Tag: malatesta

19 Febbraio 2019 0

Cassino, la biblioteca ‘Pietro Malatesta’ trasloca al museo Historiale

Di felice pensabene
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Una delibera della Giunta comunale, del 7 febbraio scorso, ha disposto lo spostamento della biblioteca comunale “Pietro Malatesta” dagli attuali locali dell’ex galleria Arcobaleno, di via del Carmine, all’ex book shop del museo Historiale. Un trasloco che permetterà al Comune un risparmio di oltre 70mila euro l’anno di solo affitto. Il trasferimento della biblioteca era nell’aria da tempo. Inizialmente si era pensato al foyer del Teatro Manzoni. Opzione affascinante ma concettualmente difficile da mettere in atto. Infatti per “foyer” era inteso lo spazio attiguo alla struttura principale del Manzoni. L’operazione porterà un notevole risparmio per le casse del Comune e potrebbe far rinascere un’area, quella del museo Historiale, al momento sconosciuta ai più. E’ pur vero che un flusso massiccio di persone non c’è mai stato in biblioteca e che bisognerebbe ripensarla. L’area dove andrà a collocarsi la biblioteca sarà decisamente diversa da quella odierna visto che “sono stati ultimati i lavori di ristrutturazione dei locali dependance della superficie di circa 195 mg, finanziati con fondi regionali, e oggi la stessa è fruibile come piccola sala convegni e/o mostre anche nell’ambito del progetto ‘Atelier Arte Bellezza Cultura’” si legge nella relazione del dirigente allegata alla delibera di Giunta. Per l’Historiale vero e proprio “Sono in corso i lavori di manutenzione straordinaria dell’edifico museale che sarà, quindi, a breve riaperto per la fruizione pubblica”, mentre la biblioteca andrà ad occupare “un altro edificio della superficie di circa 293 mq, attualmente destinato a nessuna attività e, precedentemente, con destinazione di “Book shop”. Lo spazio è stato scelto non solo per l’importante risparmio economico per il Comune, quanto per l’ubicazione “nell’immediato centro cittadino nonché sul percorso pedonale e viario di collegamento dell’Università con la stazione ferroviaria e autobus” è inoltre “dotato di ampie aree a verde e pavimentate che ben si prestano per la fruizione delle persone”. Nei locali dell’Historiale troverà posto anche l’archivio storico. Per rendere l’edificio fruibile in tempi celeri sono necessari interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria come ad esempio la sistemazione delle pareti dei locali esistenti con opere di tinteggiatura e pulizia; la revisione e potenziamento degli impianti tecnologici esistenti; la manutenzione straordinaria alla copertura del fabbricato; la revisione degli infissi esistenti e la pulizia ed allestimento dei locali. Tutto per un importo stimato di poco meno di 30mila euro. Il via libera alla delibera, secondo le volontà dell’amministrazione, dovrebbe andare nella direzione di “valorizzare il patrimonio immobiliare disponibile”, “abbattere la spesa per i canoni di locazione passive, “ridurre i costi di gestione degli immobili e dei consumi energetici”; “finanziare le opere di manutenzione con le minori spese, già allocate nel bilancio stabilmente riequilibrato, da pagare per la locazione dell’attuale sede”; “allocare la biblioteca comunale in un contesto multi-culturale” secondo quanto indicato nella delibera adottata dalla Giunta.

F. P.

13 Novembre 2018 0

Cassino, la biblioteca “Pietro Malatesta” entrerà a far parte dell’Organizzazione Bibliotecaria Regionale

Di felice pensabene

CASSINO – La biblioteca Pietro Malatesta entrerà a far parte dell’O.B.R. (Organizzazione Bibliotecaria Regionale) nell’ambito del “Piano settoriale regionale in materia dei servizi culturali” della Regione per l’anno 2018. “Il nostro ente ha partecipato all’avvio pubblico n. H05823 del 4 maggio 2018 per l’accreditamento dei Servizi Culturali (Biblioteche e Musei di enti locali e di Interesse locale) nell’ O.B.R. e nel O.M.R. per il 2018, producendo opportuna istanza. “La Pietro Malatesta presenta i requisiti necessari per l’inserimento dei servizi culturali di enti locali e di Interesse locale nell’organizzazione regionale – ha dichiarato l’assessore alla Cultura, Maria Iannone – Quindi la Biblioteca Comunale di Cassino e’ stata inserita nell’O.B.R. nell’ambito del “Piano settoriale regionale in materia dei servizi culturali” della Regione Lazio.

Per molti cittadini, le biblioteche sono uno dei luogo dove l’informazione necessaria per essere impegnati nella vita civile è davvero disponibile gratuitamente, basta disporre del tempo necessario per arrivare in una succursale.

Questi sono luoghi molto importanti in ambito culturale, ma anche di studio e di aggregazione per persone di tutte le età. Le biblioteche sono posti in cui trascorrere tempo per poter viaggiare stando comodamente seduti al caldo. La sala di lettura di una biblioteca pubblica è il luogo dove un quotidiano, un settimanale e un documentario sono tutti disponibili gratuitamente. Ma non è solo una questione di quantità. Dal momento che le informazioni sono più che abbondanti pressoché in tutte le discipline, gli studenti ricorrono troppo spesso a fonti immediatamente accessibili ‒ quelle reperite tramite una ricerca via Google o su smartphone. Ma spesso tali fonti non sono le migliori.

Gli studenti davvero capaci sono quelli consapevoli di poter fare di meglio che aggrapparsi all’informazione a cui si può arrivare con più immediatezza. Ricordo inoltre che la biblioteca Pietro Malatesta fa parte dell’Associazione Bibliotecaria Intercomunale “Valle dei Santi”, rete utile per la promozione e organizzazione di eventi culturali in condivisione ad esempio come quelli di rievocazione storica o di presentazione di libri organizzati lo scorso anno”.

6 Aprile 2018 0

VII edizione de “Le donne e l’Arte” e il ricordo di Giampiero Patamia, alla biblioteca ‘P. Malatesta”

Di felice pensabene

CASSINO –  Si svolgerà nei giorni 11-12-13 aprile prossimo alla biblioteca comunale “P. Malatesta” di Cassino, la VII edizione della Rassegna “Le donne e l’Arte” e la II edizione del Concorso “Cassino città d’arte per Giampiero Patamia” organizzati dall’associazione “Se non ora quando”.

Una tre giorni dedicata all’Arte in tutte le sue componenti che avrà come tema principale “Io c’entro”, nato da un’idea e dalla sollecitazione che l’Associazione ha ricevuto incontrando i giovani, le associazioni che operano sul territorio e molte delle componenti la società civile. La manifestazione si arricchirà anche di un ulteriore momento di riflessione “Immigrazione e ed inclusività culturale” che sarà indirizzato agli allievi delle scuole. Sarà, inoltre, l’occasione per estendere la riflessione anche alla parte dedicata al ricordo di Giampiero Patamia, giovane e brillante scenografo prematuramente scomparso nel 2016. A vent’anni Giampiero va a vivere a Firenze, città d’Arte in assoluto, degna di questo nome per i suoi meravigliosi monumenti artistici e architettonici, ma soprattutto città viva e ricca della presenza di uomini e donne di ogni dove.  Lì con il suo professore d’accademia, il grande scenografo internazionale, Francesco Zito, inizia un percorso lavorativo di altissimo livello in molti teatri italiani, sia come scenografo che come costumista raffinato. Rappresenta di tutto, Traviata, Tosca, lo Schiaccianoci e tantissime altre opere.

“Se vogliamo un mondo migliore, dobbiamo uscire da noi stessi – spiega la presidente del sodalizio, Caterina Fargnoli – fermamente convinti di OSARE affrontando le molteplici contraddizioni di questi tempi difficili. Guai a fare gli struzzi mettendo la testa sotto la sabbia. Prendendo spunto dalle parole di Nevn Erlmleen (poeta siriano): “Tu non sai niente di me. Né da dove vengo, né perché mi trovo nella tua patria”.

Queste tre giornate saranno anche l’occasione per l’Associazione di incontrare alcuni protagonisti sul campo ed ascoltare alcune testimonianze di esperienze umane toccanti che interrogano le nostre vite. Tra le novità di questa VII edizione la presenza di alcuni studenti che avranno la possibilità di fare l’alternanza scuola-lavoro. Sarà un appuntamento ricco di incontri che si svilupperanno in vari incontri secondo un programma preciso e molto articolato.

Si partirà martedì, 11 aprile parlando di “Ius Soli” con la collaborazione del prof. Marco Plutino Costituzionalista UNICAS. Avv. Pierluigi Franchitto che con l’associazione DIKE presta consulenza agli immigrati in difficoltà amministrativa.

Il 12 aprile sarà la volta della Dott.ssa Mary Tomasso, Mediatrice culturale Associazione DIKE, Samuel Osawan Association of Africa youth culture” referente a Cassino della comunità Nigeriana, e di Tiziana Salazzaro as. MASCI (Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani) per il Coordinamento Ecclesiale Diocesano Reggio Calabria, che porterà l’esperienza del suo vissuto nell’accoglienza dei migranti minori non accompagnati.

Nella giornata del 13 aprile, alle ore 10,00 si discuterà su “La Costituzione e l’arte” con l’avv. Silvia Tusei e arch. Stefania Di Zazzo. Seguirà la premiazione del II Concorso “Cassino città d’arte per Giampiero Patamia”. Nel pomeriggio, alle ore 16,00, la presentazione libro “Il coraggio della libertà” di Blessing Okoedion. Intervista-dialogo con Suor Rita Giaretta, di Casa Rut di Caserta e Blessing Okoeidon, giovane donna laureata in informatica, vittima inconsapevole di tratta di migranti in Italia, che ha denunciato i suoi aguzzini. Il libro scritto per diffondere la sua esperienza, finita con la liberazione dalla criminalità organizzata, Blessing Okoeidon insieme a Suor Rita, affronteranno questi temi con gli studenti delle scuole che parteciperanno all’incontro. Nei tre giorni la Rassegna ospiterà una mostra di opere di venti pittrici del territorio.

F. Pensabene

 

 

 

8 Marzo 2018 0

Un concerto di pianoforte in ricordo del M° Pio Di Meo, sabato alla biblioteca “P. Malatesta”

Di felice pensabene

CASSINO – Ricordare il M° Pio Di Meo, grande promotore di cultura musicale corale e strumentale nel Cassinate, questo lo scopo del Il concerto di Pianoforte, promosso dall’Associazione culturale e musicale “Pio Di Meo Onlus”, con il patrocinio del comune di Cassino, giunto alla sua II edizione, in programma sabato 10 marzo alle ore 18, presso la biblioteca “P. Malatesta” a Cassino.

Un evento di alto valore culturale, che oltre ad onorare la memoria e la figura umana ed artistica del compianto M° Pio Di Meo, ha in sé la piccola ambizione di diventare un Evento Annuale nel panorama culturale di Cassino.

Il concerto sarà tenuto dal M° Giovanni Battista De Simone che ha conosciuto e frequentato fin dall’età di 16 anni il Maestro Di Meo. Da lui ha appreso, nel corso dei suoi studi musicali pianistici e corali, un importante metodo di studio e di cura della res musica rilevarndo la validità sullo strumento e sul Coro di Cervaro, che il M° Di Meo ha guidato per diverso tempo con abnegazione impareggiabile.

Il concerto è un vero e proprio Recital in cui saranno eseguiti brani appartenenti alla Letteratura pianistica del tardo Barocco e del Romanticismo, spaziando dalla grande musica di J. S. Bach a L. V. Beethoven, W.A. Mozart, F. Chopin e F. Mendelssohn.

E’ previsto anche un intervento canoro del Coro Polifonico “Maria SS. De’ Piternis” di Cervaro.

Un programma breve ma intenso, che intende ricordare la figura del M° Di Meo, attraverso alcuni brani che il coro ha appreso e perfezionato sotto la sua guida dal 1994 al 2008.

 

1 Dicembre 2016 0

Presentata alla biblioteca “P. Malatesta” la rassegna “Percezioni Visive”

Di felice pensabene

Cassino – Noury; il prossimo 3 dicembre al via percezioni VISIVE

Si è svolta questa mattina presso la Biblioteca Comunale “Pietro Malatesta” la conferenza stampa di presentazione del primo evento culturale artistico della rassegna “Percezioni Visive”, che verrà inaugurato, proprio presso la sala esposizioni della biblioteca, alle ore 17 di sabato 03 dicembre 2016. Presenti il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro e l’assessore alla Cultura, Nora Noury “Gli happening, – ha detto l’assessore Noury – che rivestiranno carattere non episodico ne occasionale, consisteranno essenzialmente in esposizioni di autori locali operativi nei diversi settori della cultura, dell’arte e dell’artigianato, da coinvolgere in prima persona facendo leva sul loro patrimonio di valori ed esperienze, in quanto rappresentativi della realtà artistica e delle tradizioni culturali del Lazio Meridionale e delle realtà limitrofe. Lo scopo preciso di queste rassegne è quello di favorire contatti duraturi e proficui tra artisti, appassionati di arte e pubblico in generale, onde diffondere l’amore per la cultura e sensibilizzare l’opinione pubblica circa le problematiche dell’arte contemporanea. Il primo appuntamento della Rassegna “Percezioni Visive” sarà inaugurato sabato 03 dicembre 2016, alle ore 17. Verranno esposte opere di pittori, grafici, disegnatori con il coinvolgimento degli Istituti scolastici di Cassino. La Rassegna rimarrà aperta fino all’11 dicembre. Il nostro obiettivo è quello di far diventare Cassino città della cultura in tutte le sue sfaccettature e iniziative del genere non possono che alimentare una spinta propulsiva per lo sviluppo culturale e artistico della città”. “Ovviamente essendo figlio di un pittore non posso che essere sensibili a questi argomenti. Anzi se riesco, porterò anche qualche opera di mio padre da esporre qui in biblioteca. Percezioni Visive rientra tra gli eventi che questa amministrazione ha deciso di organizzare nel mese di dicembre e durante le festività natalizia. Personalmente attraverso il lavoro dei miei uffici sto seguendo direttamente la pianificazione del Cassino Ice Village, la cui presentazione avverrà nei prossimi giorni e il concerto che si svolgerà al Teatro Manzoni il 27 dicembre il cui incasso sarà devoluto alla città Norcia. Parteciperanno a questo evento la Banda Don Bosco e il Coro “Città di Cassino” e stiamo verificando la disponibilità del complesso bandistico e del coro norcino. Ho già avuto in linea di massima la disponibilità anche di alcuni albergatori per ospitare gratuitamente le persone che arriveranno dalla città umbra. Questo senso di comunità, porterà sicuramente Cassino a fare grandi cose”. Ha concluso il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro.

11 Febbraio 2010 0

Dresda, nelle letterature dal fronte alla biblioteca ‘P. Malatesta’

Di felice pensabene

Nel 65° anniversario della distruzione, l’Associazione culturale “Letterature dal  fronte”  che organizza dal Premio Letterario “Città di Cassino”, il giorno 12 febbraio, alle ore 10.30, presso la biblioteca comunale  “P. Malatesta”  ricorda Dresda attraverso le opere letterarie ad essa ispirate:

DRESDA NELLE LETTERATURE DAL FRONTE

nel 65° anniversario del bombardamento della città tedesca (Dresda 13 febbraio 1945- 2010)

Interverranno: il sindaco di  Cassino, dott. Bruno Vincenzo Scittarelli, l’assessore alla cultura del Comune di Cassino, avv. Beniamino Papa, il dott. Federico Sposato – Quando la storia è fatta dal fuoco, la dott.ssa Clara Abatecola – La letteratura del dopoguerra in Germania ed il prof. Giuseppe Gaetano Castorina – Testimonianze nella letteratura anglo-americana. I  “fronti” per eccellenza, che gli studenti degli Istituti Superiori di Cassino esplorano di anno in anno nelle letterature europee, sono  nel 2010, dedicati alla letteratura tedesca, quelli segnati dalla seconda guerra mondiale e dalle conseguenze che essa ha portato.  Il territorio e la popolazione della Germania Federale sono tra quelli che  hanno patito maggiormente gli errori e gli effetti del nazismo. Gli studenti  coinvolti e le giurie territoriali stanno  attualmente leggendo i   libri incentrati sulla storia del muro e della sua caduta, di cui è stato celebrato nel novembre del 2009 il ventesimo anniversario:

Ingo Schulze – Vite nuove

Jacob Hein – Magari è anche bello

Julia Frank – Il muro intorno

Uwe Timm – Come mio fratello

La manifestazione si tiene con gli auspici del Goethe Institut di Roma.