Tag: Polizia

25 Ottobre 2019 0

Sorpreso in auto con oltre 60 chilogrammi di Hashish, arrestato dalla Polizia Stradale

Di Antonio Nardelli
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Durante un normale controllo nell’auto di un trentasettenne barese sono stati scoperti oltre 60 chilogrammi di sostanza stupefacente del tipo Hashish. Arrestato e condotto in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.Nel pomeriggio di ieri, lungo l’autostrada A/1, durante lo svolgimento della normale attività di vigilanza e prevenzione dei reati in genere, gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone hanno proceduto al fermo di una Fiat Panda con targa italiana, con una sola persona a bordo.Durante le operazioni di controllo il conducente ha manifestato un certo nervosismo, più esasperato nel momento in cui gli veniva chiesto cosa trasportasse; questo atteggiamento ha insospettito gli agenti ed infatti proprio nel bagagliaio dell’auto sono stati trovati due sacchi in iuta plastica, contenenti a loro volta vari involucri avvolti in imballaggi di colore marrone e cellophane trasparente, contenenti della sostanza stupefacente, risultata poi essere hashish, per un peso di oltre kg.60.L’uomo, un trentasettenne barese, è stato arrestato e condotto in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

9 Ottobre 2019 0

Fondi, denunciati dalla polizia titolare di un panificio e di azienda agricola con lavoratori ‘in nero’

Di Comunicato Stampa

FONDI (LT) – Continua incessante l’attività di monitoraggio degli Agenti del Commissariato Distaccato di Pubblica Sicurezza di Fondi, che unitamente al personale specializzato dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, sede di Latina, hanno dato attuazione, su direttiva del Sig. Questore di Latina Dr.ssa Rosaria Amato, ad un dispositivo di controllo presso alcune aziende site nel territorio del Comune di Fondi. Durante tali servizi sono state sottoposte a verifica diverse aziende, in particolare è stata controllata una ditta operante nel settore della panificazione, ove prestavano la propria attività lavorativa n. 5 addetti, tutti di nazionalità straniera, uno dei quali è risultato privo di qualsiasi tipo di documento e di permesso di soggiorno. Per tale motivo il titolare della ditta, A.N., di anni 25, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Latina, mentre il cittadino indiano, M.D. di anni 31, è stato munito di decreto di espulsione dal territorio nazionale. Tra i numerosi controlli effettuati, è stata posta l’attenzione su di una azienda agricola, ubicata in zona “Rinchiusa”, il cui titolare, S.G. di anni 57, residente in Fondi, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Latina, per la violazione del testo unico che disciplina l’immigrazione, avendo impiegato due cittadini extracomunitari, S. M., nato in India il 27/12/1988 e D. R. K., nato in India il 05/11/1987, entrambi in Italia senza fissa dimora, privi di qualsiasi documento di riconoscimento e di permesso di soggiorno, i quali venivano muniti di decreto di espulsione dal territorio nazionale. Infine, sono state sottoposte a controllo, altre tre aziende del settore Agricolo della zona “Salto di Fondi”, nonché una azienda del settore del rimessaggio di barche, sita in zona Selvavetere, le quali al momento non hanno fatto riscontrare irregolarità dal punto di vista giuslavoristico.

Foto di repertorio

8 Ottobre 2019 0

Cassino, insulti alla polizia su Faceook, identificati e denunciati i responsabili

Di Comunicato Stampa

CASSINO – Gli investigatori della Polizia del Commissariato di Cassino hanno accertato che un uomo aveva pubblicato su Facebook vari post nei quali lamentava il fatto che suo figlio fosse stato oggetto di un controllo da parte di una Volante, a suo dire avvenuto in maniera arbitraria e fuorilegge. Negli stessi post inoltre si proferivano minacce all’indirizzo dei poliziotti, si offendeva l’Istituzione che essi rappresentano e si offriva una somma di denaro quale ricompensa a chiunque gli avesse procurato foto e filmati ritraenti appartenenti alle Forze dell’Ordine di Cassino nell’atto di compiere azioni illegali. A questi post seguivano una serie di commenti da parte di altre persone ed in particolare un soggetto, attualmente sottoposto agli arresti domiciliari, lo incitava ad ucciderli. Sono stati effettuati i dovuti accertamenti in merito all’attività svolta da parte del personale della Squadra Volante e, appurato che il controllo era avvenuto nel pieno rispetto delle procedure e delle norme di legge, è stato individuato tra i nominativi delle persone fermate un ragazzo che poteva essere il protagonista della vicenda. Si è passati poi alle investigazioni informatiche effettuate con la collaborazione della Sezione Polizia Postale di Frosinone all’esito delle quali sono stati individuati gli autori che, una volta invitati presso il Commissariato, sentiti in merito alla paternità dei commenti apparsi sui social, sono stati denunciati per oltraggio ed istigazione a delinquere.

19 Settembre 2019 0

Frosinone, individuato dalla polizia scientifica l’autore del furto in un ristorante del centro. Denunciato un albanese

Di felice pensabene

FROSINONE – Nella serata di ieri gli operatori della Squadra Mobile della Questura di Frosinone hanno denunciato un cittadino albanese per il furto avvenuto la notte tra il 15 ed il 16 settembre nei locali del Ristorante “Tittino”, situato in pieno centro. Nella circostanza delittuosa sono stati asportati vini pregiati, generi alimentari e 60 euro del fondo cassa. Il personale del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica della Questura, che nell’immediatezza del fatto ha effettuato i rilievi, ha proceduto alla comparazione delle impronte rinvenute e, una volta avuto un riscontro dal database, visionando le registrazioni delle telecamere che avevano immortalato l’autore del reato, ha potuto effettuare un confronto tra le immagini dei due soggetti che sono risultati essere la stessa persona. Alla luce di quanto emerso, gli agenti della Squadra Mobile hanno richiesto e ottenuto dal Sostituto Procuratore del Tribunale di Frosinone un decreto di perquisizione e durante l’esecuzione della stessa hanno trovato nell’abitazione dell’uomo un orologio del tutto simile a quello indossato dal malfattore durante il furto. Il cittadino straniero era già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio.

13 Settembre 2019 0

La Prefettura cerca una nuova sede per il Commissariato di polizia di Velletri

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – Una nuova sede per il commissariato di Pubblica Sicurezza di Velletri. I problemi dovuti all’inaccessibilità del palazzo di Corso della Repubblica, che ospita la polizia di Stato a Velletri sono noti a cominciare dalle scala che danno accesso all’ingresso e ai piani superiori: ostacoli insormontabile per disabili e anziani. Di cambiare sede se ne parla da tempo. Un progetto prevedeva addirittura un nuovo edificio costruito in viale dei martiri, al fianco delle Poste. I costi che avrebbe dovuto sostenere la prefettura erano elevati e per questo, quella realizzazione, nonostante inserita nel prg come nuovo commissariato, sembra essere naufragata e in zona è rimasto il cantiere dell’edificio mai ultimato.

La prefettura di Roma, però, in questo periodo sull’argomento sembra aver cambiato marcia e ha bandito pubblicamente la ricerca di mercato di un immobile da affittare su Velletri. Si cerca una struttura di circa 1250 metri quadrati di cui 950 adibiti ad uffici, 104 ad archivio, 100 metri ad alloggio, 60 metri a magazzino con la disponibilità di 7 posti auto. Tra le caratteristiche preferenziali la presenza di videosorveglianza e la presenza di adeguata autorimessa e parcheggio.

Al bando possono partecipare anche le pubbliche amministrazioni o le amministrazioni locali.

Le offerte che dovranno pervenire in Prefettura entro le 12 del 12 settembre dovranno contenere oltre a tutta la documentazione necessaria per certificare le varie messe a norma dello stabile, anche l’offerta economica. La valutazione, la congruità e la regolarità dell’offerta verrà affidata ai tecnici all’agenzia del Demanio e l’eventuale locazione sarà sottoposta all’autorizzazione del Ministero dell’Interno.

4 Settembre 2019 0

Polizia stradale in lutto a Cassino, agente di 48 anni muore per malore

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Lo hanno ritrovato nel garage della sua abitazione in via Sferracavalli a Cassino colto da malore. Gli operatori del 118 hanno tentato per 20 minuti di rianimarlo ma è stato tutto inutile.

La tragedia si è consumata oggi pomeriggio alle 15 circa. A. M. S. 48 anni, apprezzato e stimato agente della polizia stradale della sottosezione di Cassino è morto ucciso da quello che sembra essere un infarto.

La notizia si è subito diffusa tra i colleghi e sul posto si sono ritrovati poliziotti e carabinieri oltre, ovviamente ai suoi familiari e ai suoi amici.

Ermanno Amedei

28 Agosto 2019 0

Polizia provinciale e carabinieri Forestali liberano rapaci, ricci e tartarughe a Prato di Campoli

Di Ermanno Amedei

VEROLI – Una mattinata densa di emozioni a contatto con la natura e con gli animali, in particolare con la fauna selvatica, quella che hanno trascorso oggi, adulti e bambini, a Prato di Campoli, dove la polizia provinciale di Frosinone e i carabinieri forestali dell’Utb di Fogliano (Lt) hanno rimesso in libertà diversi rapaci, oltre a tartarughe e ricci, dopo un lungo periodo di convalescenza. Si tratta, infatti, di esemplari che, feriti in incidenti stradali o per colpi di arma da fuoco, sono stati recuperati, messi in salvo e curati dal personale del centro pontino di recupero della fauna selvatica.

Ad operare sono stati gli agenti coordinati dal comandante Pietro D’Aguanno e dal suo vice Pierfrancesco Vona, in collaborazione con i carabinieri forestali dell’Utb di Fogliano. In particolare, sono stati liberati quattro gheppi, due civette, un allocco, un biancone oltre a tre tartarughe e un riccio.

Presenti il consigliere provinciale delegato alla Polizia provinciale, Germano Caperna; l’assessore all’Ambiente del Comune di Veroli, Emanuele Fiorini e il consigliere comunale di Veroli, Alessandro Viglianti, oltre a numerosi cittadini, turisti e bambini, che hanno assistito con curiosità e meraviglia alla liberazione degli animali, diventando protagonisti di una giornata all’insegna della natura e del rispetto della fauna selvatica.

I piccoli, infatti, guidati dai poliziotti e dai carabinieri, si sono cimentati, in condizioni di totale sicurezza, nella liberazione dei rapaci, indossando particolari guanti protettivi e assistendo, con emozione, al volo degli esemplari che sono tornati nel loro habitat naturale.

“Un appuntamento ricco di emozioni, quello di oggi, con l’obiettivo di sensibilizzare grandi e piccoli al rispetto della natura, – hanno commentato il consigliere provinciale Germano Caperna e il presidente della Provincia, Antonio Pompeo – che certamente sarà ripetuto con il coinvolgimento delle scuole. Un sentito ringraziamento va alla polizia provinciale di Frosinone e ai carabinieri forestali di Fogliano per aver impartito una bellissima lezione di attenzione, dedizione e cura del nostro ambiente”.

22 Luglio 2019 0

Frosinone; Controlli antidroga della polizia denunciati due gambiani per spaccio

Di felice pensabene

FROSINONE –  Continua la lotta agli stupefacenti da parte della polizia di stato sul territorio comunale. L’attività antidroga della squadra volante ha interessato nella giornata di sabato il comune del capoluogo;. Durante l’ordinario controllo del territorio transitando su una zona di spaccio, della parte bassa della città, gli operatori delle volanti individuavano e denunciavano tre individui Extra UE per spaccio di sostanza stupefacente. Diverse perquisizioni domiciliari, Sequestrati 50 grammi di marijuana.  Il fiuto degli operatori della squadra volanti questa volta ha permesso di scovare una nuova piazza di spaccio nella zona bassa. Durante l’assiduo monitoraggio del territorio nel transitare in viale Portogallo, gli agenti notavano all’interno dei giardinetti prospicienti la locale scuola materna ed il centro anziani degli individui con atteggiamenti sospetti.

Immediata la perquisizione personale degli stessi che permetteva di rinvenire oltre 50 grammi di sostanza stupefacente.

I tre venivano fermati e trasferiti presso gli uffici della Questura dove da accertamenti esperiti risultavano tutti richiedenti asilo; sottoposti a foto-segnalamento venivano denunciati per spaccio di stupefacente.

Si tratta di due gambiani di 28 e 20 anni e di un ghanese di 23 anni, tutti gravati da precedenti specifici.

 

 

 

30 Giugno 2019 0

Controlli a tappeto delle Volanti della polizia nel Capoluogo. Al concerto di Fedez, quattro denunciati, vendevano prodotti falsi

Di felice pensabene

FROSINONE – Incessante l’attività della squadra volante sul capoluogo nelle recenti giornate; controlli a tappeto sugli arrestati domiciliari, blitz al concerto di Fedez con 4 denunciati per commercio di prodotti falsi, un denunciato per furto a seguito di indagine, emissione di 4 fogli di via nei confronti di campani.

L’attenzione del reparto volanti della Questura di Frosinone è sempre costante nella lotta ad ogni forma di illegalità.

Nella giornata di giovedì l’ufficio trattazione atti del reparto volanti provvedeva ad eseguire un ordine di carcerazione nei confronti di un 38enne del capoluogo agli arresti domiciliari e denunciato più volte per evasione dagli stessi uomini delle volanti.

L’A.G. ne ha ora disposto la misura in carcere.

Giovedì sera alla fine del concerto del cantante Fedez due equipaggi delle volanti nei pressi dello stadio “stirpe” intercettavano quattro campani intenti senza titolo alla vendita di sciarpe raffigurante l’artista e pertanto venivano deferiti all’A.G. per commercio di prodotti con segni falsi. La merce veniva sequestrata e per i 4 campani, tutti con pregiudizi di polizia, scattava il foglio di via obbligatorio dal comune di Frosinone.

Nel gennaio del 2015 un esercizio commerciale della zona bassa del capoluogo, particolarmente attivo nel settore dell’intrattenimento per bambini fu oggetto di un rilevante furto. Sul posto all’epoca dei fatti personale della polizia scientifica a seguito di accertamenti riuscì ad estrapolare un’impronta a cui tuttavia non si potette attribuire un nome e cognome.

A distanza di anni, nelle recenti settimane, a margine di un controllo e foto segnalamento effettuato dalla polaria di Fiumicino nei confronti di un 32enne romano indagato per furto con destrezza, all’interno del Terminal aeroportuale, è stato possibile identificare il soggetto la cui impronta palmare è perfettamente corrispondente a quella rilevata dalla polizia scientifica.

Per lui è scattata la denuncia in stato di libertà per furto.

 

 

29 Giugno 2019 0

Finisce nella rete della polizia dopo 4 anni grazie ad un’impronta

Di Comunicato Stampa

I fatti risalgono al gennaio del 2015 quando un esercizio commerciale della zona bassa di Frosinone, particolarmente attivo nel settore dell’intrattenimento per bambini, fu oggetto di un rilevante furto. Sul posto all’epoca dei fatti personale della polizia scientifica a seguito di accertamenti riuscì ad estrapolare un’impronta a cui tuttavia non si potette attribuire un nome e cognome. A distanza di anni, nelle recenti settimane, a margine di un controllo e foto segnalamento effettuato dalla a Fiumicino nei confronti di un 32enne romano indagato per furto con destrezza, all’interno del Terminal aeroportuale, è stato possibile identificare il soggetto la cui impronta palmare è perfettamente corrispondente a quella rilevata dalla polizia scientifica. Per lui è scattata la denuncia in stato di libertà per furto. Foto d’archivio