Giorno: 26 aprile 2012

26 aprile 2012 0

Va a rubare mentre è ai domiciliari, arresto bis per un 45enne di Fossacesia

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Oggi pomeriggio a Fossacesia, i carabinieri della stazione hanno arrestato Romito Lorenzo Ciccia, 45enne del posto, in quanto poco prima, dopo essersi arbitrariamente allontanato dalla propria abitazione presso cui era detenuto in regime di detenzione domiciliare per reati concernenti la guida in stato di ebbrezza alcolica, ha rubato dall’interno di un esercizio commerciale ubicato in contrada Santa Calcagna di Rocca San Giovanni, una maglietta, dopo aver staccato dal capo di abbigliamento il dispositivo antitaccheggio per eludere i controlli all’uscita del negozio. L’arrestato, assolte le consuete formalità di rito, è stato accompagnato presso la propria abitazione dove è stato trattenuto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima previsto per la mattinata di domani dinanzi al Tribunale di Lanciano. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario. L’arresto è stato possibile anche grazie all’intensificazione dei servizi di controllo del territorio che ha consentito, nell’immediatezza dei fatti e subito dopo la tempestiva segnalazione fatta pervenire alla Stazione CC di Fossacesia da una addetta alle vendite, l’immediato intervento della pattuglia dell’Arma rendendo possibile l’arresto dell’autore del furto aggravato nella flagranza di reato. L’esigenza di sicurezza dei cittadini costituisce da sempre un compito prioritario di questo Comando.

26 aprile 2012 0

Scontro tra Frecciarossa in stazione a Roma Termini, sfiorata la tragedia

Di redazione

I binari 4 e 5 della stazione di Termini a Roma, sono stati lo scenario, nel tardo pomeriggio di oggi, di un incidente ferroviario che ha visto coinvolti due treni Freccia Rossa mentre entravano in stazione. Alcune carrozze di uno dei due treni, per cause ancora in fase di accertamento, sarebbero uscite dai binari andando a collidere sulla carrozze di un altro treno. La velocità ridotta dei due convogli ha fatto si che, oltre ai danni, il numero dei ferito fosse limitato ma quel che non si è potuto evitare è stato il caos e la paura dei viaggiatori. Sei feriti sarebbe il bilancio dell’incidente ma, per fortuna, nessuno di essi è grave. Si tratterebbe del personale dei treni. Sui Frecciarossa tutti i passeggeri sono seduti sui divanetti e, viene da chiedersi, cosa sarebbe accaduto se, invece di uno dei due eleganti convogli, fosse rimasto coinvolto nell’incidente uno dei tanti “carro bestiame” regionali su cui Trenitalia continua a far viaggiare i pendolari sulla tratta Roma Cassino.

26 aprile 2012 0

Sembra scomparsa nel nulla, poi il fidanzato confessa l’omicidio di Vanessa Scialfa

Di redazione

La cercavano da venerdì scorso e, il padre, per avere sue notizie, aveva rivolto anche un appello su Facebook. Vanessa Scialfa, 20 anni di Enna, sembrava essere svanita nel nulla. Il fidanzato Francesco Lo Presti 34 anni, con cui conviveva, aveva riferito di aver litigato e di non averla più vista tornare a casa. Mentre le forze dell’ordine si concentravano nelle ricerche, gli inquirenti hanno mantenuto sotto pressione inl convivente fino a quando questi non ha ammesso di aver strangolato la ragazza durante il litigio e di essersi disfatto del suo corpo gettandolo da un cavalcavia. Lui stesso ha accompagnato gli investigatori sul cavalcavia per permettere di recuperare la salma. Er. Am.

26 aprile 2012 0

Cambiano i “confini” delle Capitanerie di Porto Laziali

Di redazione

Oggi è entrato in vigore il d.p.r. 13 febbraio 2012 n. 37 con cui la Capitaneria di Porto di Civitavecchia è elevata a Direzione Marittima, viene ampliata la giurisdizione del compartimento marittimo di Gaeta e l’ufficio locale marittimo di Ponza è elevato ad ufficio circondariale marittimo. Con il suddetto regolamento vengono, pertanto, modificati i limiti delle circoscrizioni territoriali della Capitaneria di Porto di Gaeta che include, dalla data odierna, il litorale del comune di Fondi fino alla foce Canneto e dell’ufficio circondariale marittimo di Terracina che, pur perdendo la competenza sul litorale fondiano, si estende verso nord fino alla foce del fiume Astura (comune di latina). L’entrata in vigore del dpr in questione, quindi, comporta che la Capitaneria di Porto di Gaeta diviene un comando di rango provinciale poiché è, da oggi, l’autorità marittima competente per tutta la provincia di Latina e di Frosinone. Tale provvedimento ha comportato anche l’arrivo del tenente di vascello Luigi Cuciniello quale nuovo comandante di Circomare Ponza.

26 aprile 2012 0

Giornata nera per un 47enne di Piedimonte, prima lo pestano e poi gli incendiano la casa

Di redazione

Una giornata sfortunata o un accanimento nei suoi confronti? E’ la domanda che si stanno ponendo i carabinieri di Piedimonte San Germano e della Compagnia di Cassino che, agli ordini del capitano Adolfo Grimaldi e del tenente Massimo Esposito, stanno indagando su due circostanze che hanno visto suo malgrato protagonista un 47enne di Piedimonte. L’uomo, ieri sera è stato picchiato a sangue e oggi pomeriggio ha perso la sua abitazione in un incendio doloso. Tutto, secondo una prima ricostruzione, sarebbe iniziato ieri nei pressi di un bar del comune dell’hinterland cassinate dove la vittima di tanta sfortuna è solito recarsi. Durante un alterco con un uomo suo coetaneo, sarebbero volate parole offensive che quest’ultimo non avrebbe gradito. Di lì a poco i due si sarebbero rivisti ma l’offeso avrebbe portato con se altri due compari con l’aiuto dei quali, avrebbe pestato a sangue il 47enne. L’uomo soccorso è stato trasportato in ospedale a Cassino e mantenuto in prognosi riservata fino ad oggi pomeriggio, quando i medici l’hanno giudicato guaribile in 40 giorni. I carabinieri, ieri sera, hanno fermato poco dopo l’aggressione i tre pedemontani di 51, 47 e 45 anni indagati per lesioni personali dolose. Nella macchina su cui viaggiavano i militari hanno trovato alcune mazze usate, probabilmente, per il pestaggio. Intanto, oggi pomeriggio, qualcuno ha dato fuoco al locale in cui vive la vittima del pestaggio. Si tratta di una stanza di una struttura di proprietà della madre, in via Casilina a Piedimonte. Le fiamme hanno avvolto e divorato rapidamente tutto il mobilio rischiando di estendersi anche al resto dell’abitazione ma, ad impedirlo, è stato il pronto intervento dei vigili del fuoco. I carabinieri stanno indagando per stabilire se tra i due fatti vi sia un legame o se si è trattato solo di una giornata sfortunata. Er. Amedei

26 aprile 2012 0

Rubano armi da caccia e le abbandonano in un podere

Di redazione

Nella tarda mattinata di oggi è stato rinvenuto dalla Polizia di Stato un armadietto blindato contenente delle armi da caccia: un fucile semiautomatico a canna unica marca Franchi calibro 12, con relativo munizionamento pari a 750 cartucce e tre coltelli a serramanico con lama lunga cm 10. Tutto il materiale unitamente ad altri oggetti di valore era stato rubato presso un’abitazione privata, nel territorio di Giuliano di Roma durante la decorsa sera e il furto era stato denunciato alla locale stazione dei Carabinieri. Le armi e le munizioni, sono state ritrovate integre, abbandonate in un terreno privato sito nell’agro di Patrica in località Lagoscillo. Il custode di un fondo privato, notate le armi, contattava il numero di pronto intervento 113 richiedendo l’intervento di personale della Polizia di Stato. Sul posto giungeva immediatamente personale del Reparto Volanti e della Polizia Scientifica per i rilievi tecnici di rito constatando effettivamente la presenza dell’armadietto aperto e con evidenti segni di effrazione. Grazie ai numeri di matricola è stato possibile risalire al proprietario delle armi che veniva invitato in Questura per il riconoscimento e l’eventuale restituzione a seguito del quale emergeva che uno dei due fucili dichiarati rubati un Fucile marca risultava mancante e tuttora in possesso dei malviventi.

26 aprile 2012 0

De Angelis (Pd): “Ceccano, ufficio del Giudice di Pace a rischio. E’ un’istituzione che va difesa”

Di redazionecassino1

“L’Ufficio del Giudice di Pace di Ceccano è un’istituzione che va difesa”. L’eurodeputato Francesco De Angelis interviene con decisione sulla questione che vede a rischio una istituzione importante della città di Ceccano che, secondo lo schema di decreto legislativo “revisione delle circoscrizioni giudiziarie – uffici dei giudici di pace” rischia di essere soppressa. “Dopo l’Ospedale, il Pronto soccorso, la Tac  – ha proseguito De Angelis – adesso la città di Ceccano si appresta a perdere anche un altro importante servizio: l’ufficio del Giudice di Pace. L’eventuale accorpamento con Frosinone produrrà un ulteriore rallentamento nel funzionamento del sistema giudiziario ed i ceccanesi perderanno un ufficio che nel lento mondo della giustizia italiana si è adoperato al fine di snellire le lungaggini processuali esistenti. Tutte le forze politiche devono attivarsi affinché la città non venga privata di questo servizio. Dal canto nostro, come PD e come forza politica che sostiene il candidato Maurizio Cerroni, garantiamo il massimo impegno in difesa di questa importante istituzione”.

26 aprile 2012 0

Il sindaco Grincia al Prefetto: “Il comune di Aquino sempre in regola con i pagamenti alla S.A.F.”

Di redazionecassino1

“Il comune di Aquino ha sempre onorato il proprio contratto con la S.A.F. di Colfelice, e non ha debiti nei confronti della stessa”. E’ quanto il sindaco di Aquino ha tenuto a precisare in una lettera inviata al prefetto di Frosinone Soldà riguardo ai pagamenti dovuti alla società ambiente di Frosinone che gestisce l’impianto di smaltimento dei rifiuti solidi urbani del frusinate e non solo.

Nei giorni scorsi il prefetto di Frosinone ha fatto pervenire a tutti i Comuni che si servono dell’impianto di Colfelice, una nota in cui sollecita questi enti ad onorare i propri debiti nei confronti della società. Rileva in proposito il prefetto di Frosinone nella sua nota:”al riguardo si sottolinea che il protrarsi dell’inadempimento nel pagamento del servizio, sta comportando per la saf non solo un grave danno economico, in quanto la stessa anticipa la relativa gravosa spesa, ma anche l’impossibilità di onorare impegni contrattuali con i fornitori che minacciano di non ritirare il materiale trattato nello stabilimento, e di adire le vie legali per il recupero dei crediti inevasi.

In considerazione di ciò”, fa notare ancora il prefetto, “tale situazione potrebbe dar luogo a possibili criticità  igienico-sanitarie”, e per questo si invitano gli enti morosi, “a voler assumere ogni utile iniziativa affinchè vengano  debitamente corrisposti gli obblighi contrattuali con la società ambiente di Frosinone, onde scongiurare il rischio di una sospensione del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani con conseguenti ricadute anche per l’ordine e la sicurezza pubblica locale”.

In conseguenza di questo sollecito appunto, il sindaco di Aquino Grincia, ha voluto puntualizzare la posizione del proprio ente, facendo anche rilevare che..”lo stesso comune di Aquino, nel corso degli anni, ha sempre puntualmente pagato quanto dovuto per lo smaltimento dei suoi rifiuti solidi urbani, quasi sempre dopo il ricevimento delle relative fatture da parte della società ambiente”.

E il sindaco di Aquino così conclude: “tanto si doveva, per chiarire questo punto, rimarcando il fatto che il comune ha onorato i suoi debiti anche quando ha versato in condizioni economiche precarie, quando non addirittura drammatiche, proprio per scongiurare qualsiasi conseguenza”, anche del tipo rappresentato dal prefetto di Frosinone.

26 aprile 2012 0

Domani II edizione del tour “Essere Italiani” per parlare agli allievi delle scuole medie di legalità e sicurezza

Di redazionecassino1

La seconda edzione del Tour “Essere Italiani” quest’anno affronterà il tema dell sicurezza e della legalità. Domani alla presenza  del presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, alle ore 10.00, presso il Teatro Manzoni di Cassino (piazza Diamare), si terrà la quarta tappa del progetto itinerante  inaugurato lo scorso anno dalla presidenza del Consiglio regionale del Lazio in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia.  Temi di questa edizione: legalità e sicurezza. Al saluto istituzionale del presidente Mario Abbruzzese seguirà la rappresentazione teatrale ‘La mano sulla spalla’, messa in scena dall’associazione ‘Il palco e la cornice’, che racconta una storia di usura nell’Italia di oggi.  All’iniziativa parteciperanno alunni e docenti delle scuole medie ‘Diamare-Conte’ e ‘Di Biasio’.  A margine dell’evento verrà distribuita a tutti gli studenti presenti una copia dell’opuscolo ‘Dalla parte giusta – la legalità, le mafie e noi’ realizzato, con il patrocinio del Consiglio regionale, dalla Giunti Editori e in collaborazione con l’Associazione ‘Libera’ di Luigi Don Ciotti.

26 aprile 2012 0

Volley Under 18: La Ucci Antonio Lanciano, batte l’Antoniana Volley e si laurea Campione Regionale

Di redazionecassino1
La Ucci Antonio Lanciano è Campione Regionale Under 18 della stagione 2011\2012. E’ un traguardo prestigioso, quello raggiunto dalle ragazze di coach Litterio. Per la società frentana, è il secondo titolo regionale nella sua storia, arriva a coronamento di una stagione regolare dominata, di una finale provinciale stravinta e di una finale regionale vinta con sofferenza. La Ucci Antonio, per laurearsi Campione Regionale, ha dovuto sudare le proverbiali sette camice contro l’Antoniana Volley, squadra coriacea e che non molla mai. La partita è equilibrata, le squadre sbagliano tanto entrambe, sciupano occasioni da ambo le parti, nonostante questo l’agonismo e lo spettacolo non mancano. Il primo set, è di marchio frentano, la Ucci Antonio è sempre avanti, attraverso un buon gioco offensivo, nonostante sia visibile sul volto delle giocatrici la tensione della Finale.La Ucci Antonio, arriva sul 24-15, riesce a buttar via 9 set point, ed incredibilmente perde il primo parziale, tra lo sconcerto della tifoseria accorsa da Lanciano. Qui, poteva finire la finale regionale per le ragazze di coach Litterio, poteva essere una batosta psicologica che gettava alle ortiche il lavoro di un anno, ma non è stato così. Nel secondo set, nonostante l’Antoniana mantenga sempre un vantaggio vicino ai 3-4 punti, la Ucci Antonio con grinta e carattere gli rimane vicino, e nelle fasi decisive del set sfrutta la grande vena realizzatrice della D’Ortona e chiude il parziale col punteggio di 25-20. Il terzo e il quarto set, hanno la stessa trama, l’Antoniana che parte sempre bene, prova la fuga, mantiene un vantaggio di pochi punti, ma la squadra pescarese si scioglie nelle fasi decisive dei due set, lì sale in cattedra il duo Rossi-Della Valle che concretizza al massimo in entrambi i set, il gioco offensivo della Ucci Antonio chiudendo l’incontro col punteggio di 3 set a 1 (anche grazie a una piccola magia di “Ferguson” Litterio che ruota la propria formazione nel 4 set e libera Della Valle dal muro più ostico) A fine partita, c’è tempo solo per le lacrime della Ucci Antonio, l’emozione e la gioia per un traguardo raggiunto: attraverso il lavoro e la fatica, questo obiettivo può e deve rappresentare un gran punto di partenza per una squadra che può e vuole andare lontano.Ancora soddisfazioni durante la premiazione: Denise Della Valle è MVP della finale, Chiara Sorrentini miglior libero. Presto si vedrà se la UCCI può andare lontano, l’organizzazione della fase inter regionale con Umbria Molise e Campania è stata affidata alla Volley Ball Lanciano, per cui l’appuntamento sarà tra un mese al Palavolley di via Masciangelo

 

ANTONIANA VOLLEY – UCCI ANTONIO LANCIANO 1-3 (26-24; 20-25; 18-25; 21-25)

UCCI ANTONIO LANCIANO: Schiazza 6, Di Menno ne, Di Mattia M. 0, Di Mattia 6, Di Paolo 8, Rossi 11, Della Valle 17, D’Ortona 18, Salerno ne, Di Ciano Sorrentini D’Amario ne.  All.1 Litterio, All.2 Corzo