dell’accoglienza stranieri. Delle tre cooperative solo una Lavoro e Salute si occupava di Cas (Centro accoglienza stranieri) di competenza della Prefettura. I conti correnti sequestrati non permettono la gestione quotidiana degli ospiti e, forse anche per questo, la prefettura ha revocato l’incarico alla cooperativa che aveva strutture a Cassino, Villa Santa Lucia e Roccasecca distribuendo i 102 migranti in altre strutture della provincia.

7 Novembre 2019 0

TERREMOTO – Scuole chiuse a Cassino. Trenitalia ferma i convogli sulla linea Roma Napoli

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – La forte scossa di Terremoto registrata oggi pomeriggio alle 18.35 di magnitudo 4.4 ha avuto il suo epicentro a Balsorano, al confine, quindi, tra Lazio ed Abruzzo.

Il sisma quindi, è stato avvertito in tutta la provincia di Frosinone generando paura ma per fortuna, non si registrerebbero feriti. Nel sorano, sono comparse crepa ai muri e crolli di piccoli pezzi di intonaco.

Intanto però, per precauzione, molti comuni hanno già disposto la chiusura delle scuole per domani. Tra questi c’è sicuramente Cassino.

Disagi anche per i pendolari della rete ferroviaria Roma Napoli dove Trenitalia, a scopo precauzionale Trenitalia ha sospeso la linea fermando i convogli per effettuare verifiche strutturali.

31 Ottobre 2019 0

Appartamenti Ater sequestrati a Cassino, sottratti a famiglia di pregiudicati

Di Comunicato Stampa

I Carabinieri della Compagnia di Cassino stanno dando esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di 2 appartamenti emesso dal GIP del tribunale di Cassino su richiesta della Procura della Repubblica di Cassino, nei confronti della famiglia Morelli noti pregiudicati del cassinate per essersi introdotti al fine di occuparli all’interno di due appartamenti dell’ ATER e destinati invece a soddisfare le esigenze abitative di persone meno abbienti.

25 Ottobre 2019 0

Oltre 200 giovani volontari giurano nella Caserma “Lolli Ghetti” di Cassino

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Nel primo pomeriggio di ieri all’interno della caserma “Lolli Ghetti”, alla presenza del Comandante della Scuola di Fanteria, Generale di Brigata Giuseppe FARAGLIA, del Comandante della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, Generale di Brigata Pietro ADDIS, ha avuto luogo la cerimonia di giuramento dei Volontari in Ferma Prefissata di un anno del 2° Blocco 2019.

Alla Cerimonia, hanno partecipato numerose Autorità civili, militari e religiose, tra le quali il Prefetto della Provincia di Frosinone Ignazio PORTELLI e il Sindaco della città di Cassino Enzo SALERA, i Gonfaloni dei comuni di Cassino e Mignano Montelungo, decorati di Medaglia d’Oro al Valor Militare e dei comuni limitrofi, i labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma. Inoltre, ad arricchire la cornice del solenne evento un nutrito gruppo di bambini delle scuole elementari del Plesso della Città di Cassino e un piccolo esercito fatto di oltre 1000 familiari ed amici dei Volontari. La massiccia presenza di ospiti è stata l’ulteriore conferma dei saldi e sinceri legami instaurati tra il territorio e il Reggimento.

Davanti a questa variopinta cornice di ospiti e alla gloriosa Bandiera di Guerra dell’80° Reggimento Addestramento Volontari “Roma”, decorata dell’ Ordine Militare d’Italia, di due medaglie d’oro e una di bronzo al Valor Militare, i giovani soldati hanno giurato fedeltà alla repubblica italiana, coronando l’impegno e i sacrifici fatti nelle prime settimane di corso e suggellando il momento con le parole più importanti nella vita di un militare: “Lo Giuro”.

“Fedeltà, disciplina, onore e senso del dovere sono i valori che prestando giuramento vi impegnate a rispettare e su cui imposterete la vostra vita militare. Indossate con fierezza e orgoglio la divisa e siate sempre pronti a fare la differenza”. Con queste parole il Comandante del 80° Reggimento Addestramento Volontari “Roma”, Colonnello Salvatore PIGNATARO, ha sottolineato la solennità del giuramento prestato.

Immediatamente dopo nel suo discorso, il Generale FARAGLIA, ha evidenziato l’importanza e al tempo stesso la difficoltà della scelta fatta che li ha portati ad allontanarsi dalle loro famiglie e dai loro luoghi di nascita per entrare nella grande famiglia dell’Esercito. Ha inoltre spronato gli allievi a continuare il percorso intrapreso con impegno, professionalità e dedizione ricordando che il giuramento è un vincolo personale che impegna ciascun militare nei confronti della collettività.

Ed é proprio seguendo questi principi che il giorno prima della cerimonia il 23 ottobre è stato consegnato loro il diario “Io Sono un Soldato” per guidarli ad intraprendere questa professione seguendo i fondamenti etici e morali che sono alla base dell’essere militare e permettendogli di annotare le importanti ed indimenticabili esperienze che vivranno lungo questo percorso.

24 Ottobre 2019 0

Convegno sulle cure Palliative, Diritti in movimento Lazio e Cooperativa Domenica insieme per la cura dei malati  

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Si svolgerà domani (25 ottobre 2019) presso la Sala degli Abati in Cassino a partire dalle ore 15:00 il convegno ”Le cure palliative: la comunicazione è tempo di cura”. Del diritto ad entrare in Cure Palliative previsto dalle Leggi 38/10 e 219/17, attraverso una preliminare pianificazione delle cure e dell’aiuto palliativo a non soffrire, se ne parlerà a Cassino grazie a  Diritti in Movimento Lazio (Coord. Regionale Avv. Michela del Vecchio) con il supporto logistico della BCC Terra di Lavoro e della Società Cooperativa Domenica -Settore Servizi Socio Sanitari.

All’apertura dei lavori sarà presente Mons.   Gerardo Antonazzo, Vescovo della Diocesi di Sora – Cassino – Pontecorvo – Aquino che interverrà per sottolineare l’importanza della spiritualità nel fine vita.

Temi di attualità dunque in cui i relatori spazieranno dalla Pianificazione Condivisa delle Cure all’importanza della Terapia del Dolore fino alla stessa presa in carico per l’attivazione del percorso palliativo senza sottacere della rilevanza del consenso informato e dell’amministrazione di sostegno.

“Si ricorda inoltre – dichiara l’organizzazione- che il  25 settembre 2019 la Corte Costituzionale si è pronunciata sul caso di DJ Fabo. Questa sentenza non ha riconosciuto il diritto al suicidio medicalmente assistito. Al contrario ha sottolineato  la solidarietà nei confronti di chi soffre attraverso l’attivazione di un percorso palliativo consente la protezione della persona”.

L’evento è accreditato per la formazione professionale sia dall’Ordine degli Avvocati del Foro di Cassino che dall’Ordine degli Assistenti  Sociali del Lazio.

23 Ottobre 2019 0

Operazione Welcome to Italy a Cassino, quando “l’uomo nero” non è lo straniero

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Meglio di come è stato fatto a Cassino non può essere illustrato il fallimentare sistema della gestione dei migranti.

Nell’operazione Welcome to Italy scattata questa mattina nella città Martire le parti offese sono, oltre allo Stato che veniva truffato, soprattutto lo sono i migranti; persone per le quali venivano messe a disposizione somme gestite da chi doveva occuparsi del loro benessere e del loro dignitoso vivere. Invece i “gestori” facevano la “cresta” sui disperati lasciando loro solo le briciole.

Soldi che invece di essere destinati a pulizie per alloggi puliti e dignitosi in cui far vivere gli stranieri; invece di essere spesi per offrire loro cibo adeguato, per provvedere al loro vestiario e alla loro preparazione culturale, fosse anche il solo studio della lingua italiana, venivano utilizzati per ristrutturare ville (proprie e non dei migranti), per comprare auto di grossa cilindrata, per pagare lussuose feste di compleanno. Una truffa allo Stato e una beffa ai migranti realizzata, secondo la Procura della Repubblica di Cassino, con un sistema malavitoso che si avvaleva di fatture false e abuso di potere di amministratori pubblici che allontanavano dallaffare le altre cooperative che tentavano di aprire strutture nel territorio.

Insomma una vicenda nella quale “l’uomo nero” non era certamente il migrante ma i volti svelati dal lavoro investigativo che ha portato la Procura ad iscrivere nel registro degli indagati 25 persone, di cui 18 questa mattina colpite da misure cautelari. Tra loro nomi noti, gli ex sindaci Bruno Scittarelli (di Cassino) e Modesto Della Rosa (di San Giorgio a Liri), ma anche Dino Secondino ex presidente del Consiglio Comunale di Cassino e Francesco Mosillo ex vice presidente del Cosilam.

Ermanno Amedei

23 Ottobre 2019 1

Accoglienza migranti, 25 indagati a Cassino e sequestri per 3 milioni di euro

Di Ermanno Amedei

CASSINO – “Welcome to Italy” il saluto agli stranieri che arrivano in Italia, ha dato il nome all’indagine che ha portato la Procura di Cassino ad iscrivere nel registro degli indagati 25 persone facendo scattare le misure cautelari per 18 di essi con sequestri per 3 milioni di euro.

Sin dalle prime luci dell’alba, gli uomini della Questura e del Comando Provinciale GdF di Frosinone stanno eseguendo, su disposizione del G.I.P. presso il Tribunale di Cassino, Dott. Domenico di Croce, ordinanze di applicazione di misure cautelari personali e reali in tre diverse Regioni (Lazio, Campania e Molise) e cinque Province (Frosinone, Latina, Rieti, Caserta ed Isernia), nei confronti di appartenenti a due sodalizi criminali attivi nel settore dell’accoglienza ai migranti. Le indagini, coordinate Procuratore Capo Dott. Luciano d’Emmanuele e del Sostituto Procuratore Dott. Alfredo Mattei, hanno acceso i riflettori su un articolato sistema di frode che, anche grazie alla corruzione di pubblici ufficiali preposti ai controlli e Sindaci, ha consentito ai sodali di appropriarsi indebitamente di ingenti somme di denaro.

22 Ottobre 2019 0

Flash-mob a Cassino – Lettura in piazza di passi scelti dall’Iliade e Odissea, Eneide e storie di miti

Di Antonio Nardelli

Flash-mob domani mattina mercoledì 23 ottobre 2019 in piazza Labriola a Cassino alle ore 10.30, dove gli studenti del Liceo Classico Statale “G. Carducci” di Cassino terranno una Lettura di passi scelti dall’Iliade e Odissea, Eneide e storie di miti.

L’evento, organizzato dalla professoressa Silvana Grossi, rientra nell’iniziativa dell’Aie #ioleggoperchè, che coinvolge più di 15200 scuole di ogni ordine e grado, 3 milioni di studenti e 3400 librerie in tutta Italia. #Ioleggoperchè è una campagna di comunicazione della Presidenza del Consiglio dei ministri. Il ministro Fioramonti ha detto che sono questi i risultati che dimostrano quanto funzioni la sinergia tra istituzione, entri privati e cittadini per diffondere la cultura perchè dove c’è un ragazzo ci deve essere un libro.

18 Ottobre 2019 0

Gestione illecita di rifiuti a Cassino, sequestrata area di 1000 metri quadrati

Di Ermanno Amedei

CASSINO – La Stazione Carabinieri Forestale di Cassino, coadiuvati dal Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Frosinone, hanno accertato una gestione illecita di rifiuti all’interno di uno stabilimento nel cassinate.

I militari hanno riscontrato su un piazzale la presenza di una ingente quantità di rifiuti, in particolare circa 1.000 metri cubi di rifiuti di varia tipologia (fibre tessili di materiale plastico, circa 80 fusti di metallo, un centinaio di pneumatici da mezzi d’opera, apparecchiature elettriche e macchinari) mischiati tra loro in maniera incontrollata.

L’area di stoccaggio delle dimensioni di circa 1.000 mq è risultata inoltre priva della prevista rete per la raccolta delle acque di prima pioggia e del relativo impianto di depurazione ed il muro di recinzione presentava aperture che consentivano il drenaggio dell’acqua verso l’esterno dell’impianto.

I militari hanno proceduto a deferire alla A.G. l’Amministratore Unico della Società proprietaria dello stabilimento e a sequestrare l’area destinata allo stoccaggio dei rifiuti. Continua è l’azione dei Carabinieri Forestali finalizzata al controllo della corretta gestione dei rifiuti da parte delle attività produttive nella provincia.