Giorno: 26 ottobre 2009

26 ottobre 2009 0

Il Cassino calcio prosciolta dalla giustizia sportiva

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Proscioglimento per la squadra del Cassino Calcio nella vicenda relativa alla presunta violazione dell’art. 16 del Noif. Così è stato deliberato questa mattina a Roma: in primo grado la Procura Federale aveva chiesto l’inibizione per un anno al presidente cassinate, Clodomiro Murolo, oltre alla penalizzazione di due punti in classifica alla squadra del Cassino ed alla multa di 30.000 euro. Questo il commento, a caldo, del Presidente Murolo. “Accolgo con estrema soddisfazione questa sentenza: una diversa decisione avrebbe penalizzato, irreparabilmente, non solo una squadra che ha tutti i numeri per puntare in alto, ma soprattutto l’entusiasmo di una cittadinanza intera che, sempre più, segue la propria squadra, mostrandosi sensibile alle vicende che la toccano. Con la stessa serenità con cui ha affrontato il vaglio della Giustizia sportiva, il Presidente Murolo attende fiducioso l’esito dell’indagine curata dalla Guardia di Finanza di Cassino in merito a presunte irregolarità gestionali. Il Presidente rinnova la sua fiducia agli uomini della dirigenza per il proficuo lavoro svolto, per i risultati fin qui raggiunti, assicurando loro ed alla città la voglia di andare avanti e di voler affrontare con la dovuta fermezza ogni maldestro espediente tendente a delegittimarlo ed a destabilizzare la società.

26 ottobre 2009 0

Cassino Calcio, successo anche delle giovanili

Di redazione

Il 7-0 tra Cassino e Celano rappresenta il miglior risultato mai ottenuto da una Berretti azzurra nella storia del calcio cassinate. “Stiamo lavorando sodo – ha detto il dg Pescosolido – per creare un settore giovanile in grado di seguire l’esempio tracciato dalla prima squadra. Il nostro vivaio, finalmente, è composto quasi interamente da giovani del posto. Basti pensare che non abbiamo neanche un elemento in convitto. Queste vittorie ci esaltano e ci fanno capire che stiamo percorrendo la strada giusta”. BERRETTI: CASSINO – CELANO 7-0 MARCATORI: 23’pt e 30’pt Miselli, 12’st e 23’st Pittiglio, 24’st Umani, 26’st Capocefalo, 34’st Spigola PROSSIMO TURNO: CASSINO – MELFI (31/10/09 ore 14.30 al Colosseo)

ALLIEVI NAZIONALI CASSINO – FROSINONE 0-0 PROSSIMO TURNO: NAPOLI – CASSINO (1/11/09 ore 10.30 campo Kennedy)

GIOVANISSIMI NAZIONALI PESCINA – CASSINO 1-1 MARCATORI: 10’st Cipriani PROSSIMO TURNO: CASSINO – NOCERINA (1/11/09 ore 10.30 a Villa Latina)

ALLIEVI REGIONALI FASCIA B CASSINO – RIO CECCANO 1-1 MARCATORI: 30’st (rig.) La Valle PROSSIMO TURNO: CANARINI ROCCA DI PAPA – CASSINO (31/10/09 ore 16.30 a Rocca di Papa)

GIOVANISSIMI REGIONALI FASCIA B DELLE VITTORIE – CASSINO 4-3 MARCATORI: 16’pt Di Cristofaro, 29’st Bruno, 34’st Vacca PROSSIMO TURNO: CASSINO – VILLALBA OCRES MOCA (01/11/09 ore 11.15 campo 2)

26 ottobre 2009 0

Calcio, il Cassino vince i Sicilia

Di redazionecassino

Il Cassino ha vinto in Sicilia battendo l’Igea Virtus per 3-.0. Domenica prossima arriva il Monopoli. Intanto la Figc ha respinto il provvedimento di penalizzazizone di due punti,  di una multa e la sopensione per un anno  del presidente Clodomiro Murolo per presunto illecito amministrativo.

IGEA VIRTUS (4-2-3-1): Cilli 5; Mottola 5, Palma 5, Giardina 5, Procopio 5; Nuccio 5 (10’ s.t. Cocimano 5), Pisciotta 6; Grillo 5,5 (37’ s.t. Infimo s.v.), Cocuzza 5, Di Micieli 5; Angotti 6 (26’ s.t. Nabil 5). A disposizione non utilizzati Rocco, Lo Verde, Stelitano, Ballardini. All. Zampollini CASSINO (4-4-2): Amadio 6; Bica Badan 6, Merli 6 Bianciardi 6, Martinelli 7; Camorani 6,5 (21’ s.t. Conti 5,5), Kone 7, Giannone 8, Spanò 6 (28’ s.t. Poli 6); Frisenda 6 (10’ s.t. Bardeggia 6), Mezgour 7. A disposizione non utilizzati Paoletti, Agius, Romeo, Croce. All. Pellegrino Arbitro: Afferito di Frattamaggiore Reti: 1’ Martinelli, 34’ p.t. e 19’ s.t. Giannone

26 ottobre 2009 0

Schiacciato da un manufatto cimiteriale, muore un 60enne

Di redazione

E’ stato schiacciato da un quadro cimiteriale pesantissimo ed è morto. Vittorio G., 60 anni di San Vittore del Lazio (Fr), oggi pomeriggio alle 17 stava lavorando all’interno dell’azienda Somace si San Vittore. L’operaio, insieme ad un collega che manovrava un muletto, stava caricando il pesante pezzo diretto a decorare una tomba in un cimitero, quando lui stesso sarebbe caduto dal camion seguito dal manufatto che lo ha schiacciato. Nessuna speranza di sopravvivenza: l’uomo è morto nonostante l’arrivo dei soccorritori. Vigili del fuoco ed operatori del 118 si sono pèortati sulò posto ma solo per constatarene il decesso. I carabinieri della stazione di Cervaro, al comando del maresciallo Giuseppe De Biase coordinati dal capitano Adolfo Grimaldi, dovranno ricostruire la dinamica dell’accaduto. Er. Am.

26 ottobre 2009 0

Cani avvelenati, un “summit” in comune

Di redazione

Il fenomeno dei cani avvelenati ha portato l’amministrazione comunale di Sant’ambrogio sul Garigliano (Fr) ad incontrare i volontari dell’associazione amnimalista Anpana per mettere in campo iniziative valide per arginare il fenomeno del randagismo e dell’avvelenamento dei cani. A seguito dell’incontro, il presidente dell’Anpana Cassino, Francesco Altieri ha stilato un comunicato stampa. “In merito al fenomeno dei cani avvelenati a Sant’Ambrogio del Garigliano, – si legge nella nota di Altieri – come richiesto dal Sindaco del Comune di Sant’Ambrogio, sabato 24 ottobre presso la casa comunale, si è svolto un incontro con l’Anpana che verteva sul problema delle uccisioni di cani. L’incontro si è svolto in un clima costruttivo e dopo i dovuti chiarimenti si è giunti ad una strategia d’azione comune. L’amministrazione si è rivelata sensibile al problema del randagismo ed alla protezione animali; infatti alcuni anni or sono è stata fautrice di una campagna di sensibilizzazione che addirittura premiava chi avesse denunciato un abbandono. Purtroppo la particolare posizione geografica del Comune agevola chi volesse disfarsi di cani scomodi, facendo proliferare i cani randagi. Non ultimo, c’è il problema dei semiliberi che sono cani accuditi da più cittadini, per strada. Alla fine della discussione si è passati alle strategie da mettere in campo per frenare il fenomeno del randagismo. L’amministrazione con in testa il Primo cittadino, metterà in atto azioni volte a tenere maggiormente sotto controllo il territorio, ad informare i cittadini sulle norme in materia di protezione di animali e prevenzione e controllo del randagismo. Tutto ciò anche con l’ausilio dei volontari e ricordando che l’abbandono e l’uccisione di animali sono reati e chi li commette è sanzionato in modo importante. In conclusione, alla luce dei fatti, ci rivolgiamo all’opinione pubblica, alla stampa e ai media, perché sia messa nella giusta luce la faccenda, precisando che: cittadini, volontari ed Amministratori guardano nella stessa direzione, di legalità, sensibilità, attenzione e cura degli animali e stigmatizziamo che l’isolato caso è frutto dell’azione di un balordo, che assolutamente non rappresenta un paese sano ed attento alle problematiche animaliste, come si sta dimostrando Sant’Ambrogio Del Garigliano”.

26 ottobre 2009 0

Il Downhill, per promuovere il territorio

Di redazione

Domenica 25 ottobre 2009 si è svolta presso il comune di San Giovanni Incarico la seconda edizione della Downhill San Giovanni Incarico. Lo staff di KlinK, in collaborazione con ‘Tuttociclo’ e ‘Psycobiketeam’, patrocinati dal comune di San Giovanni Incarico, Assessorato allo sport, e dall’Unione di Comuni “Antica Terra di Lavoro”, hanno lavorato incessantemente per ben tre settimane sul monte S. Maurizio, con l’obiettivo di realizzare un tracciato di discesa per biciclette davvero particolare. Proprio il monte S. Maurizio, che ospita il santuario della Madonna della Guardia, è stato teatro della partenza della manifestazione. Da qui si snoda un’ antica via crucis che giunge fin nel cuore del paese. Un tracciato molto tecnico e unico nel suo genere (1300mt. di lunghezza per un dislivello totale di circa 200mt ) con arrivo in piazza Umberto I. “L’obiettivo primario della manifestazione è quello di sensibilizzare e promuovere quanto più possibile il territorio a questa nuova attività sportiva, in costante crescita” dichiara l’ Assessore allo sport Antonio Carnevale che fin dal suo insediamento ha cercato sempre di più la promozione sportiva a 360 gradi, sempre più convinto che “qualsiasi disciplina sportiva aiuta nella crescita educativa, culturale e sociale ed è un’ ottima cura nella prevenzione L’organizzazione a cura di Massimiliano MANDARELLI si complimenta con i numerosi partecipanti provenienti da tutta Italia che si sono sfidati lungo i 1300mt di un percorso tra i più vari d’Italia e sempre ricco di insidie. Ad avere la meglio in occasione della seconda edizione è stato il Pontino LUCA CETRONE che lo scorso anno si era piazzato al secondo posto, subito dietro di lui Giovanni FANELLI e Remo REA, rispettivamente secondo e terzo assoluti. Luca Cetrone che ormai si è abituato ad occupare le parti alte della classifica a fine gara entusiasta si è complimentato con l’organizzazione tutta e con il Comune di San Giovanni Incarico e i suoi vari organi preposti al controllo di tali iniziative. “Per il secondo anno consecutivo mi trovo in questo bellissimo scorcio di Ciociaria e per me è diventato un appuntamento imperdibile, qui si trovano tutte le caratteristiche di una gara perfetta, ottima l’organizzazione, buono il sostegno del comune e delle forze dell’ordine, gente disponibile, buon cibo, riassunto: un posto in cui venire più spesso”. L’assessore Carnevale conclude: “Salutato Luca che ci dà appuntamento sul podio per il prossimo anno, archiviamo la seconda edizione e aspettiamo con ansia la 3° edizione che senza dubbio ci riserverà nuove emozioni e grandi colpi di scena”.

26 ottobre 2009 0

Videogiochi clonati, sequestri e denunce

Di redazione

Frosinone – Scoperti tre videogiochi perfettamente clonati, denunce e sequestri La frontiera del clone si sposta sempre più in avanti. La guardia di finanza di Frosinone ha trovato e sequestrato tre videogiochi irregolari, del tipo slot machine, copie perfette di slot machine regolari. Le macchine autorizzate dal Monopolio hanno un numero che le identifica e, inoltre, ognuna deve essere collegata in rete con la rete del monopolio per poterne controllare le giocate. Ebbene, in due locali di Frosinone , i finanzieri hanno scoperto tre slot che erano solo fintamente collegate alal rete, Cioè un cavo era attaccato alal presa ma la macchina non scambiava dati con il Monopolio. Dalle verifiche fatte sui codici pare, invece che le macchine erano dislocate in altri locali di altre città, macchine che in quei locali risultavano al Monopolio perfettamente funzinanti. I documenti, inoltre, erano stati scansionati e riprodotti fedelmente. Per questo, gli apparecchi e i relativi modem sono stati sottoposti a sequestro e sono stati denunciati alla competente Autorità Giudiziaria i responsabili della società che gestiva gli apparecchi videogiochi.

26 ottobre 2009 0

La Guardia di Finanza indaga sul Cassino

Di redazione

La procura indaga sul Cassino Calcio. Un campionato di tutto rispetto quello della compagine cassinate che milita in seconda divisione ed è quarta in classifica. Se dal punto di vista sportivo le cose vanno bene, qualche nuvola nera sembra addensarsi sull’aspetto societario. La documentazione relativa alla gestuione della squadra, infatti, sarebbe strettamente attenzionata dalla Guardia di Finanza di Cassino che avrebbe ricevuto mandato dalla procura di Cassino, nella persona del sostituto procuratore Carlo Morra, di indagare su presunti illeciti commessi dalla dirigenza della squadra di calcio. Ad innescare la procura, e di conseguenza gli uomini del capitano Vincenzo Ciccarelli, sarebbe stato un esposto particolarmente dettagliato su come alcune carte sarebbero state “aggiustate”. Una storia che verrebbe da lontano, anche se non lontanissimo, e che minaccia di destabilizzare un ambiente che finalmente sembra essersi incamminato sulla giusta strada, almeno dal punto di vista sportivo. Er. Am.

26 ottobre 2009 0

Un secolo di vita festeggiato da un’intera frazione

Di redazione

Ha compiuto oggi 100 anni Maria Civita Trelle, la prima donna, a memoria, a raggiungere l’ambito traguardo nella frazione Caira di Cassino. Li ha compiuti nella casa di via Camarda, dove vive amorevolmente assistita dalla figlia Caterina, dal genero Cosimo e dai nipoti Massimiliano e Fabio Leva. Nata nel 1909, ha superato due disastrosi conflitti bellici e le tante traversie che hanno caratterizzato il periodo tra le due guerre e soprattutto gli anni del dopoguerra; la sua seconda figlia, Caterina, è stata partorita proprio durante lo sfollamento del 1943-44, in Calabria. E’ la seconda di sette figli; gli altri tutti maschi, ai quali ha fatto da madre, di cui solo tre, di 86, 88 e 94 anni , sono ancora viventi. Vedova di Giuseppe Nardone, lo ha particolarmente assistito negli ultimi quindici anni di vita, da lui trascorsi paralizzato. Dal matrimonio ha avuto quattro figli, oltre Caterina, Giulia, viventi, Benedetta e Nicola, deceduti, che le hanno dato 9 nipoti, oltre Fabio e Massimiliano, anche Saverio, Maria Teresa, Ernestina, Betta, Dario, Luisa e Assunta. Oggi, in occasione del suo compleanno, a Caira è stata amorevole festa per Maria Civita Trelle che ha ricevuto la visita del sindaco Bruno Vincenzo Scittarelli, accompagnato dai consiglieri Giuseppe Canessa e Stefano Tescione. Il sindaco, come da tradizione consolidata, ha donato una targa alla centenaria a ricordo dell’invidiabile traguardo raggiunto.

26 ottobre 2009 0

Muore durante la caccia al cinghiale, si indaga per omicidio colposo

Di redazione

E’ stato raggiunto all’addome da una fucilata esplosa da un suo compagno di caccia ed è così morto, ieri pomeriggio il 31enne Ivan D’Onorio. La tragedia si è verificata a Sora (Fr) in una zona di montagna impervia dove era in corso una battuta di caccia al cinghiale. Il 31enne ferito, si è accasciato ed è morto poco dopo. Sul posto sono arrivatio i soccorsi anche a bordo di un elicottero ma è stato tutto inutile. La salma è stata trasportata nell’obitorio di Sora dove oggi si svolgerà l’autopsia. Intanto sul caso continuano ad indagare i carabinieri della compagnia di Sora al comando del capitano Luca Cesaro e del tenente Angelo Lachimia. Carla Canaia, il sostituto procuratore della repubblica di Cassino che coordina le indagini, avrebbe aperto un fascicolo per omicidio colposo. Inftanto sono stati ascoltati tutti i partecipanti alla battuta di caccia ed esaminati tutti i fucili di cui erano armati per fare piena luce su chi ha fatto fuoco.