Categoria: Cassino

7 Giugno 2019 0

Le Emozioni hanno voce: quella della 2B dell’elementare San Silvestro

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO –  Un viaggio tra l’inquietudine creativa di Renoir, passando per l’angoscia di Munch e la violenza pittorica di Ligabue, fino ad arrivare agli stati d’animo ‘colorati’ di Van Gogh.  Non siamo al MoMA di New York ma nell’androne della scuola elementare San Silvestro di Cassino dove gli alunni della 2 B si sono improvvisati, sotto la guida delle insegnanti, critici osservatori, per andare ad indagare nella sfera emozionale ‘sfruttando’ l’arte pittorica.

Dare voce alle emozioni non è un affare semplice. Imparare a riconoscere le emozioni, imparare ad affrontarle e a gestirle crea sicuramente un clima più sereno con sé stessi e con gli altri.   Ed il titolo del progetto “Stare bene a scuola” racconta in pieno lo spirito del percorso che ha portato i bambini a riconoscere le emozioni che regolano la quotidianità e a rappresentarle in un saggio di fine anno in cui sono stati mostrati i vari passi del progetto interdisciplinare curato dalle insegnanti GRADINI BARBARA, CUNTO VALENTINA,  VERRECCHIA ANNA MARIA,  DELICATO ISABELLA, EVANGELISTA ROSSANA.

Non solo arte perché gli alunni della 2B hanno impersonato la rabbia, la felicità, la paura, la tristezza, la gelosia anche attraverso la musica, da Vasco Rossi a Cyndi Lauper, in una rappresentazione di fine anno trasversale in cui ogni bambino si è messo in gioco, con semplicità e consapevolezza.

Un gioco da ragazzi quello che è sembrato vedendo la spontaneità dei bambini di seconda elementare ma che presuppone invece un lavoro fatto attraverso varie stimolazioni: racconti, produzioni scritte, disegni, canzoni, film – con la proiezione e la spiegazione di Inside Out, il film d’animazione che personifica il viaggio emozionale interiore presente in ciascuno di noi. Da questo lavoro è nata così una raccolta di emozioni che ogni bambino ha creato, illustrato e rilegato, creando un vero e proprio vademecum emozionale.

Senza che se ne rendessero conto i bambini hanno imparato la preziosa arte della prossemica,  la disciplina semiologica che studia i gesti, il comportamento, lo spazio e le distanze all’interno di una comunicazione, sia verbale sia non verbale. Il tutto attraverso l’arte del gioco.

Nella gestione di alcune emozioni, quelle più forti, tipo la rabbia, sono emersi differenti vissuti che, anche se con qualche difficoltà, sono stati affrontati e oltrepassati. Un modo questo anche per superare quelle difficoltà che spesso impediscono ai più piccoli di spiccare il volo.

Difficoltà anche nell’esecuzione pratica del progetto dettate dalle ‘solite’ ristrettezze economiche cui la scuola italiana è condannata. Ma, come suggerito dal team delle insegnanti, le difficoltà si superano anche con l’ingegno ed allora tutto è diventato ottimo materiale da riciclo, ridando vita ad ogni cosa che sembri non essere più utile.

Un progetto dunque non solo finalizzato alla rappresentazione scolastica di fine anno ma un percorso che ha plasmato ogni alunno, suggerendo diversi spunti di riflessione e di approccio alla quotidianità, anche quella fatta di ostacoli e difficoltà da superare.

21 bambini ‘colorati’ hanno vestito i panni delle emozioni per spiegare agli adulti che le emozioni hanno una voce, basta saperla riconoscere ed ascoltare!

 

 

 

6 Giugno 2019 0

Fermato in A1 dalla Polstrada di Cassino un furgone con attrezzature da cantiere di dubbia provenienza

Di redazionecassino1

CASSINO – Fermato in A1 dalla Polizia stradale di Cassino un furgone Fiorino carico di attrezzi da cantiere di ogni genere.

Alla guida del veicolo due uomini di 45 e 35 anni. Gli occupanti del furgone non hanno saputo spiegare agli aenti della Polstrada la provenienza del materiale trasportato il cui valore, da un primo accertamento dei militari si aggirerebbe intorno ai diecimila euro.

Gli agenti della sottosezione della Polizia stradale di Cassino stanno cercando di stabilire la provenienza del materiale e s si tratti di arnesi frutto di un furto.

foto di repertorio

4 Giugno 2019 0

Cassino, in campo Miranda la ‘Festa di fine Ramadan’, momento di preghiera e pace per la comunità islamica

Di redazionecassino1

CASSINO – Si è data appuntamento questa mattina in campo Miranda a Cassino la comunità islamica del basso Lazio per festeggiare la fine del Ramadan.

Una cerimonia semplice, di poco più di un’ora, una festa per tutta la comunità, una consuetudine ormai consolidata da qualche anno che vede la comunità islamica di Cassino riunirsi per questa tradizionale festa che segue il digiuno per un mese dall’alba al tramonto.

Celebrare l’aid l-fitr, la festa di fine Ramadan un mese di digiuno, elemosina e preghiere dedicato al Signore e ai più bisognosi. Il digiuno ispira solidarietà verso i poveri e rafforza i legami di fratellanza. Sperimentare la fame e la sete in prima persona aiuta a comprendere la pena di coloro che lottano per avere il cibo necessario alla sopravvivenza. Un periodo di forte devozione caratterizzato da molteplici aspetti, non limitati prettamente al digiuno alimentare e che rappresenta uno dei cinque pilastri dell’Islam.

Per il momento di preghiera, di festa e di pace il folto gruppo di fedeli si è riunito rispettando la tradizione anche quest’anno in una parte del parcheggio di campo Miranda. Al termine della cerimonia il banchetto con dolcetti tipici di Ramadan.

F. Pensabene

4 Giugno 2019 0

Da Ventotene a Montecassino, in marcia per l’Europa e per la Pace

Di admin

CASSINO – Si è svolta la prima edizione della “Marcia per l’Europa” Ventotene-Cassino-Montecassino con gli studenti dell’IIS “Medaglia d’Oro citta di Cassino” in occasione della celebrazione della Festa dell’Europa

“Un’iniziativa di elevato senso culturale ed etico, che parte proprio da quell’isola dove Altiero Spinelli e Ernesto Rossi, durante il loro confino, per la prima volta hanno parlato di una federazione europea quale garanzia di libertà e pacifica cooperazione fra i popoli”.

E’ quanto si legge in una nota di Asdoe.

“La scelta di una Marcia, intesa come emblema di pace e dialogo,   “Ventotene-Cassino – Montecassino”, nasce da un’idea del prof. Antonio Riccardi presidente associazione docenti europei ASDOE, in considerazione degli orrori della guerra, in particolare dei combattimenti avvenuti sulla Linea Gustav che hanno visto protagonisti gli eserciti di tutte le nazioni coinvolte nella seconda guerra mondiale. L’arrivo presso l’Abbazia di Montecassino, la quale per secoli ha rappresentato un autentico faro culturale, ha voluto sottolineare la continuità  tra la realtà attuale il messaggio, nonchè l’eredità spirituale di San Benedetto, fondatore dell’Abbazia stessa e Protettore d’Europa.

La fiaccola è stata accesa dal primo cittadino di Ventotene e consegnata ai giovani studenti della delegazione proveniente da Cassino composta dal dirigente scolastico IIS “Medaglia d’Oro città di Cassino” prof. Marcello Bianchi e le prof.sse Maria Luciani e Vittoria Vettese, dal sub commissario dott. Pierino Malandrucco e il dott. Giovanni Lena per il comune di Cassino, dal prof. Alessandro Silvestri per l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, dal dott. Giovanni Morsillo presidente ANPI Frosinone, dal presidente Centro Documentazione e Studi Cassinati dott. Gaetano de Angelis Curtis, dal presidente Associazione Docenti Europei prof. Antonio Riccardi, dal responsabile del Centro Exodus di Cassino dott. Luigi Maccaro, dal presidente del CUS Cassino prof. Carmine Calce e da altri rappresentanti di associazioni del territorio.    Il sindaco Gerardo Santomauro a nome della cittadinanza ha manifestato entusiastica approvazione verso l’iniziativa augurandosi possa ripetersi negli anni a venire, nello spirito di un rinnovamento delle comuni origini dei popoli europei che si esprimono attraverso l’accoglienza, il rispetto reciproco e la realizzazione del bene comune; come ci insegna anche San Benedetto con il suo Motto “Ora et Labora”, che sottolinea la centralità dell’uomo e dello spazio in cui vive. Dopo la cerimonia dell’accensione della fiaccola, la delegazione si è incamminata sul percorso dei confinati per giungere al cimitero dove è stata deposta una corona di alloro sulla tomba di Altiero Spinelli mentre la studentessa Gessica Cesarano ha letto, in un’atmosfera commossa, il paragrafo conclusivo del Manifesto di Ventotene. Il giorno della Marcia Cassino – Montecassino, davanti al monumento dei caduti, la fiaccola è stata consegnata dal sub commissario Pierino Malandrucco agli studenti della scuola media nelle mani della dirigente Simeone e successivamente dal piazzale dell’IIS “Medaglia d’Oro città di Cassino” gremito di tantissimi studenti e docenti, è  partito un lunghissimo corteo festoso alla volta del Monastero benedettino, con in testa il dirigente scolastico prof. Marcello Bianchi. La fiaccola e l’intero corteo composto da oltre 600 giovani, entrando attraverso la porta PAX, sono stati accolti nella Basilica da Don Giuseppe che ha illustrato il pensiero di San Benedetto patrono d’Europa. Il Coro ASDOE ha eseguito l’inno d’Italia e l’inno alla gioia. Letti dagli studenti alcuni passi del Manifesto in diverse lingue dell’Unione. La manifestazione si è conclusa con il saluto della prof.ssa Maria Ausilia Mancini in rappresentanza del Comune di Ventotene che ha condiviso la “poesia dolorosa” dell’Addio all’Isola di Altiero Spinelli”.

3 Giugno 2019 1

Cassino, accordo di programma raggiunto tra Salera e De Sanctis per il ballottaggio

Di redazionecassino1

CASSINO – Il turno di ballottaggio del prossimo 9 giugno dà i primi risultati nonostante le dichiarazioni iniziali che da una parte e dall’altra non prevedevano accordi o apparentamenti con gli altri candidati. Una posizione a cui nessuno credeva, e forse neppure i diretti interessati, visti gli oltre ottomila voti incassati dagli altri candidati, per la maggior parte da Petrarcone a cui entrambi i candidati impegnati nel secondo turno, non avrebbero rinunciato, indispensabili, per raggiungere la carica di Primo Cittadino.

In realtà, come del resto era prevedibile, un primo accordo di programma si è già avuto pochi istanti fa tra il candidato del centro sinistra, Enzo Salera, che già dopo il voto aveva dichiarato che avrebbe avviato “consultazioni con tutte le forze politiche che si riconoscono anche nel nostro progetto politico e amministrativo, con il mondo dell’associazionismo, ma come impostazione generale non siamo orientati ad inciuci o accordi sotto banco» e Renato De Sanctis. Si tratterebbe di un accordo di programma che prevede, come dichiara lo stesso De Sanctis, su alcuni punti essenziali e suddiviso in cinque punti. Il primo punto ha come obiettivo la prosecuzione della battaglia per la rescissione del contratto con Acea Ato5, ex art. 35 della Convenzione. Un tema che sta molto a cuore a De Sanctis e suo cavallo di battaglia di tutta la campagna elettorale. Nell’accordo, inoltre, vengono inseriti anche la destinazione dei ricavi della fornitura dei 200 l./sec per incrementare gli stanziamenti ai servizi sociali, una nuova ordinanza anti distacco della fornitura idrica da parte di Acea e la priorità della bonifica dei siti inquinati. Il secondo punto frutto dell’accordo con Salera, riguarda l’approvazione del piano urbano generale, il P.U.T. (piano urbano del traffico) con la pedonalizzazione del centro cittadino e la realizzazione di piste ciclabili; l’istituzione di una Commissione per la realizzazione dei comitati di quartiere; l’internalizzazione dei servizi, con particolare riguardo alle strisce blu dei parcheggi a pagamento. Nell’accordo, infine, viene dato mandato al presidente del Comitato ‘No Acea’ di rappresentare il Comune nei rapporti con la multinazionale  e nella Conferenza dei sindaci. Fin qui le indiscrezioni, ma i dettagli si conosceranno nel comunicato stampa ufficiale.

Si tratta, quindi, di un accordo che prevede una serie di misure urgenti per la Città, per il miglioramento dei servizi essenziali per la realizzazione di progetti importanti per i cittadini.

F. Pensabene

3 Giugno 2019 0

Cassino, interruzione idrica dalle 22 di martedì 4 giugno alle 8 di mercoledì

Di redazionecassino1

CASSINO –  Acea Ato 5 comunica che, per consentire improrogabili lavori di manutenzione sulla rete idrica del Comune di Cassino in programma per la notte tra martedì e mercoledì prossimi, finalizzati al miglioramento del servizio, si verificherà una sospensione del flusso idrico dalle ore 22 di martedì 4 giugno fino alle ore 08:00 di mercoledì 5 giugno.

La sospensione – che consentirà di effettuare diversi interventi di manutenzione straordinaria su via Molise, via Pascoli (incrocio via Po), piazza XV Febbraio e via Boccaccio (incrocio via Verdi) – riguarderà tutto il Centro cittadino e parte della periferia (tutte le zone ex gestione comunale).

Il regolare ripristino del servizio è previsto nella mattinata del 5.06.2019 (salvo imprevisti). Acea Ato 5 si scusa per i disagi.

1 Giugno 2019 0

Cassino, grave incidente a Sant’Angelo. Intervento dell ‘eliambulanza

Di redazione

CASSINO – Grave incidente stradale sulla strada provinciale in zona Sant’Angelo pochi minuti fa. Dalle prime informazioni pervenute sarebbero coinvolti uno scooter sul quale viaggiavano due ragazzi e un’auto con a bordo due coniugi.

I due giovani sono stati elitrasportati in codice rosso viste le condizioni gravi. Marito e moglie invece sembrerebbero non aver riportato ferite importanti .

Al momento sul posto forze dell’ordine e soccorritori del 118. Traffico veicolare bloccato. Le operazioni di soccorso sono tuttora in corso. Al vaglio la dinamica dell’incidente.

30 Maggio 2019 0

Il Ministero dei Beni Culturali lascia Atina

Di redazionecassino1

ATINA –  Su iniziativa dell’Avv. Michelangelo Montesano Cancellara, Ispettore Onorario per i Beni Culturali, si terrà venerdì 31 maggio alle ore 19 presso il ristorante Bellavista in Atina un incontro sulla chiusura della sede del Mibac di Atina.

L’Avvocato Cancellara ed alcuni rappresentanti del settore beni culturali proporranno le loro idee per non disperdere le energie spese negli ultimi 15 anni per avere un presidio del Ministero a controllo del patrimonio demoetnoantropologico, archeologico ed architettonico della Valle di Comino.

Va sottolineato inoltre che lo stesso Ministero dei Beni Culturali ha negli anni speso ed indirizzato tempo e risorse per adeguare il complesso di San Francesco dove finora hanno avuto sede alcuni uffici amministrativi periferici.

Una presenza da ripensare e riconvertire sicuramente ma da non cancellare e da far convivere senza siluzione di continuità con l’idea positiva di convertire alcuni spazi del San Francesco in nuova e prestigiosa sede del Museo Archeologico della Valle di Comino.

Dante Sacco

Progetto Summa Ocre

28 Maggio 2019 0

Cassino, Salera (28,41 %) e Abbruzzese ( 28,64%) al ballottaggio del 9 giugno

Di redazionecassino1

CASSINO – Notte insonne a Cassino per i candidati a sindaco ed i loro sostenitori per i continui risultati altalenanti fra Abbruzzese, Salera e Petrarcone. Già dai primi dati che giungevano nei rispettivi comitati elettorali si preannunciava il testa a testa fra i tre, poi con il passare delle ore la corsa si restringeva a due soli di loro. Al ballottaggio del 9 giugno andranno, infatti, Mario Abbruzzese (centrodestra) che ha ottenuto 6115 preferenze pari al 28,64%, ed Enzo Salera (centrosinistra) con 6067 voti pari al 28,41 %. Resta fuori, ancora per una manciata di voti, Giuseppe Golini Petrarcone (raggruppamento di liste civiche) distanziato di 262 voti rispetto a Salera, che totalizza 5805 preferenze pari al 27,19%. Buono il risultato di Renato De Sanctis, leader del comitato No Acea che ha superato quota duemila, 2097 per la precisione, pari al 9,82%. Infine Giuseppe Martini, candidato del Movimento 5 Stelle con 1269 preferenze ed una percentuale del 5,94. Cassino è stato l’unico comune della provincia che per la scelta del prossimo sindaco dovrà attendere il ballottaggio.

La lotta ora si sposta fra Salera e Abbruzzese al ballottagio, ma già nel corso dello spoglio e dai primi dati che via via affluivano ai rispettivi comitati elettorali la tendenza si delineava sempre più marcata. Abbruzzese e Salera hanno cominciato la loro corsa facendo registrare continui avvicendamenti di posizioni, fino alla conferma definitiva del lieve vantaggio per l’ex presidente del Consiglio regionale sul candidato del centrosinistra, Enzo Salera. Un distacco minimo fra i due su cui peserà sicuramente l’apporto che le componenti delle liste di appoggio all’ex sindaco Petrarcone daranno ad entrambe. Bisognerà vedere come si schiereranno gli esclusi delle altre liste e gli altri candidati a sindaco, quale sostegno daranno ai due impegnati nel ballottaggio. Una partita importante sarà quella che giocheranno gli esclusi nell’appoggio a Salera e Abbruzzese. Il loro apporto ai singoli caratterizzerà anche lo schieramento ed il colore politico definitivo della futura amministrazione comunale. In buona sostanza se a prevalere sarà lo schieramento di centrodestra o quello di centrosinistra, soprattutto quale delle due anime, presenti nelle liste di appoggio agli esclusi, potrà avere la meglio nella partita finale. In altre parole gli ‘apparentamenti’ avranno un ruolo decisivo nel ballottaggio del 9 giugno prossimo, ma soprattutto quale prezzo politico, o di poltrone, dovranno pagare Salera e Abbruzzese nella sfida finale, nella vittoria per aggiudicarsi quella più alta di Primo cittadino.

F. Pensabene

27 Maggio 2019 0

Cassino, inseguimento e arresto di due ricettatori sull’A1

Di admin

CASSINO – Durante la scorsa serata, personale appartenente alla sottosezione polizia stradale di Cassino verso le ore 2 ha intercettato una Fiat Bravo di colore grigio all’altezza del km 654 carreggiata sud nel comune di Ceprano. A bordo vi erano tre persone di sesso maschile. Il conducente, dopo aver condotto la vettura in modo irregolare creando disagio e pericolo alla circolazione stradale e solo dopo vari tentativi degli agenti che gl’intimavano l’alt, decideva di fermarsi e di sottoporsi al controllo degli stessi. Nel frangente, però, i tre hanno tentato di darsi alla fuga e due di questi, B.U. di anni 31 e H.E. di anni 38 di nazionalità albanense senza fissa dimora e relativo permesso in Italia, sono stati fermati e controllati. Il terzo passeggero riuscendo ad approfittare della superiorità numerica, riusciva a dileguarsi nelle adiacenti campagne. Successivi accertamenti permettevano di scovare all’interno del veicolo, intestato ad un prestanome, 6.000 euro in banconote di piccolo taglio su cui non davano le giuste indicazioni relativamente alla provenienza. Informata l’Autorità giudiziaria competente di Cassino sono stati tratti in arresto. Indagini in corso.