Giorno: 1 marzo 2010

1 marzo 2010 0

Pugni d’amore, un 20enne rischia l’occhio

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Pestato per amore. Il litigio con l’ex della sua fidanzata stava per costare ieri un occhio ad un 20enne che ieri si è rivolto al pronto soccorso di Pontecorvo per farsi curare. Lo spiacevole incontro sarebbe avvenuto a Roccasecca dove l’ex in questione, avrebbe aperto la porta dell’auto su cui viaggiavano i due fidanzati e avrebbe iniziato a sferrare colpi. Oltre all’occhio, il giovane avrebbe riportato ferite anche alla mandibola e a un ginocchio. Er. Am.

1 marzo 2010 1

Travolto dall’albero che stava tagliando

Di redazione

E’ stato travolto dall’albero che aveva tagliato. E’ accaduto nella tarda mattinata di oggi ad Atina nei pressi dello svincolo della superstrada. Un uomo, intento nel tagliare un grosso e pesante albero, deve aver calcolato male l’angolo di caduta del tronco e vi è rimasto praticamente sotto. Immediatamente è stato lanciato l’allame a ambulanza e 115, questi ultimi sarebbero serviti per liberare l’uomo dal tronco ma, gli operatori del 118 sono riusciti a disincastrarlo e a trasportarlo in ospedale dove l’uomo è stato sottoposto ad un a serie di esami radiodiagnostici. Pare che non fosse, per fortuna, in pericolo di vita. Er. Amedei

1 marzo 2010 1

Un Piano regolatore rurale per un paesaggio valorizzato e tutelato

Di redazione

Serrone e Piglio, insieme alla cantina vinicola Terenzi, protagonisti al convegno organizzato dall’assocazione Città del Vino per rilanciare l’idea del “paesaggio” come patrimonio fondamentale da tutelare e valorizzare. “Il paesaggio è un patrimonio fondamentale della storia e della cultura di un territorio, un fattore di primaria importanza per la sua competitività in termini turistici e come valore aggiunto, per la sua capacità evocativa, dell’identità di ogni prodotto, il vino in primis. Per questo, il paesaggio rurale non può più essere ‘affidato’ alle dinamiche economiche spontanee, ma può e deve essere oggetto di una pianificazione urbanistica, allo stesso modo delle aree d’insediamento urbano”. Lo ha dichiarato il presidente dell’Associazione Città del Vino, Giampaolo Pioli, nel corso della presentazione del volume “Vino e Paesaggio. Materiali per il governo del territorio”, presentato a Palazzo Marini a Roma, in collaborazione con la Presidenza della Camera dei Deputati. In platea, in rappresentanza delle zone del Cesanese del Piglio, il sindaco di Serrone, Maurizio Proietto, l’assessore di Piglio, Fabio Falamesca, e il produttore di vini Giovanni Terenzi. Un volume importante, “una cassetta degli attrezzi per gli amministratori”, come lo definiscono gli autori, con dentro idee, regole ed esperienze concrete che le Città del Vino suggeriscono per un vero e proprio “piano regolatore rurale” utile a tutelare e valorizzare il patrimonio paesaggistico. “Quel che è stato ribadito – commenta il sindaco Proietto – è che la tutela del paesaggio non è solo conservazione, ma anche e soprattutto difesa dell’ambiente, di pari passo con le esigenze dell’agricoltura moderna. L’obiettivo del lavoro delle Città del Vino, di cui anche noi facciamo parte attiva da tempo, è puntare ad un proprio Piano Regolatore, uno strumento urbanistico per attuare una politica di governo del territorio che persegua lo sviluppo economico fondato sulle reali vocazioni vitivinicole in un quadro di attenta salvaguardia ambientale”. “Noi – precisa Giampaolo Pioli – intendiamo far crescere una ‘cultura’ del paesaggio e, in particolare, del paesaggio vitivinicolo; far maturare l’idea che il “territorio rurale aperto” può essere oggetto di attività pianificatrice da parte dell’ente pubblico, in accordo con il mondo della produzione vitivinicola e agricola, e fornire ai Comuni princìpi, regole, esperienze concrete di trasformazione di quelle idee in norma”. Con la Convenzione Europea del Paesaggio, la Conferenza del Consiglio d’Europa ha iniziato da tempo un lungo e faticoso lavoro per sedimentare nell’animo di chi è chiamato a decidere, ma anche nel senso comune delle genti, l’idea del paesaggio come patrimonio di tutti. Ed è proprio grazie a questa sollecitazione che è nato il volume “Vino e Paesaggio” (a cura di Pier Carlo Tesi, Lorenzo Vallerini e Luigi Zangheri; info: redazione@cittadelvino.com, Tel. 0577/353144), che rappresenta il risultato di un lavoro di due anni, grazie al quale le Città del Vino sono entrate a far parte come membro permanente della Conferenza del Consiglio d’Europa. “Certo – aggiunge il sindaco di Serrone – dai vari interventi è emerso un appello forte al Parlamento affinché sia vicino alle comunità locali che, dopo i continui tagli effettuati nei trasferimenti dello Stato, hanno sempre meno risorse per programmare e progettare. Un sostegno importante, e mirato, potrebbe invece consentire a piccoli comuni come i nostri di investire concretamente su ciò che può rappresentare il volano di un’economia enogastronomica e turistica”.

1 marzo 2010 0

Picchia la moglie e le rompe la mandibola, 45enne in manette

Di redazione

Maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, per questa ipotesi di reato, questa notte, i carabinieri della compagnia di Pontecorvo agli ordini del capitano Pierfrancesco Di Carlo, coordinati dal tenente Vincenza Sannino, hanno tratto in arresto Bruno Sacco, 45 anni di Pignataro Interamna. Dopo un acceso litigio, l’uomo ha aggredito e picchiato la moglie procurandole una lesione alla mandibola e procurandole ferite al collo. Sempre dagli accertamenti posti in essere è emerso che da tempo aveva adottato una condotta violenta nei confronti della donna. Con l’accusa di “maltrattamenti in famiglia e lesione personale”, il 45enne è stato arrestato e, domani, sarà processato per direttissima a Cassino.

1 marzo 2010 0

Le atlete del liceo primeggiano nella corsa campestre

Di redazione

Cinque atlete fra le prime 10. Questo il lusinghiero risultato che ha consentito al Liceo scientifico di Ceccano di vincere la fase provinciale della corsa campestre e di qualificarsi così per la fase regionale. La gara, svoltasi nei giorni scorsi ad Alvito, ha visto le studentesse del Liceo fabraterno imporre la loro superiorità contro altre 10 scuole superiori della provincia. La squadra del Liceo era formata da Martina Spinelli, Giovanna Testa, Letizia Giovannone, Giulia Malizia e Beatrice Alessandrini. Anche le juniores hanno raggiunto un ottimo risultato, classificandosi al II posto con la squadra formata da MACCIOMEI, FRANCESCHINI, DI MARIO e CICCIARELLI ad un punto soltanto di distacco dalla prima classificata. Buon risultato anche tra i maschi, dove la squadra si è classificata al 4° posto.

1 marzo 2010 0

Equitalia Gerit: apre l’8 marzo lo sportello di Anagni

Di redazione

Apre lunedì 8 marzo ad Anagni (Fr), in località Osteria delle Fontane, rotabile San Francesco, lo sportello di Equitalia Gerit, agente pubblico della riscossione per tutte le province del Lazio, nonché per quelle di Grosseto, L’Aquila, Livorno e Siena. Sarà il secondo ufficio presente nella provincia e va ad aggiungersi a quello di Frosinone (via Licinio Refice, 24). L’inaugurazione, alla presenza dei vertici Equitalia e delle autorità locali, avrà luogo giovedì 4 marzo, ore 11.30. Il nuovo sportello, funzionale e accogliente, dove ricevere informazioni ed effettuare pagamenti, sarà aperto il lunedì e il mercoledì, dalle ore 8.35 alle ore 13.30. L’apertura del nuovo ufficio di Equitalia Gerit rientra nel programma del Gruppo Equitalia per estendere e migliorare il servizio di assistenza al contribuente. Ricordiamo che, per venire incontro alle difficoltà in cui si possono trovare i cittadini, i professionisti e le aziende, in un periodo di difficile congiuntura economica, Equitalia ha messo a disposizione lo strumento delle rateazioni. Dal 2008 ad oggi, in tutta la provincia di Frosinone, ne sono state concesse circa 8 mila per un ammontare di 211milioni di euro. Più della metà delle rateazioni concesse riguarda debiti per importi fino a 5mila euro, per i quali non è richiesta alcuna documentazione che comprovi lo stato di temporanea obiettiva difficoltà.

1 marzo 2010 0

Lavoro nero, azienda sanzionata con 30 mila euro

Di redazione

Il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Isernia, ha effettuato nei decorsi giorni numerosi controlli nel territorio, con riguardo alla sicurezza sui luoghi di lavoro per prevenire il fenomeno delle “morti bianche” ed il rispetto delle normative in materia contributiva ed assicurativa. Durante tali servizi, il proprietario di un bar e il titolare di un’impresa operante nel campo delle ristrutturazioni sono stati sanzionati per impiego di lavoratori in “nero”. Nei loro confronti sono stati adottati provvedimenti di sospensione dell’attività ed elevate sanzioni amministrative per circa 30.000 euro.

1 marzo 2010 0

Pagamento dei tributi, Codici incontra Equitalia che apre sportelli a Sora e Anagni

Di redazione

Si è tenuto in data odierna l’incontro tra l’Associazione CODICI, nella persona del Segretario Provinciale CODICI Frosinone, Luigi Gabriele ed il direttore di Equitalia Frosinone, Vincenzo Catania. “Siamo soddisfatti dell’incontro – commenta Luigi Gabriele – durante il quale il direttore di Equitalia si è dimostrato aperto all’ascolto e collaborativo con l’Associazione”. Numerosi i punti di cui si è discusso: dalla crisi economica che attanaglia i cittadini alla carente, sotto diversi punti di vista, organizzazione interna agli sportelli Equitalia. “Intanto Equitalia ha confermato l’apertura di due sportelli nel Frusinate, rispettivamente ad Anagni e Sora – prosegue Gabriele – e di questo ne siamo soddisfatti. E’ stata, inoltre confermata la possibilità, da parte dell’utente, di accedere, tramite account personale, ai servizi on-line e alla visione e verifica della propria posizione contributiva. Verrà posto, così, un limite alle file interminabili che mettono, quotidianamente, a dura prova i cittadini. Anche oggi, ad esempio, da verifica compiuta dal sottoscritto, è stata riscontrato che, nonostante la chiusura degli sportelli di Frosinone fosse prevista per le 13, già alle 11.30 erano terminati i biglietti di prenotazione chiamata. Un disservizio che ha causato non poche rimostranze tra gli utenti presenti”. “L’incontro di oggi è stato indubbiamente un passo avanti verso la risoluzione delle criticità –conclude Gabriele – ma molto c’è ancora evidentemente da fare. Chiediamo l’applicazione della 244/2007 e quindi l’attuazione della carta di qualità dei servizi che dovrebbe garantire e tutelare i diritti dei consumatori nell’utilizzo dei servizi”. Il CODICI auspica inoltre che nel prossimo futuro ci possa essere un maggior confronto tra Equitalia Frosinone e Associazioni dei Consumatori nel controllo della qualità del servizio erogato.

1 marzo 2010 0

Prostituzione: agente immobiliare in manette, troppo vicino ad una casa a luci rosse

Di redazione

Questa mattina all’alba, è stato tratto in arresto in esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere Pacifici Ottavio 59enne residente a Silvi (Te), con l’accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione il quale, a differenza degli altri colleghi tratti in arresto in precedenza, è già noto alle cronache giudiziarie poiché tratto in arresto con analogo provvedimento nel 2002 e condannato per tali reati. L’attività investigativa condotta sul conto del Pacifici è stata molto articolata e lunga, con un dato di tutta evidenza, come si legge nella richiesta di misura del P.M. Dott.Giovagnoni, che ha diretto le indagini: “l’impressionante dato numerico … oltre 49 donne risultate esercitare la prostituzione, movimentate in poco più di sei mesi”. Questo numero fa riflettere sulla dimensione dell’indagine condotta sul conto del Pacifici, il quale il quale era divenuto importante punto di riferimento di prostitute che si rivolgevano a lui non solo per chiedere in affitto un appartamento, ma anche per qualsiasi altra esigenza quotidiana, ad esempio quella di accompagnare una donna a fare la spesa, o prestare piccole somme di denaro, che la donna restituiva grazie ai proventi della turpe attività esercitata. L’attività investigativa svolta e diretta dello scrivente, nel corso del tempo ha prodotto risultati sul territorio di Silvi di importanza assoluta: a tal proposito si vuole ricordare in questa sede che nel mese di settembre 2008 sul territorio di Silvi vennero censite circa 68 donne che esercitavano la prostituzione in altrettanti appartamenti, nel mese di febbraio 2010 gli investigatori ne hanno censite 7 e da domani questo numero è destinato ad avvicinarsi allo zero. Dopo le formalità di rito, PACIFICI Ottavio è stato associato alla Casa Circondariale di Teramo a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. “L’Operazione ‘Non Solo Affitti’ ormai nota alle cronache locali, ha assunto ora la sua massima maturità ed è quindi tempo di tracciare un preciso bilancio sui risultati conseguiti dall’agosto 2008 ed oggi e di come il territorio di Silvi (Te) si sia “ripulito” man mano da una ultra ventennale piaga: la prostituzione”. Lo si legge in una nota stampa dei carabinieri del comando di compagnia di Giulianova (Te). “Non sfugge a chi scrive la consapevolezza che la problematica in esame investe, in prima battuta, aspetti di natura socio-economica, essendo strettamente legata al fenomeno dell’immigrazione in Italia di persone che vi giungono senza altra prospettiva che non sia quella di guadagnare denaro per sopravvivere attraverso la vendita del proprio corpo, in strada o all’interno di abitazioni. L’estrema difficoltà che tali persone incontrano ad inserirsi nel tessuto sociale mediante un’ordinaria attività lavorativa- regolarmente retribuita- costituisce, da un lato, motivo di riflessione circa l’incapacità da parte degli organi istituzionalmente preposti a garantire quel minimo di accoglienza e di strutture in grado di facilitarne l’integrazione, dall’altro, diviene strumento utilizzato da soggetti privi di ogni scrupolo, votati alla logica del guadagno facile, per costringere, e dunque sfruttare a fini economici, la disponibilità da parte degli immigrati a fare qualsiasi cosa pur di sopravvivere. In tale contesto si inserisce il fenomeno del favoreggiamento e dello sfruttamento della prostituzione, in molti casi monopolizzato da organizzazioni transnazionali in grado di garantire il reclutamento di donne all’estero, il loro ingresso in territorio italiano, la messa a disposizione di appartamenti per svolgere il meretricio il cui provento costituisce linfa vitale per la stessa organizzazione, accrescendone dimensioni e potere. Appare evidente allora che la realtà appena descritta per poter funzionare necessita anche della connivenza da parte di chi, in una determinata località urbana, sia in grado di garantire in tempo reale gli “strumenti” idonei per lo svolgimento dell’attività di prostituzione, in particolare, il locale, l’immobile, l’appartamento dove la prostituta accoglie il cliente di turno. Non si intende di certo affermare, sic et simpliciter, che colui il quale cede in locazione un immobile ad una prostituta sia necessariamente parte integrante di un’organizzazione votata allo sfruttamento della prostituzione; non può, – continua la nota – tuttavia, negarsi che tale disponibilità, soprattutto se ripetuta nel tempo, costituisce un apporto significativo al fenomeno di cui si discute. Studi approfonditi in materia rilevano, infatti, che la prostituzione è florida laddove è più facile reperire appartamenti in cui esercitarla. Ebbene, dalla lunga e meritevole attività di indagine posta in essere dai militari della Stazione dei Carabinieri di Silvi e del dipendente N.O.R., emerge una realtà urbana in cui durante la stagione estiva si vive di turismo balneare, mentre in inverno l’attività più florida appare quella della prostituzione che produce lucrosi guadagni non solo e non tanto per chi la esercita, ma soprattutto per coloro che la favoriscono, mettendo a disposizione gli appartamenti attraverso contratti di affitto a tempo determinato, ottenendo in corrispettivo somme di denaro considerevoli. Si tratta di singoli proprietari che stipulano direttamente con la prostituta il contratto di locazione, ma il più delle volte, almeno a Silvi, di gestori di alcune agenzie immobiliari. Costoro sono pienamente consapevoli che, al di fuori della stagione estiva, il mercato delle locazioni immobiliari, in una piccola realtà cittadina, si basa esclusivamente sul fenomeno della prostituzione in abitazione; si assiste pertanto ad un completo stravolgimento del volto della città che, in poco tempo, da località frequentata da turisti e famiglie attratti dalle bellezze naturali del posto, si trasforma in un centro di ritrovo di persone, per lo più di origine extracomunitaria, che esercitano la prostituzione, dapprima pubblicizzando le prestazioni su giornali del settore e non, e poi accogliendo i clienti all’interno di abitazioni appositamente prese in locazione in virtù di contratti stipulati con agenzie immobiliari il cui corrispettivo proviene esclusivamente dal provento dell’attività espletata, essendo il meretricio l’unica loro fonte di sostentamento. La consapevolezza del tipo di attività svolto all’interno delle abitazioni e della provenienza del denaro utilizzato per pagare il corrispettivo della locazione integra, senza alcun dubbio, il reato di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione da parte di chi fornisce l’alloggio e ne riceve i proventi, così come evidenziato dalla magistratura inquirente. Si è allora accertato durante l’attività investigativa che a Silvi alcune agenzie immobiliari locavano gli appartamenti solo a persone che esercitavano la prostituzione attraverso contratti di breve durata e per somme di denaro considerevoli, la cui entità risulta maggiore rispetto ai normali canoni di mercato proprio perché si ha la consapevolezza che il locatario è in grado di farvi fronte in virtù di un’attività lavorativa particolarmente lucrosa. Si tratta di realtà che sono già note alle cronache poiché poste all’attenzione dell’Autorità Giudiziaria nell’ambito di altri procedimenti: In particolare, si ricorda, le indagini di polizia giudiziaria nell’ambito del procedimento penale contro l’agenzia immobiliare Maremonti di Giansante C. risultata particolarmente attiva sul mercato degli affitti a favore di prostitute; nel marzo del 2009 venivano indagati GIANSANTE Carmine e la sua collaboratrice DI MICHELE Gigliola per il reato di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione con conseguente applicazione nei loro confronti della misura cautelare custodiale in carcere e sequestro preventivo di n.3 appartamenti sistematicamente utilizzati per la perpetrazione dei reati contestati . Successivamente l’attenzione investigativa ha riguardato l’agenzia immobiliare “Kristal”sas di BODELMONTE & C. di COLUCCIA BODELMONTE Claudio con sede in Silvi (Te) via Garibaldi 65 e poi la “Living” di Dell’ELCE Angelo con sede in Silvi (Te) P.zza Garibaldi In entrambi i casi è emersa una condotta di favoreggiamento della prostituzione in cui l’intermediazione immobiliare, espletata mediante l’agenzia, costituiva rispetto all’illecita attività, senz’altro uno strumento agevolatore della turpe attività e, nel contempo, una sorta di schermatura protettiva che ha consentito agli indagati di muoversi sul mercato senza particolari preoccupazioni di illegalità, potendo gli operatori addurre a propria giustificazione la non conoscenza o conoscibilità del modo in cui venivano utilizzati gli appartamenti locati. L’Operazione non Solo Affitti”, attraverso la costanza degli investigatori, ha smascherato tutti questi aspetti che originariamente rappresentavano gli ingranaggi principali di quello che venne definito “il sistema Silvi”. L’arresto di questa mattina è sintomatico di come questi ingranaggi non ingranano più, le strategie adottate dagli “addetti ai lavori”, in taluni casi davvero singolari ed argute, ora non hanno più efficacia”.

1 marzo 2010 0

Cassino Calcio, nuovo (vecchi) cambio in panchina, fuori i Sanderra, ritorna Pellegrino

Di redazione

La S.S. Cassino comunica di avere assunto, al termine di una attenta, dolorosa ma ponderata riflessione, la decisione di sollevare dall’incarico di allenatore della prima squadra il sig. Stefano Sanderra. Contestualmente è esonerato dall’incarico di allenatore in seconda il sig. Luca Sanderra. Il presidente Clodomiro Murolo, l’amministratore Domenico Verdone, i dirigenti tutti ringraziano i fratelli Sanderra per il compito svolto durante queste settimane ed augura loro con sincerità di raggiungere i migliori traguardi professionali. E’ reintegrato nell’incarico di tecnico della prima squadra il sig. Maurizio Pellegrino. Rimarrà nel suo staff il preparatore dei portieri sig. Bruno Federici; l’incarico di preparatore atletico è stato invece assegnato al sig. Giancarlo Pittiglio, già trainer delle selezioni giovanili e che in questo ultimo mese ha affiancato i fratelli Sanderra nella guida atletica della squadra. Con questa ultima nomina la società intende premiare la serietà, la preparazione, il rigore con cui Pittiglio ha svolto questo incarico.