Giorno: 27 marzo 2010

27 marzo 2010 0

Confiscato ai corrieri del narcotraffico, rimorchio frigo donato alla Croce Rossa Militare

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una brillante operazione compiuta oltre due anni fa dalla guardia di finanza di Cassino (Fr), portò al sequestro di un automezzo pesante alle cosche camorristiche campane. Si tratta di un semirimorchio frigo marca LAMBERT, che oggi, sottoposto a confisca, è stato donato alla Croce Rossa Militare. Il mezzo trainato, due anni fa venne sottratto ai trafficanti di droga delle cosche malavitose campane che lo usavano per portare dalla Spagna a Napoli, nascosti tra le patate, diverse decine di chili di hashish. Oggi il bene depositato per due anni presso il deposito giudiziario Casilina Est srl di Lanni T. & Martucci A. con sede in Cassino, è stato consegnato dalla guardia di finanza al responsabile della Croce Rossa militare tenente Sandro Fella.

27 marzo 2010 0

Il vento sradica un pesante pioppo che frana su un’auto, tragedia sfiorata

Di redazione

Il vento abbatte un albero che finisce su un’auto in transito e si sfiora la tragedia in via Casilina a Villa Santa Lucia (Fr). E’, in breve, quanto accaduto oggi pomeriggio appena dopo le 15 quando un pioppo, alto oltre venti metri, ha ceduto alle forti raffiche di vento che, a quell’ora, spazzavano il cassinate. Qintali di legna e fogliame si sono quindi riversati sulla strada e, in particolare su chi era di passaggio. Lo sfortunato protagonista della vicenda è un 69enne di Piedimonte San Germano che, a quell’ora, stava tornando a casa. Inutile la frenata, diversi quintali di legna e fogliame sono franati sulla sua Lancia Detra. L’uomo, aiutato dagli altri automobilisti in transito, è riuscito ad uscire dall’auto ed è stato soccorso dai vigili del fuoco di Cassino e dagli operatori del 118 che lo hanno trasportato in ospedale per curare lievi ferite. Ai pompieri, armati di motosega, è toccato il compito di tagliare a pezzi l’albero e liberare la strada. Er. Amedei

27 marzo 2010 0

Si sfrena l’auto e finisce sul ponte di Diocleziano

Di redazione

Una dimenticanza, o il cattivo funzionamento del freno a mano, ha giocato, oggi pomeriggio, un brutto scherzo ad un giovane di Lanciano (Ch). Il ragazzo ha parcheggiato la sua vettura, un maggiolone, in discesa in via Veneto. Improvvisamente la vettura, o perché il freno a mano non è stato azionato, oppure per un malfunzionamento dello stesso, fatto sta che l’auto ha iniziato a muoversi, sempre più velocemente, fino ad arrivare alle scalinate che portano al Ponte di Diocleziano e dopo aver divelto ina delle due colonne a protezione, se ne è andata di sotto per il corridoio fino a sbattere contro un muro. Una distrazione o rottura che gli è costata decisamente cara anche se poteva andare anche peggio. Basti pensare cosa sarebbe potuto accadere se qualcuno, a quell’ora, fosse stato sulle scale. Er. Amedei

27 marzo 2010 0

Mercato settimanale del sabato, problema sempre aperto…e mai risolto

Di redazionecassino1

Che il mercato settimanale del sabato a Cassino sia un problema è ormai un dato di fatto, sia sotto l’aspetto igienico che di traffico caotico. Le proteste dei residenti del quartiere Fraschette, quello dove si svolge il tradizionale mercato ortofrutticolo del sabato, sono cosa nota e soprattutto rappresentano un problema mai affrontato seriamente e risolto dalle amministrazioni comunali che si sono avvicendate a piazza De Gasperi. Non sono nuove le lamentele dei residenti sull’occupazione di strade, cortili, addirittura degli adroni dei fabbricati di quel quartiere. Non differisce la situazione nelle vie in cui si svolge quello delle calzature. Sporcizia, rifiuti di ogni tipo, degrado. Ma non basta anche il parcheggio di campo Miranda, o piazzale Benedetto XVI che dir si voglia, dopo il mercato del sabato è un vero e proprio cumulo di rifiuti. Buste di plastica, carta, cartoni, stampelle per gli abiti, scatoloni tutti allegramente sparsi per il piazzale e, nelle giornate di vento, a riempire persino i cortili delle abitazioni adiacenti. Proteste, petizioni, richieste di ogni tipo rivolte agli assessori competenti tutte cadute nel dimenticatoio. Tante promesse, tanti ‘faremo..’ ‘stiamo studiando la situazione…’ ma in realtà nulla di concreto e di definitivo. Senza contare che le zone, soprattutto campo Miranda, sono prive di servizi igienici e acqua. Allora ogni cortile, ogni bar e, a volte anche qualche androne di fabbricato nelle vicinanze, diventa bagno pubblico per gli ambulanti.  E’ possibile continuare in questo modo? E’ quello che ormai da tempo si chiedono, rassegnati, i residenti delle zone interessate. Sarebbe ora di affrontare seriamente e definitivamente il problema ‘mercato settimanale’, ma soprattutto cominciare a dare regole chiare e severe agli ambulanti sul modo di lasciare i luoghi in cui svolgono i loro commerci. E’ ora di attrezzare le zone destinate al mercato settimanale dei sevizi necessari a chi macina chilometri per vendere, ma anche per far crescere l’economia di questa città. F. Pensabene

27 marzo 2010 0

Lancia un coltello contro la vetrata di un locale e scappa

Di redazione

Se fosse accaduto in un qualsiasi altro momento, l’episodio di ieri sera a Cassino sarebbe stato interpretato fin da subito come il gesto di un innamorato disperato. Accadendo però nell’ultimo giorno della campagna elettorale, davanti ad una attività che raccoglie giovani, di proprietà di un politico impegnato nella campagna elettorale, inizialmente ha destato preoccupazione. Ieri sera, mentre i genitori aspettavano all’esterno dell’attività i propri figli, quasi tutti adolescenti, un giovane alla guida di una Fiat Punto, si è fermato davanti l’ingresso e, uscendo dall’auto, ha lanciato un coltello da cucina contro la vetrata. Poi si è rimesso al volante ed è scappato. Un gesto che inizialmente ha lasciato temere che fosse diretto all’attività politica del proprietario del locale ma, poi, a mente lucida, è sembrato più un gesto di gelosia indirizzato ad uno degli adolescenti che frequentano il locale. Del caso, però, se ne sta occupando la polizia del commissariato di Cassino. Er. Amedei

27 marzo 2010 0

E’ allarme dipendenza da Facebook

Di redazionecassino1

Che la dipendenza da internet o dai videogiochi sia nota da almeno un decennio, con tanto centri specializzati nella disintossicazione, è cosa certa. Ora potrebbe rendersi necessario aprire un nuovo reparto, stavolta dedicato ai social network. Svegliarsi di notte e accendere il computer, o collegarsi a internet dal cellulare al mattino prima  ancora di scendere dal letto, stanno diventando abitudini fra gli utenti di Facebook e Twitter, ormai vinti dalla tentazione di usare le reti sociali in qualsiasi momento e circostanza, sembrerebbe persino durante il sesso. Certo la domanda a questo punto è: come si possa fare sesso e controllare il proprio profilo su Facebook?  L’allarme arriva dagli Stati Uniti. La californiana Retrevo, specializzata nella vendita online di prodotti tecnologici, ha intervistato un migliaio di consumatori per capire quale uso facessero dei social network. La scoperta più sorprendente risiede in quel 7% di utenti che dichiara di controllare un messaggio elettronico anche durante un rapporto intimo. La cifra balza all’11% tra chi ha meno di 25 anni. Mantenere i contatti digitali sembra essere diventata una vera e propria droga, se e’ vero che il 40% del campione corre a leggere un messaggio elettronico appena arrivato anche nelle situazioni piu’ formali o delicate. La maggiore dipendenza si riscontra sempre fra i giovani: sesso a parte, tra gli under 25 il 49% si dice affatto disturbato dal ricevere un messaggio durante i pasti e al 25% non crea problemi nemmeno se e’ in bagno. C’e’ poi un 22% che risponde serenamente nel bel mezzo di una riunione di lavoro. Alla meta’ del campione capita infatti di controllare e aggiornare il profilo su Facebook e Twitter dopo essere andato a dormire, o come prima azione del mattino. Tra gli under 25 la tendenza e’ piu’ marcata: per il 19% e’ prassi connettersi ogni volta che si sveglia, mentre il 18% lo fa ancora prima di alzarsi dal letto. Il social network arriva prima del caffe’ soprattutto tra gli utenti di iPhone, che nel 28% dei casi si collegano quando sono ancora sotto le coperte. Per uno su quattro, inoltre, Facebook e Twitter sostituiscono la tv e i giornali, fornendo la dose mattutina di notizie. L’ossessione, ovviamente, prosegue durante il giorno: il 12% ammette di dover controllare il proprio profilo ogni paio d’ore, percentuale che sale al 18% tra gli under 25. Sempre tra i giovani il 20% aggiorna la propria pagina alcune volte al giorno e il 23% almeno una volta nell’arco della giornata. In totale, sei su dieci hanno un rapporto quotidiano con le reti sociali. Beh, non sappiamo quanto questi dati e queste statistiche siano attendibili, ma questo punto si può tranquillamente dire…quando è troppo è troppo!!!

27 marzo 2010 0

Lancette in avanti di un’ora dalle 2 di questa notte, torna l’ora legale

Di redazionecassino1

Dalle 2 di questa notte bisognerà spostare le lancette avanti di un’ora. Risparmi per 90 mln: da stanotte torna l’ora legale e i 7 mesi in cui sara’ in vigore comporteranno forti riduzioni dei consumi di energia. Terna, responsabile della gestione dei flussi di energia elettrica sulla rete ad alta tensione, li ha paragonati alla meta’ circa del consumo medio domestico annuo del Friuli Venezia Giulia. Con l’ora legale, che partira’ nella notte tra il 27 e il 28 marzo, con lo spostamento delle lancette degli orologi un’ora in avanti, ci sara’ anche meno Co2 nell’aria.